The Tree of Life

Acquista su Ibs.it   Dvd The Tree of Life   Blu-Ray The Tree of Life  
   
   
   

un film ingenuamente consolatorio Valutazione 2 stelle su cinque

di laulilla


Feedback: 2061 | altri commenti e recensioni di laulilla
martedì 31 maggio 2011

il film descrive una famiglia texana negli anni ’50, soffermandosi sui rapporti affettivi, e sul dolore provocato dalla morte di un figlio; sfondo di questa tragedia familiare è il processo grandioso che ha reso l’ambiente naturale adatto all’insediamento della vita vegetale, animale e infine umana, secondo una visione evoluzionistica, priva di senso e di finalità. Venti minuti di immagini molto belle ed elaborate si susseguono, suscitando sconcerto o meraviglia negli spettatori, per ripercorrere la storia del cosmo e della terra, collocando perciò il dolore dei personaggi nella più generale tragedia di ogni vivente, per il quale nascita e morte segnano i confini dell’esistenza senza tener conto di progetti, di affetti, di voglia di vivere. Il regista, però, fin dall’inizio del film, ci dice che se noi non accettassimo una visione esclusivamente naturalistica e scientistica dell’Universo e ricorressimo a una spiegazione fondata sulla Grazia, potremmo trovare un senso e un fine alle cose e alle vicende che ne paiono prive. Il preciso richiamo al libro di Giobbe, nell’incipit, significa che la ricerca del senso non comporta necessariamente una risposta positiva all’aspirazione dell’uomo a vivere senza soffrire. Il Dio che Malick postula potrebbe, come quello di Giobbe, chiedere agli uomini fede e obbedienza a leggi umanamente poco comprensibili, apparentemente capricciose e arbitrarie, come fa il padre del film, che pare compiaciuto dell’arbitrio delle sue imposizioni e che, non a caso, esige che i figli lo chiamino “Signore”. L’accostamento è forse plausibile: nel film abbondano, infatti, altri parallelismi più o meno espliciti, che ne permettono una migliore comprensione. La parte centrale (e forse migliore) del film è dedicata alla descrizione della vita familiare e delle dinamiche che si creano fra i diversi membri del piccolo nucleo: un padre severo e autoritario che fissa i paletti entro i quali i figli possono muoversi e agire; una madre dolce e protettiva, a sua volta vittima delle sue angherie ; tre bambini che, incuranti dei divieti paterni, si dedicano all’esplorazione sistematica del mondo che li circonda, ai giochi anche violenti e aggressivi nei quali misurano le proprie forze, sospinti dalla volontà di conoscersi e di conoscere il mondo, come è avvenuto nella storia dell’uomo, il cui incoercibile bisogno di sapere non ha mai accettato limiti. La conoscenza disgiunta dalla Grazia, tuttavia, ha ottenuto solo apparentemente risultati positivi: la razionalità fredda dei bellissimi grattacieli, che gareggiano per imponenza con gli spettacoli naturali, non emoziona, è priva di pathos, non suscita desiderio di protezione e d’amore. Le esigenze profonde postulano l’esistenza di un Dio che ci risarcirà, sia pur tardivamente (è tardivo anche il perdono che il padre chiederà al figlio a lungo vessato), colmando lo scarto fra le leggi dellala creazione, che impongono rigidi e dolorosi limiti, e la nostra aspirazione all’ amore e alla gioia. Il guaio è, però, che questo tardivo risarcimento, nel film, è poco allettante: un al di là incolore e melenso, in cui domina l’amore smanceroso che si scambia fra le creature, se dovesse durare in eterno, sarebbe di una noia insopportabile. Questo film è molto discutibile, così come la Palma d’oro che gli è stata assegnata. La frammentarietà della narrazione, quasi impressionistica, rivela una forma secondo me non all’altezza del contenuto filosofico, rimasto in una condizione di ingenua velleità.

[+] lascia un commento a laulilla »
Sei d'accordo con la recensione di laulilla?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
51%
No
49%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
partenopeo7 martedì 12 luglio 2011
l'amore melenso ti annoia...cattivona!
21%
No
79%

"La frammentarietà della narrazione, quasi impressionistica...".Scopriamo con questa frase che l'impressionismo è frammentarietà (giuro non lo sapevo). Cosa si dice pur di riempirsi la bocca eh!? Ma a parte i commenti superflui, gratuiti ed "eruditi" mi soffermo su: "la narrazione ha una forma che non è all'altezza del contenuto, rimasto in una condizione di ingenua velleità". Il pessimo uso della lingua -il contenuto è alto o velleitario?- esprime anche confusione mentale.La frammentarietà, che non è prerogrativa certo dell'impressionismo, è sicuramente un modo artistico di esprimersi. E il film artisticamente si esprime con questa frammentarietà. Forse la bellezza reale di questo film è il tremore che deriva da un racconto spezzato, proprio di chi vacilla nella fatica nostalgica del ricordare. [+]

[+] agnosco stilum ... con quel che segue! (di laulilla)
[+] lascia un commento a partenopeo7 »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di laulilla:

Vedi tutti i commenti di laulilla »
The Tree of Life | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Pubblico (per gradimento)
  1° | boyracer
  2° | zapping
  3° | julien_225
  4° | writer58
  5° | la druga
  6° | sergio dal maso
  7° | linus2k
  8° | davlak
  9° | a17540
10° | steelybread
11° | algernon
12° | jensa
13° | paolopettinato
14° | elray
15° | ghismina1
16° | valerio51987
17° | bordata
18° | paolo bisi
19° | yoklux
20° | lhoss
21° | francesco89
22° | riccardo76
23° | max ferrarini
24° | kronos
25° | jacopo b98
26° | lomax
27° | alessandro di fiore
28° | luanfan
29° | kyuss
30° | lisadp
31° | federico rivelli
32° | pistinna
33° | shiningeyes
34° | mcacci
35° | sirio
36° | -will-
37° | giuseppe bessolo
38° | sergio
39° | luigi chierico
40° | mystic
41° | ashtray_bliss
42° | tommy3793
43° | laulilla
44° | gianni
45° | gianniquaresima
46° | giulio dispenza
47° | salvatore vivenzio
48° | great steven
49° | mauro.t
50° | gianluca bazzon
51° | disincantato83
52° | lollomoso
53° | rustincohle
54° | enzo70
55° | ern79
56° | sergio marchetti
57° | killbillvol2
58° | salvatore vivenzio
59° | _oldboy_
60° | agatheia
61° | danielepodda
62° | finellanera
63° | angelialcinema
64° | gabriella
65° | flyanto
66° | padly
67° | giacomogabrielli
68° | rosara
69° | marcel cerdan
70° | ennio
71° | francesco giuliano
72° | cry223
73° | angius48
74° | jumpiero
75° | fabio2
76° | francesco gatti
77° | paolo t.
78° | frenky86
79° | flaviomerenda
80° | andreas perugini
81° | lord wells
82° | devismd
83° | stefano pariani
84° | m.d.c
85° | zoom e controzoom
86° | bravobene
87° | angea
88° | iosonoleggenda691
89° | hidalgo
90° | fridericus
91° | paperino
92° | robertalamonica
93° | cassanonat
94° | adalberto6
95° | trambusto
96° | pepito1948
97° | myvnà
98° | darkan
99° | pipay
100° | ananas
101° | il cinefilo
102° | joe nca
103° | maricordis
104° | salvocardillo
105° | reservoir dogs
106° | zeus cronide
107° | nicdard
108° | raffaella
109° | olgadik
110° | odisseo2001
111° | paride86
112° | marmau
113° | morrison
114° | filippo catani
115° | lucagalligani
116° | svampa
117° | pelle82
118° | steppenwolf74
Premio Oscar (3)
NYFCCA (4)
Nastri d'Argento (1)
Festival di Cannes (1)
David di Donatello (1)
Critics Choice Award (6)
AFI Awards (1)


Articoli & News
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
mercoledì 18 maggio 2011
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità