Nati 2 volte

Film 2019 | Commedia, +13 89 min.

Anno2019
GenereCommedia,
ProduzioneItalia
Durata89 minuti
Regia diPierluigi Di Lallo
AttoriFabio Troiano, Euridice Axen, Gabriele Cirilli, Rosalinda Celentano, Lallo Circosta Marco Palvetti, Nini Salerno, Umberto Smaila, Francesco Pannofino, Daniela Giordano, Riccardo Graziosi, Luigi Imola, Diletta Laezza, Catena Fiorello.
Uscitagiovedì 28 novembre 2019
DistribuzioneZenit Distribution
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 1,97 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Pierluigi Di Lallo. Un film con Fabio Troiano, Euridice Axen, Gabriele Cirilli, Rosalinda Celentano, Lallo Circosta. Cast completo Genere Commedia, - Italia, 2019, durata 89 minuti. Uscita cinema giovedì 28 novembre 2019 distribuito da Zenit Distribution. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 1,97 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Nati 2 volte tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Le difficoltà inerenti alla scelta, all'appartenenza e al cambio di genere. In Italia al Box Office Nati 2 volte ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 12,7 mila euro e 7,8 mila euro nel primo weekend.

Consigliato no!
1,97/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA 1,93
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Un racconto imperfetto con un grande merito: dar voce a chi fatica a rivendicare i propri sentimenti e diritti.
Recensione di Ilaria Ravarino
lunedì 25 novembre 2019
Recensione di Ilaria Ravarino
lunedì 25 novembre 2019

Maurizio è un transgender che dopo venticinque anni di autoimposto esilio a Milano è costretto a tornare al paese natale per l'improvvisa morte della madre. Questo viaggio diventa l'occasione per sciogliere i nodi legati alla sua fuga da adolescente - quando tutti a Foligno lo conoscevano come Teresa - e in particolare il legame ambiguo e mai risolto con Giorgio, il fidanzatino di un tempo a cui Maurizio inizialmente non ha il coraggio di rivelarsi, mettendo così in moto una girandola di equivoci e di situazioni tragicomiche. Sarà fondamentale l'incontro con Paula, una focosa paladina dei diritti civili. Riuscirà Maurizio a rinascere per la seconda volta?

Non bastano, purtroppo, le buone intenzioni. Pur partendo da una premessa interessante - il racconto degli ostacoli che in Italia deve affrontare chi attraversa la transizione di genere - e pur potendosi appoggiare alla solidità di una "storia vera", il film di Pierluigi Di Lallo non centra il suo obiettivo primario. Che, per una commedia, non è necessariamente quello di informare o far sociologia più o meno indignata. Ma, molto più semplicemente, far ridere.

E se non si ride quasi mai in Nati 2 volte non è certo per colpa di un setting "sbagliato": la storia del triangolo, lei/lui, lui e l'altra, sullo sfondo di una città di provincia, ha potenzialità da commedia degli equivoci classica. Ma il copione - molto scritto, troppo scritto, scritto distrattamente - non è all'altezza del contenuto, privando la narrazione di quella leggerezza che servirebbe a elevare una storia più vicina al dramma che allo scherzo.

Mancano i tempi comici, manca una compattezza di tono, ora grottesco e macchiettistico (l'incursione seduttrice di Vittoria Schisano), ora realistico, ora sinceramente drammatico e quasi mai brillante, come se lo stesso film cercasse di sfuggire al proprio genere senza tuttavia trovare una nuova appartenenza.

Ingenua la messa in scena, che non rende giustizia alla scelta della provincia - quasi assente il "colore" locale, che avrebbe contribuito a dare tridimensionalità a una Foligno da cartolina - perdendo anche nei dettagli ogni aderenza alla realtà, in un mondo in cui tutti, dagli impiegati del catasto agli avventori del bar, sfoggiano pieghe impeccabili e abiti perfetti.

E se pure Di Lallo mostra intuito e coraggio per alcune scelte di casting, a partire dalla scommessa (vinta) sul protagonista Fabio Troiano, la qualità delle interpretazioni degli attori secondari non è purtroppo omogenea, rendendo ulteriormente complicata per lo spettatore l'immersione nella storia.

Davvero riuscita invece la performance di Troiano, che riesce a rendersi credibile nonostante un ruolo che avrebbe forse richiesto un corpo diverso dal suo: negli Stati Uniti, paese in cui la transizione è da tempo arrivata su grande e piccolo schermo, è acceso il dibattito sull'opportunità di affidare ad attori cisgender personaggi transgender. In Italia, paese in cui la transizione suscita ancora pruriginose e primitive curiosità, il cammino per l'emancipazione è lungo. E passa anche attraverso un film come questo, un racconto imperfetto che ha tuttavia un merito: quello di fare luce sull'epopea di tanti italiani che faticano a rivendicare, prima ancora che i propri sentimenti, i propri diritti.

Sei d'accordo con Ilaria Ravarino?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 7 ottobre 2020
Lizzy

Beh, che dire... Certo il tema è importante e credo che cercare dibuttare tutto (in parte) in burletta non giovi all'economia del film. La prima cosa da dire è che qua son tutti fuori luogo, a cominciare dalla Schisano che a me come attrice non dice proprio nulla. Dei due Gatti di Vicolo Miracoli più che di "cameo" parlerei solo di "marchetta".

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 13 dicembre 2019
Sivan Kotler
Ha’aretz

Dopo venticinque anni vissuti a Milano, Maurizio, che una volta si chiamava Teresa, deve tornare a Foligno, la sua città natale. La morte della madre e il testamento di cui il beneficiario è Maurizio (e non Teresa) lo costringono a confrontarsi con le sue scelte, formalizzandole non più solo nella sua vita attuale ma anche nei confronti della sua famiglia e del suo passato.

martedì 26 novembre 2019
Rocco Moccagatta
Film TV

Perché in Italia si fanno poche commedie sui sessi confusi e ballerini di oggidì (e, negli ultimi anni, pare di ricordare solo Diverso da chi?)? Ci prova a cambiare le cose, nel suo piccolo, Nati 2 volte («da una storia vera»). Non è in discussione la passione sincera per la storia transgender senza strepiti di Teresa, prigioniera di un corpo estraneo e di una provincia intollerante, che ritorna anni [...] Vai alla recensione »

sabato 30 novembre 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Teresa, adolescente di Foligno, diventa Maurizio a Milano. Dopo 25 anni torna al funerale della madre e il cambio di sesso incrocia scogli legali d'eredità e incontri imbarazzanti, omissioni d'identità e ambigue emozioni d'amore. Un po' forte la scelta di un maschio per il transgender (Troiano), un po' sbilanciato il dramma del ritorno in concessioni di commedia degli equivoci, ma è centrato il dialogo [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 novembre 2019
Roberta Loriga
Sentieri Selvaggi

Spesso quando ci si imbatte in scelte più incisive fatte da altri cittadini, siano essi lontani o vicini alla sfera intima, per quanto anch'essi stiano solo mettendo in pratica il concetto di libertà, la reazione può diventare quasi spietata, soprattutto in un'Italia fatta di piccole provincie. Oggigiorno, si scontrano fazioni di opinionisti desiderosi di mettere un fermo alle libertà dell'individuo. [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 novembre 2019
Alice Sforza
Il Giornale

Nel 1989, Teresa e i suoi genitori lasciano Foligno per la «vergogna». Arrivati a Milano, la ragazza cambia, infatti, sesso e diventa Maurizio (Fabio Troiano). La morte della madre, però, lo riporta nella casa natale, dove ritrova il suo vecchio flirt di gioventù, che è ancora innamorato di Teresa. Maurizio non rivela la sua identità, spacciandosi per un cugino della ragazza con inevitabili conseguenze. [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
lunedì 4 novembre 2019
 

Regia di Pierluigi Di Lallo. Un film con Fabio Troiano, Euridice Axen, Marco Palvetti. Da giovedì 28 novembre al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
mercoledì 2 ottobre 2019
 

Le difficoltà inerenti alla scelta, all'appartenenza e al cambio di genere. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati