Avengers: Endgame

Acquista su Ibs.it   Dvd Avengers: Endgame   Blu-Ray Avengers: Endgame  
Un film di Joe Russo, Anthony Russo. Con Robert Downey Jr., Chris Evans, Mark Ruffalo, Chris Hemsworth, Scarlett Johansson.
continua»
Titolo originale Avengers: Endgame. Azione, Ratings: Kids+13, durata 182 min. - USA 2019. - Walt Disney uscita mercoledì 24 aprile 2019. MYMONETRO Avengers: Endgame * * * 1/2 - valutazione media: 3,74 su 128 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

"AVENGERS: ENDGAME": UNA CONCLUSIONE PERFETTA.

di Lorenzo Perrucci


Feedback: 313 | altri commenti e recensioni di Lorenzo Perrucci
martedì 30 aprile 2019

“AVENGERS: ENDGAME” - RECENSIONE NO SPOILER

Cosa scrivere di questo film? Vi parla un assoluto appassionato del genere supereroistico, un ragazzo cresciuto con i supereroi Marvel e che ogni volta che entra in sala torna bambino. Il primo film dell'MCU che vidi al cinema, fu "L'incredibile Hulk" del 2008. Ne rimasi contento ma allo stesso tempo spaventato, a causa di un uomo capace di trasformarsi in una creatura mostruosa... ma tutto ciò mi affascinò. Continuai a vedere tutti i film MCU, fino al fantastico "The Avenger", un film che riunì per la prima volta tutti i supereroi in un epico combattimento: inutile dire che fu un vero e proprio viaggio ad occhi aperti. Sembrava fosse il massimo a cui potesse ambire un cinecomic, ma con il tempo ci hanno insegnato che si poteva fare molto di meglio. Infatti da lì in poi sono stati presentati nuovi personaggi che sono entrati nei cuori di tutti noi fan, a partire dal fantastico Doctor Strange, ai Guardiani della Galassia per passare ad Ant-Man o Black Panther. Nuovi personaggi che si sono aggiunti agli Avengers originali, proponendo nuove storie mai viste prima. Un vero e proprio viaggio durato 11 anni: 22 film film mi hanno accompagnato nella mia infanzia ed adolescenza, fino ad arrivare al fatidico "Avengers: Infinity War". In questo film abbiamo assistito ad una conclusione inaspettata: a causa dello schiocco di Thanos, metà dell'universo è scomparso e con esso metà dei nostri supereroi preferiti. Per la prima volta nella storia un cattivo ha prevalso sui buoni, risultando vincitore assoluto. Il 24 aprile 2019 è uscito finalmente "Avengers: Endgame". Come già specifica il titolo, ci troviamo nella "fine dei giochi", infatti gli Avengers affrontano duramente questa sconfitta impartita da Thanos. Un lutto interiore esaminato magistralmente dai Russo, che con questa pellicola hanno firmato il suo personalissimo capolavoro. Da The Winter Soldier ad oggi hanno fatto passi da gigante senza dubbio e questo film rappresenta sicuramente il punto più alto della loro carriera.
Partiamo però da un presupposto: è estremamente difficile parlare di questo film e dire qualcosa di interessante senza fare spoiler.
Avengers: Endgame è sicuramente la fine di tutto, ma anche un nuovo inizio. Un film di una forza incontrollabile, che però non è esente anche da critiche.
Senza fare spoiler, è un film molto, molto intimo. Infinity War si concentrava sulla pura epicità e azione per tutto il film per cercare di fermare Thanos, in vista di una minaccia incombente, invece in questo “Endgame” si avvertono le sensazioni dovute alla prima, vera sconfitta dei supereroi a causa dello schiocco di Thanos. Nel film sono presenti dei dialoghi davvero toccanti che ricalcano le emozioni dei sopravvissuti: una profonda disperazione, rassegnazione e desolazione mai avvertita nei film dell’MCU. Sembra davvero tutto perduto. Ho apprezzato davvero moltissimo l’approfondimento psicologico dei 6 Avengers originali, ma secondo alcuni questo è ciò che dà lentezza al film... può anche essere vero, ma questa è servita per farci capire ulteriormente la psicologia di tutti. Da un film non sempre bisogna avere azione e basta anche se si parla di un cinecomic. In un film di supereroi è fantastico anche trovare un’analisi dei personaggi, così da entrare completamente in empatia con gli stessi: questo film ci riesce alla grande e si distacca dagli altri film perché il pathos è veramente forte e si avverte in un crescendo di dialoghi, sguardi, lacrime e rabbia che porteranno all'inesorabile ed epico finale.
Per quanto riguarda l’azione, ne è presente parecchia, ma senza fare spoiler posso dire al massimo che la sequenza finale vi fonderà il cervello da quanto è bella. Prendete tutte le sequenze di azione più assurde dell'MCU e duplicatele: non siete nemmeno vicino a quello che potrete vedere sullo schermo.
3 ore che volano letteralmente.
La fotografia in gran parte del film è cupa, ha dei toni molto freddi e una colonna sonora firmata da Alan Silvestri adatta in qualsiasi frangente del film e mai sottotono. La trama inoltre è sorretta da una solida sceneggiatura, il che rende il film più godibile sotto ogni aspetto.
Personalmente mi omologo a chi dice che questo film è storia del cinema, per un semplice motivo: questo film è LA storia del cinema d’intrattenimento ora come ora, perché ha saputo dettare la moda del “franchise” come nessun altro ha saputo fare fino ad ora. La DC ci sta provando e molte altre catene filmiche stanno cercando un approccio del genere, fallendo chi più chi meno.
Un “esperimento” iniziato nel 2008 con il primo Iron Man e con i successivi film stand-alone sui singoli personaggi hanno creato un film assurdo come quello di “The Avengers”, un autentico successo.
Poi la storia è continuata, si sono introdotti nuovi personaggi, fino ad arrivare a questo “Avengers: Endgame”: un film che detta la FINE ma anche un nuovo INIZIO dei nostri supereroi. Una conclusione epica che non può lasciare indifferenti. La Marvel ha avuto la capacità di chiudere ma anche tracciare un nuovo inizio in sole 3 ore. Alcuni lo hanno criticato per alcune cose, probabilmente volute (ve le spiego più giù nella parte spoiler), ma che passano in secondo piano grazie all'assoluta emozione che questo film è capace di donare.
Lunga vita alla Marvel, la ringrazio per questi splendidi 11 anni e questo film fantastico. TANTA EMOZIONE E AUTENTICA EPICITÀ. Andate al cinema. VI VOGLIO BENE 3000.

- Perrucci Lorenzo

Qui comincia la parte SPOILER:
Molti hanno criticato l'eccessiva lentezza del film. Dal mio punto di vista il film approfondisce perfettamente la psicologia dei 6 Avengers originali dopo lo schiocco di Thanos. Dopo aver ucciso Thanos all'inzio del film ed aver capito di non avere nessuna possibilità di salvare l'umanità a causa delle gemme ormai distrutte da Thanos stesso, passano 5 anni e sulla terra troviamo i nostri supereroi distrutti dalla loro sconfitta, che cercano difficoltosamente di andare avanti. Inizialmente alcuni di loro lo fanno, ma molti vivono nel rimpianto e pensano costantemente ad un modo per risolvere la situazione. Infatti, dopo l'arrivo di Ant-Man, gli Avengers si rimettono di nuovo in gioco per risolvere ciò che è stato fatto da Thanos, trovando una svolta nel viaggio nel tempo. Dalla seconda ora infatti troviamo numerosi viaggi nel tempo: si passa tra le strade della "New York" del 2012 ai tempi del primo "The Avengers", a incursioni in "The Dark World". In questo Thor riprende il suo martello e saluta per l'ultima volta sua madre che morirà poco dopo. Soffermiamoci proprio su Thor: molti non hanno apprezzato il suo cambiamento fisico ed il suo personaggio perché non l'hanno capito fino in fondo. Thor è grasso, un ubriacone e vive come uno straccione: fa tutto questo perché è caduto in una profondissima depressione, perché proprio in "Infinity War" commise l'errore fatale di non uccidere con un colpo alla testa Thanos, che schioccò le dita. All'inizio di Infinity War invece ha visto l'uccisione di metà della popolazione di Asgard e la morte di suo fratello Loki, a cui si aggiunge l'ineluttabile schiocco. Tony invece si è creato una famiglia mentre Hulk si è trasfromato in Professor Hulk, un'altra ardua scelta che a molti non è piaciuta. Io invece la ritengo azzeccata perché da tempo il personaggio di Hulk non ha mai avuto un'evoluzione, come accade spesso nei fumetti. Qui invece è presente ed anche giustificata: da "The Incredible Hulk", Banner cercava in tutti i modi di controllare Hulk e negli anni, nei vari film Marvel, abbiamo visto come la differenza fra le due controparti si è assottigliata sempre di più fino a far diventare possibile la fusione tra le due controparti. Un processo lento, ma ben sviluppato, anche se spiegato frettolosamente in Endgame. Inoltre Hulk è importante ai fini della trama perché sarà colui che indosserà le gemme e farà tornare indietro tutte le persone scomparse nello schiocco. Thor nel film però non è solo ingrassato, ma presenta una folta e lunga barba, nonché dei lunghi capelli che lo fanno ritornare di nuovo alle origini e donano al personaggio un look più vichingo, che ricorda le rappresentazioni non fumettistiche del "Dio del Tuono". Fantastica la scena su Vormir dove ci sono Occhio di Falco/Ronin e Natasha Romanoff che combattono per salvarsi l'un l'altro anche se alla fine muore Natasha, che non aveva nulla da perdere...
E che dire del combattimento finale? 40 minuti di goduria ed epicità: Captain America degno con il martello di Thor e pugni fino al fatidico schiocco da parte di Tony Stark che farà morire tutti i cattivi. Una scena molto toccante che segnerà il cuore di molti. E' iniziato tutto con Iron Man e così è finito con la sua frase più famosa: se alla fine del primo Iron Man lui disse "Io sono Iron Man", anche qui finisce allo stesso modo, schioccando le dita dicendo la stessa frase in risposta alla sicurezza di Thanos. Muore davanti a Pepper (con cui ha creato finalmente una famiglia) e il suo beniamino Spider-Man. Una scena straziante senza dubbio. Forse nel corso del film non sono spiegate alcune cose riguardanti i viaggi nel tempo, che non fa quadrare tutto alla perfezione ma sono sicuro che verranno esposte nel corso dei prossimi film.
Alla fine poi, Captain America riporta tutte le gemme al loro posto così da non modificare le linee temporali del passato, ma decide di rimanere con Peggy Carter e restituirle il ballo promesso ben 70 anni prima dal primo "Captain America: The First Avenger". Il film chiude con un Captain America attempato, vecchio che passa il suo scudo a Falcon e che rivela di aver vissuto la sua vita con Peggy.
L'ultima scena infatti è proprio il ballo tra loro due e un bacio a coronare il tutto. Un film che sa mischiare epicità e dramma come nessun altro film è stato capace di fare, senza nessun dubbio.
Nei titoli di coda si susseguono le figure dei sei Avengers originali con tanto di firma come per ringraziare i suoi fan.
Un finale perfetto per una conclusione perfetta.

[+] lascia un commento a lorenzo perrucci »

Ultimi commenti e recensioni di Lorenzo Perrucci:

Avengers: Endgame | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
mercoledì 24 aprile 2019
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità