L'odore del sangue

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblicon.d.
Interpreti bravissimi per un film crudo, conturbante e angoscioso, che ben rappresenta le pulsioni irrazionali e oscure dell'animo umano.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Da Parise una storia di erotismo, decadenza e perversione
Davide Morena     * * * - -

Carlo e Silvia sono separati ma conservano un rapporto molto intimo. Lui ha una giovane fidanzata nel paese di campagna dove si è ritirato, lei abita la casa di Roma consumando occasionali rapporti con amanti passeggeri. Un giorno Silvia si invaghisce di un ragazzo molto giovane, un neonazista violento e incolto, prepotente, dedito soltanto al "culto della forza". La relazione tra i due turba Carlo, che si riaccende di gelosia per la moglie. Torna Martone dopo sei anni di assenza dal grande schermo, e lontano dalla sua Napoli, con un film che "odora di sangue" proprio come suggerisce il titolo. Esplicito e crudo, il film è costruito su personaggi complessi e profondi che si rincorrono in un gioco perverso: se l'odore del sesso non basta, forse può servire far annusare quello del sangue alla persona amata, per riconquistarla. Ma dove c'è odore di sangue, quasi sempre, è perché da qualche parte c'è sangue. Attori davvero straordinari, per una volta omaggiati di dialoghi e movimenti alla loro altezza.

Stampa in PDF

Premi e nomination L'odore del sangue MYmovies
L'odore del sangue recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
* * * * -

Sconvolgente

martedì 3 giugno 2014 di Luigi Chierico

Quando si entra in un cinema per vedere un film,di cui non si sa nulla,ci si può rimanere scontenti o sconcertati.Se ti capita di ssistere alla proiezione del film “L’odore del sangue” senza un’adeguata preparazione psicologica,ovvero perché non sei pronto e capace di entrare nella storia, perché non ne condividi le ragioni, che non solo non sono condivise, ma neanche essere accettate dalla tua morale, allora ne uscirai sconvolto,prima ancora di vederne la fine.Mi riferisco soprattutto agli spettatori continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film L'odore del sangue adesso. »

di Gian Luigi Rondi Il Tempo

Carlo cinquantenne, è scrittore, Silvia, sua coetanea, è gallerista. Sono sposati da anni, ma lui vive in campagna con una giovanissima amante, lei, nella loro casa di Roma, riceve spesso uomini molto più giovani di lei. Senza gelosie, all’insegna di una reciproca libertà. Silvia però un giorno comincia a frequentare un giovane che, olte ad avviarla a giochi turpi di sesso, la coinvolge in ambienti altrettanto turpi, dove domina la violenza. Carlo, da quella relazione è morbosamente turbato, al punto da pretendere da Silvia, fino all’ossessione, la continua descrizione, anche nei suoi dettagli più scabrosi, dei suoi rapporti con l’altro. »

di Lietta Tornabuoni L'Espresso

L’odore del sangue è il titolo di un romanzo che Goffredo Parise scrisse nel 1979. Era molto malato. Subito avvolse il dattiloscritto in una custodia, lo sigillò coi piombini e la ceralacca e lo chiuse in un cassetto. Non lo riaprì e non lo rilesse fino al giugno 1986. Non lo riscrisse né ritoccò. Pochi giorni dopo fu portato in ospedale e il 31 agosto morì. Non solo il titolo, anche l’argomento e l’epilogo de “L’odore del sangue”, ha scritto Cesare Garboli, «si connettono direttamente a un pensiero fisso, all’ossessione del sangue, nel cui odore dolciastro e nauseabondo Parise riconosceva l’origine della vita, la traccia crudele, e appunto sanguinosa, che lasciano alloro passaggio la gioventù e la passione di vivere». »

di Fulvia Caprara La Stampa

Prima che un film «un laboratorio personale». Un’occasione per riflettere sulla «violenza e sul disordine» che angosciavano l’autore, nella convinzione che «ciò che accade intorno a noi non è mai separato da quello che accade dentro di noi». Colpito al cuore dalla prima lettura dell’Odore del sangue, il romanzo scritto da Goffredo Parise nel 1979 e pubblicato vari anni dopo la sua morte, Mario Martone ha affrontato l’impresa di trasferire sul grande schermo un testo fatto «di scrittura limpida e cristallina, dove anche le cose più oscure sono dette con parole semplici e chiare». »

di Roberto Nepoti La Repubblica

Il titolo del romanzo di Goffredo Parise (ed.Rizzoli) riguarda qualcosa d'inesplicabile. Lo stesso scrittore, nel prologo, tenta di spiegarlo; ma poi rinuncia. Ci si avvicina Cesare Garboli, quando nell'ossessione del sangue riconosce "l'origine della vita, la traccia crudele che lasciano al loro passaggio la gioventù e la passione di vivere". Coppia sulla cinquantina, Carlo e Silvia hanno sostituito la comunicazione dei sensi con un rapporto di forte complicità reciproca. Si scambiano quotidianamente lunghe telefonate in cui si raccontano tutto; anche se lui vive la maggior parte del tempo in campagna con Lu', una donna molto più giovane. »

L'odore del sangue | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Shop
DVD
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità