E noi come stronzi rimanemmo a guardare

Un film di Pif. Con Fabio De Luigi, Ilenia Pastorelli, Pif, Valeria Solarino.
continua»
Commedia, durata 108 min. - Italia 2021. - Vision Distribution MYMONETRO E noi come stronzi rimanemmo a guardare * * * - - valutazione media: 3,05 su -1 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Un futuro distopico non troppo lontano Valutazione 3 stelle su cinque

di Marce84


Feedback: 4633 | altri commenti e recensioni di Marce84
sabato 6 agosto 2022

Arturo Giammaresi è un manager che viene licenziato a causa dell’algoritmo da lui stesso creato e che viene lasciato dalla fidanzata a causa di un’app che giudica le compatibilità. Scartato da un sistema che esclude gli over 40 dalla ricerca di un nuovo lavoro, ad Arturo non rimane che diventare un rider della multinazionale Fuber. Tra ritmi disumani, algoritmi che penalizzano chi non si adegua al sistema e slogan filosofico – motivazionali che nascondono la realtà dello sfruttamento, ad Arturo non resta che provare l’ultima trovata tecnologica: un’ologramma che incarna la persona di cui si ha necessità in quel momento. La ragazza si chiama Stella ed è l’unica luce in un mondo che va a rotoli, peccato però che dopo la settimana gratuita, non possa permettersi di rinnovarla.
 
Ambientato in un futuro distopico non troppo lontano, è il terzo film da regista di Piefrancesco Diliberto, in arte Pif. Il film ha il merito e il coraggio di trattare tematiche molto attuali, rese ancora più urgenti dalla pandemia: la spersonalizzazione, il distacco sociale, l’abuso di app che ci facilitano solo apparentemente la vita. Ma soprattutto è una grande riflessione sullo sfruttamento sociale che ci vede complici di scelte che pensiamo siano distanti da noi, quando in realtà tutti ci siamo dentro. Un mondo che ci imbonisce di slogan filosofici e che ci attrae come qualcosa di luccicante, ma che nasconde non troppo celatamente una perdita di umanità in cui noi tutti ci troviamo coinvolti direttamente o indirettamente. Una commedia amara che fa sorridere e riflettere e che ha il merito di affrontare un genere, il sci-fi, piuttosto inedito nel panorama italiano. Uno dei punti di forza del film è l’interpretazione di Fabio De Luigi, ormai affrancatosi solamente dal solito ruolo e abile anche nell’interpretare questo tipo di disperata ma autentica umanità. Meno riuscito invece il ruolo di Pif, troppo piatto e che non aggiunge molto alla storia.
Il titolo prende il nome da una frase di Andrea Camilleri: non sappiamo con chi ce l’avesse il padre di Montalbano, ma sappiamo benissimo a chi si riferisce Pif

[+] lascia un commento a marce84 »
Sei d'accordo con la recensione di Marce84?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
0%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Marce84:

Vedi tutti i commenti di Marce84 »
E noi come stronzi rimanemmo a guardare | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Paola Casella
Pubblico (per gradimento)
  1░ | eugenio
  2░ | felicity
  3░ | marce84
  4░ | enzo70
  5░ | jonnylogan
Rassegna stampa
Alice Sforza
Immagini
1 | 2 |
Link esterni
Scheda | Cast | News | Trailer | Foto | Frasi | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità