Pianeta rosso

Film 2000 | Fantascienza +13 120 min.

Titolo originaleRed Planet
Anno2000
GenereFantascienza
ProduzioneUSA, Australia
Durata120 minuti
Regia diAnthony Hoffman
AttoriTom Sizemore, Terence Stamp, Val Kilmer, Carrie-Anne Moss, Benjamin Bratt, Simon Baker .
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 1,60 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Anthony Hoffman. Un film con Tom Sizemore, Terence Stamp, Val Kilmer, Carrie-Anne Moss, Benjamin Bratt, Simon Baker. Titolo originale: Red Planet. Genere Fantascienza - USA, Australia, 2000, durata 120 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 1,60 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Pianeta rosso tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Nel 2050 l'inquinamento sta per rendere invivibile la Terra. Con alcuni esperimenti gli scienziati cercano allora di rendere abitabile Marte. Al Box Office Usa Pianeta rosso ha incassato nelle prime 8 settimane di programmazione 17,4 milioni di dollari e 8,7 milioni di dollari nel primo weekend.

Pianeta rosso è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
1,60/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,10
CONSIGLIATO NÌ
Ancora su Marte!
Recensione di Fabio Rizzo
Recensione di Fabio Rizzo

Nel 2050 l'inquinamento sta per rendere invivibile la Terra. Con alcuni esperimenti gli scienziati cercano allora di rendere abitabile Marte. Il progetto, dopo un promettente avvio, fallisce. Per capirne i motivi viene inviato sul pianeta un equipaggio composto da una donna, che è il comandante, cinque uomini e un robot. Un atterraggio disastroso, il robot che per un guasto si trasforma in un mortale nemico e l'ambiente decisamente inospitale mietono vittime. I due unici superstiti riusciranno a salvare la missione. Qualche scena spettacolare e la fotogenia di Val Kilmer e Carrie-Ann Moss non bastano a dare linfa a un tipo di storia che risulta poco originale.

Sei d'accordo con Fabio Rizzo?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Nel 2057 - pericolante la Terra per inquinamento e sovrappopolazione - la NASA impianta una coltura di alghe su Marte per renderne respirabile l'atmosfera, ma qualcosa va storto. Parte un'astronave in ricognizione. Scritto da Jonathan Lemkin ( L'avvocato del diavolo ), è un film di SF spaziale d'andazzo che, nonostante qualche ambizioncella metafisica nell'avvio, s'incanala in schemi narrativi di convenzione, con personaggi stereotipati e sviluppi prevedibili. La corretta regia è del sudafricano A. Hoffman, esordiente nel lungometraggio dopo premiate esperienze in campo pubblicitario. Suggestivi paesaggi desertici, trovati in Giordania e Australia.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
FANTAFILM
Cento anni di cinema di fantascienza

Nel 2050 l'uomo ha mosso i primi passi verso la colonizzazione di Marte. L' impresa si è resa necessaria a causa dell'inarrestabile degrado del pianeta Terra: la rarefazione dell'atmosfera terrestre mette in pericolo la sopravvivenza e Marte, per condizioni ambientali, sembra promettere una via di salvezza. Sul pianeta rosso sono state già allestite colture sperimentali per far attecchire alghe capaci di produrre ossigeno, ma i risultati, nel tempo, non sembrano aver coronato le aspettative. L'equipaggio di Mars 1 - cinque uomini, una donna e un robot - ha l'incarico di verificare cosa sia accaduto delle coltivazioni. L'astronave entra nell'orbita di Marte, ma un incidente altera i sistemi di controllo costringendo i cinque astronauti e il robot ad atterrare lontano dall'obiettivo prefissato. Mentre Kate Bowman resta sola a bordo di Mars 1 e tenta di creare un contatto con i compagni lontani, gli uomini vagano disperati in un paesaggio arido e desolato privi di strumentazioni scientifiche e del robot, che l'avaria ha trasformato in loro nemico. L'equipaggio scopre che l'ossigeno su Marte esiste, nonostante non vi sia traccia dei campi di alghe: il mistero si svela durante la notte, quando il suolo sembra improvvisamente prendere vita ... Il film segue la traccia di tanto cinema di fantascienza anni '50: la voce fuori campo che introduce l'avventura, l'atterraggio di fortuna, la scoperta di una forma di vita ostile all'uomo, il salvataggio in extremis. Avendo impostato il film su toni seriosi (all'inizio si spiegano pensosamente le origini e gli sviluppi del dramma ecologico sulla Terra), gli sceneggiatori devono bandire tutti quegli slanci di fantasia che risultino in conflitto con una descrizione del racconto quanto più obiettivamente scientifica, e riadattano, conseguentemente, il canovaccio. Ma pur animati da buone intenzioni, "forzano" la rilettura, a cominciare dai personaggi. Al comando della missione è una donna (omaggio alla Ripley di Alien ma anche ai Sette navigatori dello spazio): esperta manovratrice di pannelli digitali, come tutti i bravi comandanti (in più lei ci mette l'istinto materno e protettivo), si preoccupa dei suoi uomini e, incalzata dall'ordine di abbandonare la missione, rimane in orbita lavorando febbrilmente per salvare l'astronave e i compagni superstiti, soli sulla superficie del pianeta. Gli astronauti - individui presumibilmente selezionati e scelti per efficienza ed equilibrio superiori - sono una copia carta carbone e solo un poco più professionale dei loro colleghi di 50 anni prima: un paio, maschietti impenitenti, "ci provano" con la comandante; si lasciano andare in dialoghi banali e l'intellettuale della compagnia si compiace di elucubrazioni sul senso della vita; naturalmente, nei momenti critici, bisticciano l'uno con l'altro. Il momento critico (dopo l'inevitabile avaria nello spazio) è dato dai pericoli del pianeta rosso. Non osando rappresentare le insidie di Marte alla vecchia maniera con i mostri antidiluviani (ragni giganti e dinosauri provocherebbero, oggi, l'ilarità della platea), e temendo di imbarcarsi in prolisse motivazioni scientifiche, gli sceneggiatori se la cavano, più modestamente, dando vita ad un formicolante tappeto di animaletti dal voracissimo appetito (... si sono mangiate tutte le alghe e adesso vorrebbero mangiarsi pure gli incauti esploratori). E pensando, forse, che si tratta di cosa poco spettacolare, cercano di dare una scossa allo spettatore esibendo il robot che si scatena in una follia omicida (la pazzia del robot: altra tappa obbligata del genere). I momenti migliori del film vanno cercati negli effetti speciali e nella fotografia. Le scorribande furiose del robot AMEE (Autonomous Mapping Evaluation and Evasion), realizzate con il computer, sono ottime e suggestiva è la rappresentazione (opera di Peter Suschitzky) della superficie marziana. Ma per un film dal quale ci si poteva aspettare un rilancio della fantascienza spaziale non è molto. Hoffman, regista televisivo e di spot pubblicitari, dà l'impressione di non sapere saldare insieme gli episodi che racconta, tanto che, a film finito, nella memoria dello spettatore rimane, al più, un ricordo spento e frammentario.

PIANETA ROSSO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 27 settembre 2012
iberico

A mio avviso questo film è stato molto sottovalutato. Finalmente un film in cui il robot fa veramente il robot e non ha personalità (anzi), nello spazio non c'è gravità e non solo cose appese ai fili. grande la scena dell'incendio: il fuoco è veramente a gravità zero! unico film in cui ho visto una scena del genere. 10 per gli effetti. la storia è bella, ne banale ne scontata, ottimo il ritmo narrativo. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 gennaio 2017
lgiulianini

Pianeta rosso è un bel film. Parte da una premessa scontata: col crescere della popolazione e lo sfruttamento sempre più massiccio delle risorse, la Terra sta diventando inabitabile e bisogna cercare “casa” altrove. Il regista affronta questo tema delicato ed attualissimo senza catastrofismi o moralismi ma semplicemente come un dato di fatto: l'uomo è un animale [...] Vai alla recensione »

domenica 19 luglio 2009
-Ary-

non mi ha preso neanche un po', forse perchè non amo molto i film di fantascienza.

Frasi
Ho la nota finale della mia biografia: deluse 12 miliardi di persone. Senza contare le sue ex mogli.
Una frase di Il dottor Quinn Burchenal (Tom Sizemore)
dal film Pianeta rosso
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Paolo Boschi
Scanner

Pianeta Rosso, diretto dell'esordiente Antony Hoffman, giovane regista sudafricano finora specializzato in spot pubblicitari, conferma che Marte non ha smesso di esercitare il suo fascino indiscreto sul cinema americano di matrice fantascientifica, giusto ad un anno da Mission to Mars. Rispetto al film di Brian De Palma Pianeta Rosso sposta l'azione in un futuro più lontano – di circa un trentennio [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Niente di particolare, un film di genere su una nuova spedizione verso Marte. Un gruppo di capaci astronauti guidati da una bella capitana, Carrie-Anne Moss, viene inviato sul pianeta rosso per colonizzarlo salvando così l'umanità dalla catastrofe ecologica che s’è abbattuta sulla Terra. Disavventure: il pianeta non è disabitato come si pensava; il robot-guida e protettore impazzisce e attacca gli [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Prefigurando lo scenario del nuovo millennio, Arthur C. Clarke, lo scrittore inglese che ispirò2001: Odissea nello Spazio di Kubrick, lo ha dato per certo: entro qualche decennio avremo sistemi di propulsione spaziale tanto potenti e sicuri da consentirci di esplorare l'intero sistema solare. E, se continuiamo a maltrattare, come facciamo, la nostra povera Terra, non c’è dubbio che per sopravvivere [...] Vai alla recensione »

RECENSIONI MYMOVIES
PUBBLICO
RASSEGNA STAMPA
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati