•  
  •  
Apri le opzioni

Aya Ueto

Aya Ueto è un'attrice giapponese, è nata il 14 settembre 1985 a Tokyo (Giappone). Aya Ueto ha oggi 37 anni ed è del segno zodiacale Vergine.

La reginetta pop del Giappone

A cura di Annalice Furfari

Scoperta da bambina, Aya Ueto, attrice, cantante e modella, è una delle donne di spettacolo più ammirate e contese di tutto il Giappone. Sguardo vispo e pulito e lineamenti raffinati, è passata con rapidità dalla condizione di idolo degli adolescenti a quella di brillantissima stella della musica, della televisione e del cinema nipponico. E anche quando non appare in tv o non si esibisce sul palcoscenico, il suo sorriso affabile e popolare campeggia sulle pubblicità e sulle copertine delle riviste più patinate del paese, mantenendo sempre fisse su di lei le luci della ribalta.

Gli esordi e il successo nella musica
Aya Ueto nasce il 14 settembre 1985 nella municipalità di Nerima, a Tokyo. Nonostante cresca in una famiglia non benestante, da piccola studia pianoforte, danza moderna, nuoto e ginnastica. Con il sogno fanciullesco di diventare insegnante di scuola materna, Aya cambia ben presto strada. Nel 1997, infatti, la madre la iscrive, a sua insaputa, al celebre concorso di bellezza "Japan Bishojo Contest", spesso trampolino di lancio per una carriera di successo nel mondo dello spettacolo. Pur non vincendo la competizione, la dodicenne viene notata e si aggiudica il premio speciale della giuria, che la catapulta in diversi spot pubblicitari, rendendola popolare. Conquistata dalle luci della ribalta, Aya abbandona la scuola e inizia a prendere lezioni di canto e recitazione. Nel 1998 entra a far parte della band pop Z-1, insieme ad altre ragazzine scoperte dal "Japan Bishojo Contest". Le Z-1 pubblicano solo cinque singoli prima dello scioglimento, ma Aya spicca nel gruppo e ottiene un contratto discografico con la Pony Canyon. Nel 2001 viene pubblicato il suo primo singolo, "Pureness", che giunge fino alla quarta posizione dei brani più venduti in Giappone. Seguiranno altri tredici singoli e sei album che consacreranno Aya come una delle cantanti giapponesi di maggior successo degli ultimi anni.

Star della tv
In parallelo all'avviata carriera nel mondo della musica, Aya ne porta avanti un'altra, di altrettanto successo, al cinema e in televisione. Debutta sul grande schermo, a 14 anni, nel thriller Satsujinsha: Killer of Paraiso (1999) di Hiroyuki Kurokawa. Nel 2000 si fa notare nel ruolo di supporto di Momo Fuchigami nella serie tv Namida o fuite, che ottiene un grande apprezzamento e contribuisce ulteriormente all'affermazione di questo astro nascente dello spettacolo giapponese. La prima importante conferma del talento di Aya arriva nel 2001, quando ottiene il ruolo di Nao Tsurumoto nella sesta stagione della longeva e popolare serie tv (o "dorama") 3-nen B-gumi Kinpachi Sensei (2001-2005), ambientata in una classe del terzo anno di una scuola media giapponese. Nella serie, che affronta i problemi dell'adolescenza, Aya offre un'interpretazione appassionata nei panni di una studentessa che soffre del disturbo dell'identità di genere. Il ruolo le vale un Golden Arrow Award come migliore emergente e le spalanca le porte della celebrità. A partire da quel momento è, infatti, richiestissima e diventa uno dei volti più noti e riconoscibili dell'intero Giappone. Conduttrice di uno show radiofonico, Aya si vede assegnati molteplici ruoli di primo piano in sceneggiati televisivi molto seguiti, tra cui gli adattamenti dei popolari manga per ragazzi Jenny la tennista (2004) - che la vale un Television Drama Academy Award e di cui firma anche la colonna sonora, con un singolo di grande successo - e Mimì e la nazionale di pallavolo (2005), per il quale lancia un'altra canzone popolare.

Il successo cinematografico
L'ultimo terreno di conquista rimastole è ben presto saccheggiato: nel 2003 Aya è l'eroina samurai protagonista, sul grande schermo, del film cult Azumi di Ryûhei Kitamura, tratto dall'omonimo manga di Yu Koyama. Con il destino di un Giappone lacerato da guerre civili nelle sue mani, la bella e coraggiosa Azumi conquista i cuori del pubblico, incrementando ancor di più il successo dell'attrice, che si aggiudica diversi premi, tra cui l'Élan d'Or Award, il Japan Movie Critic Award e il Japanese Academy Award. Nel 2004 Aya recita accanto a Rynosuke Kamiki nell'adattamento cinematografico del romanzo di successo di Risa Wataya, Install, presentato al Tokyo International Film Festival. Dopo aver prestato il volto a due sorelle gemelle nel popolare sceneggiato televisivo Yoshitsune (2005), torna al cinema per il sequel Azumi 2 (2005) di Shusuke Kaneko. Nel 2006 è presente ai Giochi Olimpici invernali di Torino come inviata della televisione giapponese. Nello stesso anno recita nel suo "dorama" di maggior successo, Attention Please, remake di un dramma televisivo del 1970, a sua volta tratto da un manga incentrato sulla formazione degli assistenti di volo della Japan Airlines. Dopo l'ennesimo ruolo da protagonista in televisione e una parte secondaria al cinema nel film Sakura no sono (2008) di Shun Nakahara, è la prima attrice di sempre a campeggiare sui francobolli postali ufficiali. Instancabile, dopo aver lanciato la sua prima collezione di abiti da sposa, l'attrice ritrova il regista di Azumi, Ryûhei Kitamura, doppiando il personaggio di Mikaru nel film di animazione Baton (2009). In coppia dal 2010 con Hiro, il leader della boyband giapponese Exile, nel 2012 Aya incarna Mami nella commedia Thermae Romae di Hideki Takeuchi, tratto da un manga di grande successo, incentrato su un progettista di terme dell'antica Roma che viene catapultato nel Giappone del futuro, dove carpisce i segreti di una civiltà tecnologicamente più avanzata e li sfrutta per diventare l'architetto più celebre dell'impero. Nel 2013 Aya è Oharu Funaki, una cuoca molto apprezzata che prova a insegnare la cucina al suo neosposo, in A tale of Samurai Cooking - A True Love Story di Yuzo Asahara. Incarna poi Fuji Tanimura nel drammatico Oshin (2013) di Shin Togashi, su una giovane che viene mandata a lavorare in una famiglia di estranei, a causa della cattiva situazione finanziaria della sua famiglia. L'attrice riprende il ruolo di Mami nel sequel Thermae Romae II (2014).

Ultimi film

Commedia, (Giappone - 2012), 109 min.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati