E noi come stronzi rimanemmo a guardare

Film 2021 | Commedia, 108 min.

Regia di Pif. Un film con Fabio De Luigi, Ilenia Pastorelli, Pif, Valeria Solarino, Maurizio Nichetti. Cast completo Genere Commedia, - Italia, 2021, durata 108 minuti. distribuito da Vision Distribution. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica - MYmonetro 2,85 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi E noi come stronzi rimanemmo a guardare tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento lunedì 25 ottobre 2021

Un uomo perde il lavoro e si reinventa come rider. Avrà anche un nuovo amore ma è un ologramma creato da un'app...

Consigliato sì!
2,85/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 2,50
PUBBLICO 2,56
CONSIGLIATO SÌ
Una commedia che fa ridere e riflettere sulla nostra epoca trafelata in costante gioco al ribasso.
Recensione di Paola Casella
sabato 23 ottobre 2021
Recensione di Paola Casella
sabato 23 ottobre 2021

In un futuro prossimo possibile, Arturo Giammareresi ha creato un algoritmo per aiutare i dipendenti della sua società a lavorare meno e lavorare meglio, ma l'algoritmo gli si ritorce contro e decide che è superfluo, così l'azienda lo licenzia in tronco. Anche la ricca ed esigente fidanzata lo lascia perché un altro algoritmo ha deciso che il loro indice di affinità di coppia è negativo. Infine un ennesimo algoritmo lo esclude dalla possibilità di rientrare nella forza lavoro perché gli over 40 sono fuori mercato. Ad Arturo non resta che diventare rider per la multinazionale Fuuber: farà consegne secondo un meccanismo di incentivazione che premia o penalizza chi non sta alle regole del gioco.
La sua unica consolazione è Stella, l'ologramma che incarna (si fa per dire) tutte le sue preferenze, come se lo conoscesse da sempre. Peccato che, a prova gratuita terminata, Arturo non possa più permettersi la sua compagnia, e lei sparisca dal suo già limitato orizzonte.

Alla sua terza regia Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, attinge a molto cinema internazionale, da Play Time a Her, citando Ladri di biciclette e Hair (con la canzone Ain't Got No, I Got Life versione Nina Simone), e riportando alla memoria molti altri titoli che hanno a che fare con l'alienazione lavorativa, fra cui Tutta la vita davanti e Sorry We Missed You.

Ma il suo merito, assai raro nel panorama della commedia italiana contemporanea, è quello di partire da un'idea e declinarla fino in fondo (la sceneggiatura è sua e di Michele Astori), creando continue svolte narrative che ramificano e allargano la prospettiva invece di fermarsi allo spunto iniziale.

Pif, già reporter investigativo e divulgatore televisivo, è documentato su realtà contemporanee visibili a tutti ma poco elaborate cinematograficamente, e usa un linguaggio audiovisivo che appiattisce l'immagine ma senza sciatteria o approssimazione, anzi, con una cura pignola che solo superficialmente può passare per faciloneria. La sua branca di commedia è dolorosa e crudele, e mette in piazza molti dei mostri della contemporaneità: la globalizzazione, il lavoro deumanizzante, la latitanza dei sindacati (e degli sportelli bancari), il cannibalismo tecnologico, l'obsolescenza della forza lavoro (il rider sa che sarà sostituito dai droni che lo sorvolano mentre corre contro il tempo), l'obbligo ad acquistare gli strumenti necessari per fare il proprio mestiere, l'illusione del "lavoro autonomo", il ricatto impari della valutazione dei clienti.

Non sono molti i film contemporanei che parlano di tutto questo, men che meno quelli che lo fanno in forma di commedia, dove sia lecito ridere ma impossibile non riflettere e non sentirsi a disagio davanti ad una festa in cui gli ospiti fanno il saluto romano vestiti da nazisti, o davanti a un rider quasi cinquantenne a bordo di un monopattino (rubato) da bambina. Pif si muove fra la battuta e lo strazio, con un quantum di "paraventaggine" che lo conferma figlio dell'(in)cultura che denuncia e la coazione a raccontare l'immaginario collettivo che l'ha formato, che imita e condanna nello stesso respiro.

La sua commedia è piena di spunti e di agganci di attualità, racconta l'alienazione e l'isolamento (soprattutto quella distanza dei corpi che la pandemia avrebbe reso esplicita a riprese finite), espone all'umiliazione di un'asta per aggiudicarsi un lavoro sottopagato, rivela i nostri "arrotondamenti dell'arrotondamento", parla di linee aeree low low cost e della corsa collettiva verso l'annullamento. Sarebbe più equo se, quando mette in ridicolo gli hater, ricordasse che ce ne sono tanti anche a sinistra, sarebbe meglio se non ci mettesse un'ora e mezza per far dire a qualcuno "Non è giusto"; così come sarebbe utile che il suo film terminasse come Il laureato, invece che con uno spiegone moralista.
Ma in E noi come stronzi rimanemmo a guardare si avverte una disperazione vera e un'impotenza strutturale, e la scelta di veicolarle attraverso una commedia dove comunque si ride, con tre protagonisti (De Luigi, Pastorelli e Pif stesso) da grande pubblico, denota una voglia di dare la sveglia a tutti prima di arrivare al punto in cui non avremo "casa e scarpe, soldi e classe, amici e istruzione, abiti e lavori". E il cinema americano forse ne farà un remake, perché ciò che Pif racconta è universale, purtroppo.

Sei d'accordo con Paola Casella?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 3 dicembre 2021
Eugenio

Tu hai un ruolo che nella nostra economia è diventato fondamentale: mettere in relazione la domanda con l’offerta. Il delivery manager, imprenditore di se stesso, è una delle figure più controverse e meglio sfruttate del nostro presente odierno, talmente assurdo a volte, che scatura in una amara distopia. Una volta detti “consegna a domicilio”, questi lavoratori [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 dicembre 2021
Felicity

E noi come stronzi rimanemmo a guardare è una commedia drammatica dalle forti riflessioni. Partorito dalla mente intelligente e eclettica di Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif e presentato alla Festa del cinema di Roma 2021, questo film presenta spunti non troppo distaccati dalla realtà in cui viviamo, alternando momenti di comicità a momenti drammatici, non tanto per le sequenze [...] Vai alla recensione »

martedì 30 novembre 2021
uppercut

E dopo venti minuti ho guardato altrove. Una commedia totalmente priva di ritmo, aggrappata ad un'unica idea consumata subito in un dialogo (la storia dell'algoritmo che esclude il superfluo e si ritorce sul suo inventore), dove l'intento sarebbe di parlare del presente ma l'intero contesto (l'aziendona, gli impiegati sulle scale, la voce dall'alto nella reception.

mercoledì 15 dicembre 2021
uppercut

Non c'è come l'appellattivo "moderno" per indicarti che un albergo è vecchiotto. Così non c'è come il tema "digitale" per mettere in evidenza quanto siamo rimasti indietro in tutto, anche nell'accorgerci che da almeno trent'anni è cambiata la musica. Rispetto al film di Pif, "Io e Caterina" di Alberto Sordi (1980...) [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 dicembre 2021
Gianni x

Una commedia divertente che affronta i temi del nostro tempo, connessi alla rivoluzione digitale. il film ironizza bene anche sul mondo della new economy e sui guru del digitale, rappresentati in modo efficace dal giovane manager di Fuubee, che si dice impegnato nell'ecologia ed in altri ambiti sostenibili, ma in definitiva interessato solo al guadagno ed al "ribasso" della dignità. [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 29 novembre 2021
Michele Anselmi
Cinemonitor.it

Diciamo che il nuovo film di Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, porta la recensione già iscritta nel titolo: "E noi come stronzi rimanemmo a guardare". In effetti me lo merito: soffrendo un po', anch'io sono voluto arrivare alla fine dei 108 minuti per vedere dove sarebbe andata a parare la storia. Presentata alla Festa di Roma e adesso consultabile su Sky (ma "stronzi" è diventato "st***zi"), la [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 novembre 2021
Alice Sforza
Il Giornale

Arturo inventa un algoritmo che però gli fa perdere il lavoro. Lasciato anche dalla fidanzata, l'unica consolazione è Stella, un ologramma ottenuto gratuitamente in prova per una settimana. Ma l'abbonamento costa troppo, anche se lui non riesce più a farne a meno. La schiavitù e i pericoli della tecnologia, sotto la lente di Pif, ma non solo. Una commedia nera che guarda con pessimismo al futuro comandato [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 novembre 2021
Mattia Pasquini
Ciak

Dopo La mafia uccide solo d'estate (2013) e In guerra per amore (2016), Pif torna dietro la macchina da presa con E Noi Come Stronzi Rimanemmo a Guardare, presentato alla Festa del Cinema di Roma come Evento Speciale. Una satira che lo stesso autore - sempre lui, insieme a Michele Astori - descrive come "una critica della società moderna in cui la tecnologia controlla la nostra vita", ma che non sembra [...] Vai alla recensione »

martedì 2 novembre 2021
Giulio Sangiorgio
Film TV

La solfa è sempre la medesima (ma sono pochissimi i film italiani ad averla imparata): «È più facile immaginare la fine del mondo che la fine del capitalismo». Il che significa, Realismo capitalista di Mark Fisher alla mano, che l'unica distopia possibile oggi è semplicemente la realtà che abbiamo intorno, con al limite un paio di caratteri esacerbati ed esasperati.

sabato 23 ottobre 2021
Federico Pontiggia
La Rivista del Cinematografo

E noi come stronzi rimanemmo a guardare è il nuovo film di Pif, all'anagrafe Pierfrancesco Diliberto. Targato Sky Original, prodotto da Wildside, Vision Distribution e I Diavoli, è presentato quale Evento Speciale alla XVI Festa del Cinema di Roma. Scritto da Michele Astori e Diliberto, liberamente ispirato al concept Candido e la tecnologia del collettivo I Diavoli, è interpretato da Fabio De Luigi [...] Vai alla recensione »

sabato 23 ottobre 2021
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

La vista della Cupola di San Pietro di notte. Una serata romantica o piena di solitudine. Potrebbe essere un ologramma o l'immagine di un luogo ancora vivo. La rivoluzione soggettiva dello spazio e del tempo è al centro di E noi come stronzi rimanemmo a guardare, terzo lungometraggio diretto da Piefrancesco Diliberto. Dopo essere stato lasciato dalla fidanzata Lisa (Valeria Solarino) e aver perso [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
lunedì 15 novembre 2021
 

Regia di Pif. Un film con Fabio De Luigi, Ilenia Pastorelli, Pif, Valeria Solarino, Maurizio Nichetti. Dal 29 novembre su Sky Cinema.  Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati