La vita di Adele

Film 2013 | Drammatico V.M. 14 179 min.

Titolo originaleLa Vie d'Adèle
Anno2013
GenereDrammatico
ProduzioneFrancia
Durata179 minuti
Regia diAbdellatif Kechiche
AttoriLéa Seydoux, Adèle Exarchopoulos, Salim Kechiouche, Mona Walravens, Jeremie Laheurte Alma Jodorowski, Aurélien Recoing, Catherine Salée, Fanny Mourin, Benjamin Siksou, Sandor Funtek, Anne Loiret.
Uscitagiovedì 24 ottobre 2013
TagDa vedere 2013
DistribuzioneLucky Red
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14
MYmonetro 4,04 su 141 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Abdellatif Kechiche. Un film Da vedere 2013 con Léa Seydoux, Adèle Exarchopoulos, Salim Kechiouche, Mona Walravens, Jeremie Laheurte. Cast completo Titolo originale: La Vie d'Adèle. Genere Drammatico - Francia, 2013, durata 179 minuti. Uscita cinema giovedì 24 ottobre 2013 distribuito da Lucky Red. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 4,04 su 141 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La vita di Adele tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Diretto dal regista Abdellatif Kechiche, la comedy-drama La vita di Adele ha vinto la Palma d'oro a Cannes 2013. Il film è stato premiato al Festival di Cannes, ha ottenuto 1 candidatura a David di Donatello, ha ottenuto 1 candidatura a Golden Globes, ha ottenuto 1 candidatura a BAFTA, ha ottenuto 2 candidature agli European Film Awards, ha ottenuto 10 candidature e vinto un premio ai Cesar. In Italia al Box Office La vita di Adele ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 1,5 milioni di euro e 458 mila euro nel primo weekend.

La vita di Adele è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,04/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 3,64
PUBBLICO 3,50
ASSOLUTAMENTE SÌ
Il regista tunisino racconta una stagione d'amore dolorosa, senza psicologismi e con una carnalità priva di morbosità.
Recensione di Marzia Gandolfi
domenica 26 maggio 2013
Recensione di Marzia Gandolfi
domenica 26 maggio 2013

Adèle ha quindici anni e un appetito insaziabile di cibo e di vita. Leggendo della Marianna di Marivaux si invaghisce di Thomas, a cui si concede senza mai accendersi davvero. A innamorarla è invece una ragazza dai capelli blu incontrata per caso e ritrovata in un locale gay, dove si è recata con l'amico di sempre. Un cocktail e una panchina condivisa avviano una storia d'amore appassionata e travolgente che matura Adèle, conducendola fuori dall'adolescenza e verso l'insegnamento. Perché Adèle, che alle ostriche preferisce gli spaghetti, vuole formare gli adulti di domani, restituendo ai suoi bambini tutto il bello imparato dietro ai banchi e nella vita. Nella vita con Emma, che studia alle Belle Arti e la dipinge nuda dopo averla amata per ore. Traghettata da quel sentimento impetuoso, Adèle diventa donna imparando molto presto che la vita non è sempre un (bel) romanzo.
Ancora una volta Abdellatif Kechiche guarda a Pierre de Marivaux, maître dei sentimenti nella società francese del diciottesimo secolo, spiando il cuore della 'petites gens' dove si nasconde l'amore. L'amore che il suo cinema come la letteratura dello scrittore fa uscire allo scoperto, segnato da un movimento della parola e da una naturalezza di espressione che incanta. Sul romanzo "La Vie de Marianne" apre La vie d'Adèle, storia d'amore e di formazione di un'adolescente che concede alla macchina da presa ogni dettaglio e ogni sfumatura di sé. Eludendo il compiacimento dell'esibizione, il regista tunisino racconta una stagione d'amore dolorosa e irripetibile, senza psicologismi e con una carnalità priva di morbosità. Al centro del film due giovani donne che leggono la realtà con gli occhi del desiderio, il loro, che esplode sullo schermo accordando i capitoli della loro esistenza. L'abilità dell'autore a dirigere gli attori, già osservata nei lavori precedenti (La schivata, Cous cous, Venere Nera), produce periodi di pura bellezza come in occasione della lunghissima scena dell'amplesso, delle cene di presentazione e delle letture scolastiche. Con un movimento dall'esterno verso l'interno, Kechiche realizza un film che quanto più si distende nel tempo (quello diegetico e quello effettuale), tanto più si stringe nello spazio di una camera, di un'aula, di una cucina, placandosi nel ritmo e dentro un'appassionata ricerca di interiorità. La galleria di reincarnazioni dell'eterno femminino dopo la danzatrice del ventre di Cous cous e la 'schiava assoluta' di Venere Nera si arricchisce di un'altra figura, questa volta divorata dall'eros, spregiudicata, libera e bellissima. Adèle Exarchopoulos è l'Adèle del titolo, colta nell'incandescenza di un sentimento fervidissimo e totalizzante per Emma e congedata con una raggiunta consapevolezza. Dentro un abito blu, 'preso in prestito' dalla bande dessinée di Julie Maroh ("Le Bleu est une couleur chaude"), la protagonista comprenderà di poter sopravvivere agli amori che non possiamo trattenere, preferendo le lacrime (tante lacrime) e lo struggente languore all'innaturale rimozione. E la bellezza di La vita di Adele nasce proprio nei momenti di frattura, chiavi per aprire il futuro alla protagonista rimasta sola col suo sentimento infelice. Come nei romanzi, tutti francesi, che divora da studentessa e poi da insegnante, Adèle si cerca nel fondo del proprio amore, sopportando una solitudine che ha imparato a curare. Alla maniera di Antoine Doinel, la protagonista di Kechiche è iniziata alla vita adulta nel tempo di due capitoli, che la formano e la rimandano a una nuova avventura esistenziale, dopo averne determinato il sé sociale ed emotivo con tenace aspirazione. 'Ricomposto' il corpo freak di Saartjie Baartman, su cui si fissava il potenziale oppressivo dello sguardo, il regista 'assedia' quello vitalistico di Adèle, a cui corrisponde quello impressionista e languido di Léa Seydoux, magnifica ossessione che la introduce alla 'belle arti', all'arte amatoria e alla celebrazione dell'energia del corpo.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
LA VITA DI ADELE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
CHILI
iTunes
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 26 ottobre 2013
fefè22

Il cinema di  abdel kechiche rappresenta la realta , forse questo e proprio la summa di quel che alla fin fine possiamo definire come genere cinematografico.Il film ha fatto gridare allo scandalo per una scena di circa 10 minuti di sesso lesbo, non si puo difinire scandalosa una delle scene al limite dell'erotico,piu potente e dolce che si sia mai vista nell'intera storia della cinematografia.& [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 ottobre 2013
Luca Scialo

Adele è un'adolescente come tante, piena di vita e di curiosità, ai suoi primi approcci con la sessualità. Capisce che ad attrarla sono le donne, ma soffre dentro, in una società che vuole imporle i suoi standard. Ma lei affronta il proprio destino, entra in un locale lesbo e incontra Emma, ragazza più grande, con più esperienza, stravagante, un'artista [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 ottobre 2013
lucblaks

In molti hanno liquidato la trama di questo immenso esempio di cinema come una storia "tra due lesbiche" lasciando da parte l'elemento universale tanto caro a Spielberg che giustamente ha deciso di premiare il nuovo,coraggioso,lavoro di Kechice all'ultimo Festival di Cannes.Dopo aver assistito ad oltre tre ore di pellicola non so neanche so se classificare La vita di Adele come un [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 ottobre 2013
Lorbrush

Un film finalmente scevro dei più comuni clichè nei quali comunemente si incappa trattando lo spinoso tema dell'omosessualità (specie nel periodo adolescenziale). Basterebbe questo a fare de "La vita di Adele" un film del tutto degno di nota, eppure non è tutto. Adele è DAVVERO la protagonista indiscussa della pellicola: questo personaggio perennemente sospeso nella sua "incapacità di essere o diventare", [...] Vai alla recensione »

domenica 27 ottobre 2013
diomede917

Arriva nelle sale il fresco vincitore dell'ultima palma d'oro al festival di Cannes, il film che ha fatto innamorare il presidente Spielberg il quale, oltre al premio principale, ha forzato il regolamento riconoscendo due menzioni speciali alle due protagoniste....... E vedendolo si capisce il perché di tanto amore per la pellicola, La vita di Adele è un romanzo di formazione; [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 ottobre 2013
GianDrewe

Non capita tutti i giorni di vedere un film come "La vita di Adèle". Capolavoro. Sì, il film dura 179 minuti, ma il film risulta molto scorrevole ed ogni singolo minuto è indispensabile nella storia. Lo spettatore assiste alla depressione della protagonista nell'essere non sincera con sè stessa, alla sua esperienza eterosessuale, il primo bacio ad una ragazza, la crisi, il mettersi in gioco, discriminazion [...] Vai alla recensione »

sabato 26 ottobre 2013
Storyteller

Con tutta probabilità non scriverò nulla che non sia già stato detto da critici, spettatori e "addetti ai lavori", ma queste sono le impressioni che ho maturato vedendo il film: benché in seguito abbia letto diverse recensioni in cui ho riscontrato concordanza di pensiero e concetti, si tratta sempre e comunque di un giudizio personale - leggi "farina del mio sacco"! Prima di tutto, mettiamo in chiaro [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 ottobre 2013
luca992

Ho visto questa sera al cinema "La Vita di Adele", che attendevo da parecchio. Ora, voglio essere sincero. Se mi facessero la domanda "Ti è piaciuto?"  risponderei: "Si, certamente, ma non so se ce la farei a rivederlo una seconda volta" non che lo abbia trovato noioso, ma perchè il vincitore dell'ultima Palma d'Oro è uno di quei film [...] Vai alla recensione »

martedì 29 ottobre 2013
Flyanto

 Film largamente ispirato all'opera classica "La vie de Marianne" di Marivaux ed al fumetto "Le bleu est une couleur chaude" in cui viene rappresentata una "tranche" di vita di una giovane ragazza, di nome Adèle,  poco più che adolescente dall'età di 15 anni a circa 6/8 anni dopo. Nel corso di quest'arco di tempo ella ricerca [...] Vai alla recensione »

domenica 27 ottobre 2013
stefano capasso

Interminabili primi piani, dialoghi spesso serratissimi per lo più fatti di contenuti banali a rappresentare il martellante bisogno di dare risposte alle necessità che vengono dall'esterno. L'adolescenza, la ricerca dell'identità permette l'incontro tra due ragazze molto diverse, quasi opposte. Il mondo di Adele, concreto, immediato, fatto di risposte dirette alle proprie necessità ed emozioni, che [...] Vai alla recensione »

domenica 27 ottobre 2013
carlosantoni

È un film struggente, di rara e consapevole libertà espressiva, una storia d’amore a tutto tondo tra due ragazze, un film nel quale la passione amorosa libera tutta la sua energia, sia sotto l’aspetto sentimentale (specialmente in Adele, la protagonista), che erotico. La m.d.p. a spalla si muove inseguendo le due donne in ogni loro movimento, in ogni loro più piccolo spostamento, fissandosi spessissimo [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 ottobre 2013
luca992

 Ho visto questa sera al cinema "La Vita di Adele", che attendevo da parecchio. Ora, voglio essere sincero. Se mi facessero la domanda "Ti è piaciuto?"  risponderei: "Si, certamente, ma non so se ce la farei a rivederlo una seconda volta" non che lo abbia trovato noioso, ma perchè il vincitore dell'ultima Palma d'Oro è uno di quei [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 ottobre 2013
FabioFeli

La vita di Adèle di Abdel Kechiche Anna (Adèle Exarchopoulos) è poco più che un’adolescente, che grazie alla spinta dell’insegnante di francese legge molti libri. In classe gli studenti leggono a turno brani di un bel testo di Marivaux. La giovane passa i pomeriggi con le compagne di classe in un bar, dove si aggira un ragazzo palesemente attratto da lei. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 30 ottobre 2013
pepito1948

“La vita di Adele” può anche essere definito come un romanzo di iniziazione: la storia di una ragazza che passa dall’adolescenza all’età adulta e che, quindi, prende in mano il proprio destino, malgrado le prove, gli ostacoli e i dolori che si troverà di fronte. Per cui possiamo definire il film come il ritratto di una giovane donna, forse anche un’eroina [...] Vai alla recensione »

domenica 27 ottobre 2013
stefano capasso

Interminabili e ossessivi primi piani, dialoghi spesso serratissimi per lo più fatti di contenuti banali a rappresentare il martellante bisogno di dare risposte alle necessità che vengono dall'esterno. L'adolescenza, la ricerca dell'identità permette l'incontro tra due ragazze molto diverse, quasi opposte. Il mondo di Adele, concreto, immediato, fatto di risposte dirette alle proprie necessità ed emozioni, [...] Vai alla recensione »

domenica 3 novembre 2013
Cassiopea

Affrontare una tematica come questa in una società come la nostra è profondamente difficile. E' molto facile cadere in fallo, ricalcare stereotipi sciocchi, banalizzare uno stato d'animo. Ma questo film non cade in errore, mai. Trovo che sia una pellicola a dir poco ECCELLENTE. Tre ore e passa di film sono difficili da sopportare, prima di entrare in sala temevo di addormentarmi [...] Vai alla recensione »

venerdì 8 novembre 2013
Matteo Calvesi

Cibo e Sesso. Si, sono questi i particolari e le immagini che rimangono impresse dopo aver visto “la vita di Adele”, film del regista tunisino Abdellatif Kechiche. Un binomio sempre attuale nella storia del cinema, due bisogni che diventano piacere, ma soprattutto due temi che ci riportano alla parte più semplice e vera della nostra vita. La passione e il desiderio sono sempre vivi negli occhi della [...] Vai alla recensione »

domenica 3 novembre 2013
saint loup

La vie d'Adèle. Capolavoro assoluto! Potentemente carnale,declina tutte le categorie della tragedia classica - che è volutamente citata nel film - Amore Voluttà e Morte,quest'ultima metaforicamente rappresentata come incapacità di amare e ineluttabilità del dolore. Il tutto è sapientemente reso dal regista con primissimi piani sugli occhi della protagonista, [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 novembre 2013
Chico M

Profondo, emotivo, realistico, appassionante.  Un film che coglie totalmente la realtà di una intensa storia d’amore tra due persone, due ragazze, Adele ed Emma. La prima è un adolescente alle prese con le sue prime storie d’amore, tra cui anche quella seppur breve con un ragazzo suo coetaneo, mentre la seconda è una ragazza già veterana delle emozioni e [...] Vai alla recensione »

domenica 24 novembre 2013
claudio4455

Adele è una persona semplice, stupenda perchè ingenua e curiosa Un grande contenitore di umanità e valori veri: l'amicizia, la sincerità, la trasparenza.... Un attrice di grande dote con una interpretazione vera e intensa che fatichi a distinguere tra recitazione e realtà Il film è bello solo perchè c'è lei!!!! Il resto un inutile [...] Vai alla recensione »

domenica 27 ottobre 2013
Donatella Grasso

“La vita di Adele” non è un film su una storia omosessuale. In realtà,rappresenta l’universalità di certe esperienze interiori che compongono il cammino amoroso. La storia è quella di un’adolescente inquieta che, ad un certo momento, vede trasformare la sua identità dall’incontro casuale con uno sguardo, quello della “ ragazza dai capelli blu”. Da quel momento, tutto cambia per lei e, il sogno erotico [...] Vai alla recensione »

domenica 10 novembre 2013
ermix54

Cominciamo dal titolo del libro (strisce-fumetto) da cui è ispirata la storia. Effettivamente in molte scene importanti del film è presente tale colore quindi qualche significato lo si dovrebbe scoprire, ma l'impresa fra tantissime interpretazioni possibili è ardua.Quella che mi piace di più è che il blu esprime il bisogno di assoluto come l'amore della protagonist [...] Vai alla recensione »

venerdì 1 novembre 2013
Flyanto

Film largamente ispirato all'opera classica "La vie de Marianne" di Marivaux ed al fumetto "Le bleu est une couleur chaude" in cui viene rappresentata una "tranche" di vita di una giovane ragazza, di nome Adèle, poco più che adolescente dall'età di 15 anni a circa 6/8 anni dopo. Nel corso di quest'arco di tempo ella ricerca ed alla fine trova la propria collocazione individuale e la propria inclinazione [...] Vai alla recensione »

martedì 27 maggio 2014
Emyliu`

Capolavoro saffico parnasiano, lungo (179 minuti), intenso, profondo, come l'orgasmo femminile. Mai come in questo coinvolgente film ho desiderato essere una donna lesbica, per quanto le donne sappiano amarsi in tutti e con tutti i sensi, con la testa, con il cuore, con il corpo. E qui c'e' un vero tripudio di splendidi corpi femminili in amore.

domenica 3 novembre 2013
jacopo b98

 Adele (Exarchopoulos) è una sedicenne normalissima, frequenta il liceo, ama terribilmente leggere, è bella, un po’ timida e sta passando la tipica tempesta ormonale. Fino a quando, per caso, non conosce Emma (Seydoux), studentessa dell’Accademia di Belle Arti ben conscia della propria omosessualità. Le due iniziano una relazione amorosa fatta di amore profondo [...] Vai alla recensione »

domenica 18 maggio 2014
tomdoniphon

Adele è adolescente e non ha alcun dubbio sulla propria sessualità, fino a quando incontra Emma, una ragazza dai capelli blu: tra le due nascerà un amore travolgente che, però, non durerà. Palma d'oro a Cannes 2013, il film non è stato da tutti apprezzato. Parte del pubblico e della critica (soprattutto italiana) hanno trovato il film eccessivamente lungo [...] Vai alla recensione »

martedì 12 novembre 2013
Aloisa Clerici

Abdelatif Kechiche è un regista di origini tunisine che già accese l’attenzione di pubblico e critica per La schivata e Cous Cous( Grand Premio della Giuria a Venezia 2007). Poi, l’atteso Venere nera, deluse le aspettative. Oggi, Kechiche torna a volare alto con La Vie d’Adele (Capitoli 1 et 2), dove si conquista saldamente la Palma d’Oro 2013 di Cannes.

giovedì 6 marzo 2014
5imona

Sono andata a vedere questo film spinta dai riconoscimenti cinematografici e senza alcuna cognizione di quella che fosse la storia narrata nel fumetto, se non quanto riportato dalle trame su internet e visibile dai trailer.... e non so quanto questo sia stato un bene o un male. Sinceramente non sono sicura di aver compreso quale fosse l'intento del regista nel narrare questa storia, [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 gennaio 2014
ClaudioFedele93

Tratto dall’omonimo libro e presentato in concorso al Festival di Cannes 2013, in un primo momento quasi sottovalutato dalla critica, La Vita di Adele – Capitoli 1 & 2 è riuscito, alla fine del concorso, ad aggiudicarsi la Palma d’Orocome miglior film, seguito immediatamente da un numero notevole di curiosi e giornalisti i quali, assaporata la pellicola [...] Vai alla recensione »

sabato 18 gennaio 2014
Peer Gynt

Intenso racconto dell'amore come gioia piena e carnale e della sua privazione come dolore intenso e lancinante, senza alcuna scivolata nel melodrammatico. E che sarebbe errore interpretare innanzitutto come storia d'amore saffico. Kechiche pone la tematica omoerotica sullo sfondo di una vera, profonda storia d'amore, dalla quale escono due personaggi dotati di uno spessore inusuale per [...] Vai alla recensione »

domenica 17 novembre 2013
Brunilde56

Non avevo volutamente letto le recensioni per non essere condizionata durante la visione del film, perciò non avevo aspettative particolari. Ho trovato straordinarie le due protagoniste e ho apprezzato le lunghe inquadrature sui primi piani che riuscivano a trasmettere – anche nel sonno – l’evoluzione della consapevolezza di Adele riguardo il suo orientamento sessuale, l’innamoramento e poi la passione. [...] Vai alla recensione »

venerdì 8 novembre 2013
Matteo Calvesi

Cibo e Sesso. Si, sono questi i particolari e le immagini che rimangono impresse dopo aver visto “la vita di Adele”, film del regista tunisino Abdellatif Kechiche. Un binomio sempre attuale nella storia del cinema, due bisogni che diventano piacere, ma soprattutto due temi che ci riportano alla parte più semplice e vera della nostra vita. La passione e il desiderio sono sempre vivi negli occhi della [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 novembre 2016
phyllos

Il regista ha messo in evidenza molte cose che sono intrinsiche nei sentimenti e che spesso sono ovattate nel melodramma culturale cinematografico ma anche morale. la capacità e l'impossibilità di modulare la propria vita anche senza ritorsioni morali o dogmatiche . Lei Adele tradisce ma lo fa con quella insensatezza che non preclude alcuna forma dogmatica e impegnativa.

martedì 17 marzo 2015
Cinemania

Mi domando come fa la gente a dire che questo sia un film bellissimo, in alcuni casi ho sentito anche il termine ''capolavoro''. Non giudico i gusti degli altri, però una volta che avete detto che è bellissimo basta e avanza, i capolavori sono altri e andateveli a vedere. Analizziamo questa palla assurda: il film dura tre ore (?!) grosso modo e di queste tre ore 90 min. [...] Vai alla recensione »

sabato 2 agosto 2014
blackcoconight

Il film narra solo una piccola parte della vita di Adele :dal liceo [ cioe adolescenza ] alla prima occupazione in un asilo [maturita ] .Nel frattempo passa da amori veri a passeggeri innamoramenti ,da donne ad uomini ,da ostriche a spaghetti ,il tutto in una moderna boeme con contorno lla primavera francese.Triste e un po musona Adele si accompagna con una frizzante e disinibita pittrice ,piena di [...] Vai alla recensione »

lunedì 16 ottobre 2017
Dandy

Dalla graphic novel "Il blu è un colore caldo" di Julie Maroh(e "La vita di Marianne",citato all'inizio),un film smisurato ed eccessivo,ma innegabilmente potente e sentito,non tanto sulla difficoltà della diversità sessuale(appena accennata) quanto sull'impossibilità di trovare la vera gioia e la realizzazione in un mondo dove la solitudine sembra [...] Vai alla recensione »

mercoledì 11 maggio 2016
angelino67

Un film che he tocca le corde più sensibili della nostra esistenza. Una pellicola di sincerità e veridicità vicino agli ideali della Nouvelle Vague. Una storia d'amore di cui il film prende tempo per mostrare tutte le fasi, delicatamente e lentamente costruendo un contesto. Quasi un documentario sulla natura dove nulla è superfluo. Léa Seydoux e Adèle Exarchopoulos hanno due ruoli eccezionali, complementari [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 novembre 2013
Lisa Casotti

È piacevole come sfogliare un album di fotografie delle superiori e nostalgico come ricordare il primo amore. L’identificazione con Adele è totale: i suoi turbamenti sono stati i nostri turbamenti, la scoperta sofferta ed esaltante del corpo e della sessualità. E quella fedeltà al primo amore che non si vuole perdere, in cui si continua a credere nonostante i tradimenti [...] Vai alla recensione »

venerdì 23 marzo 2018
Arianne

 E’ una storia d’Amore meravigliosa. Ciò che colpisce del film è l’originalità con cui la storia viene raccontata al pubblico. E’ un amore Reale, una storia che fa sognare per il modo in cui nasce ma che tiene con i piedi per terra per tutta la durata del film..Fa sognare perché racconta di un colpo di fulmine ricambiato da entrambe le protagoniste, [...] Vai alla recensione »

martedì 3 ottobre 2017
WithWanderingSteps

Era da tanto che non vedevo un film "francese". Dico francese non come origine, ma come stile. Mi son sentita rassicurata, perché il film francese è un altro spartito, un altro registro musicale rispetto all'americano a cui purtroppo i nostri occhi si sono abituati, come le nostre orecchie si sono assuefatte alla scala di Do e ai ritmi reggaeton estivi.

venerdì 1 settembre 2017
Walter Leonardi

 Adele è una ragazza di quindici anni, ansiosa di vivere l’amore e la vita.  Con le compagne di liceo condivide le prime cotte e le prime curiosità sessuali, e si invaghisce di un ragazzo della sua età, Thomas, al quale si concede senza troppa voglia. Ma l’amore, come scrive Marivaux, è predestinazione: sarà una ragazza dai capelli blu incontrata [...] Vai alla recensione »

mercoledì 9 dicembre 2015
Onufrio

In quasi tre ore di film (abbastanza pesantuccio), il regista Abdel Kechiche ci descrive la vita sentimentale della giovane Adele in un periodo complicato di crescita e maturazione della donna, passando dalla "scuola alla scuola", ovvero da studentessa a maestra. L'incontro con Emma (Lea Seydoux) metterà sottosopra le poche certezze di Adele, fra le due ragazze sboccia l'amore, [...] Vai alla recensione »

martedì 17 marzo 2015
Cinemania

Dire che sto film è mediocre è anche troppo, la pellicola non vale niente, non è che il film ha vinto la Palma d'oro dev'essere bello per forza, in alcuni casi ho che ''La vita di Adele'' è capolavoro. Capolavoro????????????? Ma lo sapete cosa sono i capolavori? Perchè se non lo sapete andate a vederveli.

giovedì 27 marzo 2014
no_data

 La vita di Adele diretto da Abdellatif Kechiche ispirato al romanzo grafico" Il blu è un colore caldo" di Julie Maro si è aggiudicato la Palma d'oro al Festival di Cannes di 2013. La pellicola mi ha molto impressionato, non solo per il tema che tratta ma per come viene affrontato dal regista. Il lungometraggio è costruito tutto su primi piani, viene data rilevanza [...] Vai alla recensione »

venerdì 10 gennaio 2014
ennas

“La vita di Adele” mette a fuoco uno stralcio di vita di una studentessa francese di letteratura, la giovinezza, quando la prepotenza degli impulsi vitali è al massimo vigore. L’angelicamente arruffata Adele, alle prese con questa tempesta, punta il primo bersaglio vicino  Thomas, studente innamorato di lei che si rivela ben presto un oggetto insoddisfacente.

venerdì 3 gennaio 2014
Nicogol22

"Un trionfo dell amore che finisce senza il trionfo"Adele e' una sedicenne alle prese con la propria sessualità, inizia a conoscere il suo corpo, a capire ciò che vuole e a fare le prime esperienze. La prima parte del film mi ha colpito particolarmente, mi ha appassionato , le compagne di Adele alle prese con la loro prima volta, i soliti discorso da adolescenti e liceali,le [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 luglio 2015
Silvia21F

Adèle è una ragazza come tante. E' bella, semplice, solare, tuttavia qualcosa la distingue dalle sue coetanee: non riesce ad essere soddisfatta dall'amore. Così cresce basandosi su tanti ideali, attraverso storie e racconti che in un modo o nell'altro riescono alla fine a influenzare anche la sua vita. Ma c'è qualcosa, una sensazione, un pensiero forse, un particolare che la spinge a non accontentarsi, [...] Vai alla recensione »

lunedì 18 maggio 2015
Pietro Viola

Parafrasando il titolo dell'ormai lontana, ma quanto mai attuale,  pellicola canadese, la vita di Adele prova a raccontare il tramonto dell'occidente in questa educazione sentimentale alla rovescia, in cui la cifra dominante alla fine  è l'assenza di parole, la solitudine, la fuga. Senza la Bellezza, diceva profeticamente dostoevskij, l'umanità, è perduta. [...] Vai alla recensione »

lunedì 18 agosto 2014
Antonello Villani

Lacrime ed applausi, “La vita di Adele” incanta Cannes e vince l’edizione del 2013. Troppo si è scritto sugli amplessi saffici -il primo, lungo 6 minuti, è di straordinaria intensità: impresa ardua trovare qualcosa di simile negli annali del cinema- che lasciano poco spazio all’immaginazione e dove la passione sfrenata vede, come unico elemento di mistificazione, [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 maggio 2014
khaleb83

L'argomento è scottante, difficile riuscire a non farne un film "di genere", o peggio ancora a fare un film che sulla carta parla di una storia ma nella pratica, è ridotto esclusivamente all'omosessualità dei protagonisti (come lo scadente Dietro ai Candelabri dello stesso anno). Eppure questo film ci riesce, tratteggiando persone vere, drammi veri, e lasciando [...] Vai alla recensione »

Frasi
"Il caso non esiste, non lo sai?"
Una frase di Emma (Léa Seydoux)
dal film La vita di Adele - a cura di Lupa Mediterranea
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Una storia d'amore. Senza aggettivi. Il film che ha conquistato Cannes dura tre ore e racconta la cosa più bella e terribile del mondo. Un amore che nasce, cresce, trionfa, si consuma, si spezza. Uno di quegli amori che potrebbe durare una vita e invece sbatte contro ostacoli eterni e insormontabili. Le differenze di classe e cultura, le mentalità che separano mentre i corpi si attraggono, i diversi [...] Vai alla recensione »

Julien Gester
Libération

Quello che si spera sempre di vedere durante un festival è un film che s'innalzi sopra gli altri, un grande film capace di farci dimenticare tutto il resto, soprattutto in annate particolarmente cupe. Ed eccolo qui, dopo otto giorni di proiezioni a Cannes (un periodo che in termini di festival equivale a un secolo), un film che vale anche come gesto di riconciliazione.

Paolo D'Agostini
La Repubblica

I supporter - in testa Spielberg, presidente della giuria che ha assegnato la Palma d'oro - dicono che La vita di Adele di Abdellatif Kechiche è una grande e potente storia d'amore e passione. E che il film è portatore di spiccate qualità espressive, estetiche, propriamente cinematografiche. Siamo a Lille, media città del nord francese. La liceale Adele non ha diciotto anni.

Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Era dai tempi de "La schivata" che il franco-tunisino Abdellatif Kechiche non riusciva a trovare una perfetta coniugazione tra l'energia dei dialoghi e i comportamenti trascinanti dei personaggi. Anche stavolta, verrebbe da aggiungere, c'è nelle tre ore (mai noiose) de "La vita di Adele" qualcosa di debordante, ma rispetto all'ingombrante (in tutti i sensi) "Venere nera" e anche alle ritualità codificate [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

È interessante raffrontare La vita di Adele, Palma d'oro allo scorso festival di Cannes, con la graphic novel Il blu è un colore caldo di Julie Maroh (Rizzoli Lizard) cui si ispira: perché, pur in spirito di sostanziale fedeltà, appare evidente con quanta autorevolezza (e autorialità) il regista Abdellatif Kechiche abbia trasformato l'opaco materiale della pagina in cinema palpitante di vita.

Cristina Piccino
Il Manifesto

Alla prima proiezione, al festival di Cannes, tutti (o quasi) sono impazziti. Non esistevano che La vie di Adèle, il film di Abdellatif Kechiche, e le sue protagoniste, Léa Seydoux e Adèle Exarchopoulous, belle, sfrontate e fragili al tempo stesso, con la loro storia d'amore che come tutte le storie d'amore finirà male ... La critica d'oltralpe lo osanna, e ancor di più quando il presidente della giuria [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Conoscendo l'esilità del soggetto e contando sull'assenza di un produttore da presa, Monsieur Kechiche lo ha dilatato (tre ore di durata), puntellato, imbandito e posizionato affinché svettasse al festival di Cannes: al momento dell'annuncio della Palma d'oro a «La vita di Adele», infatti, il regista franco-tunisino ha pianto, ma avrebbe pianto ancora di più di rabbia se non gliel'avessero data.

NEWS
INFINITY
martedì 23 gennaio 2018
 

Adèle ha quindici anni e un appetito insaziabile di cibo e di vita. Leggendo della Marianna di Marivaux si invaghisce di Thomas, a cui si concede senza mai accendersi davvero. A innamorarla è invece una ragazza dai capelli blu incontrata per caso e ritrovata [...]

NEWS
domenica 26 maggio 2013
Giancarlo Zappoli

Qualche volta accade e in questa occasione è accaduto: i premi assegnati dalla Giuria di un grande festival come è Cannes trovano un consenso certamente maggioritario. Il merito va senz'altro ai giurati ma anche a chi li ha scelti.

winner
palma d'oro al miglior film
Festival di Cannes
2013
winner
miglior attrice esordiente
Cesar
2014
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati