L'Angelo del Male - Brightburn

Film 2019 | Horror V.M. 14 90 min.

Regia di David Yarovesky. Un film con Elizabeth Banks, David Denman, Jackson A. Dunn, Matt Jones, Meredith Hagner. Cast completo Titolo originale: BrightBurn. Genere Horror - USA, 2019, durata 90 minuti. Uscita cinema giovedì 23 maggio 2019 distribuito da Warner Bros Italia. Oggi tra i film al cinema in 26 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 2,70 su 18 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi L'Angelo del Male - Brightburn tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un horror prodotto da James Gunn che racconta la storia di un ragazzino dotato di poteri molto pericolosi. In Italia al Box Office L'Angelo del Male - Brightburn ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 435 mila euro e 253 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,70/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,40
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un film che revisiona il ruolo del supereroe virandolo al negativo in un sinistro crescendo drammatico.
Recensione di Rudy Salvagnini
giovedì 23 maggio 2019
Recensione di Rudy Salvagnini
giovedì 23 maggio 2019

Brightburn, Kansas. Tori e Kyle Breyer sono una coppia che cerca invano di avere un figlio, pur dedicandosi al tentativo con impegno e convinzione. Una notte, qualcosa precipita nei pressi della loro fattoria. Detto fatto, i Breyer hanno un figlio, al quale danno il nome di Brandon. Anni dopo, Brandon ha dodici anni ed è un bambino introverso e particolare. A scuola è bravo, ma non proprio popolare tra i compagni. Inoltre, Brandon sembra attirato da qualcosa che si trova nel sotterraneo di una rimessa della fattoria di famiglia. Ma sembra anche avere una forza insospettata, di cui lui stesso si sorprende per primo. Tori comincia a preoccuparsi e cerca supporto psicologico per Brandon. In realtà, le cose sono molto più complesse: Brandon prende coscienza dei suoi super poteri e di non essere per niente normale. Comincia perciò ad agire come un super eroe, ma da ciò conseguono problemi seri per tutti.

Il film è una sorta di romanzo di formazione in cui ciò che si forma è qualcosa di terribile, di totalmente estraneo al concetto di umano. La progressione degli eventi è curata con attenzione e credibilità.

Da un lato la presa di coscienza di Brandon delle proprie super capacità e dall'altro lo sconcerto e le preoccupazioni dei genitori che devono confrontarsi con qualcosa di insospettato e terribile. Anche il legame tra Brandon e la propria natura aliena, rappresentata da ciò che è nascosto nella rimessa, è un aspetto interessante che richiama suggestioni lovecraftiane di indubbio fascino.

L'idea di prendere le classiche origini del più classico dei super eroi e utilizzarle per una revisione radicale della prospettiva è brillante. Anche il fatto che Brandon, quando si rende conto della propria natura, prenda a indossare, all'occorrenza, una sorta di rudimentale costume da super eroe rende bene l'idea del gioco sviluppato dal film sull'identità e sulla vera natura di ciò che un super eroe davvero è o può essere, soprattutto in relazione a chi super eroe invece non è.

A questo proposito, il film evita la facile scorciatoia della vendetta, della rivalsa o del male quale prodotto delle distorsioni della società: Brandon è stato accudito con amore dalla famiglia e l'atteggiamento non sempre amichevole dei compagni di scuola, che peraltro resta su toni molto lievi, è più una reazione al suo comportamento che un motivo per il suo cambiamento di attitudine. In sostanza, il film si rivela una riflessione per certi versi acuta - soprattutto di questi tempi, anche cinematografici - sul superomismo e sulle storture che il concetto stesso può generare. Certo, è una riflessione che resta un po' in superficie e avrebbe meritato di essere maggiormente approfondita, ma anche così, pur se sbrigativa, resta abbastanza valida.

Il crescendo drammatico, con il passaggio dalla incredulità alla consapevolezza, è convincente e il film genera una consistente tensione. Forse manca il guizzo dell'imprevedibilità, tutto scorre lungo il solco dell'ineluttabilità, ma scorre bene e con buon ritmo.

David Yarovesky dirige con competenza e capacità sfruttando al meglio le occasioni della storia per creare un'atmosfera sinistra che suscita sincera inquietudine. La famiglia Gunn - con Brian e Mark alla sceneggiatura e James (Guardiani della galassia) alla produzione - sembra comunque essere il collante maggiormente creativo dell'operazione. In un cast di buona resa espressiva, emerge in modo evidente l'apporto decisivo dell'interpretazione di Jackson A. Dunn, che dà di Brandon un ritratto realistico e terrificante, da quieto Anticristo di origini sconosciute.

Sei d'accordo con Rudy Salvagnini?
VIDEO RECENSIONE
La nascita di un anti-supereroe.
Overview di Rudy Salvagnini
martedì 16 aprile 2019

Che cosa succederebbe se il neonato alieno che precipita sulla Terra e viene adottato da una coppia che lo raccoglie al momento dell'atterraggio di fortuna fosse sì dotato di poteri particolari, ma non fosse votato al bene, bensì al male? Lo spunto di partenza di L'angelo del male - Brightburn è curioso e interessante, traducendosi in un ribaltamento del classico inizio di Superman. E se si vuole andare ancora più a fondo in un richiamo quasi lovecraftiano, laddove il maestro di Providence immaginava gli dei quali entità sovrannaturali e potenti, ma dedite al male o, piuttosto, con scopi così imperscrutabili e al di sopra delle nostre possibilità di comprensione che l'umanità non era da loro considerata in alcun modo quale meritevole di compassione.

La coppia di sceneggiatori composta da Brian Gunn e dal cugino Mark Gunn elabora in modo articolato una sorta di rilettura alla rovescia delle origini di Superman.

Un neonato proveniente da chissà dove precipita sulla Terra. Tori Breyer e il marito Kyle - coppia che non riesce ad avere figli - raccolgono il piccolo e di fatto lo adottano crescendolo con amore, come se fosse loro figlio. Ma Brandon, il nuovo "figlio", nel crescere si rende conto di non essere come gli altri. Se ne rendono conto anche i suoi compagni a scuola, bullizzandolo per questo, in quanto diverso. Ma la consapevolezza e la scoperta di sé, del vero sé, porta Brandon anche a rendersi conto di avere poteri inauditi. Solo che questa scoperta, invece di essere l'inizio di una brillante carriera rivolta al bene dell'umanità, è l'inizio di un terribile incubo per tutti.

Alla regia è stato chiamato David Yarovesky, giovane regista il cui esordio nel lungometraggio qualche anno fa, con l'horror The Hive, aveva lasciato intravedere buone qualità nella messa in scena, pur in un contesto non del tutto convincente e a tratti un po' derivativo (protagonista con amnesia, come ormai accaduto parecchie altre volte anche nel campo dell'horror). Da notare che in The Hive, uno degli attori protagonisti è Sean Gunn, che dello sceneggiatore Brian Gunn è fratello. Il fratello più famoso è però James Gunn, sceneggiatore e regista della serie Guardiani della galassia, che di Brightburn è il produttore. Tanto per restare in famiglia.

Ma la figura di James Gunn merita un breve approfondimento perché, benché ora abbia avuto successo con tutt'altro genere di film, i suoi inizi sono stati proprio in ambito horror, in quella fucina di film strani e bizzarri che è (e soprattutto è stata) la Troma. Il suo esordio come sceneggiatore si è avuto infatti con lo stranissimo horror demenziale Tromeo & Juliet, rilettura à la Troma del classico shakespeariano. E Gunn è anche l'autore, assieme a Lloyd Kaufman (uno dei boss della Troma), dell'imperdibile libro "All I Need to Know About Filmmaking I Learned from the Toxic Avenger", che è stato alla base di un altro classico della Troma, il metacinematografico Terror Firmer. In più, anni dopo la conclusione del suo periodo Troma, Gunn ha scritto la sceneggiatura per L'alba dei morti viventi, apprezzabile remake del classico romeriano Zombi. Insomma, il pedigree horror non gli manca e l'inventiva nemmeno perciò averlo come produttore di questo film è già una garanzia.

Nel ruolo dei genitori che hanno avuto molto più di quanto avevano sperato di ottenere, ma non nel verso giusto, ci sono Elizabeth Banks e David Denman. La Banks molti la ricorderanno per il suo ruolo nella serie di Hunger Games, ma gli amanti dell'horror la ricorderanno invece per la buona prova in The Uninvited, discreto remake americano diretto dai Guard Brothers di un notevolissimo classico coreano, Two Sisters. David Denman, attore dalla solida carriera anche se spesso in ruoli di secondo piano, ha già lavorato con Elizabeth Banks nel recente Power Rangers. Ma la parte del leone spetta naturalmente a Jackson A. Dunn nel ruolo di Brendon, il figlio speciale: già dai trailer si può vedere quanto sia in grado di generare inquietudine.

Sei d'accordo con Rudy Salvagnini?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 26 maggio 2019
Nino Pellino

Oggi pomeriggio sono andato al Cinema Corallo della mia città a vedere questo film del regista  David Yarovesky e devo dire che le mie impressioni sono di discreto gradimento a livello di gusto personale. La trama di base, ossia quella di un misterioso alieno che cade sulla Terra in età da neonato, il quale sarà adottato con cura ed amore da due coniugi che non riescono ad [...] Vai alla recensione »

Frasi
Noi crediamo che tu sia arrivato qui per una ragione...
Una frase di Tori Breyer (Elizabeth Banks)
dal film L'Angelo del Male - Brightburn - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 24 maggio 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

«Mamma, chi sono io?». Sembra fragile, ma ti sbrana. Per l'incredibile "ma che spettacolo" e per il terrificante "ma che divertente" al cinema funzionano in genere due opzioni: il paranormale e l'extraterrestre. Se i poteri super ce li ha un bambino carino e spietato, timido e sanguinario, devoto al Male, innocenza presunta e meraviglia horror fanno matrimonio combinato.

sabato 18 maggio 2019
Andrea Giovalè
La Rivista del Cinematografo

Dal produttore James Gunn, eclettico regista dei primi due Guardiani della Galassia, del futuro terzo capitolo e del prossimo Suicide Squad, arriva un'originale variazione sul tema supereroi. Brightburn, infatti, è un horror che racconta una versione cattiva di Superman, ovviamente, per meglio spaventare, ancora in età fanciullesca. I bambini inquietanti, d'altronde, rappresentano una colonna portante [...] Vai alla recensione »

mercoledì 5 giugno 2019
Alberto Pezzotta
ViviMilano

Inizia esattamente come «Superman»: una coppia adotta un bambino piovuto dal cielo e dotato di superpoteri. Che però non usa a fin di bene. Produce il regista di «Guardiani della galassia», che tenta di rinnovare i generi fondendo horror (in due varianti: splatter e bambini malvagi) e supereroi (al negativo). Con una classica ambientazione nell'America rurale.

venerdì 24 maggio 2019
Massimo Lastrucci
Ciak

Sprofondati in fondo alla campagna del Kansas, a Brighburn (che in italiano si tradurrebbe come "brucia luminosamente" o "allegramente"!), la famiglia (sereni agricoltori) dei Breyer ha un grosso problema. Il figlio Brandon, alle soglie della pubertà, acquisisce poteri straordinari mentre il suo carattere si incattivisce. Il fatto è che il ragazzino non è il figlio naturale di Tori e Kyle, ma una sorta [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 maggio 2019
Elisa Battistini
Quinlan

Tori e suo marito Kyle vorrebbero tanto un figlio che però non arriva. Almeno fino a quando una pioggia di meteoriti non si abbatte sul Kansas e la coppia trova un neonato, caduto letteralmente dal cielo, nella propria fattoria. Dopo una dozzina d'anni dall'avvenimento il ragazzino inizia a mostrare inquietanti segni di cambiamento... L'angelo del male - Brightburn nasce da una serie di spunti brillanti: [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 maggio 2019
A. O. Scott
The New York Times

A Kansas farm couple is trying to make a baby. The spoons start rattling, the earth moves - but not how you'd think - and the next thing you know they have a son on the brink of adolescence. One night his bed starts shaking - but not how you'd think - and the next thing you know he's out in the barn scaring the chickens. Also hovering above the ground, speaking in tongues, and throwing vehicles and [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 maggio 2019
Emanuele Di Porto
Sentieri Selvaggi

L'idea di ribaltare i canoni del superhero-movie e di farne una versione horror era già stata messa in pratica da Chronicle (2012) di Josh Trank. Il film sfruttava la forma all'epoca imprescindibile del found-footage per raccontare una classica storia di origine che prendeva una brutta piega. Dopo sette anni, Brightburn di David Yarovesky riprova a compiere la stessa operazione con un modello di riferimento [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 maggio 2019
Kimber Myers
The Los Angeles Times

What must Thanksgiving dinners in the Gunn family be like? Though directed by David Yarovesky, the uber-gory superhero horror film "Brightburn" is written by cousins - Brian and Mark Gunn - and produced by Brian's brother, James. But this isn't the more mainstream version of James Gunn behind the gloriously goofy "Guardians of the Galaxy" films; instead, it broadcasts the fingerprints of the director [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 maggio 2019
Benjamin Lee
The Guardian

Long before he became the alt-superhero auteur of choice, for both Marvel and DC, James Gunn was a proud peddler of niftily produced schlock. He started out at Troma writing their deranged midnight movie take on Shakespeare's most tragic romance, before working with Zack Snyder on his ferociously satisfying remake of Dawn of the Dead. For his directorial debut, Slither, Gunn paid tribute to 50s B-movies [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 maggio 2019
Dennis Harvey
Variety

"Superman" meets "The Omen" in "Brightburn," a watchable but super-silly mix of superheroics and evil-child horror that mashes together singularly uninspired ideas from both. Offering R-rated fantasy competition to "Aladdin" this Memorial Day weekend, it should do OK with undiscriminating audiences seeking familiar, forgettable genre thrills. But the franchise prayers that an open-ended fadeout dangles [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 maggio 2019
Frank Scheck
The Hollywood Reporter

A good-hearted, childless couple living in America's heartland discovers a baby that has apparently arrived on Earth from outer space. They naturally adopt the tyke and raise it as their own, only to discover when he grows older that he has amazing superpowers. No, it's not a plot description of Superman but rather the premise of a new, twisted horror movie variation on the superhero origin genre, [...] Vai alla recensione »

martedì 21 maggio 2019
Rocco Moccagatta
Film TV

E se Superman fosse un alieno sanguinario e conquistatore? Il film di Yarovesky nasce da questo suggestivo quesito, anche se, a conti fatti, non lo approfondisce davvero. Poi, la storia del neonato alieno che - dopo essere cascato dalle stelle tra le braccia di una coppia alla disperata ricerca di una gravidanza - rivela, alla pubertà, la sua vera natura non ribalta solo il mito fondativo del superuomo, [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 maggio 2019
Roberto Nepoti
La Repubblica

In una fattoria dell'America rurale vive una coppia che non riesce ad avere figli. Finché il cielo non le recapita, in mezzo a una pioggia di meteoriti, una navicella spaziale con a bordo un bebé, che i due adottano. Col tempo la creatura scopre di avere superpoteri: sa volare, è ultraveloce, ha una forza mostruosa e lo sguardo che incenerisce. No: non stiamo parlando dell'ennesimo reboot di Superman, [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 maggio 2019
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Nel Mare Magnum delle pellicole horror, il più delle quali rigorosamente identiche, arriva questo riuscito film che, mischiando paura a fantasy, azzecca la miscela, generando anche tensione. La storia è quella di un dodicenne, arrivato dallo spazio da bebè e adottato, di nascosto da tutti, dai coniugi Breyer. Il ragazzino, fino a quel momento dolce, scopre di avere poteri come Superman.

NEWS
VIDEO RECENSIONE
lunedì 27 maggio 2019
A cura della redazione

Che succederebbe se il neonato alieno precipitato sulla Terra e adottato da una coppia fosse sì dotato di poteri particolari, ma votato al male anziché al bene? Lo spunto di partenza del film, curioso e interessante, si traduce in un ribaltamento del [...]

POSTER
lunedì 1 aprile 2019
 

Un bambino che proviene da lontano (un mondo non definito) potrebbe essere accolto come un eroe per l'umanità e invece rivela di avere dei poteri molto inquietanti.

NEWS
lunedì 25 febbraio 2019
 

Un bambino che proviene da lontano (un mondo non definito) potrebbe essere accolto come un eroe per l'umanità e invece rivela di avere dei poteri molto inquietanti.Diretto da David Yarovesky, L'Angelo del Male - Brightburn sarà al cinema da giovedì 23 [...]

TRAILER
lunedì 10 dicembre 2018
 

Un misterioso horror prodotto da James Gunn. Ancora non ci sono i dettagli sulla trama.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati