Sharm El Sheikh - Un'estate indimenticabile

Film 2010 | Commedia 90 min.

Regia di Ugo Fabrizio Giordani. Un film con Giorgio Panariello, Enrico Brignano, Maurizio Casagrande, Cecilia Dazzi, Michela Quattrociocche. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2010, durata 90 minuti. Uscita cinema venerdì 17 settembre 2010 distribuito da Medusa. - MYmonetro 1,33 su 28 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Sharm El Sheikh - Un'estate indimenticabile tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Fabio Romano e De Michelis, colleghi e amici da una vita, diventano rivali quando capiscono che il nuovo capo, Saraceni, è fermamente intenzionato a licenziare uno di loro. In Italia al Box Office Sharm El Sheikh - Un'estate indimenticabile ha incassato nelle prime 6 settimane di programmazione 3,2 milioni di euro e 1,3 milioni di euro nel primo weekend.

Passaggio in TV
domenica 29 aprile 2018 ore 17,58 su PREMIUMCINEMACOMEDY

Consigliato assolutamente no!
1,33/5
MYMOVIES 1,00
CRITICA 1,50
PUBBLICO 1,75
CONSIGLIATO NO
Un abbozzo di cinema civile che sfocia quasi subito nel classico cinepanettone.
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 15 settembre 2010
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 15 settembre 2010

Romano e De Pascalis sono colleghi occupati presso un'azienda assicurativa. Amici cordiali diventano rivali accaniti in seguito alla minaccia di licenziamento per esubero. Decisi a non perdere il posto, la casa, lo status sociale e le rispettive consorti, i due agenti partiranno alla volta di Sharm el Sheikh, dove si gode sole e denaro il loro nuovo boss. Imprenditore senza scrupoli, Saraceni è presidente dell'Empoli Calcio, marito di una moglie bellissima e padre distratto di un adolescente. Sulla spiaggia e sotto gli ombrelloni dei "vips", Romano e De Pascalis tenteranno di avvicinarlo e di conservare il posto di lavoro. Intorno a loro intanto mogli e figli animeranno nel bene e nel male il loro soggiorno all inclusive.
Cinque anni dopo l'obliabile obliato Troppo belli, Ugo Fabrizio Giordani torna dietro la macchina da presa e gira una commedia fondata sul lavoro che non c'è. Armato delle migliori intenzioni il regista romano pensa a un cinema civile col sorriso e realizza suo malgrado un cinepanettone. Più capace di Parenti e dei Vanzina ma meno dotato di D'Alatri, che aveva tentato la medesima impresa con Commediasexi, Giordani scommette su un cinema popolare ma non becero, in grado di rispecchiare il presente magari pure in modo graffiante. Di fatto Sharm el Sheikh ha una bella fotografia, riprese aeree e subacquee, montaggio da spot e virtuosi movimenti di macchina che non fanno certo rimpiangere gli osceni effetti digitali dei Vanzina o l'impresentabilità tecnica (e di scrittura e di regia e di recitazione) di Parenti, ma ugualmente non si emancipa dal prototipo "vacanze di Natale".
Gli elementi ricorrenti d'altra parte ci sono tutti: l'ambientazione esotica, le bellone, i dialetti, i personaggi televisivi prestati al cinema, le starlette nostrane e naturalmente la possibilità di godere di una distribuzione vantaggiosa e redditizia in centinaia di copie. L'ambizione di Giordani è quella di ridurre la separazione tra autorialità e intrattenimento, coniugando la satira con lo sguardo sociale e con l'osservazione del (mal)costume contemporaneo, la disillusione di chi è stato licenziato ma non trova il coraggio di comunicare il dramma a se stesso e alla famiglia (vedi la vicenda del personaggio interpretato da Brignano) con la comicità di grana grossa. Non serve vantare una base realista (un amico dirigente del regista licenziato da Alitalia) se poi ci si limita ad elencare storie e tipi umani senza uno sguardo critico.
Tipi umani e mostri precari interpretati da Brignano e Panariello, che traducono sullo schermo i rispettivi "caratteri" televisivi: il primo facendo respirare (e abbronzare) la propria incontenibile romanità, il secondo limitandosi a declinare l'imprenditore in pareo della Wind. Sharm el Sheikh è soltanto un altro film "sull'andare al cinema in vacanza".

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
SHARM EL SHEIKH - UN'ESTATE INDIMENTICABILE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD

-
-
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Infinity

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 20 settembre 2010
Mister_WNB

chi si aspettava qualcosa in più da questo film rispetto ai classici cinepanettoni di boldi e de sica rimarrà deluso. il film nella prima mezz'ora/ quaranta minuti scorre via abbastanza bene poi inizia a diventare il solito gioco di equivoci scontati e gag già viste a ripetizione. il film punta molto sulla presenza femminile delle 2 top model Torrisi e Quattrociocche che in effetti sono sempre un [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 settembre 2010
theclubber88

Visto per pura curiosità. Parte bene, ma poi è un'altalena. Scene valide, mischiate a scene inutili e farcite di luoghi comuni disastrosi. La Quattrociocche sembra affetta dalla sindrome "Tatangelo" (dimostra più anni rispetto ai ventidue che ha effettivamente), personaggio antipatico e vuotissimo. Bravo Panariello anche se il personaggio che interpreta è molto limitato nel modo in cui si esprime [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 dicembre 2014
elgatoloco

Partendo da un problema reale e scottante-attuale(il film è del 2010, quando la situazione non era diversa da quella di oggi)"Sharm..."è quanto detto/scritto da Marzia Gandolfi, con la"scusa", il"pretesto"(e in qualche modo anche il pre-testo)del rischio della perdita del lavoro, da parte dei due"aspiranti"(Brignano e Casagrande), che quindi si [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 settembre 2010
John Coltrane

Ne abbiamo sinceramente le tasche piene di questi "filmetti di plastica" in cui le battute sono talmente scontate che si conoscono ancor prima di uscire dalla bocca dell'attore che le pronuncia!!! Se proprio si pretende che il pubblico assista a tali spettacoli imbarazzanti dovrebbero quantomeno pagare noi affinchè ci si torturi per un'ora emmezza, e non il contrario! Sconsigliato.

martedì 21 settembre 2010
Fabian T.

Una sola considerazione: film inutile e banale. Sconsigliato.

venerdì 24 settembre 2010
MicHeleN

sharm el sheik , un'estate da dimenticare il piu presto possibile!

martedì 21 settembre 2010
stellab

un filmetto esile esile

sabato 1 ottobre 2011
tiamaster

un cinepanettone in anticipo ambientato a sharm el sheik,grazie al cielo non l'ho vistoal cinema masu sky,è un film veramente banalissimo,meticolosamente volgare e con pessimi attori,i personaggi sono sempre gli stesi,un film vergognoso e degno del più volgare e sciatto neri parenti,un altra moderna italianata che,grazie al cielo,non verrà ricordata,vi consiglio dievitarlo assolutamente,è un film oorrendo [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 settembre 2010
torres

veramente una pena; a parte le belle donne non c'è niente e brignano non sembra neanche capace di sostenere il ruolo di protagonista. recitazioni mediocri come la regia. voto 4-

mercoledì 22 settembre 2010
sabliv

a mio figlio,di 12 anni,gli è piaciuto.

mercoledì 3 dicembre 2014
SCRIGNO MAGICO

Dal regista di "Troppo belli" con Costantino Vitagliano ed Emanuele Interrante (non-attori belloni e inutili della scuderia del "fu" Lele Mora) cosa ci si poteva aspettare? Anche Brignano cosa si è ridotto a fare per la pagnotta... Ovviamente non ho pagato per guardare questo obbrobrio ma quando vedo robaccia simile mi chiedo, ma non si potrebbe produrle all'estero, queste schifezze, così da poter [...] Vai alla recensione »

sabato 29 giugno 2013
asrdrubale03

orrendo

sabato 3 marzo 2012
Marco Petrini

se non è un cinepanettone potrà essere un cinepanforte o, in alternativa, un cinepandoro!  Bellino: merita una stella in più solo per il fatto di non calcare sulla volgarità, ma niente di più. Ogni tanto passare un'ora e mezzo senza pensieri può essere positivo.

mercoledì 25 maggio 2011
Hayworth

al di sotto delle mie aspettative

martedì 5 aprile 2011
DarkEnry

Ho appena finito di vederlo e devo dire che è stato molto carino. Certo sarà sempliciotto come film ma almeno non sono come quelli di Natale che lì c'è sempre uno che tradisce e che fanno ridere per le parolaccie e altre situazioni (ormai i film di Natale stanno veramente cadendo in basso). Comunque se avete un pò di tempo guardatelo.

mercoledì 9 febbraio 2011
astromelia

......eleviamoci da questi pseudo/racconti insipidi............

venerdì 4 febbraio 2011
simoncino

Di certo il film in questione non è un capolovoro..pero' è carino se uno vuole passare 1 oretta e 30 senza pensieri...4 risate te le fa fare e la storia non ti annoia...voto 6,5...

venerdì 4 febbraio 2011
simoncino

domenica 23 gennaio 2011
ultimoboyscout

Assolutamente improponibile, film che non ha davvero nulla da dire. A parte Panariello, che recita comunque un personaggio fastidioso, dove sono gli attori? La 4ciocche è odiosa più di sempre fa la 19enne ma ne dimostra almeno 30, Elena Russo è bona come il pane ma è di un cafone che di più non si potrebbe, per non parlare della ragazzina roscia che è semplicem [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 gennaio 2011
Ragthai

Film senza pretese, puro svago.

mercoledì 27 ottobre 2010
cristianmayers

sono andato a vedere il film perchè sono un fan di Enrico Brignano che è uno dei pochi comici italiani che mi fa ridere, l' ho trovato l'ennesimo cinepanettone con la trama scontata. Panariello che continua la sua performance della pubblicità della Wind (sta diventando odioso) e la Quattrociocche antipatica come non mai.

martedì 12 aprile 2011
DarkEnry

Ho appena finito di vederlo e devo dire che è stato molto carino. Certo sarà sempliciotto come film ma almeno non sono come quelli di Natale che lì c'è sempre uno che tradisce e che fanno ridere per le parolaccie e altre situazioni (ormai i film di Natale stanno veramente cadendo in basso). Comunque se avete un pò di tempo guardatelo.

domenica 19 settembre 2010
Lolciska

Molto cinepanettone sl con una storia un pò più sensata e vera

FOCUS
INCONTRI
martedì 14 settembre 2010
Marzia Gandolfi

Precariato esotico La commedia di Ugo Fabrizio Giordani è "fondata sul lavoro" che non c'è e che Romano e De Pascalis, i protagonisti di Enrico Brignano e Maurizio Casagrande, stanno disperatamente cercando di conservare. Contro di loro e la sicurezza di una vita di privilegi c'è l'imprenditore arrogante di Giorgio Panariello, presidente dell'Empoli Calcio e marito della "moglie bellissima" della Torrisi.

Frasi
vabbè ma se non c'avete soldi, statevene a ostia al mare
Una frase di Saraceni (Giorgio Panariello)
dal film Sharm El Sheikh - Un'estate indimenticabile - a cura di duka
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Maurizio Porro
Il Corriere della Sera

Diretto da Giordani, incredibilmente allievo di Olmi, trattasi di un cinepanettone d' autunno con 2 manager fantozziani licenziandi che rincorrono il nuovo cafosissimo boss a Sharm. Maxi spot geografico ma anche dell' estetica del divertimento tv d' oggi con song, fischi, trenini di escort, frizzi e lazzi senza battute (e con sacrilega citazione di Una vita difficile).

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Gracilissima e poco divertente commedia di costume (quasi sempre da bagno) del recidivo Ugo Fabrizio Giordani (Teste di cocco, Troppo belli), al cui confronto i disprezzati Vanzina diventano Lubitsch e Wilder. A farla breve gli agenti dell'assicurazione Enrico Brignano e Maurizio Casagrande sono disperati: hanno saputo che il neoproprietario dell'azienda, Panariello, licenzierà uno dei due.

Roberto Nepoti
La Repubblica

Una pellicola intitolata alla Rimini del Mar Rosso aleggiava da tempo nell' immaginario dei produttori italiani. È arrivata prima questa commediola degli equivoci, che coniuga il tema (ben poco allegro) degli esuberi e dei licenziamenti col filone adolescenziale messo in auge da Moccia. Per non finire vittima dei "tagliatori di teste" aziendali, due impiegati rivali si contendono il favore del nuovo [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Due padri di famiglia in lotta a Sharm El Sheikh per un posto di lavoro. Ne rimarrà a contratto solo uno. Genitori in crisi, figli disperatamente in cerca dell’amore, imprenditori futuri politici che dicono «L’immunità è privilegio dei re», un Medio Oriente in cui rischiare di morire nel deserto o finire in prigione per sempre. Alla faccia della commedia vacanziera.

NEWS
NEWS
lunedì 20 settembre 2010
Andrea Chirichelli

Box Office Italia Ben tre film sopra il milione di euro, questa settimana, in Italia. A spuntarla è il demenziale Mordimi con 1.9 milioni di euro, segno che tra film "seri", faceti e serie televisive i vampiri continuano ad andare di moda.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati