I corpi estranei

Film 2013 | Drammatico 98 min.

Regia di Mirko Locatelli. Un film con Filippo Timi, Jaouher Brahim, Tijey De Glaudi, Gabriel De Glaudi, Dragos Toma. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2013, durata 98 minuti. Uscita cinema giovedì 3 aprile 2014 distribuito da Strani Film. - MYmonetro 2,67 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi I corpi estranei tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Mirko Locatelli racconta con dignità e pudore la malattia di un bambino e il dolore di un padre.

I corpi estranei è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,67/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 2,25
PUBBLICO 2,25
CONSIGLIATO NÌ
Un film essenziale e maturo, necessario e intimamente vero.
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 13 novembre 2013
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 13 novembre 2013

Antonio è un padre solo a Milano, dove è appena arrivato per curare il suo bambino. Ricoverato in un centro oncologico, Pietro ha un anno e un cancro che deve essere rimosso con un delicato intervento. Chiuso col suo bambino nella stanza numero sei, Antonio scambia molte parole con la moglie al telefono e poche battute con gli infermieri nei corridoi, dove si aggira introverso e osservato da Jaber, un adolescente tunisino in visita a un caro amico malato. Addolorato dalla malattia di Pietro e incuriosito dai silenzi di Antonio, Jaber lo avvicina per offrirgli parola e conforto. Ma Antonio, arrivato dalla provincia umbra, non apprezza gli sguardi e le attenzioni del ragazzo, a cui risponde scontroso e laconico. Jaber è 'arabo' e diverso, troppo diverso da lui, che arroccato nel suo dolore e nella sua ostilità crescente assume un atteggiamento di aperto rifiuto. L'ostinazione di Jaber e la degenza di Pietro avranno però la meglio sul suo individualismo. Finalmente 'carico' solleverà lo sguardo.
Ascolta Isoradio l'Antonio di Filippo Timi mentre procede verso Milano o quando si concede una pausa dall'ospedale, così sa sempre quale strada infilare e quale evitare. La praticabilità è tutto per Antonio, specialmente adesso che il suo bambino è malato. Più di tutto ha bisogno di sapere che la guarigione è attuabile e che la via intrapresa è sgombra da ostacoli. Ma ci sono eventi che capitano e di cui non possiamo essere informati. Collisioni, transiti, rallentamenti, interventi e assistenze che verifichiamo semplicemente vivendo e procedendo senza rete lungo la strada. Come Il vento fa il suo giro, I corpi estranei afferma la durezza delle relazioni umane, ma diversamente dal film di Giorgio Diritti, quello di Mirko Locatelli integra il corpo estraneo. Il boicottaggio aperto lascia il posto alla partecipazione, 'coltivando' il terreno per renderlo di nuovo produttivo. Locatelli, al suo secondo film (di finzione), avvia un'indagine socio-antropologica che coglie pulsioni, pregiudizi, retaggi, miti e passioni di un uomo lontano da casa.
Lontano come Jaber che 'investe' il suo solipsismo e cancella ogni differenza fra sé e quell'uomo ostinato, fiaccato da un dolore che resta fuori campo, volutamente sottratto alla vista dello spettatore. A interessare Locatelli sono piuttosto le ombre e le crepe che l'afflizione proietta sulla vita. I corpi estranei è la radiografia della quotidianità di un padre di famiglia, la ricognizione dell'angoscia che lo assale e che sale come le lacrime dal cuore agli occhi. E mentre cerca di dare un senso all'assurdo, la sua apparente linearità, garantita dai bollettini radio, si rompe per l'irruzione di Jareb da cui, in assenza di qualsiasi motivazione concreta, si sente minacciato. Locatelli attraverso Antonio focalizza il passaggio da una convivenza fondata sull'unicità e sulla coerenza del codice culturale a una convivenza caratterizzata dalla varietà delle proposte, dei codici e degli stili di vita. La crisi di Antonio, esplosa nell'aggressione verbale contro Jareb, è il momento acuto di squilibrio che precede il cambiamento.
Antonio è una crisalide, lo stadio di metamorfosi precedente a quello di farfalla, è corpo che si trasforma dentro una poetica cara al giovane autore milanese, che dopo Crisalidi torna a ragionare sulla 'disabilità'. Quella ideale dell'anima, che non difetta nemmeno a un distributore equosolidale di caffè. Alla ridotta capacità di interazione di Antonio con l'ambiente sociale farà seguito un faticoso processo di inserimento che lo affrancherà dal disagio, il vuoto, l'impasse e lo smarrimento esistenziale, rimettendolo sulla strada di casa.
I corpi estranei è un film essenziale e maturo, necessario e intimamente vero, che con un'eccezionale economia di mezzi espressivi passa dal lontano al vicino, dal distacco all'immedesimazione, fino a restituirci una commovente cognizione del vivere. Filippo Timi, indolente e selvaggio, grumo di istinti, sangue e calore, sguardi e bestemmie, catalizza tutto il film e il suo senso biascicando le parole senza masticarle, fumando la sua ansia e inciampando nell'inquietudine che ha dentro.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
I CORPI ESTRANEI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 18 aprile 2014
stefano capasso

Antonio è un giovane ragazzo di provincia, schietto semplice. Si trova catapultato nel reparto di oncologia pediatrica dell’ospedale di Milano dove il suo bambino deve essere operato per un cancro al cervello. E’ spaesato, si mantiene ben distante dalla varia umanità che popola l’ospedale; i degenti, per lo più stranieri, i loro parenti, il personale.

giovedì 18 dicembre 2014
angelo umana

 Gli immigrati che invadono il nostro Paese, usufruiscono dei nostri ospedali, si creano delle attività a "casa nostra" e i tumori che crescono dentro i corpi, compresi quelli di bambini molto piccoli. Queste due categorie si direbbero "I Corpi Estranei". Accade che immigrati e italiani si ritrovino nello stesso ospedale dove i tumori vengono aggrediti, la malattia non [...] Vai alla recensione »

domenica 26 ottobre 2014
DANY2627

Sì davvero essenziale, forse è anche questo che lo rende reale e quindi davvero interessante. Speriamo di vedere altri lavori di questo regista. Mi è piacuto molto anche Jaouher Brahim. I gemellini fantastici e con una fisionomia particolare. Davvero molto bravo Filippo Timi, impeccabile a mio avviso. Consiglio la visione.

venerdì 10 ottobre 2014
angelo umana

 Gli immigrati che invadono il nostro Paese, usufruiscono dei nostri ospedali, si creano delle attività a "casa nostra" e i tumori che crescono dentro i corpi, compresi quelli di bambini molto piccoli. Queste due categorie si direbbero "I Corpi Estranei". Accade che immigrati e italiani si ritrovino nello stesso ospedale dove i tumori vengono aggrediti, la malattia non [...] Vai alla recensione »

sabato 5 aprile 2014
Wwiwa

Brutto film molto noioso con trama esile lo sconsiglio

mercoledì 13 novembre 2013
gaiart

Lento, costruito su interminabili e spesso intuli piani sequenza, il film delude nonostante la sensibilità dell'idea di metter a confronto fragilità diverse. Quella di un padre rozzo, ignorante, razzista (Filippo Timi), verso il figlioletto malato di un cancro al cervello. E quella verso l'identità diversa, una religione diversa, quella un giovane ragazzo arabo, unico amico [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Umbro, operaio e "zoticone", Antonio (Filippo Timi) arriva a Milano con il figlio Pietro: malato di cancro, il bambino dovrà sottoporsi a un delicato intervento. All'ospedale, l'incontro-scontro tra Antonio e Jaber (Jaouher Brahim, esordiente), un l5enne maghrebino che assiste un amico: due corpi estranei possono toccarsi, capirsi? Se lo chiede Mirko Locatelli, che torna alla finzione cinque anni dopo [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Due personaggi fatti per non capirsi in un ospedale oncologico di Milano. Antonio (un superlativo Timi) è lì per il figlio, un neonato con un tumore al cervello. È una persona semplice, usa il dialetto, non ha grandi mezzi materiali o culturali, solo la sua forza, il dolore che soffoca, una moglie e due figli lontani. Il tunisino Jaber invece (Brahim) è in ospedale con alcuni compatrioti per assistere [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Antonio è solo a Milano col suo piccolo Pietro, malato di tumore. Lo ha portato in auto da Roma per farlo operare; e ora, nel reparto di oncologia pediatrica di un ospedale grande come una città, si prende cura di lui mentre attende l'esito dell'intervento. Oltre al telefonino, che gli permette di comunicare con la famiglia, i suoi unici contatti sono le persone vicine ai ricoverati: come Jaber, migrante [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Nobile e tartarughesco dramma, che affastella malattia, razzismo e lavoro nero. È arrivato a Milano con il piccolo Pietro, lo scorbutico romano Antonio. Il bimbo ha un cancro e papà spera nel miracolo. E intanto si confida con un ragazzo tunisino. La regia segue il mai rasato FilippoTimi alla mensa, in bagno e in macchina, dove sale per ascoltare soltanto le notizie sul traffico, anche se non deve [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
domenica 8 dicembre 2013
 

Giunge oggi a conclusione il Filmmaker Festival di Milano, che si è tenuto tra lo Spazio Oberdan, il Cinema Palestrina e il Cinema Manzoni a partire dal 29 novembre. Tra Concorso, eventi speciali e retrospettive si sono alternate giornate dense di proiezioni [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati