Funeral Party

Film 2007 | Commedia 90 min.

Regia di Frank Oz. Un film con Matthew MacFadyen, Rupert Graves, Peter Dinklage, Daisy Donovan, Alan Tudyk. Cast completo Titolo originale: Death At a Funeral. Genere Commedia - Germania, Gran Bretagna, USA, 2007, durata 90 minuti. Uscita cinema venerdì 21 settembre 2007 distribuito da Mikado . - MYmonetro 2,84 su 134 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Funeral Party tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Al funerale del padre di Daniel accade di tutto, con situazioni comiche che si susseguono una dopo l'altra. In Italia al Box Office Funeral Party ha incassato 2,3 milioni di euro .

Funeral Party è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,84/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,00
PUBBLICO 2,27
CONSIGLIATO SÌ
Un inarrestabile succedersi di eventi conditi dall'humor very british alla farsa più sfrenata.
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 7 agosto 2007
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 7 agosto 2007

Gran Bretagna. Daniel attende l'arrivo della salma del padre nella villa di campagna in cui ancora vive (benché sposato) con la madre. Purtroppo il feretro è sbagliato e gli uomini delle pompe funebri debbono tornare indietro. È solo l'inizio di una serie di situazioni comiche che vanno dall'humor very british alla farsa più sfrenata.
Frank Oz (la voce di Yoda e di Miss Piggy dei Muppets per gli anglofoni) è l'attore e regista di innumerevoli film tra cui ricordiamo In & Out. Questa volta si scatena in un film low budget in cui non si risparmia nulla. Le situazioni a cui può dar luogo il ritrovarsi di persone conosciute e sconosciute a un funerale sono state proposte innumerevoli volte dal cinema ma in questa occasione la libertà di sberleffo e di irriverenza che il regista si concede non ha davvero limiti.
Assistiamo così a un inarrestabile succedersi di eventi che, come nella struttura più classica, complicano anziché risolvere le situazioni producendo effetti esilaranti (complice una confezione di Valium davvero particolare).
Gli attori coadiuvano il regista con una prestazione collettiva degna di premio se il film partecipasse in competizione a un festival (è stato presentato in prima mondiale a Locarno fuori competizione). Alcuni di essi sono molto noti nel cinema britannico. Altri meno ma tutti riescono a gestire comicità e farsa senza mai debordare in quel grottesco fine a se stesso che talvolta costituisce il tallone di Achille della commedia britannica. Oz dimostra poi di saper giostrare tra le diverse situazioni che mette in gioco allontanandosene e andando poi a riprenderle con un dosaggio dei tempi davvero cronometrico. Se ridere della morte è un modo per esorcizzarla, ebbene Funeral Party è un rito ben riuscito.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
FUNERAL PARTY
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99 €9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 19 febbraio 2011
Poldino

Il voto può sembrare eccessivo, ma di commedie così divertenti (anche se con un linguaggio a volte un pò colorito), non se ne vedevano da tempo. Per tutti i novanta minuti del film è difficile trattenere le risate, ci si lascia facilmente trascinare da battute e trovate che si susseguono ininterrottamente dall'inizio alla fine. Gli attori, anche se poco conosciuti, sono tutti molti bravi e la felice [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 settembre 2011
alicetta24288

Volgare,stupido,che a mio parere vorrebbe trasmettere un messaggio e dar l'idea che abbia un significato,quando è evidente che non c'è;ciò non implica che un film debba per forza trasmettere un messaggio,ma da come si presenta il finale di questo film,arrangiato,il regista sembra aver voluto ricucire e risolvere in 2 min ciò che è stato prioettato in precedenza. [...] Vai alla recensione »

lunedì 30 marzo 2009
freddyno

Per me è stato molto carino questo film "che ridere ci siamo fatti" come si può non ridere con questo film,o si è troppo snob o proprio stronzi o con la luna nera. Le pasticche di mescalina che girano di mano in mano credendole valium il mitico zio Alfy (hahahaha) il nano gay... se volete ridere ve lo consiglio

sabato 13 giugno 2015
jacopo b98

 Una famiglia inglese si trova riunita nella villa di famiglia per celebrare il funerale del padre. Vengono figli, amici, parenti stretti, amanti… E la festa di funerale di trasforma in una buffa e grottesca successione di tragicomici eventi. Su sceneggiatura di Dean Craig, Oz ha tratto un buffo film che vorrebbe essere un’antologia di umorismo british.

lunedì 22 settembre 2014
Inesperto

Gradevole commedia inglese. In alcuni tratti si ride molto, in altri di meno. Non un film pretenzioso; solo un po' di tempo da passare con brio. Scorre liscio e scompare senza lasciar tracce.

mercoledì 30 ottobre 2013
stefano bruzzone

divertente commedia in puro stile British ambientata in una villa durante una veglia funebre. si parte subito male con uno scambio di salme per passare attraverso droghe e beghe famigliari fino al gran finale con un curioso nano infiltrato alla funzione il quale farà rivelazioni alquanto compromettenti. film leggero ma divertente anche se in realtà non ci sono spunti che scatenino ilarit&agrav [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 giugno 2012
Hanzo San

film simpatico, manca forse un pó di "acido" tipico della commedia e dell'umorismo british. very british lo zio, davvero molto simpatico. la trama é semplice e cmq nn si ci annoia. per una serata tra amici in tranquillitá, con qualche battuta esilarante.

mercoledì 11 aprile 2012
kondor17

Basato su equivoci, colpi di scena e gag da sit com, il film scorre leggero, divertendo fino alla fine. Ebbene sì, ha le sue lacune, ma non credo lo scopo fosse conquistare qualche oscar, bensì far ridere la gente. E in questo ci riesce, ve lo assicuro.  Linguaggio sì volgarino, diciamo non proprio da bambini, ma quando ci vuole ci vuole 

domenica 19 luglio 2009
donato 1964

Film se cosi' si puo' chiamare, sicuramente da evitare, inutile, insensato, privo di battute ironiche, privo di senso, noioso,e semplicemente da evitare.Voto 4

martedì 11 maggio 2010
Alex41

Finalmente un film comico serio, senza sbavature, senza battute troppo volgari, e soprattutto scena cadute o stronzate varie (che io per la norma ho sempre odiato, forse tranne in film come "Fantozzi" o "Scary Movie"). E' un film leggero, divertente, spassoso, con gag fantastiche, battute divertentissime. Un argomento serio come il funerale verrà trasformato in un [...] Vai alla recensione »

mercoledì 27 luglio 2011
mario283

Un film veramente esilarante...chi non riesce a ridere con questo film e' meglio che vada a Lourdes!

domenica 23 gennaio 2011
ultimoboyscout

Forse quattro stelle sono eccessive ma è troppo divertente, di quel tipico humour nero all'inglese, fa ridere e sorridere condito da una regia intelligente che ha spaziato sul tema con intelligenza e originalità nonostante la storia potesse sembrare di primo acchito già vista. irriverente a più non posso, non si potevano trovare situazioni più assurde, farsesche [...] Vai alla recensione »

domenica 26 luglio 2009
dian71cinema

TUTTO IN QUESTO FILM CALZA A PENNELLO UN FILM DA NON PERDERE PER INTERPRETAZIONE OTTIMA CAPACITA' DEL REGISTA DI CREARE CONTINUITA', NON CI SI ANNOIA AFFATTO IN QUESTO FILM ANZI SI RIDE DI GUSTO IN QUESTO LAVORO BEN MONTATO E REALIZZATO CON POCA AMBIENTAZIONE E POCA SPESA, TUTTO FRA QUATTRO MURA.. SICURAMENTE L'OGGETTO DEL FUNERALE INTESO COME EVENTO TRISTE E LUTTUOSO VIENE FACILMENTE PRESO DI MIRA [...] Vai alla recensione »

martedì 19 aprile 2011
Chiara C.

"Funeral Party" è una commedia spassosa e divertentissima, caratterizzata da un inalienabile humor inglese che contraddistingue i continui colpi di scena. Mentre lo guardavo continuavo a ridere, certi eventi hanno dell'incredibile ma sono uniti da un filo conduttore impeccabile. Più vai avanti a gurdarlo più ti aspetti che succeda qualche altra sfortuna, finchè [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 settembre 2011
Lenny/Demi

prima di vederlo non mi aspettavo niente, invece sono stato un' ora e mezzo a ridere

FOCUS
INCONTRI
venerdì 21 settembre 2007
Claudia Resta

Il film La mattina del funerale del padre, la famiglia e gli amici del defunto arrivano portando con sé tutte le proprie ansie personali. Il figlio Daniel (Matthew Macfadyen) sa che dovrà affrontare il fratello Robert (Rupert Graves), appena arrivato da New York, e sua moglie Jane (Keely Hawes). Nel frattempo, la cugina Martha (Daisy Donovan), assieme al suo nuovo fidanzato Simon (Alan Tudyk), cerca disperatamente di fare una buona impressione sul rigido padre.

Frasi
"Non c'era un cane qui dentro?"
Una frase di Simon (Alan Tudyk)
dal film Funeral Party - a cura di Alessandro
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Antonello Catacchio
Il Manifesto

Non è morto dal ridere il cadaverico protagonista di Funeral Party, ma il balletto di equivoci, malintesi e rivelazioni che scatenano le sue esequie fanno ridere da morire. Perché Frank Oz non ha diretto una commedia ma una farsa, tratta da una sceneggiatura del giovane Dean Craig, che ora verrà ampiamente corteggiato dal cinema. E si ride da subito, sin dai titoli di testa in cui un'animazione muove [...] Vai alla recensione »

Federico Pedroni
Film TV

Cosa c'è di meglio di un bel funerale per esaltare le potenzialità grottesche del tipico humour inglese? Funeral Party è una classica commedia nera: la riunione di famiglia per celebrare la scomparsa di un uomo benestante di ottima reputazione diventa una girandola di gaffes, un susseguirsi di incidenti, una serie di smascheramenti dell'ipocrisia borghese.

Dario Zonta
L'Unità

Nell'arco di una settima escono in sala due film inglesi (venerdì prossimo In questo rnondo libero di Ken Loach, oggi Funeral Party di Frank Oz) agli antipodi per generi e intenzioni, ma entrambi devoti a una tradizione britannica che si è saputa dividere tra il cinema d'impegno e di denuncia e la commedia d'attori. A Loach la denuncia, va da sé, a Frank Oz (regista di In&Out) la commedia, ma quella [...] Vai alla recensione »

Antonello Catacchio
Il Manifesto

C'è modo e modo di ridere durante le esequie del caro estinto. Quello scelto da Frank Oz per Funeral Party è decisamente esagerato, al punto che dalla commedia arriva a sconfinare ripetutamente nella farsa. Era proprio quello che voleva, dopo aver letto la sceneggiatura del giovane Dean Craig, un balletto degli equivoci dinanzi a una bara. Divertente sin dai titoli di testa realizzati in animazione. [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Per me Frank Oz, nonostante i tanti film a Hollywood e il suo successo abbastanza recente con In & Out, resta il regista scanzonato e amabile de la piccola bottega degli orrori in cui era riuscito a vestire di nero, con spunti grotteschi, un filone del cinema fantastico. Oggi ha attraversato l'oceano, si è trasferito in Inghilterra, patria dell'umorismo nero, e si è messo con tutto l'impegno a portare [...] Vai alla recensione »

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

I funerali vengono subito dopo il Natale (gli americani aggiungono la Festa del Ringraziamento) nella classifica delle occasioni dove le famiglie riunite danno il peggio. Frank Oz la butta in farsa, facendoci stramazzare dal ridere, in nobile gara con le magnifiche imprese di Borat il kazaco. Doppiaggio permettendo, in entrambi i casi: con le voci italiane film come questi perdono parecchio.

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Il figlio del defunto alza il coperchio della bara e chiede ansioso:« Chi è? Questo non è mio padre». È la prima occasione di riso in Funeral Party di Frank Oz, grottesco inglese che trasforma un funerale in una farsa un po' antiquata molto divertente. Ne succedono d'ogni genere. Un parente che ha preso per sbaglio una pasticca di acido, mescalina eccetera, completamente fuso compie ogni possibile [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Fra i molti modi per valutare la riuscita di un film comico, uno dei più sicuri consiste nel misurare la sua capacità di sorprenderci. A partire dall'uso degli attori. Mettete un grande comico in mano a un cattivo regista e qualcosa verrà fuori di sicuro (la metà dei film di Totò sta lì a provarlo). Ma orchestrare un crescendo di risate senza mattatori è un altro paio di maniche.

Alberto Castellano
Il Mattino

Frank Oz, regista e attore inglese trapiantato in America, autore di alcune commedie di successo come La donna perfetta, In & Out, ha costruito questa volta una black comedy che ruota intorno a un funerale. Protagonista di Funeral Party è una stravagante famiglia inglese upper class riunita in occasione della morte del patriarca. Ma durante la veglia un uomo affetto da nanismo tenta di rivelare un [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

Se uno, nella stessa vita, doppia il maestro Yoda e Miss Piggy dei Muppets, vuol dire che è baciato dal talento, dalla fortuna e anche da un tocco di sana follia. E Richard Frank Oznowicz, in arte Frank Oz, ne ha da vendere. Autore di successi ammiccanti ( In&Out ), raffinati remake ( La donna perfetta ), thriller spericolati e ambiziosi (The Score , con De Niro e Marlon Brando) è un artista colto [...] Vai alla recensione »

Marco Giusti
Il Manifesto

Si può davvero ridere a un funerale con tanto di bara in primo piano? Funeral Party (da oggi nei cinema), diretto dal maestro della commedia Frank Oz che in originale si intitola addirittura Death at a Funeral, dimostra appunto quanto possa diventare divertente un funerale (con tanto di omicidio e dì abuso di droghe) se hai un buon copione da black comedy inglese, ottimi attori e un bel ritmo di regia. [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

In Funeral party, il defunto è un capofamiglia integerrimo e rimpianto da tutti, o così sembra fino a quando dagli armadi all'apparenza ordinatissimi non cominciano a fuoriuscire gli scheletri. In vista della funzione funebre affluiscono familiari, parenti, amici e conoscenti. I due figli si detestano, quello che è rimasto inchiodato a una vita borghese e succube invidia con tutte le forze l'altro [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

È buffa la commedia del provocatore nato Frank Oz (già autore del soppravvalutato In & Out). Però non così spassosa come assicuravano le voci da Locarno. Siamo in una villa di campagna vicino a Londra. Davanti alla bara di papà Edward, si ritrovano la svanita vedova Sandra, i due figli del defunto, lo scrittorello Daniel, assillato dalla moglie Jane, lo spocchioso fratello Robert, lui sì romanziere [...] Vai alla recensione »

Raffaella Giancristofaro
Rolling Stone

Riunione di famiglia per un lutto, a Londra. Al centro della scena, i figli del caro estinto, due fratelli opposti per scelte di vita. Divisi persino su chi deve pagare il funerale, e messi alle strette da una serie di colpi di scena: una rivelazione scottante che riguarda la vita sessuale del defunto, un cadavere sbagliato, una cerimonia che non parte mai per via di un vecchio zio incontinente, di [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati