Alabama Monroe - Una storia d'amore

Film 2012 | Drammatico 100 min.

Regia di Felix Van Groeningen. Un film Da vedere 2012 con Veerle Baetens, Johan Heldenbergh, Nell Cattrysse, Geert Van Rampelberg, Nils De Caster. Cast completo Titolo originale: The Broken Circle Breakdown. Genere Drammatico - Belgio, 2012, durata 100 minuti. Uscita cinema giovedì 8 maggio 2014 distribuito da Satine Film. - MYmonetro 3,40 su 50 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Alabama Monroe - Una storia d'amore tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Didier ed Elise reagiscono in maniera diversa alla malattia della figlia, ma capiscono di dover lottare insieme. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, 1 candidatura a David di Donatello, 5 candidature e vinto un premio ai European Film Awards, ha vinto un premio ai Cesar, In Italia al Box Office Alabama Monroe - Una storia d'amore ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 348 mila euro e 76 mila euro nel primo weekend.

Alabama Monroe - Una storia d'amore è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,40/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,50
PUBBLICO 3,69
CONSIGLIATO SÌ
Un film europeo ispirato alla cultura folk americana, testimonianza di quanto le due culture cinematografiche possano rivelarsi profondamente complementari.
Recensione di Paola Casella
mercoledì 23 aprile 2014
Recensione di Paola Casella
mercoledì 23 aprile 2014

Elise è una tatuatrice che ha inciso sul corpo la propria storia, cancellando via via i nomi degli uomini che ha amato per coprirli con nuovi tatuaggi. Didier è un cantante di musica bluegrass che suona il banjo in un gruppetto belga innamorato del mito dell'America rurale. Quando si incontrano, è amore a prima vista e il riconoscersi reciproco di due outsider nel Belgio conformista e ordinato. Ad unirli indissolubilmente, oltre all'attrazione profonda, è l'amore per la musica. E per la prima volta nella loro vita Elise e Didier, che si credevano destinati alla precarietà dei sentimenti, decidono di impegnarsi fino in fondo, mettendo al mondo la figlia Maybelle. Ma anche il più eterno dei vincoli può essere reversibile, e i due innamorati lo scopriranno a proprie spese.
Felix Van Groeningen, il regista fiammingo di Alabama Monroe, sceglie inequivocabilmente la strada del melodramma e spinge la narrazione al di sopra delle righe, sia nel raccontare la storia d'amore assoluta e totalizzante fra i due protagonisti, sia nell'addentrarsi coraggiosamente nell'evoluzione tragica degli eventi. Perché come nelle canzoni bluegrass che Elise e Didier cantano insieme, il dolore va consumato fino in fondo, senza mai sottrarvisi. Alabama Monroe diventa dunque la storia di due esseri umani che maneggiano sentimenti forti e vivono fino all'estremo le proprie passioni, siano esse musicali, artistiche o sentimentali. Van Groeningen però ha l'accortezza di decostruire la narrazione in modo da inframmezzare il dolore del presente con il ricordo dolcissimo e straziante del passato, attraverso continui passaggi avanti e indietro nel tempo, fino alle ultime scene che invece procedono con la linearità inesorabile di una conclusione annunciata. Dunque vediamo Elise e Didier nei vari momenti della loro storia cogliendo l'intensità e l'immediatezza del loro rapporto tanto nella gioia quanto nel dolore. E riusciamo a gestire l'andamento melodrammatico grazie alle boccate d'ossigeno fornite dai momenti sereni ripercorsi dalla storia.
I due attori protagonisti diventano Elise e Didier con un livello di autenticità e identificazione raramente visti nel cinema recente. Johan Heldenbergh, che è anche autore della pièce teatrale da lui diretta in palcoscenico su cui si basa Alabama Monroe, interpreta Didier come una creatura primordiale con un'inesauribile energia vitale e una dirompente carica rabbiosa quando la vita gli riserva il suo lato più oscuro e le politiche degli uomini non fanno nulla per aiutarlo. Veerle Baetens, vincitrice dell'European film award per il ruolo di Elise, ha una recitazione epidermica perfettamente consona ad una donna che usa la propria pelle per esprimere ogni suo sentimento.
Pluripremiato in Europa e negli Stati Uniti, principale rivale de La grande bellezza ai premi Oscar, Alabama Monroe è un film quintessenzialmente europeo nell'impianto narrativo e nella recitazione (in fiammingo), ma ispirato alla cultura folk americana e agli stilemi del cinema indipendente d'oltreoceano. Il risultato non è un'ibridazione senza carattere ma, al contrario, una testimonianza di quanto le due culture cinematografiche possano rivelarsi profondamente complementari.

Sei d'accordo con Paola Casella?
ALABAMA MONROE - UNA STORIA D'AMORE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 11 maggio 2014
Hal9001

"La vita non è generosa" (Elise a Didier) Il corpo. Tatuato per disegnare su di sè gli eventi più importanti della vita, teso ad arco durante l'orgasmo, che accoglie dentro di sè una nuova esistenza e si dilata per favorirne la nascita. Il corpo che accompagna con il movimento delle mani, dei fianchi, dei piedi i ritmi del country americano, il corpo devastato [...] Vai alla recensione »

mercoledì 14 maggio 2014
Writer58

"I hurt myself today To see if I still feel I focus on the pain The only thing that's real" Johnny Cash Ci troviamo in Belgio, nella campagna fiamminga, a cavallo del cambio di millennio. Lui- Didier- è un gigante pieno di vitalità ed energia che suona il banjo insieme a un gruppo di amici, ama l'America ("un posto per sognatori") e ne propone i ritmi "bluegrass".

lunedì 27 gennaio 2014
Filippo Catani

Belgio. Una coppia di genitori riceve una terribile notizia: la propria bimba ha un cancro. I due genitori cercano di starle vicini il più possibile ma questo dramma sconvolgente finirà con il travolgere la vita della coppia. Un film meraviglioso, intenso e commovente che ci arriva dal Belgio e che è stato giustamente insignito della nomination quale migliore film straniero.

martedì 16 giugno 2015
sergio dal maso

“La costruzione di un amore spezza le vene delle mani,  mescola il sangue col sudore, se te ne rimane La costruzione di un amore non ripaga del dolore è come un altare di sabbia in riva al mare .... e intanto guardo questo amore che si fa più vicino al cielo, come se dopo tanto amore, bastasse ancora Il cielo ….

giovedì 11 settembre 2014
Rick the bonf

La storia d'amore tra Elise e Didier nasce dall'incontro fortuito di due persone profondamente diverse ma complementari. La passione per la musica bluegrass, la creatività dei reciproci lavori( lei disegna tatuaggi, lui canta in un gruppo)contribuiranno fin da subito ad unirli in un sincero amore. Vanno a vivere insieme, si sposano.

martedì 14 ottobre 2014
ADELIO

Quando prima di andare a vedermi il film ho dato un’occhiata alla presentazione su My Movies mi sarei aspettato la solita pellicola sul sogno americano visto da giovani Europei…. Niente di tutto questo!..Alabama Monroe è un capolavoro di cultura teatrale trasposto in linguaggio cinematografico sopraffino, è puro simbolismo, è racconto attraverso le emozioni dei protagonisti [...] Vai alla recensione »

domenica 28 settembre 2014
jacopo b98

Elise (Baetens) e Didier (Heldenbergh) si innamorano, la loro storia d’amore è intensa, piena di momenti indimenticabili e di musica, tantissima musica. Cantano insieme in un gruppo musicale ed un giorno hanno una figlia Maybelle (Cattrysse). La crescono amorevolmente nella loro casa di campagna, fino a che non scoprono che è malata di cancro.

lunedì 12 maggio 2014
Ely57

Lo scenario americano rappresentato nel film lo è a 360 gradi. Non è sicuramente un caso che il regista forse prova la stessa passione del protagonista  per lo stile di vita country e il sogno americano e lo ricostruisce perfettamente in un angolo della campagna belga fuori Gand, che pare la campagna americana, e quando deve declinare la disperazione della madre Elisen-Alab [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 maggio 2014
Melvin II

    Il biglietto d’acquistare per “Alabama Monroe” è 4)Ridotto   “Alabama Monroe una storia d’amore” è un film del 2012 diretto da Felix Van Groeningen. Con: Johan Heldenbergh, Veerle Baetens, Nell Cattrysse.   I genitori non dovrebbero seppellire i propri figli.

martedì 20 maggio 2014
GinevraGhini

 L'argomento di un film come Alabama Monroe è solo epidermicamente una storia d'amore. Le dinamiche affettive e relazionali vissute da Elise e Didier sono una (bellissima) facciata,un'affascinante scorza che assume di sè il delicatissimo compito di descrivere una delle possibili articolazioni del dolore,e non di un dolore umano qualsiasi,ma di quello probabilmente più [...] Vai alla recensione »

mercoledì 14 maggio 2014
Flyanto

 Film che racconta la storia d'amore tra una tatuatrice ed un musicista di benjo e l'evoluzione che questa storia ha dopo varie vicissitudini quali la nascita della loro bambina e la malattia che la colpisce conducendola ad una morte prematura.  Questa pellicola, altamente drammatica per la materia e le situazioni presentate, viene dal regista fiammingo Felix Van Groeningen ben [...] Vai alla recensione »

domenica 22 febbraio 2015
maria antonietta tomassetti

Film molto intenso, ben strutturato e non banale per le tematiche affrontate. Eccellente l'interpretazione degli attori protagonisti nell'esprimere la vasta gamma di emozioni che si agitano nell'animo umano: gioia,dolore, rabbia, disperazione. Due diverse modalità di vivere e di affrontare il grande dolore per la perdita della propria figlia nel tentativo di giungere ad una sua elaborazio [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 settembre 2014
Veronica C

“Sono un povero viandante straniero mentre viaggio attraverso questo mondo di guai eppure non c’è sofferenza, fatica o pericolo in quel mondo splendente a cui sono diretto”   Recita così “Wayfaring stranger”, uno dei brani portanti nella colonna sonora di “Alabama Monroe – Una storia d’amore”.

lunedì 28 marzo 2016
SusanneS

Una storia d'amore intensa, passionale ma che finisce in seguito ad un tragico evento come può essere la morte di un figlio. E' ciò che viene raccontato in molti film europei, americani ma non solo. Alabama Monroe però è molto di più. Al centro della vicenda ambientata in Belgio ci sono Elise tatuatrice e amante della musica e Dider un amante della cultura americana e cantante Bluegrass.

venerdì 23 maggio 2014
mattiabertaina

“C’è sempre qualcosa che vale la pena mettere sul proprio corpo”. Elise è una tatuatrice che sfoggia orgogliosa una seconda epidermide, fatta di disegni, di nomi, di significati e significanti palesi o nascosti. Anche Didier ha una seconda epidermide che si chiama bluegrass, il country nella sua versione più pura, il mito americano rurale che lo porta a suonare con una piccola band nei locali di un [...] Vai alla recensione »

lunedì 19 maggio 2014
GinevraGhini

L'argomento di un film come Alabama Monroe è solo epidermicamente una storia d'amore. Le dinamiche affettive e relazionali vissute da Elise e Didier sono una (bellissima) facciata,un'affascinante scorza che assume di sè il delicatissimo compito di descrivere una delle possibili articolazioni del dolore,e non di un dolore umano qualsiasi,ma di quello probabilmente più [...] Vai alla recensione »

domenica 23 novembre 2014
weachilluminati

 Alabama  Monroe film del 2012 arrivato in italia  a maggio del 2014 Felix van Groeningen, regista  fiammingo, Veerle Baetensè Elise; Johan  Heldenberghè Didier attore di provenienza teatrale  Nell Catrysse è Maybelle la loro figlia Dimenticavo ..........................è  quasi capolavoro La valutazione che di per se è arida [...] Vai alla recensione »

sabato 1 novembre 2014
Antonietta DAmbrosio

    Un vuoto raggiunge le pareti dell'animo dello spettatore e sulla scia delle note disperate del bluegrass, ci si perde in una dimensione che possa elevare da tanto dolore, e chiamando in aiuto le parole si prova un senso di abbandono perché nessuna potrebbe dar forma a tale dolore e all'amore narrato, tutte ne profanerebbero l'entità [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 maggio 2014
Logan

 Due anime ribelli, libere, belle, il loro incontro, la loro unione, la passione sfrenata, la musica, i tatuaggi, il senso di onnipotenza nello stare assieme, la bellezza della vita, una figlia bella come il sole, la malattia, la disgrazia della vita, la depressione, l'alcol, il senso di impotenza, la rabbia, la debolezza. Ecco, prendete tutti questi elementi e mischiateli, avrete così&n [...] Vai alla recensione »

mercoledì 28 maggio 2014
La Dora

Bellissimi ed indovinatissimi i due interpreti. Entusiasmanti le canzoni ed abbastanza coinvolgenti le parti in cui i due protagonisti si abbandonano al loro travolgente amore. Trovo i personaggi e le battute (Vaffanculo, amore!) meno convincenti nella fase del dolore e della disperazione. Gli spunti bioetici-politici sono troppi e troppo assoluti, tanto da risultare confusi e surrettizi: Bush, l'11 [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 aprile 2018
max821966

Ammetto la mia grave colpa: ne avevo sentito parlare ma, pur essendeo un cinefilo appassionato con una notevole militanza cinematografica e con una videoteca xersonale di + di 1100 (quasi tutti blu ray), questo film era passato nel dimenticatoio. Complice un'offerta dal negozio on line dove acquisto i titoli che mi interessano (3 blu ray x 19.98€), ho finalmente potuto vedere questo meraviglioso [...] Vai alla recensione »

martedì 2 febbraio 2016
gianleo67

Incontrata per caso nel negozio di Tattoo dove lavora, Didier si innamora ricambiato della navigata e gaudente Elise con la quale stabilisce subito una forte intesa sessuale. Coinvolta pure lei nella passione per il bluegrass e nella country-band con cui si esibisce, finirà per sposare la donna ed avere con lei una bella bambina. Il futuro ha però in serbo per loro il triste finale [...] Vai alla recensione »

domenica 1 novembre 2015
enzo70

    Una grandissima storia d’amore quella tra Elise, una tatuatrice, e Didier, un cantante di musica folk; due artisti il cui amore travolgente è sempre messo a repentaglio dal desiderio di reclamare una via di uscita rispetto alle regole. Elise e Didier trovano, però, nella musica, splendida la colonna sonora del film e nella figlioletta Maybelle il punto di [...] Vai alla recensione »

martedì 16 maggio 2017
critichetti

Alabama Monroe è un film coraggioso.E stop.Affronta tematiche come le staminali e l'eutanasia,oppure il fumo in gravidanza,ma non si riesce bene a capire cosa intenda voler dire.Mi spiego meglio:se in un film vuoi parlare di temi delicati,dovresti metterli al centro.Qui vedremo nella prima parte del film un intervallarsi continuo della storia d'amore (ivi compresa la nascita della figlia) [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 maggio 2014
veritasxxx

Prendete un suonatore di banjo un po' sognatore e una tatuatrice professionale con la malsana abitudine di marchiarsi con i nomi dei suoi fidanzati. Aggiungete un gruppo di musica blueberry, un casale nella campagna delle fiandre, una bambina che combatte un male incurabile e tutto ciò che ne consegue (che non aiuta molto il rapporto di coppia).

sabato 10 maggio 2014
Ermanno Garau

Dolce, struggente, accarezza solcando il cuore senza speranza

giovedì 15 maggio 2014
tavololaici

Ancora un film struggente che si interroga sulla morte oncologica. Ed è bene che cio' accada. La trama è presto detta, ed è quella di un incontro , in un Belgio surreale e americanizzato,tra due anime che si scoprono nel mettere al mondo una bimba. Tutta la gioia e tutto il dolore si confronteranno attorno,prima, e dopo questo evento.

domenica 16 novembre 2014
Rick the bonf

Capolavoro assoluto.

lunedì 7 aprile 2014
marcobrenni

L'oscar 2014 quale milgior film straniero è pienamente meritato. Questo film che apparentemente inizia come una storia d'amore quasi banale, scontata, via via che si svolge è invece intriso di significati (filosofici) profondi  sulla vita, sul suo significato nel cosmo, e infine sulla morte (e dopo?). Affronta inoltre tematiche "collaterali" che però sono [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 maggio 2014
pressa catozzo

Per i cattocristiani che credono che un santino o una candela possa dare la vita. Leggo giudizi severi su questa opera, nessuno vi ha obligato ad acquistare o andare a vedere questa opera. Basta leggere quale era il contenuto del film e se non si era daccordo potevate andare a vedere un cinepanettone. I nostri personaggi sono fragili, non chiedono posto fisso in banca, vogliono vivere una loro vita [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 giugno 2014
Tamburel

Per un pubblico che va al cinema per pensare e non per divagare.. Da vedere..

martedì 13 maggio 2014
francescosole

...

giovedì 15 maggio 2014
habral

Sabato sera siamo andati in allegra compagnia e del tutto ignari a vedere Alabama Monroe. Non ne sapevo niente, se non il sottotitolo (una storia d’amore) e la foto in locandina con una tizia in costume a stelle e striscie sdraiata sul cofano di un furgoncino rosso. Per un bel pezzo ho pensato si trattasse di un film americano, di quelli extra Hollywood, con attori sconosciuti e budget ridotto. Vai alla recensione »

mercoledì 13 gennaio 2016
Salvo

Sin dalle prime battute Alabama Monroe promette bene una serie di pregiudizi da sfatare: tatoo, mondanità, responsabilità. Basta davvero poco per lasciarsi affascinare dai personaggi, così diversi, così vicini ; fino alla fine non è possibile stabilire in realtà quale sia stato l'attrito che li ha fatti unire, eppure il loro amore finisce per essere credibile e indiscutibile nonostante le avversità. [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 giugno 2014
melania

Un bel film ,l'ho seguito con interesse,belle le musiche e ottima la recitazione.L'ho trovato però esageratamente drammatico,come se questa famiglia fosse perseguitata da un oscuro destino e questa eccessiva drammaticità è ,a mio parere, un po' il limite del film.Comunque non mi è dispiaciuto,il film è ricco di messaggi,

domenica 18 maggio 2014
francesca50

Mi è piaciuta molto la rappresentazione della gioia data dall'amore e dalla paternità, non subito accolta dal padre, e del dolore, che trova vie diverse nei due. Ma il film, nuovo per l'inserimento nella tematica di un genere musicale poco presentato in Europa, è troppo didascalico nell'enucleare il tema dell'ateismo a cui si contrappone la fiducia in un aldilà. [...] Vai alla recensione »

martedì 13 maggio 2014
stefano capasso

 Alabama Monroe racconta la storia d’amore di Dider e Elise. Una storia segnata da eventi tragici alternati a momenti di pura leggerezza musicale. Il dramma della morte della piccola Maybell spacca in due il racconto. La figlia che è stata il motivo fondante della loro unione diviene la dolorosa spaccatura che porta allo sgretolamento del rapporto Il film è molto curato nei [...] Vai alla recensione »

venerdì 23 maggio 2014
effepi

Peccato che una così bella colonna sonora e un tema di grande interesse, l'elaborazione del lutto, che in questo caso si mescola all'amore di una giovane coppia, sia stata bruciata da una narrazione e un'atmosfera troppo sopra le righe nella parte finale. Uno scontro violento tra religione e nichilismo risolto in modo inutilmente violento e perfino banale. Peccato.

giovedì 22 maggio 2014
serpico

un bel film molto commovente, lo considero uno dei film piu' belli che abbia mai visto. la voglia di ricominciare(l'amore) , la nacita di un angelo ,la sua morte non c'e' niente che possa dare forza per ricomnciare.SOLO LA FINE

lunedì 19 maggio 2014
johnford

L'AMORE SOPRA LA MALATTIA E SOPRA LA MORTE. L'AMORE INDISTRUTTIBILE, DISPERATO, DISPERANTE E ASSOLUTO FRA DUE PERSONE TANTO DIVERSE, PER LO MENO QUANTO LA MUSICA BLUEGRASS E IL BELGIO FIAMMINGO, MA TANTO INDISSOLUBILMENTE LEGATE E DIPENDENTI TOTALMENTE UNA DALL'ALTRA. ATTORI ISPIRATI, REGIA SCARNA E SENZA FRONZOLI E PER QUESTO PERFETTA, COLONNA SONORA STRUGGENTE.

giovedì 21 agosto 2014
degiovannis

Una storia d'amore, recita il sottotitolo del film, ed il pensiero va subito ad Amour ed alla grande prova di due attori e del regista di quel film. Forse proprio per questo involontario accostamento Alabama Monroe finisce per deludere. A guardar bene ci sono tutte le premesse per raccontare una storia, ma alla fine si ha l'impressione che si tratti più di un amore gridato, o meglio cantato, che praticato. [...] Vai alla recensione »

martedì 13 maggio 2014
manutrop

La cosa migliore del film è l'interpretazione dei due attori protagonisti, in particolare il ruolo femminile. Tutto il resto è da buttare. Propaganda pro ricerca scientifica Bigfarma, promozione della cultura agnostica mitteleuropea, grande simpatia per la dolce morte, palesata in modo nauseabondo. La scena di chiusura del film è tragicomica. Sono questi i valori del cinema europeo? Morte, malattia [...] Vai alla recensione »

domenica 11 maggio 2014
brian77

Uno al sabato sera decide di andare al cinema, paga il biglietto, entra in sala e deve sorbirsi la storia di una bambina che ,muore di leucemia, della famiglia affranta eccetera eccetera. Non è mal fatto questo film. e non è nemmeno niente di speciale: è semplicemente scontato. Ma perché film così non escono direttamente in dvd, e in sala si fanno uscire film in grado [...] Vai alla recensione »

Frasi
L'ottusità del papa...!!!
Da ascoltare attentamente il discorso contro le teorie evangeliche,politiche!
Meraviglioso!!!
Didier Bontinck (Johan Heldenbergh)
dal film Alabama Monroe - Una storia d'amore - a cura di Simone B
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Un colpo di fulmine, e poi la tempesta. Tra Didier (Johan Heldenbergh) e Elise (Veerle Baetens) scoppia l'amore, quello che ti guardi negli occhi ed è fatta, si crede, per sempre. Ma Didier ed Elise sono diversi: lui è grunge post litteram, hipster suo malgrado, bifolco per necessità, ha il Belgio per residenza, l'America per sogno concesso, il bluegrass sullo spartito e nel cuore.

Valerio Caprara
Il Mattino

Certo, la musica bluegrass e un film belga di lingua fiamminga sembrerebbero contraddizioni in termini. Eppure, acquisendo un merito importante, il regista van Groeningen riesce a fonderli credibilmente nello sviluppo di una storia durissima, esposta al rischio del collasso emotivo, sbilanciata sul piano drammaturgico, ma in ogni caso impossibile da relegare nel deposito del cinema di routine.

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Toccante dramma belga, il rivale più accreditato per l'Oscar al film straniero vinto (ingiustamente) da La grande bellezza. Sono felici con la piccola Maybelle, il suonatore dibanjo Didier e la tatuatrice Elise nel camper fuori Gand tra cavalli e galline, in attesa che lui finisca di ricostruire la casa. Finché la bimba si ammala: tumore del midollo.

Giona A. Nazzaro
Il Manifesto

Nelle intenzioni dei produttori doveva essere una specie di risposta a La guerra è dichiarata di Valérie Donzelli. Non in termini filmici, beninteso, ma in quanto atteggiamento, più o meno condiviso, nei confronti del melodramma familiare riveduto e corretto. Se nel film della Donzelli pubblico e privato s'intrecciano lungo traiettorie che da Jacques Demy conducono a Olivier Assayas, nel film di Felix [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

È ambientato durante la presidenza di George Bush Jr, ma i protagonisti Didier (Johan Heldenbergh) ed Elise (Veerle Baetens) sembrano una coppia vintage, un residuato di cultura hippy trasferito nella campagna delle Fiandre presso Gand. Lui con cappellone e barba incolta suona musica «bluegrass», neppure fosse nato nel Midwest come il suo idolo Bill Monroe; lei è uno spirito ribelle con il corpo affrescato [...] Vai alla recensione »

Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Bisogna andare cauti con le malattie letali nel cinema, specie se si tratta di bambini. Se nel recente "La guerra è dichiarata", Valérie Donzelli, vera mamma regista di una storia reale, la ricostruiva su una dose massiccia di autoironia scartando ogni patetismo e ricatto (certo il lieto fine forse ha aiutato), qui Felix Van Groeningen (siamo nella magnifica Gent, terra fiamminga) sceglie la strada [...] Vai alla recensione »

winner
miglior attrice europea
European Film Awards
2013
winner
miglior film straniero
Cesar
2014
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati