MYmovies.it
Advertisement
The Front Runner - Il vizio del potere, un film di denuncia dall'approccio originale

Il film di Reitman affronta la tematica del mutamento del giornalismo e della moralità pubblica, preservando il suo intento informativo.
di Roy Menarini

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Hugh Jackman (50 anni) 12 ottobre 1968, Sydney (Australia) - Bilancia. Interpreta Gary Hart nel film di Jason Reitman The Front Runner - Il Vizio del Potere. Al cinema da giovedì 21 febbraio 2019.
domenica 24 febbraio 2019 - Focus

Una vera ossessione, quella per la politica nel cinema americano contemporaneo. Se Vice (guarda la video recensione) ha raccolto il massimo dell'interesse in questi tempi, forse per il suo ardito mix di cinema, televisione, talk show, documentario di montaggio, narrazione seriale e così via, altri approcci sono possibili, come dimostra The Front Runner - Il vizio del potere. Lo stile di Jason Reitman non potrebbe essere più diverso, anche perché - oltre che un film sulla politica - il suo è un film sull'informazione. Controcanto quasi crudele a The Post (guarda la video recensione) di Steven Spielberg, The Front Runner - Il vizio del potere denuncia frontalmente il mutamento antropologico del giornalismo, e la trasformazione stessa del concetto di moralità pubblica.

Temi, peraltro, che riguardano da vicino l'Italia, poiché - se in questo racconto è la baldanza di un democratico ad essere risucchiata nel vortice degli scandali - da noi le parti politiche si invertirono, e fu la vita sessuale di un premier di destra a scatenare la stampa di sinistra.
Roy Menarini

Reitman, in effetti, non la fa affatto facile, e - forse con qualche gentilezza di troppo - cerca di offrire l'onore delle armi mostrando l'imbarazzo degli inviati ad occuparsi delle scappatelle di un politico, ad appostarsi tra le siepi per immortalarne le scostumatezze, a fotografarlo in maniche di camicia nel vialetto di notte. La spettacolarizzazione della politica nasce forse negli anni Ottanta, anche se recenti studi hanno dimostrato quanto persino Lincoln facesse riferimento a studi di comunicazione per impostare i propri discorsi pubblici.

Un conto, però, sono sondaggi e analisi del target degli elettori, e un conto è il sistema dello spettacolo. In effetti, The Front Runner - Il vizio del potere non è solo il racconto dell'inizio di qualcosa ma anche dei prodromi di ciò che si sarebbe svolto in tutt'altro contesto di lì a una quindicina di anni. La vicenda del senatore Hart è ancora una questione di fotografie, indagini porta a porta, televisione, dibattiti dal vivo, giornali di carta, servizi scritti matita in bocca, maniche rimboccate, di notte, per poter uscire con l'edizione del mattino. Qualche tempo più tardi, Internet avrebbe cambiato tutto, offrendo nuovi strumenti alla politica ma anche nuove armi al giornalismo d'inchiesta scandalistica. I politici sono diventati "celebrities" della Rete e gli scandali o le immagini compromettenti a loro volta si sono svincolati da tutte le intermediazioni, portando l'informazione e le fake news in un territorio di pericolosa prossimità.


CONTINUA A LEGGERE
In foto una scena dal film The Front Runner - Il vizio del potere
In foto una scena dal film The Front Runner - Il vizio del potere
In foto una scena dal film The Front Runner - Il vizio del potere
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati