Un amico straordinario

Film 2019 | Biografico, Drammatico, 109 min.

Regia di Marielle Heller. Un film Da vedere 2019 con Tom Hanks, Matthew Rhys, Enrico Colantoni, Chris Cooper, Wendy Makkena, Tammy Blanchard. Cast completo Titolo originale: A Beautiful Day in the Neighborhood. Genere Biografico, Drammatico, - USA, 2019, durata 109 minuti. Uscita cinema giovedì 5 marzo 2020 distribuito da Warner Bros Italia. Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Condividi

Aggiungi Un amico straordinario tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un giornalista cinico accetta malvolentieri l'incarico di scrivere un pezzo su un'icona. Sarà poi costretto a ricredersi. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, 1 candidatura a Golden Globes, 1 candidatura a BAFTA, 2 candidature a Critics Choice Award, 1 candidatura a SAG Awards, 1 candidatura a Writers Guild Awards, 1 candidatura a CDG Awards, 1 candidatura a ADG Awards, Al Box Office Usa Un amico straordinario ha incassato nelle prime 11 settimane di programmazione 61,3 milioni di dollari e 13,5 milioni di dollari nel primo weekend.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un film spiazzante che trae la sua forza dalla semplicità disarmante del suo protagonista Fred Rogers.
Recensione di Roberto Manassero
mercoledì 15 gennaio 2020
Recensione di Roberto Manassero
mercoledì 15 gennaio 2020

Nel 1998 il giornalista di New York Lloyd Vogel, sposato e con un figlio neonato, viene incaricato dalla rivista Esquire di scrivere un articolo su Fred Rogers, pastore protestante e conduttore del famoso programma televisivo per bambini, Mister Rogers' Neighborhood. Giornalista apprezzato ma adulto depresso e in conflitto con il padre che ha abbandonato lui e la sorella da piccoli, Lloyd trova in Rogers un interlocutore spiazzante e alla lunga un vero amico. Pacato e amorevole tanto coi bambini quanto con gli adulti, Rogers è in grado con la sua gentilezza di sanare le ferite di Lloyd e di spingerlo a migliorare il rapporto con gli altri. Lloyd si riavvicina così alla moglie, comincia a occuparsi del suo bambino e trova il tempo di riconciliarsi con il padre, ormai anziano e sul punto di morire.

Un amico straordinario è il racconto di un incontro: un romanzo di formazione che arriva quando ancora non è troppo tardi, in tempo per ricordare a un uomo disilluso di essere stato anche lui un bambino.

Tratto dall'articolo «Can You Say ... Hero?» di Tom Junod, pubblicato su Esquire nel 1998, Un amico straordinario è un film spiazzante. Come il protagonista Fred Rogers, sotto la sua normalità e la sua dolcezza sembra nascondere un'anima cupa, quasi morbosa, eppure si rivela in realtà per quello che semplicemente è: un dramma sentimentale, un racconto di formazione, la storia di un'amicizia.

La forza dirompente di Mister Rogers, da cui il film di Marielle Heller (Copia originale, Diario di una teenager) trae il suo fascino inatteso, sta nella sua disarmante semplicità: non è un eroe, come si domandava lo stesso articolo di Junod, e nemmeno un santo (come viene ironicamente chiamato dalla moglie), ma un uomo e un peccatore come tutti. Soprattutto, è un comunicatore che prende alla lettera i termini di un rapporto interpersonale, risultando per questo imprevedibile: dal set televisivo in cui mette in scena i suoi spettacolini non si abbassa mai al livello dei piccoli ascoltatori, parla con tono piano e parole semplici, indossa cardigan e cravatta per rendere evidente la distanza di età e di esperienze. Con gli adulti Rogers si comporta alla stessa maniera: accetta l'idea dello scambio e coglie in un'intervista l'occasione per costruire una nuova amicizia, nonostante la persona che ha di fronte sia all'opposto per formazione, convinzioni e carattere.

Rogers aveva 70 anni quando uscì l'articolo di Esquire, la sua trasmissione andava in onda dal 1968 e poco tempo dopo, nel 2003, sarebbe morto: era insomma un uomo d'altri tempi, quasi un alieno, e il film lo mostra in questa dimensione "altra", trasportando il coprotagonista Lloyd (interpretato da Matthew Rhys) e lo stesso spettatore nel suo "Mister Rogers' Neighborhood", nei plastici della trasmissione che ricostruivano il "quartiere" ideale e in miniatura di cui Rogers era abitante e burattinaio.

Confondendo i piani della percezione tra il set, la vita di Lloyd e una dimensione sospesa tra reale e onirico, Marielle Heller e i suoi collaboratori (Noah Harpster e Micah Fitzerman-Blue alla sceneggiatura, Jade Healy alle scenografie) costruiscono un universo fantastico e artigianale simile a quelli di Gondry o Kaufman, un palcoscenico ideale in cui le certezze della vita adulta si sgretolano di fronte alla naturalezza di un mondo infantile fatto della stessa arte di Rogers, di pupazzi, marionette, canzoncine e discorsi semplici.

Nella voluta incertezza della rappresentazione sta perciò il senso intimo di Un amico straordinario, l'inevitabile contrasto, cioè, tra la complessità della vita e l'essenzialità di un linguaggio ricondotto alle sue formule di base e utile tanto per l'infanzia quanto per l'età adulta. Rogers invita a tornare bambini per riscoprire la naturalezza di un saluto, di una domanda, di una richiesta di aiuto o di perdono.

La presenza destabilizzante di questa figura a metà tra l'educatore e l'invasato - anche grazie a un'interpretazione sensazionale di Tom Hanks, in bilico fra dolcezza e spavento - non sta dunque nella sua bontà, nella sua fede o nella sinistra pervasività con cui entra nelle vite degli altri, ma nella capacità scioccante di parlare una lingua depurata e universale, scevra da costruzioni di carattere religioso o educativo.

A fine millennio, agli albori della rivoluzione digitale e nell'epoca del "realismo isterico" è possibile che il discorso, l'arte e la figura di Rogers fossero stati superati dal tempo e dalle mode; oggi, però, al di là del personaggio e delle sue convinzioni, suonano come un'àncora di salvezza, un modo di guardare alla vita e al sogno che recupera senza secondi fini l'onestà dei bambini.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
Tom Hanks e la rivincita della gentilezza.
Overview di Giorgio Crico
giovedì 21 novembre 2019

Secondo lungometraggio diretto da Marielle Heller dopo l'esordio del 2018 Copia originale con Melissa McCarthy (che ricevette una nomination agli Oscar per la miglior sceneggiatura non originale), Un amico straordinario racconta la storia di un'amicizia improbabile tra Fred Rogers, un conduttore televisivo della vecchia guardia, molto amato e apprezzato dall'americano medio, e Lloyd Vogel, un giornalista rampante, apprezzato da tutti almeno quanto è cinico e disilluso.

«Fred Rogers? Quando Marielle Heller mi ha detto che avrei essenzialmente avuto una parrucca, delle sopracciglia finte e che tutto il resto sarebbe stato nelle mie mani ho pensato: 'Ok, questo sì che è un tentativo serio di fare qualcosa che abbia un suo DNA'».
Tom Hanks

La trama ruota attorno al rapporto tra i due protagonisti, i quali entrano in contatto tra loro perché la rivista presso cui Vogel lavora gli commissiona un articolo fiume proprio su Rogers, una colonna della tv pubblica da decenni grazie al suo show "Mister Rogers' Neighborhood", un programma pensato per i bambini che tutti hanno visto almeno una volta, negli USA. Grazie al contatto con il presentatore, con il suo stile di vita e le sue profonde convinzioni incentrate sulla gentilezza, il tatto e la cortesia, la visione del mondo negativa e densa di cinismo di Vogel inizia a subire una lenta trasformazione che lo porta a mettere in discussione i suoi rapporti personali e a farsi domande sul modo stesso in cui vissuto la sua esistenza fino a quel momento.

Un amico straordinario è l'adattamento italiano del titolo americano A Beautiful Day in the Neighborhood che richiama il (vero) programma tv condotto per oltre trent'anni da Fred Rogers tra la NET e la PBS (i canali pubblici americani) e che da noi è praticamente sconosciuto, rendendo così incomprensibile il riferimento televisivo del titolo originale. Ciò nonostante, il titolo italiano pone immediatamente l'accento sul nucleo tematico del film: il rapporto tra Rogers e Vogel, interpretati da Tom Hanks e da Matthew Rhys, attore gallese noto al grande pubblico grazie alle serie tv Brothers & Sistersa e The Americans ma che negli ultimi anni si è fatto molto apprezzare anche a Hollywood.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 7 febbraio 2020
Chiara Barbo
VivilCinema

Fred Rogers è stato l'amatissimo autore e presentatore del programma per bambini Mr. Rogers' neighborhood, andato in onda per oltre 30 anni a partire dal 1968. Coi suoi programmi educativi, i suoi modi onesti e gentili parlava ai bambini dal suo studio a colori pastello in modo semplice e diretto, utilizzando piccoli racconti, semplici video che spiegavano come sono fatti gli oggetti di uso quotidiano, [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 febbraio 2020
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

Ve lo ricordate Fred Rogers? Pastore protestante e mattatore del programma televisivo Mister Roger's Neighborhood, rivolto ai più piccoli. Sapeva cantare, far "parlare" i pupazzi, era un punto di riferimento per le famiglie americane. Fu un successo, con novecento puntate trasmesse dal 1968 al 2001. La sigla era quasi un inno nazionale: Rogers entrava in casa intonando Won't You Be my Neighboorhood? [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
mercoledì 8 gennaio 2020
 

Un giornalista cinico accetta malvolentieri l'incarico di scrivere un pezzo su un'icona. Sarà poi costretto a ricredersi. Vai all'articolo »

OVERVIEW
giovedì 21 novembre 2019
Giorgio Crico

Un giornalista cinico accetta malvolentieri di scrivere un pezzo su un'icona della TV. Quell'incontro gli cambierà la vita. Vai all'articolo »

TRAILER
venerdì 15 novembre 2019
 

Regia di Marielle Heller. Un film con Tom Hanks, Enrico Colantoni, Chris Cooper, Matthew Rhys, Wendy Makkena. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
mercoledì 13 novembre 2019
 

Regia di Marielle Heller. Un film con Tom Hanks, Enrico Colantoni, Matthew Rhys, Wendy Makkena. Guarda il trailer »

TRAILER
lunedì 22 luglio 2019
 

Regia di Marielle Heller. Un film con Tom Hanks, Enrico Colantoni, Chris Cooper, Matthew Rhys, Wendy Makkena. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati