Senza fine

Film 2022 | Documentario, +13 80 min.

Anno2022
GenereDocumentario,
ProduzioneItalia
Durata80 minuti
Regia diElisa Fuksas
AttoriOrnella Vanoni, Samuele Bersani, Vinicio Capossela, Paolo Fresu, Elisa Fuksas .
Uscitagiovedì 24 febbraio 2022
TagDa vedere 2022
DistribuzioneI Wonder Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,29 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Elisa Fuksas. Un film Da vedere 2022 con Ornella Vanoni, Samuele Bersani, Vinicio Capossela, Paolo Fresu, Elisa Fuksas. Genere Documentario, - Italia, 2022, durata 80 minuti. Uscita cinema giovedì 24 febbraio 2022 distribuito da I Wonder Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,29 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Senza fine tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento lunedì 21 febbraio 2022

Un ritratto, un omaggio ma soprattutto la ricerca del modo giusto di raccontare Ornella Vanoni. In Italia al Box Office Senza fine ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 40,3 mila euro e 32,1 mila euro nel primo weekend.

Senza fine è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it e su LaFeltrinelli.it. Compra subito

Powered by  
Consigliato sì!
3,29/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,88
PUBBLICO 4,00
CONSIGLIATO SÌ
Un ritratto audace di Ornella Vanoni e della sua carriera multiforme e colossale, tra metafora acquatica e cornice elegante.
Recensione di Raffaella Giancristofaro
giovedì 10 febbraio 2022
Recensione di Raffaella Giancristofaro
giovedì 10 febbraio 2022

La scrittrice e regista Elisa Fuksas aspetta in un autogrill Ornella Vanoni, per girare un film di cui lei sarà protagonista. Il set è l'elegante l'Health Clinic & Grand Hotel di Castrocaro (Forlì-Cesena), struttura termale inaugurata alla fine degli anni '30, oggi spa e albergo a cinque stelle. Qui la cantante è accolta anche da un medico, a cui riferisce delle sue abitudini di vita, da dietro un vetro opaco. Tra un centrifugato di frutta, un bagno in piscina, una lezione di postura e un'indicazione di scena, un po' si confida, molto spesso accenna canzoni, riceve la visita degli amici Paolo Fresu, Vinicio Capossela e Samuele Bersani. Intanto, regista e troupe, per lo più, rispettano e aspettano i suoi tempi, con ovvie conseguenze sul piano di produzione.

Scritto da Elisa Fuksas e Monica Rametta, così come il precedente e più personale iSola (2020), Senza fine è prima di tutto una manifestazione d'audacia: tentare di incorniciare in un film una carriera multiforme e colossale e una personalità esuberante come Ornella Vanoni richiede una certa spavalderia. Anche qualcosa di più, se si viene da fuori Milano.

Ma Fuksas non teme di mettersi in campo dall'inizio, da sola e a fianco al suo oggetto di ricerca: nella sua stanza, provvista di vasca sinuosa a un passo dal letto, ai vari tavoli dell'albergo, tra terrazze e ricercati angoli déco, in passeggiata nel parco, immersa in una piscina d'acqua verde.

Mentre raccoglie confidenze, come un'amica giovane, acquisita di recente, parimenti anticonvenzionale, inanella dettagli, l'occhio per l'inquadratura non manca. La chiave per avvicinare la creatura quasi mitologica che è "la Vanoni" - che in "Toy Boy" modula "È tardi, tardi, tardi / per me sirena tra la gente" e che ha come sorella d'elezione un'inseparabile barboncina di nome Ondina - è assecondarne la natura spontaneamente acquatica.

Inquadrare un corpo (da sempre) alieno, sessualmente anfibio, e immaginarlo gradualmente mutarsi in pesce. Idea che infatti, per quanto non praticata con sufficiente convinzione, regala il momento migliore del film - il finale - a cui da grande performer Vanoni si presta. Almeno, fino a un certo punto. Perché, nonostante la chimica evidente tra regista e primattrice, lo scambio tra personalità forti fa scintille, o più semplicemente perché il tempo a disposizione è troppo poco: non tanto per riformulare per l'ennesima volta ciò che è già stato detto in decine di tour, interviste, libri ("Una bellissima ragazza"), film (Ricetta di donna), ma perché il gioco abbia una sua rotonda compiutezza, uno scarto effettivo rispetto alla classica intervista di carriera che la regista dice di voler evitare.

E così, sotto la fotografia nitida, di Simone D'Arcangelo e Emanuele Zarlenga, che padroneggia contrasti cromatici e cattura simmetrie, si percepisce un certo caos: mentre la celebrazione del passato sembra respinta al mittente, irrompono tra una scena e l'altra, come tuffi al cuore, alcuni grandi successi, in ricercate esibizioni di classici dell'era televisiva in bianco e nero ("Eternità", "Senza fine", "Un'ora sola ti vorrei", "Domani è un altro giorno").

Quando, in più occasioni, il filo si perde, il montaggio di Michelangelo Garrone trova delle accelerazioni improvvise, aggregando momenti di un set evocativo e sofisticato quanto il vibrato della protagonista. Ambientazioni che, con buona pace dell'approccio "alla Guadagnino", molto fanno ma non risolvono il film.

Cronaca di uno splendido fallimento, di dialoghi autoreferenziali e rari momenti irresistibili (il medico: "Com'era, quand'era giovane?". Lei: "Giovane quando?"), Senza fine lascia un sapore di frustrazione, come quando registra le presenze piuttosto decorative dei tre musicisti compagni di viaggio, schiacciati da una Vanoni larger than life, sempre ironica, leggera, eppure ancora in parte sovrastata da quell'immagine di sé che campeggia nel grande schermo del prefinale. Il making of di un film forse impossibile, concluso in acqua, recitando un'Ave Maria di protezione.

Sei d'accordo con Raffaella Giancristofaro?
SENZA FINE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-

Anche su supporto fisico

DVD

BLU-RAY
€12,99
€12,99
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 12 marzo 2022
grolandi

Documentario molto originale che commuove, fa ridere e sorridere, pensare e contemplare: bellissima l'ultima scena in cui la Vanoni diventa una creatura mitologica marina, destinata all'eternità. Il taglio scelto dalla regista che racconta anche il suo rapporto di amore/odio con la diva e la difficoltà dii completare il docuementario ha diviso il pubblico.

FOCUS
FOCUS
giovedì 24 febbraio 2022
Giovanni Bogani

Poteva essere un documentario tradizionale. Di quelli con tanti filmati in bianco e nero, spezzoni di varietà televisivi, ritagli di giornale dell’epoca, e interviste. Tante interviste. A tutti quelli che hanno incrociato la sua strada di cantante, con più di sessant’anni di carriera. Poteva essere un enorme album di fotografie. Un album di fotografie fatto dalle interviste con Gino Paoli, magari con Mogol, con Paolo Conte. Con quelli che hanno cantato con lei, con quelli che hanno amato la sua voce, la sua persona, la sua misteriosa, sofisticata, esile, affascinante voce, e la sua persona.

Sarebbe stato un documentario “classico”, e questo non lo è. Senza fine, come il titolo di una delle sue canzoni più famose, ma anche perché sembra portarci già nel mezzo delle cose. Nel mezzo di un’amicizia fra la regista e l’artista, nel mezzo di una conversazione, al centro esatto del presente di Ornella Vanoni.

Senza fine, diretto da Elisa Fuksas, regista quarantenne, presentato alle Giornate degli Autori a Venezia e in sala dal 24 febbraio, è girato praticamente tutto in un hotel, il Grand Hotel di Castrocaro, che è anche un istituto termale. Come in una versione moderna de L’anno scorso a Marienbad, grandi corridoi vuoti, grandi saloni deserti, solo tavoli, divani, letti immensi, scorci da cui si intuisce, più che vedere, una natura meravigliosa dall’altra parte dello sguardo. E lì, fra quei corridoi, in quelle stanze, ci sono la regista e Ornella a inseguirsi, a cercare di intuirsi, di comprendersi. Sfiorando certi temi, senza mai cercare un ordine cronologico, senza mai cercare un “racconto” vero e proprio. E senza voler raffigurare neppure l’Italia che viveva, l’Italia di quegli anni, l’Italia che si riconosceva in quelle canzoni.

Come ne L’anno scorso a Marienbad – beh, non in modo così geometrico ed enigmatico: non abbiate paura – le frasi si ripetono, ma la verità sembra sempre sfuggire un po’. Ornella Vanoni che un po’ resiste, un po’ protesta all’idea dell’intervista, Ornella Vanoni con i fantastici capelli color arancio che forse si vedono anche dalla Luna, Ornella Vanoni con la sua cagnetta Ondina, tutte e due felici solo quando si lasciano andare nel loro elemento: l’acqua.

E il film che diventa quasi un documentario su un documentario che sta nascendo, con fatica. Un passo avanti e due indietro, nei corridoi di questo splendido e inquietante Overlook Hotel: Ornella che non si trova, Ornella che non risponde al telefono, Ornella che finalmente appare, in una tunica bianca. Ornella che, a spizzichi e bocconi, racconta di Strehler innamorato, racconta dell’incontro con Gino Paoli, ragazzo privo di grazia ma non privo di fascino e di mistero. Ma tutto come se fosse già saputo, già detto: non c’è bisogno di approfondire, non c’è bisogno di definire date. E poi, le date, non sono proprio il suo forte, lo dice anche nel documentario.

Ogni tanto, un visitatore d’eccezione. Vinicio Capossela, Paolo Fresu, Samuele Bersani. Ognuno con un approccio diverso, fra i quali forse il più affettuoso, il più sciolto e il più complice è quello di Samuele Bersani.

Le domande sono piccoli sfioramenti. “Ma com’è successo che dal teatro hai cominciato a cantare?”. O “Quindi hai incontrato Paoli, e che cosa è successo?”. Ornella racconta il minimo indispensabile. Accenna alla sua depressione, parla del figlio, della vita d’artista che in lei ha divorato gran parte del tempo necessario a essere madre. In alcuni momenti veri, come è vera la voce di Ornella nelle sue canzoni, dice “Mi manca la tenerezza, mi mancano gli abbracci”. Ha scelto, da anni, di vivere da sé, con sé. La solitudine e la depressione sono due ombre che stanno sullo sfondo di tutto il film. “Quando entravo in una stanza d’hotel, nel grande letto a due piazze stendevo tutti i miei vestiti dalla parte in cui non dormivo, per sentire la stanza meno… meno…?”. “Desolata?” propone Elisa Fuksas. “Ecco”.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
domenica 6 marzo 2022
Tonino De Pace
Duels.it

Chi si aspettava un film sul passato, sui ricordi, sull'onda di una musica che ha segnato una bellissima stagione di stravolgimenti culturali, rimarrà certamente deluso da Senza fine, diretto da Elisa Fuksas, in concorso alle Giornate degli Autori nell'ultima edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Il film, infatti, scandaglia con una certa originalità, per quanto a volte un po' ostentata, il [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 marzo 2022
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Perché fare un film su Ornella Vanoni? «Un film su di me è qualcosa di irreale, a un certo punto è come una fiaba, bello finire la vita in un fiaba». Allo specchio del cinema, Vanoni fa qualcosa di molto reale, perché più che il passato racconta un presente d' incredibile vitalità gettato contro il tempo. Dovrebbe stare al servizio della giovane regista, che invece lascia più o meno tutto nelle mani [...] Vai alla recensione »

sabato 26 febbraio 2022
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Neanche questo documentario - d' autrice, nonché figlia d' arte: si chiama Elisa Fuksas - evita i difetti che ci hanno allontanato dal genere, praticato in Italia al di là di ogni ragionevolezza. A dispetto della capacità di assorbimento del mercato, per questo hanno inventato le uscite evento, tre giorni infrasettimanali. Nella mente dei registi, un personaggio di richiamo, con immagini di repertorio [...] Vai alla recensione »

sabato 26 febbraio 2022
Antonello Catacchio
Il Manifesto

Senza fine recita il titolo, inventato da Gino Paoli per Ornella Vanoni e riciclato da Elisa Fuksas per il suo documentario dedicato alla stessa Ornella. E subito affiora un problema tanto la Vanoni è grande e debordante tanto la Fuksas è presuntuosa e invadente. Perché non è da tutti avere a disposizione un' icona della musica e della cultura e non è da tutti volerla forzare al proprio disegno artistico. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 23 febbraio 2022
Fabrizio Croce
Close-up

"Non hai ieri, non hai domani. Tutto è ormai nelle tue mani, mani grandi. Mani senza fine". Le parole della canzone che Gino Paoli scrisse nel 1961 per Ornella Vanoni, continuano a vestire perfettamente il corpo e lo spirito dell' ottantasettenne cantante milanese, fin dalla prima, folgorante apparizione che apre l'omonimo film incentrato, come lo era il brano di Paoli, non tanto e non solo su di [...] Vai alla recensione »

mercoledì 23 febbraio 2022
Tiziana Morganti
Asbury Movies

Nel corso degli anni è stata considerata una donna di grande eleganza, una voce inconfondibile, la ragazza che interpretava le canzoni della mala. Non tutti, però, sanno che Ornella Vanoni, oltre a tutto questo, è stata anche una ragazza timida che, nel corso degli anni, ha scoperto tante caratteristiche della sua personalità tra cui l'ironia. Perché un elemento che caratterizza oggi l'artista e la [...] Vai alla recensione »

martedì 22 febbraio 2022
Adriano De Grandis
Film TV

C'è un po' troppa ambizione in questo Senza fine, ma anche il tentativo piuttosto riuscito di raccontare una grande star della canzone italiana, sfidando le attese di una rilettura convenzionale giocata sui ricordi e sulle canzoni con una messa in scena che smascheri continuamente il finzionale, fino a un biopic che travalichi il peso di una frontalità narrativa, inserendo dialoghi e confidenze in [...] Vai alla recensione »

martedì 22 febbraio 2022
Mariuccia Ciotta
Film TV

Al di là del male e del sangue che scorre a fiotti da gole squarciate, al di là di incubi e deliri, fiabe nere, freak e teste mozzate, resta il nucleo emotivo e formale del cinema di Argento, l'innocenza. «Suspiria è molto ispirato a Biancaneve», dice il regista, e alla strega Grimilde, capostipite della trilogia "Le tre madri". In Phenomena, Jennifer Connelly, apparizione sonnambula, parla con gli [...] Vai alla recensione »

martedì 22 febbraio 2022
Emanuela Martini
Film TV

I "Troubles" (i tumulti che scoppiarono nell'estate del 1969 e che portarono a quella "guerra a bassa intensità" che per vent'anni contrappose protestanti e cattolici in Irlanda del Nord) visti attraverso gli occhi di un bambino di nove anni. Belfast racconta la storia dell'ultima estate che Kenneth Branagh passò nella sua città natale prima che la sua famiglia, protestante, si trasferisse in Inghilterra. [...] Vai alla recensione »

lunedì 21 febbraio 2022
Lorenzo Ciofani
La Rivista del Cinematografo

"Ma io perché ho deciso di fare questa cosa qua?" si lamenta, all'inizio di Senza fine, Ornella Vanoni. Ed è la chiave di tutto perché mette in campo i due assi del film: il conflitto con una regista, Elisa Fuksas, che la rincorre, la stana e dunque viene respinta; e la capacità della protagonista di impossessarsi del campo, piegare gli eventi a proprio favore, imporre una visione solo in apparenza [...] Vai alla recensione »

lunedì 21 febbraio 2022
Chiara Zuccari
Sentieri Selvaggi

La prima impressione che si ha davanti all'ultimo documentario di Elisa Fuksas, è di un'opera volutamente destrutturata, che giocoforza fa della propria incompiutezza l'elemento attorno al quale (de)costruire il racconto. Già a partire dalla scelta del soggetto principale, Ornella Vanoni, di cui tutto è già stato detto e di cui resta ben poco da rivelare che ella stessa non voglia far sapere (le relazioni [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
giovedì 17 febbraio 2022
 

La rivelazione dell'intimità della cantante, esibita attraverso il rapporto con la regista Elisa Fuksas. Dal 24 febbraio al cinema. Guarda la clip »

TRAILER
martedì 18 gennaio 2022
 

Non la vita di Ornella Vanoni ma la rivelazione della sua intimità esibita. Un film diretto da Elisa Fuksas, da giovedì 24 febbraio al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
giovedì 23 dicembre 2021
 

Un ritratto, un omaggio ma soprattutto la ricerca del modo giusto di raccontare Ornella Vanoni. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati