L'hotel degli amori smarriti

Film 2019 | Commedia, +13 86 min.

Titolo originaleChambre 212
Anno2019
GenereCommedia,
ProduzioneFrancia
Durata86 minuti
Al cinema11 sale cinematografiche
Regia diChristophe Honoré
AttoriChiara Mastroianni, Vincent Lacoste, Camille Cottin, Benjamin Biolay, Stéphane Roger Harrison Arevalo, Carole Bouquet.
Uscitagiovedì 20 febbraio 2020
TagDa vedere 2019
DistribuzioneOfficine Ubu
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,07 su 20 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Christophe Honoré. Un film Da vedere 2019 con Chiara Mastroianni, Vincent Lacoste, Camille Cottin, Benjamin Biolay, Stéphane Roger. Cast completo Titolo originale: Chambre 212. Genere Commedia, - Francia, 2019, durata 86 minuti. Uscita cinema giovedì 20 febbraio 2020 distribuito da Officine Ubu. Oggi tra i film al cinema in 11 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,07 su 20 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi L'hotel degli amori smarriti tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una donna decide di lasciare il marito e trasferirsi nell'hotel di fronte. Il film è stato premiato al Festival di Cannes, ha ottenuto 1 candidatura a Cesar, In Italia al Box Office L'hotel degli amori smarriti ha incassato 88 mila euro .

Consigliato sì!
3,07/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,14
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Una commedia brillante e ricca di colpi di scena che sa essere anche una riflessione sul divenire.
Recensione di Giancarlo Zappoli
lunedì 20 maggio 2019
Recensione di Giancarlo Zappoli
lunedì 20 maggio 2019

Maria e Richard sono sposati da vent'anni. Una sera lui scopre che lei ha un amante: si tratta di un suo studente dell'università. Non valgono a nulla le motivazioni che Maria adduce. Richard è sconvolto. Lei decide allora di lasciare il domicilio coniugale senza andare però troppo lontano: la stanza numero 212 dell'hotel di fronte a casa. Da lì può avere una visione a distanza sul consorte e sul suo matrimonio. Ma non sarà sola in questa riflessione.

Christophe Honoré da qualche film a questa parte (più precisamente da Les bien-aimés datato 2011) ha abbandonato quella vena che si sarebbe potuto definire tardoadolescenziale secondo la quale era indispensabile provocare lo spettatore con situazioni o strutture narrative spesso fini a se stesse.

Anche in questa occasione, intendiamoci, non opta per una sceneggiatura lineare ma ora ogni variazione risulta motivata. Perché non appena Maria si installa nella stanza di hotel di fronte all'appartamento dove Richard non riesce a dormire per il tormento che lo ha assalito nello scoprire il tradimento della moglie, si materializza accanto a lei...Richard. Sì proprio lui ma com'era quando lo aveva incontrato, innamorandosene, due decenni prima. Da quel momento prendono corpo (nel senso anche più sessualmente completo del termine per Richard) e anche parola diverse persone che hanno incrociato il loro percorso con lei nonché la 'fiamma' che già in fase puberale aveva acceso Richard.

Honoré si diverte così a rendere fisici e materiali i ricordi che ognuno di noi può avere, mettendoci di fronte a una commedia brillante e ricca di colpi di scena ma anche a una riflessione sul divenire. Sarà anche vero, come affermano i nutrizionisti, che siamo ciò che mangiamo ma siamo anche (soprattutto?) ciò che abbiamo vissuto. Anche quando pretendiamo di potercelo lasciare alle spalle o di trattare le persone con cui abbiamo avuto una relazione come eventi che non lasciano traccia stiamo solo cercando di ingannare noi stessi.

Chiara Mastroianni, attrice che ha attraversato gran parte del suo cinema, si trova qui come consorte Benjamin Biolay, che lo è stato nella realtà, e le viene offerta l'occasione di essere il perno attorno a cui ruota tutta la vicenda potendo anche mostrare come lo scorrere degli anni non abbia lasciato tracce sul suo corpo. Grazie a lei Maria può finalmente e nerudianamente confessare a se stessa di avere vissuto. Cosa che molti, nella realtà, non osano o non vogliono fare.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 28 giugno 2020
francesca meneghetti

Chi si aspetta di vedere la solita spumeggiante commedia-champagne francese può restare deluso, ma, se lascia da parte aspettative e preconcetti, troverà davvero originale questo film, dal titolo italiano molto più bello di quello originale (Chambre 212).Cominciamo con un dettaglio apparentemente secondario. Il film è ambientato a Montparnasse, in Rue Delambre, ricostruita negli studios (quella che [...] Vai alla recensione »

venerdì 21 febbraio 2020
Bradley

L'ho visto ieri sera e non riesco a smettere di pensare a questo film. Ha qualcosa che ti rimane dentro. Che è quello che vorremmo sempre dal cinema. Il regista usa un linguaggio originale per affrontare un tema complesso come quello della crisi di coppia e del disamore, maneggiando i sentimenti con maestria, mette in scena un'opera meravigliosa per intensità e poetica. Il [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 febbraio 2020
no_data

Uno dei film più INUTILI che io abbia mai visto. Attori improbabili, soggetto stupidamente surreale, dialoghi ridondanti. Insomma un film da perdere.

domenica 23 febbraio 2020
nadia meden

Premetto che a me i film francesi piacciono molto, di solito. Non è questo il caso. Ho assistito ad un film che parla di una coppia in crisi con continui rimandi ad amori adolescenziali, a occasioni mancate fra l'onirico e la fantasia il tutto avvolto in un amalgama di personaggi stucchevoli . Voleva forse essere un film particolare?  Un film all'avanguardia? forse bizzarro? non [...] Vai alla recensione »

venerdì 21 febbraio 2020
Cinzia

Il mio nuovo film preferito sul matrimonio. Un fantastico viaggio tra i ricordi di amori sognati e perduti. Chiara Mastroianni è strepitosa!

Frasi
È la legge delle coppie che durano, nessuna esclusa ...
Una frase di Maria (Chiara Mastroianni)
dal film L'hotel degli amori smarriti - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 24 febbraio 2020
Gianni Canova
We Love Cinema

È un Tre Stelle a Montparnasse. Si chiama Hotel Lenox. Sulla facciata ha un'insegna al neon lampeggiante come quella dell'Empire Hotel dove vive Judy in Vertigo di Hitchcock. Ma là l'insegna era verde, e proiettava all'interno un necrofilo senso di morte, qui invece è rossa e immerge gli interni in una calda luce sensuale. Maria (Chiara Mastroianni, premio come miglior attrice a Cannes nella sezione [...] Vai alla recensione »

lunedì 24 febbraio 2020
Manuela Caserta
L'Espresso

Se è vero che "ogni storia d'amore è una storia di fantasmi" come scriveva David Foster Wallace, L'Hotel degli amori smarriti di Christophe Honoré ne è l'esatta rappresentazione cinematografica. Protagonista di questa piacevole commedia romantica è Maria, interpretata da Chiara Mastroianni, nel ruolo di una docente universitaria di procedura penale, una donna matura, avvenente e seduttrice seriale [...] Vai alla recensione »

domenica 23 febbraio 2020
Claudio Trionfera
Maxim

Due mosse per costruire l'impianto del racconto e studiarne l'anatomia. La prima è sulla cronaca con la citazione, nel film, di un fatto legato a un donna arrivata a dissotterrare il marito per impedirgli di andare da lei in sogno; per poi giustificarsi davanti al giudice affermando che non si trattava di sogni perché lui veniva davvero ogni sera a picchiarla mentre era morto già da due anni.

sabato 22 febbraio 2020
Massimiliano Schiavoni
Quinlan

Da diversi anni Maria, professoressa universitaria, intrattiene relazioni extraconiugali, spesso con uomini più giovani di lei. Colta sull'ultimo fatto da suo marito Richard, la donna decide di passare la notte in una stanza d'hotel davanti al proprio appartamento, per controllare le reazioni del marito di fronte alla possibilità di perderla. Durante la notte però nella stanza d'albergo si materializzano [...] Vai alla recensione »

venerdì 21 febbraio 2020
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Si gioca un po' a Truffaut-Lelouch in questa commedia dell'instabilità amorosa quando si fanno i conti di una vita di relazioni. Diciamo intorno ai 50 anni? Pilotata da una Chiara Mastroianni incostante tra marito (stanco e deluso) e amanti (tanti e giovani) la signora attraversa la strada e spia la sua casa di fronte. Ma non è il Wakefield del racconto di James.

venerdì 21 febbraio 2020
Antonella Gaeta
La Repubblica

In questo hotel (nel titolo originale Chambre 212, è solo una stanza, espansa) idealmente alloggiano in tanti, dall' Ingmar Bergman di Scene da un matrimonio, al Michel Gondry di Eternal Sunshine of the Spotless Mind. Il regista Christophe Honoré nei titoli di coda ne ringrazia tanti altri, da Woody Allen a Philip Roth, a dare ragione del suddetto affollamento.

venerdì 21 febbraio 2020
Maria Lombardo
La Sicilia

Premiata per la miglior interpretazione a Canoro 2019 sezione Un certain Regard, Chiara Mastroianni ne "L'Hotel degli amori smarriti" è una donna che non ha più un dialogo col marito e lo tradisce da tempo finchè lui se ne accorge e il rapporto precipita. Avrebbe potuto essere una commedia come tante con questo semplice assunto, in mano a un autore che non fosse come Christophe Honoré, cinquantenne [...] Vai alla recensione »

venerdì 21 febbraio 2020
Guillemette Odicino
Télérama

Dopo il dramma sentimentale Plaire, aimer et courir vite, Christophe Honoré opta per una commedia dall'insolente leggerezza sull'usura della coppia e sull'adulterio. Maria (Chiara Mastroianni) va via di casa dopo che il marito Richard (Benjamin Biolay) scopre che lei lo tradisce. Nell'arco di una lunga notte, la comparsa di diversi "fantasmi" le dà l'occasione di ripensare al loro matrimonio.

giovedì 20 febbraio 2020
Stefano Giani
Il Giornale

Una donna (Chiara Mastroianni) «vede» il riflesso di tutti gli amori della sua vita da una stanza d' albergo di fronte alla casa dove abitava con il marito da cui si è appena divisa. Film introspettivo fin troppo pasticciato, con una carrellata di uomini smarriti, svaniti e rimpianti. Paradossale l' eco dell' anziana madre che le ricorda le leggerezze di gioventù.

giovedì 20 febbraio 2020
Grazia Paganelli
Duels.it

Entra subito nel mezzo della storia, precipitandosi nelle vite dei suoi personaggi senza preamboli o perifrasi. Come aprire la tenda, dietro alla quale si era nascosta Maria, e rompere in mille pezzi lo specchio della leziosa finzione d'amore. Christophe Honoré costruisce L'hotel degli amori smarriti sul corpo della sua protagonista, una Chiara Mastroianni generosa, con l'espressione mesta e la faccia [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 febbraio 2020
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Dopo vent'anni di matrimonio Maria confessa al marito di avere come amante un suo studente. Richard non la prende bene, nonostante la coppia sia intellettualmente aperta. Maria così se ne va. In realtà non troppo lontano. Attraversa la strada e prende una camera, la 212 (da cui il titolo originale del film: "Chambre 212"), e guardando dalla finestra spia i movimenti del consorte all'interno della casa, [...] Vai alla recensione »

martedì 18 febbraio 2020
Davide Turrini
Il Fatto Quotidiano

Se non avete mai visto un film diretto da Christophe Honoré - situazione peraltro altamente probabile vista la pressoché inesistente distribuzione dei suoi film in Italia - L'hotel degli amori smarriti (in originale il più significativo Chambre 212) è un buon compendio di un lavoro "autoriale", eclettico, metafilmico, che si è strutturato in maniera stilisticamente ed esteticamente marcata nell'ultimo [...] Vai alla recensione »

martedì 18 febbraio 2020
Roberto Manassero
Film TV

Il numero 212 della camera che nella versione originale dà il titolo al film fa riferimento all'articolo del codice civile francese che regola il vincolo matrimoniale: «I coniugi si devono mutuo rispetto, fedeltà, aiuto e assistenza». È un riferimento ironico, o forse una provocazione, perché da sempre Christophe Honoré considera la volontà individuale l'unica forza generatrice dell'amore.

martedì 18 febbraio 2020
Valeria Vignale
Tu Style

Maria, docente universitaria, è sposata da vent'anni con Richard ma lo tradisce di continuo, convinta che i piaceri della vita sessuale non scalfiscano quella coniugale. Ma una sera il marito la scopre e resta sconvolto. Così lei si trasferisce nella stanza 212 dell'hotel di fronte. Una camera con vista sulle finestre di casa loro, sul marito affranto, sugli anni di vita insieme.

venerdì 7 febbraio 2020
Mario Mazzetti
VivilCinema

Letterario, introspettivo, sempre a fuoco tra disorientamento e memoria, L'hotel degli amori smarriti è un bilancio nel mezzo del cammin, un tirar le somme con le canzoni pop che riempiono la vita (incluse Caterina Valente e la Vanoni) e la neve che cade a Montparnasse. Mesto, crepuscolare ma anche ironico, è la proiezione dell'inconscio di due sposi in crisi.

lunedì 20 maggio 2019
Emanuele Rauco
La Rivista del Cinematografo

Alla fine dei titoli di coda del nuovo film di Christophe Honoré sfilano, tra i ringraziamenti, i nomi dei registi per lui cari, da Bergman in poi. Manca Jacques Demy, il riferimento più presente tra le ispirazioni del francese, come se quelle storie di fantasmi che sono le storie d'amore fossero anche storie di ingratitudine. E in effetti di questi temi parla Chambre 212, di una coppia che si separa [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 maggio 2019
Lorenzo Rossi
Cineforum

Dopo l'impegno e di Plaire, aimer et courir vite (2018), in Concorso qui a Cannes lo scorso anno, Christophe Honoré cambia tema, ispirazione e direzione tornando a un cinema più svagato ma non per questo meno brillante, ragionato e intelligente del solito. Chambre 212 racconta la crisi coniugale di una coppia di mezz'età dalla prospettiva femminile, portando però l'analisi su un piano totalmente astratto, [...] Vai alla recensione »

domenica 19 maggio 2019
Carlo Valeri
Sentieri Selvaggi

Si inizia con un pedinamento per le strade di Parigi che sembra un'altra dichiarazione d'amore di Christophe Honoré a Chiara Mastroianni. È la stessa immagine con cui il film si chiuderà, con un fermo immagine di lei che cammina su un marciapiede dopo aver salutato Richard, il marito con cui è in crisi. Maria (Mastroianni) lo tradisce con ragazzi più giovani.

giovedì 13 febbraio 2020
Alessandra De Luca
Ciak

Dopo vent'anni di matrimonio, Richard scopre che Maria lo tradisce. Lei decide di lasciare casa e di trasferirsi nell'hotel d fronte, dal quale avrà una vista privilegiata sul suo appartamento, su Richard e sul loro matrimonio. Nella stanza 212 Maria riceverà delle visite inattese dal suo passato, con le quali rivivrà i ricordi di amori sognati e perduti in una magica notte che le cambierà la vita. [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO RECENSIONE
giovedì 13 febbraio 2020
A cura della redazione

Maria e Richard sono sposati da vent'anni. Una sera lui scopre che lei ha un amante. Richard è sconvolto. Lei decide allora di lasciare il domicilio coniugale senza andare troppo lontano: la stanza numero 212 dell'hotel di fronte.

GUARDA L'INIZIO
venerdì 14 febbraio 2020
Massimiliano Carbonaro

Su MYmovies.it i primi 10 minuti del film. Dal 20 febbraio al cinema. Guarda l'inizio »

TRAILER
lunedì 16 dicembre 2019
Giorgio Crico

Chiara Mastroianni in una riflessione agrodolce sul segno che una relazione può lasciare. Dal 20 febbraio al cinema. Guarda trailer e poster »

TRAILER
lunedì 9 dicembre 2019
 

Regia di Christophe Honoré. Un film con Chiara Mastroianni, Vincent Lacoste, Camille Cottin, Benjamin Biolay, Stéphane Roger. Da giovedì 20 febbraio al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
martedì 3 dicembre 2019
 

Una donna decide di lasciare il marito e trasferirsi nell'hotel di fronte. Vai all'articolo »

NEWS
lunedì 21 ottobre 2019
Andrea Chirichelli

Mercato internazionale ricco di spunti e qualche sorpresa, questa settimana. Il nostro viaggio inizia dal dinamico Vietnam, dove la spunta Kumanthong, che apre con quasi 700mila dollari e spodesta Joker.

winner
un certain regard - miglior performance
Festival di Cannes
2019
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati