MYmovies.it
Advertisement
Spider-Man 4 cancellato. Ci sarà un reboot per il 2012

Sam Raimi abbandona il film.
di Marlen Vazzoler

Cosa è successo nelle ultime settimane
Tobey Maguire (44 anni) 27 giugno 1975, Santa Monica (California - USA) - Cancro.

martedì 12 gennaio 2010 - News

Cosa è successo nelle ultime settimane
Durante l'epifania si era sparsa la voce che a causa di problemi riguardanti la sceneggiatura di Spider-Man 4, la produzione del film era stata bloccata. All'inizio della scorsa settimana Tobey Maguire ha commentato la notizia : “È un processo. Siamo solo nel bel mezzo del processo. Ci sono un sacco di grandi cose in termini di storia e di script. Stiamo solo cercando di comporle e di essere pronti il più presto possibile. Naturalmente, questi film sono un impegno molto grande e richiedono molto più tempo di un dramma o di pellicole più semplici”.
Maguire aveva confermato che i piani dello studio erano ancora quelli di far uscire la pellicola per il 2011 ed ha aggiunto: “Non solo non ho idee precise, ma le idee si evolvono sulle pagine. Sta accadendo adesso. Sta comincia a prendere forma. È molto eccitante per me. Credo che l'evoluzione del personaggio sia davvero emozionante, tornare alle radici della storia di ciò che abbiamo già fatto e mantenere una continuità, e nel frattempo avere anche una progressione o un evoluzione”.
Domenica è poi esplosa la notizia che John Malkovich avrebbe interpretato Avvoltoio, l'attore aveva confermato le voci durante un'intervista a Quelli che il calcio, facendo così ben sperare in una veloce ripresa della produzione che era stata sospesa a tempo indeterminato dalla Sony.
Ma tutto è ritornato in discussione quando ieri Nikki Finke di Variety era uscita con lo scoop in cui riportava che Sam Raimi ha abbandonato Spider-man 4 perché non poteva mantenere la sua integrità creativa e non sarebbe riuscito a fare il film per l'estate del 2011, la Sony e la Columbia avevano deciso di non voler rimpiazzare Raimi ma di fare un reboot basato sullo script di Jamie Vanderbilt.

Il comunicato stampa della Sony
La notizia è stata confermata qualche ora dopo con un comunicato ufficiale dello studio:

Peter Parker tornerà al liceo quando il prossimo Spider-Man uscirà nelle sale dell'estate del 2012. Columbia Pictures e Marvel Studios annunciano oggi che stanno andando avanti con un film basato su una sceneggiatura di James Vanderbilt, che si concentra su un adolescente alle prese con due problemi dell'uomo contemporaneo ed incredibili crisi super-umane.
Il nuovo capitolo della franchise di Spider-Man prodotta dalla Columbia, Marvel Studios, Avi Arad e Laura Ziskin, avrà un nuovo cast e un nuovo team di produzione cinematografica. Spider-Man 4 sarebbe dovuto uscire nel 2011, ma non era ancora entrato in produzione.
"Una decina di anni fa abbiamo intrapreso questo viaggio con Sam Raimi e Tobey Maguire e insieme abbiamo fatto tre film di Spider-Man che fissano un nuovo livello per il genere. Quando abbiamo iniziato, nessuno ha mai immaginato che si avrebbe scritto la storia del box-office e ora abbiamo la rara opportunità di fare di nuovo la storia, ancora una volta con questo franchise. Peter Parker come giovane adulto ordinario alle prese con poteri straordinari è sempre stato il fondamento che ha reso questo personaggio senza tempo e convincente per generazioni di fan. Siamo molto eccitati per le possibilità creative che provengono dal ritorno alle radici di Peter e non vediamo l'ora di lavorare nuovamente con i Marvel Studios, Avi Arad e Laura Ziskin su questo nuovo inizio ", ha detto Amy Pascal, co-presidente di Sony Pictures Entertainment.
"Lavorare sui film di Spider-Man è stata l'esperienza di una vita per me. Mentre eravamo in attesa di fare un quarto capitolo insieme, lo studio e la Marvel hanno avuto un'unica opportunità, portare la franchise in una nuova direzione, e so che faranno un ottimo lavoro", ha dichiarato Sam Raimi. "Abbiamo avuto la collaborazione di una vita e l'amicizia con Sam e Tobey che hanno dato del loro meglio in quella che è la parte migliore del ultimo decennio. Si tratta di un momento agrodolce per noi perché, mentre è difficile immaginare Spider-Man nelle mani di chiunque altro, so che questo giorno è stato inevitabile", ha detto Matt Tolmach, presidente della Columbia Pictures, che ha servito come capo produzione esecutivo dello studio fin dall'inizio della franchise. "Ora tutto ricomincia, e questo ci ha reso tutti entusiasti su ciò che verrà dopo. Sotto la supervisione costante di Avi e Laura, abbiamo una chiara visione per il futuro di Spider-Man e non vedo l'ora di condividere questa nuova ed affascinante iniziativa con il pubblico nel 2012".
"Spider-Man sarà sempre una franchise importante per Sony Pictures e un nuovo inizio come questo è una responsabilità che tutti noi prendiamo molto sul serio", ha detto Michael Lynton, Chairman e CEO di Sony Pictures. "Abbiamo sempre creduto che la storia viene prima e che la storia guida la direzione di questi film e su come ci muoveremo sul prossimo capitolo, rimarremo fedeli a questo principio e lo si farà con il massimo rispetto per il materiale originale e i fan e gli spettatori che meritano solamente il meglio quando si tratta di portare queste storie e questi personaggi in vita sul grande schermo".

Il reboot: cosa aspettarsi
Dunque niente Malkovich/Avvoltoio, Hathaway/Vulturess, Black Cat, Tobey Maguire e Kirsten Dunst. Raimi era tornato alla franchise solo perché gli era stato promesso il controllo creativo e la possibilità di creare un film che facesse dimenticare Spider-Man 3. Il regista ha implicato che lo studio non era interessato, ma come sapere, a questo punto, se le idee di Raimi erano veramente buone, e nel caso lo fossero state, cosa sarebbe accaduto se la Sony le avesse seguite? Nei primi due film Raimi sapeva quello che voleva, conosce la franchise, è un grande appassionato dell'Uomo Ragno ed ha avuto delle buone idee, tenendo quasi sempre il tono dei film al livello giusto e creando un personaggio che aveva un cuore ed era impetuoso. In Spider-man 2 ha inoltre creato una sequenza che entra di diritto negli annali del classici, quella del treno della metropolitana. Se la Sony continuerà a perseguire le decisioni fatte con Spider-Man 3 perderà ciò che rende l'Uomo Ragno quello che è e lo renderà una pura mossa commerciale.
Raimi a questo punto comincerà a lavorare sul suo prossimo progetto che potrebbe essere World of Warcraft o l'adattamento cinematografico del libro di Dennis Lehane, The Given Day. Mentre per Maguire continuano le voci su un suo possibile coinvolgimento in The Hobbit anche se l'attore le ha negate. Per quanto riguarda il reboot, James Vanderbilt aveva già scritto una prima versione dello script, quando era stato assunto lo scorso agosto per scrivere un possibile quinto e sesto film di Spider-Man, che sarebbero stati usati come basi per un nuovo reboot. Secondo EW c'era già l'idea di fare un reboot dopo la realizzazione di Spider-man 4, ma quando le divergenze di opinioni non hanno portato a niente di costruttivo lo studio ha deciso di dare priorità alla versione di Vanderbilt. Non si sa nulla al momento sulla sceneggiatura a parte che racconterà di un giovane Peter Parker. EW ha definito lo script “crudo e contemporaneo” e fa riferimento a Batman Begins di Nolan non solo perché per il fatto che il regista ha reinventato il personaggio di Batman sul grande schermo, ma anche per il tono della pellicola. Spider-Man con un stile simile al Batman di Nolan? Renderlo più crudo non sarà molto probabilmente la mossa vincente visto che non è questa la caratteristica della franchise che rende l'Uomo Ragno un personaggio così amato in tutto il mondo. Da una parte ce chi pensa che questa sia una mossa per acchiapparsi parte della base dei fan di Twilight, mentre altri ipotizzano che questa sia una mossa dello studio per realizzare un film meno costoso. Spider-Man 3 è costato quasi 300 milioni di dollari e molto probabilmente il quarto avrebbe potuto superare facilmente quella cifra. Invece con un reboot si ipotizza che lo studio potrebbe usare un budget di 200 milioni di dollari o anche meno.
Variety inoltre spiega che la Sony deve continuare a produrre dei nuovi film di Spider-Man per evitare che i diritti del personaggio possano tornare sotto il controllo della Disney/Marvel. Ma chi potrebbe sostituire Raimi? EW ha menzionato Marc Webb (500 giorni insieme), Gary Ross (Seabiscuit) che era stato assunto per scrivere una delle ultime versioni della sceneggiatura di Spider-Man 4 e Michael Bay che aveva espresso un interesse per la franchise. Gli ultimi due sono molto improbabili e c'è da tenere le dita incrociate che non sia McG (Terminator Salvation). E chi interpreterà Peter Parker? Zac Efron? Taylor Lautner? Sicuramente un giovane attore emergente.

Gallery


news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati