La banda dei tre

Film 2020 | Commedia, Noir, +13 100 min.

Anno2020
GenereCommedia, Noir,
ProduzioneItalia
Durata100 minuti
Regia diFrancesco Dominedò
AttoriMarco Bocci, Francesco Pannofino, Aldo Marinucci, Carlo Buccirosso, Francesca Della Ragione Roberta Mattei, Mirko Frezza, Ivan Franek, Matteo Branciamore, Natalia Giro, Federica Martinelli, Emma Nitti.
DistribuzioneZenit Distribution
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Regia di Francesco Dominedò. Un film con Marco Bocci, Francesco Pannofino, Aldo Marinucci, Carlo Buccirosso, Francesca Della Ragione. Cast completo Genere Commedia, Noir, - Italia, 2020, durata 100 minuti. distribuito da Zenit Distribution. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi La banda dei tre tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Tre personaggi sopra le righe, grotteschi, ironici ma con un senso dell'amicizia al di fuori del comune.

La banda dei tre è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
Critica
Premi
Cinema
Trailer
Una storia dichiaratamente di genere ed ostinatamente determinata ad eccedere su tutta la linea.
Recensione di Paola Casella
mercoledì 31 marzo 2021
Recensione di Paola Casella
mercoledì 31 marzo 2021

Claudio Bambola detto Carlito è un agente della narcotici infiltrato nel giro degli spacciatori di hashish e marijuana che frequenta il boss nano Tony Piccolo e l'ex tossico Silvano, profondamente devoto alla Madonna. Hanno appena cercato di ammazzarlo perché ha ucciso per sbaglio un componente della mafia russa e i killer gli stanno ancora alle calcagna. Per salvare la pelle Carlito dovrà chiedere l'aiuto proprio a Tony e Silvano su cui stava indagando, imbarcandosi in un pericoloso gioco di guardie e ladri, senza dimenticare di innamorarsi di una bella barista sposata che sembra avere un debole per i cani sciolti.

La banda dei tre è un film dichiaratamente di genere, e degli stilemi del genere, soprattutto declinato all'italiana, si appropria a piene mani, usandone tutti gli escamotage cinematografici.

L'ispirazione sono i poliziotteschi anni Settanta in cui il poliziotto si confonde con i criminali, e il protagonista è quel Marco Bocci che sta diventando il volto del nuovo cinema di genere italiano. Si sente anche l'influenza di film recenti come Lo chiamavano Jeeg Robot, Non essere cattivo e Brutti e cattivi (peraltro girato più o meno in contemporanea con La banda dei tre), replicandone il mix di pulp e ironia.

Ma anche (o forse soprattutto) un film di genere ha bisogna di una sceneggiatura solida e coerente e La banda dei tre, pur basato sull'omonimo romanzo di Carlo Callegari, manca di una struttura narrativa che dia un senso alle mille iniziative registiche di Francesco Maria Dominedò, autore anche del copione del film. E quelle iniziative registiche pirotecniche, pur divertenti e visivamente interessanti, risultano affastellate senza un criterio di scelta drammaturgica definitivo.

Marco Bocci riesce ad essere come sempre efficace anche in un ruolo improbabile come quello di Carlito, e Francesco Pannofino, Aldo Marinucci e Carlo Buccirosso gli fanno da contorno strappando qua e là qualche sorriso, ma la storia annega nella generale sovrabbondanza di accadimenti, iniziative di regia e montaggio e dialoghi surreali.

L'ambientazione, che nel romanzo originale era la città di Padova, diventa qui Tivoli, e il coté della provincia laziale aggiunge una piacevole ruvidità alla vicenda. A modo suo, La banda dei tre potrebbe anche diventare un piccolo cult proprio per la sua ostinata determinazione ad eccedere su tutta la linea. Ma un po' più di compattezza narrativa e un po' meno vezzi registici avrebbero molto giovato all'insieme.

Sei d'accordo con Paola Casella?
Una commedia noir, eccessiva e stralunata.
Overview di Massimiliano Carbonaro
giovedì 7 novembre 2019

Tre improbabili compari, un carico di droga e una banda di russi pericolosissimi e vendicativi: sono questi gli ingredienti dell'esplosivo La banda dei tre, una commedia sempre in bilico sul crinale del noir. Firmata da Francesco Dominedò, ha nel cast uno dei suoi punti di forza: partecipano al film infatti Marco Bocci, Francesco Pannofino, Carlo Buccirosso e Aldo Marinucci.

La banda dei tre trova le sue origini dall'omonimo libro di Carlo Callegari pubblicato nel 2013 e che ha avuto un seguito con Il ritorno dei tre nel 2014 e che torna nelle librerie con un nuovo capitolo a fine novembre dal titolo Vacanze a Cortina. La banda dei tre.

Nel libro di Callegari siamo in una brumosa e periferica Padova, ma nel film ci si sposta a Tivoli anche se la sostanza non cambia. Abbiamo sempre un poliziotto infiltrato di nome Claudio Bambola che ha il volto di Marco Bocci. Ma nonostante il compito difficile e temerario, Bambola è talmente timido che non riesce a dichiararsi alla donna amata quando si trova alle soglie del sequestro di un'enorme quantità di droga. L'intervento di una banda di russi manda a monte l'operazione e provoca la morte durante una sparatoria di uno dei mafiosi costringendolo a chiedere aiuto proprio ai due improbabili criminali che voleva incastrare.

Il sodalizio tra Bambola, Tony Piccolo, un nano dal grilletto facile, spacciatore e appassionato di musica pop (Aldo Marinucci) e Silvano Magagnin (Pannofino), un ex tossicodipendente diventato un mistico che per mantenersi compie rapine di cui si pente, è il motore del film. In un susseguirsi di situazioni grottesche e al limite, che sembrano richiamare alla memoria certi romanzi di Joe R. Lansdale (autore molto amato dallo stesso Callegari per sua ammissione), i tre sono costretti ad aiutarsi diventando prima amici e poi una banda tra inseguimenti, sparatorie e il tentativo di sopravvivere.

Il film arriva al cinema, dopo qualche difficoltà distributiva che ne ha rallentato l'uscita, nella prima metà del 2020. La banda dei tre, inoltre, vuole richiamare, soprattutto grazie ad alcune scelte musicali, un certo cinema poliziesco anni Settanta italiano che in questi anni, grazie anche ai commossi omaggi di Quentin Tarantino, è stato ampiamente rivalutato. Dominedò che in passato ha curato cortometraggi e documentari oltre ad aver partecipato a numerosi film (Uova d'oro di Bigas Luna) e fiction (La squadra) in questo caso oltre a firmare la regia ha realizzato anche la sceneggiatura.

Sei d'accordo con Massimiliano Carbonaro?
LA BANDA DEI TRE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
NEWS
OVERVIEW
giovedì 7 novembre 2019
Massimiliano Carbonaro

Tre personaggi sopra le righe, grotteschi, ironici ma con un senso dell'amicizia al di fuori del comune. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati