Tori e Lokita

Film 2022 | Drammatico, 80 min.

Regia di Luc Dardenne, Jean-Pierre Dardenne. Un film Da vedere 2022 con Mbundu Joely, Pablo Schils, Marc Zinga, Claire Bodson, Baptiste Sornin. Cast completo Titolo originale: Tori et Lokita. Genere Drammatico, - Francia, 2022, durata 80 minuti. Uscita cinema giovedì 24 novembre 2022 distribuito da Lucky Red. - MYmonetro 3,04 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Tori e Lokita tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento giovedì 7 luglio 2022

Un ragazzo e una ragazza si trovano in Belgio dopo esser scappati dall'Africa. Il film è stato premiato al Festival di Cannes,

Consigliato sì!
3,04/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,07
PUBBLICO
CONSIGLIATO SÌ
I Dardenne raccontano una fratellanza apparentemente impossibile, semplificando lo stile ma senza rinunciare al loro umanesimo integrale.
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 25 maggio 2022
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 25 maggio 2022

Lokita è una ragazza che, nell'arrivo in Europa, ha incontrato un bambino, Tori. I due sono diventati di fatto, pur provenendo l'una dal Camerun e l'altro dal Benin, fratello e sorella. Per la legge del Belgio però devono poterlo dimostrare e, non riuscendovi, il lato peggiore della vita è in loro attesa.

I fratelli Dardenne raccontano una fratellanza apparentemente impossibile perché non dettata dal sangue ma dalla vicinanza affettiva e dal comune bisogno.

Dinanzi al cinema dei Dardenne, da qualche film a questa parte, si verifica quella che si potrebbe definire una divaricazione. Chi ricorda le loro opere cinefilicamente 'dure e pure' oggi sembra fare fatica a riconoscerli e ad apprezzarli. Li trova quasi normalizzati non facendo lo sforzo (o non volendolo fare) di chiedersi perché il loro stile non sia più quello di Rosetta o di Il figlio.

C'è poi chi invece, come è accaduto per la prima di Cannes 75, li fischia perché li ritiene troppo di sinistra e 'di parte'. Sarebbe invece utile chiedersi perché il loro linguaggio filmico si sia apparentemente semplificato mentre il loro umanesimo integrale non abbia arretrato di un millimetro. Una delle risposte potrebbe risiedere nel desiderio dell'arrivare al più ampio pubblico possibile con vicende che traggono la loro ispirazione dalla realtà e che, come in questo specifico caso, non hanno bisogno di nomi di richiamo ma debbono trovare la loro verità proprio in un casting il più anonimo (per lo star system) possibile.

Allora la vicenda di questa sorella e fratello divenuti tali su un barcone o in un centro di prima accoglienza ma non autorizzati ad esserlo da un sistema che pretende di tutelarsi quando invece crea disadattamento e microcriminalità, diventa reale anche quando sembra che la sceneggiatura, a un certo punto, giri a vuoto.

Perché non è la pagina scritta e poi portata sullo schermo a non trovare la giusta dimensione. È la vita dei due protagonisti che non riesce ad uscire da uno schema privo di senso che la società ha costruito per loro. Lokita un altro fratello ce l'ha davvero e deve piegarsi a ciò che l'evoluta Europa le chiede per aiutarlo negli studi. Tori a tratti diviene il suo fratello maggiore ed entrambi trovano nel canto quella condivisione che altri cercano di vanificare.

"Alla fiera dell'Est" diventa così l'emblema di una catena di punizioni apparentemente ineluttabili che potrebbe essere spezzata solo che lo si volesse davvero. Ma lo si vuole veramente? In questi tempi di pandemia e di guerra le vite dei migranti sono passate in secondo piano anche per molti di quelli che prima ne sostenevano le ragioni. I Dardenne tornano a ricordarci che quelle vite ci riguardano.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 31 maggio 2022
Roberto Manassero
Film TV

Il nuovo film dei fratelli Dardenne è come sempre costruito attorno a una trama che prosegue per tappe, per progressivi passaggi dei personaggi. L'ennesima fiaba, insomma, che nella sua crudezza ed efficacia replica l'efficiente crudeltà del mondo. Tori et Lokita è fatto, come il ti- tolo, dei suoi due protagonisti, e niente di più: un bambino e una ragazza dell'Africa subsahariana, entrambi arrivati [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 maggio 2022
Alessandra Levantesi
La Stampa

Con i fratelli belgi è come con l'inglese Ken Loach: quando arriva un loro nuovo film, si tende a liquidarli come «I soliti Dardenne», ma non è come dire «Il solito Morandi» davanti a uno dei quadri di vasi del pittore? Tori e Lokita racconta la vicenda di due giovanissimi profughi approdati dal Benin in Belgio. Essendo orfano, il ragazzino Tori ha avuto il permesso di soggiorno; per ottenerlo Lokita [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 maggio 2022
Federico Pedroni
Duels.it

Tori e Lokita sono arrivati in Belgio su un barcone, lasciando il Benin in cerca di un'idea di vita in più. Lei è una giovane donna che potrebbe diventare infermiera; lui è ancora un bambino, costretto a un'esistenza in stridente contrasto con la sua età. Tori e Lokita sono inseparabili ma la legge belga deve indagare: sono davvero fratello e sorella come dicono - a noi non importa, a loro non importa, [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 maggio 2022
Elisa Battistini
Quinlan

I fratelli Dardenne, due Palme d'Oro all'attivo (la prima per Rosetta, la seconda per L'Enfant) tornano in Concorso sulla Croisette con un altro film, Tori e Lokita. Più che "nuovo", infatti, viene ormai da dire "un altro", l'ennesimo, come se i due avessero trovato la formula per realizzare un'opera, l'avessero brevettata e la riproducessero con qualche ingrediente differente ma per ottenere più o [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 maggio 2022
Chiara Borroni
Cineforum

È un cinema di movimento quello dei fratelli Dardenne, o di pedinamento - se volete. Un cinema in cui lo spettatore viene portato per mano precisamente, senza grandi possibilità di deviazione. Un cinema che chiede empatia, prima di tutto. Lo conferma anche il loro ultimo film, Tori e Lokita, che segue le vicende di due giovani immigrati africani accolti in un centro di accoglienza in Belgio e che si [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 maggio 2022
Giampiero Raganelli
Cineclandestino

Tornano a Cannes anche i festivalieri Jean-Pierre e Luc Dardenne, la cui carriera è indissolubilmente legata alla Croisette, con due Palme d'Oro, per Rosetta e L'enfant, e vari premi collaterali. Da tempo ormai il mondo marginale degli ultimi, da sempre fulcro del loro cinema, è rappresentato da immigrati, costretti a combattere ogni giorno per un tozzo di pane, in Belgio come in tutti i paesi europei [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 maggio 2022
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Lokita è una giovane ragazza, Tori è ancora un bambino. Entrambi provengono dall'Africa subsahariana, arrivati in Belgio. Si fingono fratello e sorella, per farsi coraggio entrambi. Cercano occupazione, ma finiscono nel giro dello spaccio e di malavitosi. Vengono separati, cercano di ribellarsi e la loro vita è sempre in pericolo. I fratelli Dardenne, che qui a Cannes amano da sempre alla follia (anche [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 maggio 2022
Vania Amitrano
Ciak

I fratelli Jean-Pierre e Luc Dardenne sono ormai frequentatori abituali del Festival di Cannes, in questa 75ma edizione sono tornati in Concorso con un film, Tori and Lokita, che conferma la loro cifra distintiva pulita, drammaticamente significativa e intensa. I due registi belgi portano sul grande schermo una nuova storia tanto dolorosa quanto delicata e ricca di umanità.

mercoledì 25 maggio 2022
Andrea Martini
Quotidiano Nazionale

Si sono conosciuti in un barcone di migranti, vengono da paesi diversi anche se la loro pelle ha lo stesso colore: fingono di essere fratelli. Il minorenne Tori ha le carte in regola per vivere in un paesino della Vallonia, la poco più che adolescente Lokita lo sarebbe solo se fosse sua sorella. Le difficoltà quotidiane aumentano e spacciare droga non basta per procurarsi falsi documenti.

mercoledì 25 maggio 2022
Francesco Alò
Il Messaggero

Visione elettrizzante quella di Tori et Lokita dei Fratelli Dardenne, dramma sociale girato come un action movie mozzafiato (si spara e ci si prende a bastonate). I due ragazzini africani del titolo (lei alta e bellissima, lui piccolo e sgusciante) spacciano, si prostituiscono e custodiscono una serra di marijuana. Li comandano a bacchetta e loro agiscono come disperati automi.

mercoledì 25 maggio 2022
Cristina Piccino
Il Manifesto

Tori e Lokita sono due ragazzini africani arrivati in Belgio coi trafficanti, si presentano come fratello e sorella, e di fatto lo sono perché il loro è un legame nato nel «viaggio» che li ha portati in Europa durante il quale si sono sempre aiutati e sostenuti per non essere sopraffatti. Ma le leggi e la burocrazia europee funzionano diversa- mente, a questa «fratellanza» - tutta laica, che riguarda [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 maggio 2022
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

Lokita è inquadrata dietro la nuca mentre dorme. È una delle rare immagini di un pedinamento emotivo prima che fisico. È anche uno dei pochi momenti dove non è in fuga ma invece è ferma. Solo in quel frammento lo sguardo dei Dardenne diventa autenticamente vicino alla protagonista e tralascia per un attimo l'insistita sottolineatura delle sue azioni e quelle di Tori.

martedì 24 maggio 2022
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

I belgi Jean-Pierre, classe 1951, e Luc, classe 1954, ovvero i fratelli Dardenne, sono la crème de la crème di Cannes. Hanno vinto la Palma d'oro con Rosetta nel 1999 e L'Enfant - Una storia d'amore nel 2005, con Il ragazzo con la bicicletta il Grand Prix Speciale della Giuria del 2011 e tanti altri riconoscimenti: insomma, aristocrazia della Croisette.

NEWS
CANNES FILM FESTIVAL
mercoledì 25 maggio 2022
Giancarlo Zappoli

In Concorso al Festival di Cannes e prossimamente al cinema. Vai all'articolo »

winner
premio 75° anniversario
Festival di Cannes
2022
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati