Tutti pazzi per Rose

Film 2012 | Commedia 111 min.

Titolo originalePopulaire
Anno2012
GenereCommedia
ProduzioneFrancia
Durata111 minuti
Regia diRégis Roinsard
AttoriRomain Duris, Déborah François, Bérénice Bejo, Shaun Benson, Mélanie Bernier Nicolas Bedos.
Uscitagiovedì 30 maggio 2013
TagDa vedere 2012
DistribuzioneBim Distribuzione
MYmonetro 3,44 su 32 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Régis Roinsard. Un film Da vedere 2012 con Romain Duris, Déborah François, Bérénice Bejo, Shaun Benson, Mélanie Bernier. Cast completo Titolo originale: Populaire. Genere Commedia - Francia, 2012, durata 111 minuti. Uscita cinema giovedì 30 maggio 2013 distribuito da Bim Distribuzione. - MYmonetro 3,44 su 32 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Tutti pazzi per Rose tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Rose è una giovane che diventa la dattilografa più veloce del mondo. Il film ha ottenuto 5 candidature a Cesar, In Italia al Box Office Tutti pazzi per Rose ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 379 mila euro e 176 mila euro nel primo weekend.

Tutti pazzi per Rose è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,44/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 2,95
PUBBLICO 3,37
CONSIGLIATO SÌ
Deliziosa commedia romantica francese dai colori pastello.
Recensione di Simona Previti
lunedì 12 novembre 2012
Recensione di Simona Previti
lunedì 12 novembre 2012

Francia, fine anni cinquanta. Rose Pamphyle vive in una piccola città di provincia della Normandia. La vita sembra riservarle poche sorprese: un matrimonio già organizzato con il figlio del meccanico, un bravo ragazzo. Una vita da casalinga. Ma il sogno di Rose è di diventare segretaria. Pur nata in provincia, il suo è uno spirito decisamente da donna moderna e emancipata. La sua tenacia, e un talento fuori dal comune nel battere a velocità strepitosa i tasti della macchina da scrivere - la porteranno lontano. Supera i colloqui presso un'agenzia di assicurazioni e diventa la segretaria di Louis Echard, di cui ovviamente si innamorerà folleme nte.
Deliziosa commedia romantica dai colori pastello, che ha tutto il sapore di una madeleine francese mangiata sotto la Tour Eiffel. Il perimetro di riferimento è questo: fra la pubblicità di Miss Dior firmata Sofia Coppola fatta lungometraggio, Cenerentola a Parigi con Audrey Hepburn e Les demoiselles de Rochefort di Jacques Demy.
Per chi è in sala, e ama quello stile, è al posto giusto. La giovane Rose, frangetta francese perfettamente al di sopra del taglio degli occhi, è una antecedente di Amélie Poulain: come lei gamine maladroite, goffa e dispettosa, ma dalla tenacia indiscutibile. Sa cosa vuole, e lo ottiene. Ingaggiata dall'affascinante Louis (Romain Duris) s'imbarca in un allenamento serissimo (una vera naja al femminile con tanto di corsa al mattino) per vincere i campionati regionali prima, nazionali dopo di dattilografia. Il ritmo delle battute sulla tastiera si fa sempre più veloce e sicuro, la postura sempre più dritta, anche se non mancano le gaffe che rendono il per sonaggio di Rose sempre più irresistibile agli occhi di Louis. Per allenarsi la ragazza dovrà ribattere a macchina, e sempre più velocemente, tutti i classici della letteratura francese. Così finito Madame Bovary, si ricomincia subito con un altro tomo.
Si sa, l'autoreferenzialità è cosa francese. Ma la praticano bene, e anche questo è dato riconosciuto. Così dai grandi classici, che vengono ricordati al mondo con un pizzico di orgoglio, si passa alla cinefilia, anche questa dal gusto tipicamente francese. La scena in cui Rose, finalmente trasformata da anatroccolo imbranato a donna seducente in vestito rosso fiamma, esce dal bagno e si presenta al cospetto di Louis, seduto in poltrona con vestito grigio, non può non essere una magnifica ma sottile citazione di Vertigo (La donna che visse due volte) di Hitchcock, autore si sa eletto a manifesto dalla politica degli autori della Nouvelle Vague. Anche il gioco delle luci (un neon che lampeggia fuori dalla finestra, oltre la tenda) ce lo dice chiaramente.
Da antologia la scena con James Stewart e Kim Novak, resta nella memoria del regista di Populaire, Régis Roinsard. Così come, qualche scena dopo, l'abbraccio amoroso fra Rose e Louis, nudi a letto, sotto un lampeggiare rosso e blu che tinge la scena; anche questo viene da un amour fou per il cinema e per i propri padri spirituali: questa volta chiarissimo il Godard colorista di Pierrot le fou (Il Bandito delle ore 11). Anche questo è il french touch. La citazione compiaciuta ma delicata, la commedia portata avanti con maestria a ricordarci che anche loro, i francesi, sanno essere maestri di commedia romantica, e sicuramente lo sono di cinema.

Sei d'accordo con Simona Previti?
TUTTI PAZZI PER ROSE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 2 giugno 2013
Linus2k

La Francia è maestra del cinema, ed ultimamente le va riconosciuto, senza grossi dubbi, che sa creare piccoli e graziosi film che diventano prelibate praline di cioccolata tutti da gustare, sapendo fondere, citare, omaggiare i grandi Maestri del passato con una grazia rievocativa che oserei definire proustiana. "Tutti pazzi per Rose" si ascrive senza dubbio in questo ambito, così [...] Vai alla recensione »

domenica 7 luglio 2013
mericol

 Rose (Deborah Francois) alla ricerca di un posto di segreteria, lo trova alle dipendenze di un giovane e affascinante assicuratore, Louis (R. Duris) titolare dell’azienda. Rose anche lei bella e affascinante,in verità ha scarse capacità di segretaria, ma in compenso è una abilissima dattilografa, pur se batte a macchina con un solo dito delle 2 mani, l’indice. [...] Vai alla recensione »

martedì 4 giugno 2013
donni romani

Incantevole il film, incantevole il personaggio, incantevole l'omaggio elegante, tenero e divertito che il regista Régis Roinsard rende alla commedia romantica degli Anni 50 e 60 costruendo un ricamo leggero ma mai superficiale che fa danzare i protagonisti in una perfetta sceneggiatura-scenografia. Rose Pamphyle vive in provincia, lavora nel negozio del padre e dovrebbe sposare il ragazzo [...] Vai alla recensione »

martedì 11 giugno 2013
catcarlo

Alla fine, il compito più ingrato è quello di Romain Duris, impegnato a fare il Cary Grant pur avendo, più che altro, la faccia da Humphery Bogart, ma per il resto tutto fila liscio in questa bella rivisitazione degli anni d'oro della commedia hollywoodiana (per i cultori è aperta la caccia alla citazione). La storia si mantiene in bilico tra le atmosfere sentimentali [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 aprile 2014
gabriella

Anni 50 ,Rose, ragazza francese della Bassa Normandia ha il sogno di diventare segretaria e di rendersi autonoma economicamente anziché accontentarsi di un matrimonio già deciso dalla famiglia e riesce a farsi assumere da un assicuratore, Luois Echard data la sua abilità a battere a macchina, seppur con due dita. Ragazza un po' goffa e maldestra, ma decisa e volitiva, partecipa a delle gare di dattilograf [...] Vai alla recensione »

martedì 25 agosto 2015
brunus10480

Che dire, i Francesi col cinema ci sanno fare, soprattutto per quanto riguarda le commedie. Tutti Pazzi per Rose è una pellicola riuscitissima perchè incarna perfettamente le caratteristiche della commedia pura unendo il gusto e la classe francese ad un umorismo piacevole e scanzonato: trama mai banale, ambientazione perfetta, costumi azzeccatissimi che strizzano l'occhio ai completini [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 giugno 2013
Flyanto

 Film ambientato in Francia alla fine degli anni '50 in cui si racconta di una giovane donna proveniente dalla provincia che viene assunta come segretaria presso un ufficio di assicurazioni. Grazie alla sua velocità nel battere a macchina ella si iscriverà e concorrerà a tutte le gare nazionali e non di battitura veloce e le vincerà diventandone la campionessa internazio [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 giugno 2013
Herry

E' vero la trama è scontata, si sa già come va a finire. Ma come è raccontata bene! Per chi ama o ha amato le commedie americane anni '50 è un vero gioiellino. Divertente e ben recitato. Consigliato. Herry

giovedì 6 giugno 2013
Gianni Quilici

Commedia romantica. Funziona come commedia quando è veloce e ironica. Veloce nel montaggio con una musica anni ’50, che distanzia e insieme avvicina lo scorrere delle immagini. Ironica nella successione delle battute tra un lui burbero e una lei salace e innamorata. Diventa inadeguata psicologicamente e melensa quando si fa sentimentale.

domenica 8 settembre 2013
Alex2044

L'atmosfera serena di un cinema all'aperto si sposa bene con un film gradevole ed anche simpatico ma senza entusiasmi. Purtroppo gli attori non sempre sono all'altezza della situazione .

lunedì 10 giugno 2013
derriev

Questo è un film incredibilmente "di genere", ovvero una commedia romantica che procede come da manuale: lei e lui bellocci, che all'inizio non si sopportano quasi, per poi scoprirsi profondamente innamorati e alla fine l'amore trionfa! Come da manuale (di sceneggiatura...). Una pellicola così non è giudicabile...in fondo, è solo un esercizio di bravura: ottimo lo spunto di base, ottimo il cast, [...] Vai alla recensione »

lunedì 10 marzo 2014
Liuk

Buona commedia in stile anni '50 - '60 fedele nei colori, nelle musiche ma con qualche tocco moderno che non guasta (alcuni abiti, la scena di sesso, il dito medio). Coerentemente con i film dell'epoca, la trama è semplicissima, i personaggi leggermente caricaturali ed ingenui: il risultato finale è più che gradevole.

venerdì 31 gennaio 2014
Kyotrix

Anche se abbastanza scontato, resta un film veramente carino e consigliato, soprattutto ad over30 ( giovani d'oggi potrebbero non apprezzarlo ) Ennesima bella commedia francese, oramai anni luce avanti all'italia nel cinema.

martedì 11 giugno 2013
redrose

Quando mi sono seduta temevo il solito film francese un po' lento e un po' snob, e invece mi sono ritrovata in universo di colori di pastello e di musichette allegre tra twist e cha cha della segretaria, il tutto condito da un sagace humour e da dialoghi brillanti.  I registi fancesi mi stanno stupendo ultimamente: sfornano delle deliziose commedie romantiche dal sapore [...] Vai alla recensione »

domenica 9 giugno 2013
Luigi Chierico

Non capita spesso di andare a chiudersi in un cinema per…respirare una boccata di aria fresca, primaverile. Un vento nuovo, una carezza sul viso, un balsamo per l’anima inquieta. Dedicato alla gioventù di oggi che ignora l’esistenza della carta carbone e con essa l’esistenza di una macchina da scrivere: c’è la muta tastiera del computer, la stampante, la fotocopiatrice! Non c’è nulla da imparare, [...] Vai alla recensione »

sabato 28 novembre 2015
dario

Un film furbetto, solita contrapposizione amore-fama e scontato successo del primo. Buona regia, sceneggiatura molto meno. Attori bravi, specie Rose, anche affascinante.  

giovedì 12 giugno 2014
mareincrespato70

Splendida commedia francese, recitata con garbo e ironia, con il magico tocco transalpino, così ben ispirato alla commedia americana anni 50, del genere idealtipico con l'incantevole Audrey Hepburn come protagonista, per intenderci. Dèborah François (già giovanissima e ispirata protagonista de L'enfant dei fratelli Dardenne) e Romain Duris, in questo film intelligente [...] Vai alla recensione »

giovedì 6 giugno 2013
pensierocivile

Sembra di vedere DIRTY DANCING, al posto di musica e numeri di ballo, il rumore meccanico della macchina da scrivere e un' attrice tutta mossettine. Il resto è identico, storia d'amore fra allieva e maestro con addio e ritorno, gare da stravincere, rapporto col padre "apparentemente" compromesso e annessi capriccetti alla francese. In fondo non ci si poteva attendere neppure molto di più da un film [...] Vai alla recensione »

sabato 1 giugno 2013
pressa catozzo

Se lo si giudica per i costumi e ricostruzione degli ambienti è perfetto. Che cosa si evince da questa opera come racconto? Che dal 59 a oggi la condizione delle donne è solo pegiorata. Il film non ha anima anzi scorre noiosamente. W IL CINEMA SEMPRE.

sabato 1 giugno 2013
M.Barenghi

Rose è una "paesana" orfana di madre, che sulla macchina da scrivere esibita nella vetrina del negozio paterno batte con due dita per volta, ma sogna di diventare una  segretaria-modello. Assunta dall'assicuratore Louis, mantiene il posto di lavoro dopo la settimana di prova a condizione di partecipare ai campionati regionali di dattilografia veloce.

domenica 2 giugno 2013
Daniele.P

Trama banale e prevedibile. Attori discutibili e non una risata. Da evitare.

Frasi
"So soltanto battere veloce a macchina. All'inizio mi piaceva perchè mi aiutava a non pensare, sei meno maldestra quando non pensi... e ti fa bene, ma non dura tanto!"
Una frase di Rose Pamphyle (Déborah François)
dal film Tutti pazzi per Rose - a cura di Mauser
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Valerio Caprara
Il Mattino

Una commedia "french touch" in grado di eludere le critiche che una parte di pubblico e critica non mancherà di rivolgergli. «Tutti pazzi per Rose» potrebbe, infatti, essere penalizzato da una sfilza di aggettivi oscillanti tra il micidiale carino, l'infantile garbato, l'ambiguo nostalgico, il compiaciuto elegante e il generico romantico. Il suo piglio, però, non si limita a incollarsi sullo schermo [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Appassionato del vecchio cinema - soprattutto se americano e se firmato Wilder, Hitchcock, Sirk - l'esordiente Regis Roinsard ha realizzato una commedia romantica appesa a un filo esile esile, ma impeccabile per qualità e grazia. È Tutti pazzi per Rose, romanzo di emancipazione di una fanciulla imbranata, che ha il solo talento di essere velocissima alla macchina per scrivere.

Roberto Nepoti
La Repubblica

Nel 1958 una ragazza della provincia francese, Rose Pamphyle, va in città per realizzare il sogno di diventare segretaria. Trova impiego presso l'affascinante agente d'assicurazioni Louis Echard; ma quando il principale si avvede della pazzesca velocità con cui la fanciulla batte a macchina (usando due sole dita), decide di diventarne il trainer e di portarla ai campionati del mondo di dattilografia. [...] Vai alla recensione »

Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Nella Normandia provinciale del 1958, la 2lenne Rose (Déborah Francois) cerca lavoro proponendosi da segretaria. Ad assumerla è il titolare di un'agenzia assicuratrice, Louis Echard (Romain Duris), fascinoso ma insicuro. Quando la ragazza mostrerà uno speciale talento in velocità a dattilografare, l'uomo non esiterà a sfruttarlo facendola concorrere ai campionati prima francesi e poi mondiali negli [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Graziosa commedia color pastello per raccontare di come l'emancipazione femminile sia passata anche per i tasti di unamacchina per scrivere. Siamo nel 1958 e Rose si fa assumere come segretaria per sfuggire a un destino già scritto dal padre. Nel lavoro è un disastro ma batte velocemente i tasti come nessuna. Tanto che il suo capo la iscrive a un concorso per dattilografe, con Cupido pronto a colpire. [...] Vai alla recensione »

Cristina Piccino
Il Manifesto

In Francia si chiama Populaire, il titolo italiano predilige invece la protagonista, Rose, ragazza nella provincia francese degli anni Cinquanta che cerca con tenace ostinazione di sfuggire al futuro (imminente) uguale a quello di tante altre: un marito, il matrimonio col figlio del meccanico è già organizzato, e un quotidiano da casalinga. Rose invece vuole diventare dattilografa, e a aiutarla nell'impresa [...] Vai alla recensione »

Giuseppe Ghigi
Il Gazzettino

Fine anni Cinquanta, provincia francese: Rose ha ben altro per la testa che diventare una qualsiasi casalinga. Il suo sogno è diventare segretaria; sogno che corona alla grande conquistando il principale e il titolo di dattilografa più veloce al mondo. L'esordiente Régis Roinsard usa tutta la tavolozza dei colori Dior, ma con sfumature cinefile alla "Vertigo", e la seducente cadenza narrante della [...] Vai alla recensione »

Vincenzo Cerami
Il Sole-24 Ore

Il regista francese Régis Roinsard varca la porta della commedia con un film notevole, leggero, divertente nel suo riuscito tentativo di evocare non gli anni Cinquanta nella sua realtà obiettiva, ma l'immaginario collettivo oggi ancora vivo, tanto filologicamente esatto da un punto di vista figurativo quanto parziale e "bugiardo" sul piano della ricostruzione storica e sociale.

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Guardatela bene, non è detto che rimarrà. Tra le abitudini da rottamare, la tastiera QWERTY si trova in buona posizione. Nata quando le macchine per scrivere avevano i martelletti - fu preso a modello il pianoforte - non è la migliore disposizione di vocali e consonanti per chi digita sulla tastiera virtuale di un iPad. Con i pollici, come facciamo tutti (anche gli indici sono un ricordo di tastiere [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Un esordiente già molto rodato in spot e videoclip tenta di convincere gli spettatori che la Francia anni 50 somigliava alle commedie americane coeve. Dunque via con una storia buffa d'amore frustrato che passa attraverso incredibili ma vere gare per dattilografe; via con completini rosa, acconciature alla Doris Day, ragazze di campagna venute in città per assaporare la vita moderna; via con personaggi [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
mercoledì 29 maggio 2013
Chiara Renda

Si apre con una sfilata di macchine da scrivere rosa confetto il making of di Tutti pazzi per Rose, la commedia francese ambientata negli anni Cinquanta che di quell'epoca ripropone efficacemente toni e atmosfere.

NEWS
lunedì 15 ottobre 2012
Robert Bernocchi

Come sempre in ogni Festival, ci sono titoli che non hanno bisogno di grandi presentazioni. Quest'anno, a Roma ci saranno importanti prodotti di cassetta come Le 5 leggende o l'ultimo capitolo di Twilight, che sicuramente lasceranno la loro impronta sul [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati