Rendition - Detenzione illegale

Film 2007 | Thriller 120 min.

Titolo originaleRendition
Anno2007
GenereThriller
ProduzioneUSA, Sudafrica
Durata120 minuti
Regia diGavin Hood
AttoriReese Witherspoon, Jake Gyllenhaal, Meryl Streep, Alan Arkin, Peter Sarsgaard Omar Metwally, Igal Naor, Aramis Knight, Hadar Ratzon, Moa Khouas, Zineb Oukach, Laila Mrabti, David Fabrizio, Mounir Margoum, Driss Roukhe, J. K. Simmons, Bob Gunton.
Uscitavenerdì 29 febbraio 2008
DistribuzioneEagle Pictures
MYmonetro 2,84 su 42 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Gavin Hood. Un film con Reese Witherspoon, Jake Gyllenhaal, Meryl Streep, Alan Arkin, Peter Sarsgaard. Cast completo Titolo originale: Rendition. Genere Thriller - USA, Sudafrica, 2007, durata 120 minuti. Uscita cinema venerdì 29 febbraio 2008 distribuito da Eagle Pictures. - MYmonetro 2,84 su 42 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Rendition - Detenzione illegale tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Anwar El-Ibraimi viene arrestato con l'accusa di aver stabilito relazioni con frange del fondamentalismo islamico. Agli interrogatori è presente Douglas Freeman, agente della Cia. In Italia al Box Office Rendition - Detenzione illegale ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 309 mila euro e 166 mila euro nel primo weekend.

Rendition - Detenzione illegale è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,84/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,57
PUBBLICO 2,60
CONSIGLIATO NÌ
Debutto hollywoodiano per il sudafricano Gavin Hood: un thriller classico, ricco di suspence, necessario per riflettere sul caos del nostro tempo.
Recensione di Pierpaolo Simone
lunedì 22 ottobre 2007
Recensione di Pierpaolo Simone
lunedì 22 ottobre 2007

L'unica anarchia possibile è quella del potere, tuonava al secolo un intellettuale come Pier Paolo Pasolini, affermazione appropriata e puntuale per descrivere i nostri tempi e il film di Gavin Hood, premio Oscar come miglior film straniero con Tsotsi. Rendition, letteralmente "consegna" rende pubblica un'aberrante e poco conosciuta consuetudine che il governo degli Stati Uniti adotta nei confronti dei cittadini sospettati di terrorismo. La consegna straordinaria, infatti, è quella che vede coinvolto nel film Anwar El - Ibraimi (Omar Metwally), cittadino egiziano da anni residente in America e occupato nel settore dell'ingegneria chimica, precipitosamente arrestato dopo il ritorno da un viaggio di affari e trasferito in gran segreto in una località islamica per essere torturato e ridotto a condizioni disumane. Ad assistere al macabro spettacolo è chiamato Douglas Freeman (Jake Gyllenhall), agente della Cia addetto al reperimento delle informazioni durante gli interrogatori. Capo d'accusa: relazioni con frange del fondamentalismo radicale.
Incipit kafkiano per un thriller classico e pieno di suspence, che assottiglia una volta ancora il limite fra documentario e finzione, lanciando un appello ai diritti umani che è insieme monito e condanna. Con un punto di vista piuttosto imparziale, Hood restituisce bene l'atmosfera presente nella polveriera orientale, montando il "girato" di due continenti e intrecciando le ragioni degli uni e degli altri, senza sbilanciarsi, né prendere parte. Attacchi terroristici, intrecci amorosi, congiure internazionali e veti politici, il tutto per una spy story che strapperebbe anche qualche applauso, se non nascondesse al suo interno peccaminose analogie con la realtà, piuttosto cruda, che si è palesata al mondo intero dopo l'undici settembre. Dal punto di vista narrativo tutto fila liscio, se si trascura qualche piccolo particolare che lascia qualche vuoto in sceneggiatura, riempito però dalla potenza evocativa delle immagini. Necessario e incredulo al punto giusto, lascia riflettere sul caos anarchico che gestisce il nostro tempo. Da vedere.

Sei d'accordo con Pierpaolo Simone?
RENDITION - DETENZIONE ILLEGALE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 19 novembre 2015
Filippo Catani

Un terribile attentao mette a capo della sezione CIA del paese un giovane agente. L'uomo dovrà confrontarsi con Washinghton e con il capo dei servizi segreti locali. Nel frattempo negli USA viene fermata una persona sospettata di avere legami con gli attentati. Un film intenso che ricostruisce senza tanti giri di parole quelli che sono stati gli errori più evidenti della lotta statunitens [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 novembre 2012
gianleo67

Giovane ingegnere americano di origini egiziane, marito e padre famiglia, viene rapito dalla Cia per essere illegalmente condotto in Marocco, dove viene brutalizzato e interrogato: è sospettato di aver fornito consulenza per la costruzione di un ordigno utilizzato in un attentato jiadista. L'umanità e l'idealismo di un giovane analista della CIA sarà la sua unica speranza [...] Vai alla recensione »

sabato 28 luglio 2012
__JB__

...quelli che recensiscono i film: nel 90% dei casi sono film americani e a causa della loro distorsione mentale si trovano costretti masochisticamente a sputare nel piatto dove mangiano. Buon appetito. 

venerdì 1 aprile 2016
elgatoloco

Se c'è un film in cui/di cui l'equivoco è chiave di volta , questo è"Rendition", che ripropone il tema della tortura negli USA per reati considerati(anche giustamente, ma...)gravissimi come il terrorismo, questo è "Rendition", tema su cui si sono confrontati giuristi, filosofi del diritto e non solo, sociologi etc.

domenica 6 dicembre 2015
Letigentil

C' e' solo da pregare che non possa mai accadere di trovarti,  innocente, in un dramma del genere.... Quante vittime in questa truculenta nostra civiltà del terrore?

domenica 12 aprile 2009
simonex94

mi ha colpito molto l'interpretazione di reese witherspoon,che in questo film è stata parecchio brava!!!!! meryl streep è una garanzia!!!! bravo anche gyllenhaal! La trama ha colpito molto,in tutti i sensi e porta a porci delle domande LE TORTURE SERVONO A ESTORCERE INFORMAZIONI? e SE SI,ALZERANNO O ABBASSERANNO L'IMMAGINE CHE IL MONDO HA DELL'AMERICA??!? thriller incentrato sulla tortuta e sul sequestro [...] Vai alla recensione »

domenica 7 giugno 2009
LUCIDO71

A differenza della suspence declamata dai recensori di MyMovies, abbiamo visto solo un film semplice e piuttosto prevedibile, che non ci ha affatto arricchito... sarà che prediligo i film d'azione, tuttavia, anche un buon thriller come questo si vendeva, doveva esser più movimentato... trama che denuncia un attacco politico al Patrioct Act da una parte, e che spara sull'Islam alla maniera "occidentale" [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 maggio 2010
ultimoboyscout

Unodei tanti film di parte partoritidagli amici americani, che prima ne combinano di tutti i colori poi denunciano il tutto, durante il periodo di presidenza Bush. Ma ora grazie ad Obama, il nuovo Re Mida, il nuovo Re Sole, l'illuminato unico possessore della verità, tutti i film di questo tipo non verranno più prodotti, poichè non ce ne sarà più bisogno [...] Vai alla recensione »

Frasi
'È la mia prima tortura!"
"Senta, gli Stati Uniti non torturano..."
Dialogo tra Douglas Freeman (Jake Gyllenhaal) - Corrinne Whitman (Meryl Streep)
dal film Rendition - Detenzione illegale - a cura di Neil Skinner
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Alessio Guzzano
City

Di ritorno da Città del Capo a Chicago, per via di una telefonata a vuoto sul cellulare, un ingegnere egiziano con moglie incinta, figlioletto calciatore e cittadinanza negli States, è sequestrato dalla Cia e trasferito in un ignoto stato africano (si riconosce il Marocco) martellato da attentati terroristici. Rinchiuso in un'orrida prigione, è sottoposto al tristemente noto repertorio di interrogatori/tort [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

E' certo una trovata promuovere capo della Cia Meryl Streep, quasi sempre vestita di colori pastello e dotata di una compostezza da serpente, ma il film è più interessante e forte (non più bello) di così. Sceso dall'aereo per tornare a casa, un ingegnere chimico egiziano che da vent'anni vive negli Stati Uniti, che ha cittadinanza americana, lavoro universitario americano, moglie bionda americana in [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Rolling Stone

Gavin Hood a Hollywood ci arriva con l'Oscar vinto con Tsotsi. Come l'omonimo Robin, ruba ai ricchi per dare ai poveri. Solo che qui si ruba visibilità. Allora al suo Sudafrica, ora ai presunti terroristi che con le "extraordinary rendition" della Cia vengono deportati in stati in cui la tortura è sopportata e supportata. La Whiterspoon è la dolce e caparbia moglie di un americano di origine egiziana [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

Rendition - Detenzione illegale (ma meglio sarebbe «Rapimento») di Gavin Hood evoca nella finzione un fatto dei tanti, per lo più rimasti senza eco, degli ultimi sei anni. Nella realtà ne è noto uno più degli altri: accadde a Milano, quando la Cia rapì Abu Omar, portandolo in Egitto, dove fu torturato dalla polizia locale e poi rilasciato. Differenza fra questo episodio e quello del film? A Milano [...] Vai alla recensione »

Alberto Castellano
Il Mattino

Torna il thriller politico, un filone che è riuscito spesso a coniugare la suspense e la denuncia, il coinvolgimento emotivo e la ricerca della verità. È quanto riesce a fare il sudafricano Gavin Hood con «Rendition - Detenzione illegale», suo primo film americano dopo l'Oscar vinto con «Il mio nome è Tsotsi», che si sintonizza sull'attualità con una storia che mette sotto accusa la politica americana [...] Vai alla recensione »

Andrea Silenzi
XL

Negli Usa del post 11 settembre lo chiamano "extraordinary rendition", ovvero il rapimento (e gli "interrogatori") di cittadini che possono costituire una minaccia per la sicurezza nazionale. Ne resta vittima un chimico americano di origine egiziana sospettato di terrorismo e trasportato in un luogo segreto. Tra kamikaze e disastri familiari, Hood (Oscar per Tsotsi) offre una controversa riflessione [...] Vai alla recensione »

Piera Detassis
Panorama

Il grande pregio del film di Gavin Hood, il sudafricano premio Oscar per Tsotsi, è quello d'avere portato in primo piano il termine Rendition (o meglio extraordinary rendition), cioè i rapimenti organizzati dal governo Usa, specie dopo l'11 settembre, di cittadini sospetti trasferiti poi in prigioni segrete oltreoceano. La storia, interpretata da Reese Witherspoon, moglie americana del rapito Anwer [...] Vai alla recensione »

Peter Travers
Rolling Stone

Despite the best intentions, this is a simplistic, skin-deep attempt by director Gavin Hood (Tsotsi) to rage against the U.S. policy of torturing suspected terrorists in foreign prisons. The film is crawling with Oscar winners: Reese Witherspoon as the pregnant Chicago woman whose Egyptian-born husband (Omar Metwally) is put on the rack for a bombing in Africa; Meryl Streep as the CIA operative who [...] Vai alla recensione »

Silvia Colombo
Film TV

Ci sono film che sono riassumibili in una sola frase, e per l'opera seconda del sudafricano Gavin Hood (autore di Tsotsi) bastano poche parole: rapire cittadini stranieri residenti in Usa, per essere detenuti e torturati in prigioni segrete oltreoceano, è una cosa disumana, illegale e indegna di un paese democratico. Rendition non va oltre l'esplicitazione di questo assunto: talmente ovvio e talmente [...] Vai alla recensione »

Roberto Silvestri
Il Manifesto

Rendition film «impegnato» sugli orrori imperiali delle prigioni segrete nel mondo, sfoggia intenzioni e attori radical, come Jake Gyllenhaal, Reese Witherspoon, Alan Arkin e Meryl Streep, ed è diretto dal bianco Gavin Hood, primo Oscar sudafricano, per Tsotsi. Roma lo volle per questo, mondanità e coraggio. Purtroppo il cinema oggi ha ora una star in più, esigente e delicata, che esprime lo sguardo, [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Sempre più spesso, il cinema americano mette in scena i conflitti dell'era Bush: a volte con sincero spirito autocritico, in altri casi ricorrendovi come a una risorsa garantita per fare spettacolo. A rappresentare i due estremi basterebbero "Standard Operating Procedure", il documentario di Errol Morris su Abu Ghraib non ancora arrivato in Italia, e Rendition, il cui titolo allude alle "extraordinary [...] Vai alla recensione »

Filippo Mazzarella
Vivimilano

E' davvero innocente il cittadino Usa di origini egiziane sospettato di terrorismo e perciò rapito e torturato in un carcere segreto stile Abu Ghraib? Il regista di '"Tsotsi'", già hollywoodiano, vorrebbe giocare sull'ambiguità: ma impagina un film civile leccato e '"commerciale'" (quanti divi!), come se ne sono visti millanta. BELLO - PER IMPEGNATI CHIC da ViviMilano, marzo 2008

David Denby
The New Yorker

Il film è interessante quanto basta, ma non è abbastanza profondo per dimostrare che Hollywood è in grado di affrontare questioni molto serie. Anche se il regista riesce a tenere insieme i fili di linee narrative diverse, le questioni morali sull'uso della tortura in America si perdono in una dimostrazione di potenza cinematografica. da Internazionale, 7 marzo 2008

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati