Illegal

Film 2010 | Drammatico 90 min.

Regia di Olivier Masset-Depasse. Un film con Anne Coesens, Esse Lawson, Gabriela Perez, Alexandre Golntcharov, Christelle Cornil. Cast completo Titolo originale: Illégal. Genere Drammatico - Belgio, Lussemburgo, Francia, 2010, durata 90 minuti. Uscita cinema venerdì 19 novembre 2010 distribuito da Archibald Enterprise Film. - MYmonetro 3,00 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Illegal tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Tania Zimina e suo figlio Ivan, arrivati in Belgio otto anni fa, sono ancora clandestini. Un giorno, la polizia li ferma... Il film ha ottenuto 1 candidatura a Cesar, In Italia al Box Office Illegal ha incassato nelle prime 7 settimane di programmazione 19,7 mila euro e 11,7 mila euro nel primo weekend.

Illegal è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,00/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,00
PUBBLICO 2,00
CONSIGLIATO NÌ
Una tensione morale che obbliga a 'vedere' la realtà senza il filtro delle ideologie.
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 19 maggio 2010
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 19 maggio 2010

Tania ha un figlio di 14 anni, Ivan. Tania ed Ivan sono immigrati illegali provenienti dalla Russia. Vivono in Belgio ormai da otto anni anche se in costante stato di tensione. Tania ha il terrore di essere fermata dalla polizia con il conseguente controllo dei documenti. Fino a quando un giorno ciò accade. Madre e figlio vengono divisi. Tania viene portata in un cosiddetto centro di accoglienza e fa di tutto per potersi ricongiungere ad Ivan. Sulla sua testa pesa la minaccia di un decreto di espulsione.
Il cinema ha affrontato ormai in più occasioni il tema dell'immigrazione e lo ha fatto con gli accenti più diversi dal paradocumentaristico al drammatico. Olivier Masset-Depasse sceglie la via del thriller e ci sembra una decisione assolutamente funzionale. Riesce cioè a farci partecipi di una duplice tensione. Da un lato quella della protagonista che si trova a cercare di sopravvivere in una società che ha decretato la sua illegalità senza averne il diritto finendo poi in quella sorta di girone infernale che è il centro di accoglienza.
C'è però (ed è altrettanto forte) la tensione morale di una sceneggiatura e di uno sguardo che ci obbligano a 'vedere' la realtà senza il filtro delle ideologie. I poliziotti di Illegal non sono tutti dei Natural Born Killers. Alcuni di loro sono vittime di un sistema che vuole che il clandestino subisca tali e tante umiliazioni da non voler più (una volta espulso) desiderare di ritornare nel Paese. Davanti a loro non ci sono delle persone ma volti senza nome.
L'uso della camera a mano (di cui tanto cinema ha fatto un vero e proprio abuso) qui è funzionale all'empatia che si deve creare tra la protagonista e chi siede in una comoda poltrona che progressivamente diviene sempre meno comoda.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Senza documenti - tranne quello falso procurato da un russo che la consiglia di usarlo poco - una bielorussa vive in Belgio da 8 anni con un figliolino, senza nome né lingua madre, dopo essersi bruciata i polpastrelli per eliminare le impronte digitali, con l'angoscia continua di essere arrestata. Finisce al Centro 111 bis, fuori Bruxelles, sedicente Centro di accoglienza... L'ideologia e la prassi dei leghisti italiani esistono anche in altri paesi europei, magari poco distanti dalla sede del Parlamento europeo. Il regista sceglie un approccio documentaristico, con una certa vicinanza ai personaggi, specialmente la protagonista (una funzionale Coesens) e le donne che incontra durante la detenzione. È il suo modo di raccontare dal basso una quotidianità impregnata di paura e debolezza "che rende ciascuno ricattabile e facilmente preda dello sfruttamento" (C. Piccino). Finale aperto, ma non consolatorio.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
ILLEGAL
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 19 novembre 2010
Bandy

Il film sarà sicuramente interessante,e fatto bene. Ma come sempre dobbiamo fare i conti con la distribuzione.... Mi piacerebbe vederlo,ma dove?La stessa cosa mi è capitata con altri film,Purtroppo anche nei cinema prevalgono i film spazzatura.......  :-(

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Cristina Piccino
Il Manifesto

Il Belgio lo ha candidato agli Oscar nella categoria del miglior film straniero, il che in Italia sarebbe impossibile visto che non ci fanno una gran figura quanto al rispetto dei diritti umani. Qui un film come illegal - selezionato all'ultima Quinzaine di Cannes - Bondi e forse anche chi partecipa alle commissioni ministeriali - scorrendo il sito si traggono interessanti illuminazioni sul come e [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Un coltello per cancellare il passato. Non serve che sia affilato, basta arroventarlo e passarlo sui polpastrelli. Fa un male cane ma le impronte digitali spariscono, si può ricominciare da capo. È una scelta estrema, ma nella vita di Tania, donna delle pulizie, ex-insegnante di francese, un figlio di 13 anni, tutto è estremo. È russa, ma potrebbe venire da cento altri paesi.

Jean-Luc Douin
Le Monde

D'origine russe, une femme et son fils de 14 ans vivent clandestinement en Belgique. Pour elle, huit ans de galère, sur le qui-vive, à fuir les contrôles de police et éviter d'être trop dépendante d'un mafieux local. Emploi précaire et abus de vodka l'aident à tenir bon, dans l'attente de faux papiers et l'espoir d'une demande d'asile acceptée. Finalement arrêtée au hasard d'un contrôle d'identité [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Non è proprio un film da «Bianco Natal» perché qui i buoni sentimenti sono stati banditi. Anzi, per qualcuno sarà un pugno nello stomaco se finirà, come probabile, nell'immedesimarsi nella protagonista. Dal Belgio ci arriva questa storia di immigrazione clandestina dove Tania, una russa illegale che vive in terra belga da otto anni con il figlio Ivan, ha il terrore che le controllino i documenti.

Boris Sollazzo
Liberazione

Il mondo sarebbe diverso senza il cinema belga. In quel paese lacerato sopravvive una cinematografia civile di una forza inaudita, indignata e disturbante. Un movimento ininterrotto di anime e cervelli che davanti alla macchina da presa ha la capacità di mostrarci il mondo attuale nella sua benpensante ferocia. Un cinema ideologico, spesso, e rigido, ma anche appassionato e coraggioso.

NEWS
GALLERY
martedì 16 novembre 2010
 

Venerdì 19 novembre arriva nelle sale Illegal, film drammatico di Olivier Masset-Depasse che affronta il grave problema dei clandestini, e cioè di tutte quelle persone che vivono - magari da diversi anni - in un paese che non ne riconosce l'esistenza. Il [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati