Cercando Valentina - Il mondo di Guido Crepax

Film 2019 | Documentario, 75 min.

Anno2019
GenereDocumentario,
ProduzioneItalia
Durata75 minuti
Regia diGiancarlo Soldi
Uscitamercoledì 12 febbraio 2020
TagDa vedere 2019
DistribuzioneBizef Produzione
MYmonetro 3,07 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Giancarlo Soldi. Un film Da vedere 2019 Genere Documentario, - Italia, 2019, durata 75 minuti. Uscita cinema mercoledì 12 febbraio 2020 distribuito da Bizef Produzione. - MYmonetro 3,07 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Cercando Valentina - Il mondo di Guido Crepax tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Valentina è bella come Louise Brooks, disturbante come un taglio di Fontana, consapevole come una lirica di Bob Dylan e libera come la musica di Charlie Parker. In Italia al Box Office Cercando Valentina - Il mondo di Guido Crepax ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 4,1 mila euro e 1,3 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,07/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,14
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Il mistero di un personaggio rivoluzionario, raccontato con il gusto della malinconia per il tempo e le storie perdute.
Recensione di Emanuele Sacchi
giovedì 10 ottobre 2019
Recensione di Emanuele Sacchi
giovedì 10 ottobre 2019

Un viaggio alla scoperta del mondo visionario di Guido Crepax e della sua creatura più popolare. Frutto della Milano degli anni Sessanta e della creatività di un artista unico, che ne è oggi di Valentina? Attraverso un gruppo di studiosi, giornalisti, artisti, sceneggiatori e musicisti, il regista Giancarlo Soldi prova a ricostruire il significato di questa icona.
Erano i favolosi anni Sessanta, quando Guido Crepax si unì alla geniale squadra raccolta attorno alla rivista Linus e creò la sua Valentina. Da quel momento la celeberrima ragazza col caschetto bruno divenne la perfetta incarnazione delle tensioni e dello spirito di un'epoca, dando voce a un diverso modo di intendere la sessualità e il piacere.

Il docufilm di Soldi, insaziabile esploratore della storia del fumetto italiano, riflette a livello formale l'indomita libertà e l'anticonformismo del personaggio.

La formula tradizionale dell'intervista viene infatti contaminata da altri linguaggi e sintassi narrative, che vanno dal found footage - con meravigliose immagini della Milano di ieri e di casa Crepax - alla fiction surrealista. La ricerca cui fa riferimento il titolo è dunque tanto quella dei "testimoni" reali, che partecipano con i loro tasselli all'enigma di Valentina, quanto quella del fidanzato Rembrandt, interpretato da un attore in suggestive sequenze in bianco e nero.

Ma a parlare sono soprattutto le tavole di Crepax, che talvolta interagiscono con gli attori in carne ed ossa per raccontarci la qualità principale delle storie di Valentina: la loro capacità di esondare le pagine disegnate per farsi racconto universale di pulsioni inconsce. Trasformando, come giustamente evidenzia Francesco Casetti, la piccola esperienza individuale in epifania.

Già, perché quello che emerge molto bene dalle interviste è quanto l'erotismo fosse la chiave, personalissima, attraverso cui Crepax interpretava il decennio della contestazione, certo che la nudità potesse avere un carattere rivoluzionario molto più dirompente di qualunque reclamo o gesto eclatante.

E così rivoluzionario fu il taglio alla Fontana rappresentato dal corpo desiderante di Valentina, che neppure i movimenti femministi, all'epoca, furono in grado di accoglierlo come il simbolo di una vittoria e di un'emancipazione reale. Perché il personaggio era slegato da qualunque forma di mercificazione di sé, puntando in maniera del tutto consapevole al raggiungimento del proprio piacere. Senza contare le altre caratteristiche di cui la dotò Crepax, come la dinamica vita professionale e il gusto letterario, aspetti del tutto inediti per un personaggio femminile dell'epoca.

Il legame con il cinema, sublimato dalle immagini di Louise Brooks a cui lo stesso Crepax si era ispirato per definire le fattezze della sua eroina, in Cercando Valentina viene indagato attraverso presenze emblematiche come quella di Mario Martone. Perché l'intuizione geniale di Crepax non fu solo di creare un personaggio destabilizzante, una Lulu moderna e imprendibile, quanto di portare nel fumetto un'impaginazione innovativa, che rifletteva il montaggio sconnesso e i falsi raccordi con cui Godard stava rivoluzionando la settima arte.

Ma dal racconto emergono anche dettagli d'archivio e frammenti luminosi che da soli basterebbero a far rimpiangere la Milano di Crepax. Che dire, ad esempio, degli splendidi giochi da tavolo che l'artista ideava e realizzava per invitare amici, tra cui un fedelissimo Claudio Abbado, e famigliari a giocare alla battaglia? È su queste parentesi leggere, più che sulla parte di fiction, che il lavoro di Soldi regala i momenti migliori, combinando il gusto della scoperta con la malinconia per il tempo e le storie perdute.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 13 febbraio 2020
Alice Sforza
Il Giornale

Valentina, personaggio dei fumetti ideato, nel 1965, da Guido Crepax, è un'icona. A lei e al suo creatore è dedicato questo interessante documentario che ripercorre non solo la storia della discinta fotografa, ma, soprattutto, quella del fumettista che le ha dato i natali. Un ritratto a due, che è anche un affresco di un'epoca. Dal suo esordio su Linus, nel quale doveva essere solo un personaggio secondario [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 febbraio 2020
Claudia Ferrero
La Stampa

Valentina ha una carta d'identità: è nata il giorno di Natale del 1942, nome completo Valentina Rosselli, è alta 1,72, ha capelli neri e occhi chiari. Stato civile nubile, professione fotografa. Valentina è matita su carta, ma come tutti gli esseri umani invecchia. E arrivata all'età di 53 anni, si ritira dalle scene. Della carica erotica e dell'indipendenza dell'eroina di Crepax, già si sa.

mercoledì 12 febbraio 2020
Gianvito Di Muro
Sentieri Selvaggi

Presentato alle Giornate degli Autori di Venezia 76, il documentario parte dalla fine degli anni '60, quando Guido Crepax intercetta tutte le novità di una Milano in fermento e di una rivoluzione estetica, trasponendoli nel suo fumetto. Valentina è il suo alter ego, una fotografa sognatrice diventata poi un'icona di eleganza e di sofisticato erotismo amata da più generazioni, nonché simbolo d'indipendenza, [...] Vai alla recensione »

martedì 11 febbraio 2020
Angelo Amoroso d'Aragona
Duels.it

Vi sono espressione artistiche che possono darsi solo nel loro tempo storico. Una di questa è Valentina di Guido Crepax, un classico insuperabile dell'erotismo, di un genere che non ha trovato mai un nome, ma di cui si avverte drammaticamente la non riproducibilità, se non persino la non ricettività fuori dal suo tempo. L'unica parola che viene in mente è Libido, ma come connotazione politica e antropologic [...] Vai alla recensione »

martedì 11 febbraio 2020
Mauro Gervasini
Film TV

«Ahi, Valentina, sogno fuori strada e fuori sintonia», per citare Ornella Vanoni. Parliamo della ragazza disegnata da Crepax in una Milano grafica e avventurosa, spesso nuda o amata, più spesso amante. Soldi, dopo Diabolik sono io, contamina ancora cinema a soggetto (la recherche del fidanzato Rembrandt in scene che si fondono con l'animazione dei fumetti), interviste (tra gli altri, Francesco Casetti [...] Vai alla recensione »

venerdì 7 febbraio 2020
Maurizio Di Rienzo
VivilCinema

Riecco la favolosa Valentina, creata su ispirazione "domestica" dal precursore Crepax, il disegnato frutto sensualmente libero d'icona consapevolmente prefemminista, l'enigmatico personaggio di bellissima fotografa con leggendario taglio a caschetto (ispirato al look della diva del muto Louise Brooks) da donna naturalmente emancipata, incarnante lo spirito febbrile e il gusto del piacere della Milano [...] Vai alla recensione »

martedì 4 febbraio 2020
Francesco Del Grosso
La Rivista del Cinematografo

Oltre al cinema, Giancarlo Soldi nutre un'altra grande passione, quella per i fumetti italiani. Ciò lo ha portato a diventare un collezionista e a trasferire sullo schermo le storie dei suoi celebri protagonisti. Il regista lombardo continua il viaggio alla (ri)scoperta di chi questo "universo" ha contribuito a espanderlo, con strisce capaci di lasciare una traccia nell'immaginario.

NEWS
NEWS
mercoledì 18 dicembre 2019
 

Valentina è bella come Louise Brooks, disturbante come un taglio di Fontana, consapevole come una lirica di Bob Dylan. Vai all'articolo »

TRAILER
martedì 17 dicembre 2019
 

Un'affascinante odissea biografica fra sogni, desideri e ossessioni. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

[LINK] FESTIVAL
giovedì 10 ottobre 2019
Emanuele Sacchi

Un racconto che ha il gusto della malinconia per il tempo e le storie perdute. Al Milano Film Festival.  Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati