Red Land (Rosso Istria)

Film 2018 | Drammatico, Storico +13 150 min.

Regia di Maximiliano Hernando Bruno. Un film Da vedere 2018 con Selene Gandini, Franco Nero, Geraldine Chaplin, Sandra Ceccarelli, Romeo Grebensek. Cast completo Genere Drammatico, Storico - Italia, 2018, durata 150 minuti. Uscita cinema giovedì 15 novembre 2018 distribuito da Venicefilm. Oggi tra i film al cinema in 4 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,79 su 215 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Red Land (Rosso Istria) tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Norma Cossetto, studentessa italiana, istriana di un paese vicino Visignano, uccisa da partigiani jugoslavi nel 1943. In Italia al Box Office Red Land (Rosso Istria) ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 129 mila euro e 56,6 mila euro nel primo weekend.

Consigliato assolutamente sì!
3,79/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,07
CONSIGLIATO SÌ
Un film storico dalla buona qualità spettacolare, che ricorda il passato per costruire un futuro diverso.
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 13 novembre 2018
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 13 novembre 2018

Estate del 1943. Il 25 luglio Mussolini viene arrestato e l'8 settembre l'Italia firma quell'armistizio separato con gli angloamericani che condurrà al caos. L'esercito non sa più chi è il nemico e chi l'alleato. Il dramma si trasforma in tragedia per i soldati abbandonati a se stessi nei teatri di guerra ma anche e soprattutto per le popolazioni civili Istriane, Fiumane, Giuliane e Dalmate, che si trovano ad affrontare un nuovo nemico: i partigiani di Tito che avanzano in quelle terre, spinti da una furia anti-italiana. In questo drammatico contesto storico, avrà risalto la figura di Norma Cossetto, giovane studentessa istriana, laureanda all'Università di Padova, barbaramente violentata e uccisa dai partigiani titini avndo la sola colpa di essere Italiana e figlia di un dirigente locale del partito fascista.

Ventun anni dopo il Porzus di Renzo Martinelli, che narrava vicende accadute in Friuli nello stesso periodo storico sollevando il velo su una pagina oscura della Resistenza, non era facile affrontare un tema come quello di quanto accaduto tra il 1943 e il 1945 agli italiani che vivevano in Istria senza alimentare polemiche di parte.

Maximiliano Hernando Bruno è riuscito a trovare in buona misura la chiave giusta per raccontare quei giorni e quelle vicende, cioè per adempiere ad uno dei molteplici compiti del cinema: fare memoria. Diciamo in buona misura perché qualche accentuazione melodrammatica non manca (il capobanda titino è il Male assoluto così come al comunista italiano vengono offerti i tratti del traditore della propria gente, anche per risentimento amoroso, con possibilità di riscatto finale come nell'opera lirica).

Nel complesso però la sceneggiatura sa mostrare con equilibrio sia la sensazione di smarrimento conseguente all'8 settembre, sia ciò che anima nell'intimo le varie parti in causa. Il generale Esposito espone tutte le perplessità dell'Esercito dinanzi a una guerra sbagliata voluta dal fascismo così come non viene taciuta l'italianizzazione forzata dell'area condotta negli anni dal regime.

Ci viene però anche mostrato come la convivenza tra le diverse etnie fosse stata possibile e quanto invece l'odio da parte dei rappresentanti degli avamposti delle forze comandate dal Tito abbia scardinato un esempio di civiltà. Attraverso la storia tragica di una giovane donna come Norma Cossetto (medaglia d'oro al merito civile) ci viene presentato un microcosmo che trova nel professore interpretato da Franco Nero una lettura 'alta' che ha la propria sintesi nella frase: "Se Satana crede di poter peggiorare l'uomo è davvero ingenuo".

Proprio per questo fare memoria non può essere un pretesto per riattizzare odi e rancori ma per avere presente l'obiettivo che quanto accaduto non debba più accadere. In un'epoca di tentazioni di nuovi nazionalismi questo è un film che, anche grazie alla sua qualità spettacolare, può contribuire a far riflettere come questi possano facilmente degenerare nell'odio più cieco, ricordando il passato per costruire un futuro diverso.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 22 ottobre 2018
eltopo

Ho avuto la fortuna di vedere il film in anteprima al lido di venezia lo scorso settembre. Attori eccezionali, fotografia pazzesca e ambientazioni che ti trasportano interamente all'interno della storia. Di film storici ne vedo tanti...è questo non mi ha deluso affatto, anzi erano molti anni che non vedevo un film italiano di guera con questa caratura da film internazionale.

venerdì 26 ottobre 2018
carlofrontiera

Un'opera prima maestosa, girato benissimo e diretto con eleganza e buon gusto, ma anche con determinazione narrativa per andare fino in fondo alla crudezza dell'essere umano. Attori grandiosi che sanno farti immedesimare nei personaggi e farti piangere e soffrire con loro. Una fotogtrafia che delizia l'occhio, che esulta per le meravigliose ambientazioni e costumi.

venerdì 26 ottobre 2018
sanpolo

Dopo aver visto tanti film scarsi italiani storici e di guerra finalmente una ventata d'aria fresca! Ero rimasto al film dei fratelli Taviani "Una Questione Privata"....noiso, scadente poco credibile e recitato malissimo. Invece questo Red Land mi ha meravigliato! Regia fanatastica, fotografia e attori da oscar! Una storia mai raccontata al cinema, cruda, violenta e che ti avvolge in [...] Vai alla recensione »

mercoledì 21 novembre 2018
cardclau

Film potente e dolorosissimo, senza un attimo di pace o con salti nel fantastico, come in Emir Kosturica, Red Land (Rosso d’Istria), di Maximiliano Hernando Bruno, argentino, che ha angosciosamente impresso nella memoria la storia di tutti i Desparecidos, gli “scomparsi”, milioni nel mondo, solo tenendo conto degli ultimi due secoli.

lunedì 26 novembre 2018
Mariluce

Poiché sull'argomento esistono pochissimi film questo cercava di dare un'idea di una situazione complicata e confusa come quella dell'Adriatico Orientale e in particolare dell'Istria, rappresentando dei personaggi tutti in preda a dilemmi tragici, paure estreme, scelte da fare senza le informazioni adeguate, illusioni, tante!     E tutto in un quadro che ancora [...] Vai alla recensione »

domenica 25 novembre 2018
andgiuly@gmail.com

" Una storia vera, cruda e drammatica che non risparmia nulla allo spettatore, mai raccontata al cinema, attori grandiosi che sanno farti immedesimare nei personaggi e farti piangere e soffrire con loro...fotografia splendida e ambientazioni che ti trasportano interamente all'interno della vicenda "....A queste recensioni che condivido in pieno e sinceramente applaudo ???????????? voglio aggiungere [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 novembre 2018
piero

Da non professionista del ramo, mi astengo da giudizi tecnici sulla realizzazione del film. Posso però dire che l'interpretazione, la fotografia, il commento musicale, il garbo e la delicatezza con cui gli argomenti sono stati qui trattati mi hanno molto favorevolmente impressionato e mi hanno fatto passare le due ore e mezza di attenzione senza quasi che me ne accorgessi.

domenica 25 novembre 2018
Ermione

Dopo tanti sacrosanti film sull'Olocausto, finalmente il primo film sulla tragedia italiana delle foibe, che agli italiani è stata taciuta e negata per decenni fino all'istituzione del Giorno del Ricordo. L'orrore vissuto da Norma Cossetto, che è quello degli italiani di Istria, Fiume e Dalmazia, viene rivissuto dal giovane regista con profondo sentimento, delineando con onestà intellettuale la ragnatela [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 novembre 2018
Sangue Misto

 A mio parere il film Rosso Istria non è un documentario che pretenda di stabilire una verità storica, ma la trasfigurazione cinematografica della dolorosa vicenda della popolazione istriana alla fine della seconda guerra mondiale. Sono un’istriana di sangue ed ideologia mista ben consapevole delle cause complesse, degli antefatti e dei post fatti di questa storia che [...] Vai alla recensione »

mercoledì 28 novembre 2018
Simona

Un film da vedere assolutamente, dopo una prima parte introduttiva, necessaria per poter comprendere il clima dell'epoca, si snoda tutto il dramma di Norma Cossetto. Un simbolo del martirio subito da migliaia di italiani come lei infoibati, con la sola colpa di essere italiani. Le prime scene nel bosco sono subito d'impatto e gli spari di sottofondo rimbombano in sala e nei cuori.

mercoledì 28 novembre 2018
Giampaolo

Sin dalle primissime immagini veniamo catapultati nelle viscere della storia. Gli echi degli spari nel bosco e lo sgomento di un branco di cervi, trasmettono allo spettatore il sentore di antiche paure. E' un 'Istria profonda quella che appare qua e là in diversi piani sequenza : dalla verdeggiante Valle del Quieto ad un'esile striscia di mare sullo sfondo, ma è una  [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 novembre 2018
GiulianaZ

“RED LAND” = “ROSSO ISTRIA” film….. alla fine si rimane proprio impietriti sulle poltroncine della sala cinematografica, le luci si accendono ma la forza di alzarsi viene a mancare, le “ferite” nello stomaco e nel cuore ricevute lo impediscono. Ci si sente soli e sgomenti, senza parole. Si può solamente abbracciare il vicino di posto riconosciuto nel dolore per ritrovare un po’ di coraggio e solidarietà [...] Vai alla recensione »

martedì 27 novembre 2018
Giovanni Luigi Manco

Ho assistito ieri a Udine alla proiezione di Red Land. La sala era colma, nessun posto vuoto. Un silenzio assoluto mentre scorrono le incantevole riprese dei boschi istriani e dei cervi, tra gli alberi, dai grandi occhi, attoniti e fermi, quasi in aspettazione.Ancora occhi, grandi e lucidi di Geraldine Chaplin, spalancati nel terribile abisso di un dramma senza fine.

domenica 2 dicembre 2018
Jolly

Finalmente, dopo tanti anni, il velo si sta sollevando per rivelare una triste ed amara verità storica, negata ed occultata per troppo tempo perché ritenuta scomoda e "politicamente non corretta". Un riconoscimento doveroso alla memoria di tante vittime innocenti troppo a lungo dimenticate. Dopo Porzus, questo film mostra nella sua cruda realtà cosa è stato commesso dall' "altra parte".

sabato 24 novembre 2018
Piki1948

Questo lungometraggio malgrado venga definito un film, a mio parere, assomiglia molto ad un docufilm. Esso ricostruisce un fatto storicamente avvenuto: la tragica vicenda di Norma Cossetto, figlia di un dirigente locale del Partito Nazionale Fascista che era stato anche podestà (sindaco) del comune di Visinada in Istria e che nel 1943 era un ufficiale delle camicie nere di stanza a Trieste. Vai alla recensione »

sabato 24 novembre 2018
Alasondro Alegré

Due ore e mezza ad attendere una scena che il pubblico già conosce prima di entrare in sala, nel frattempo tocca sorbitrsi tutta una sequenza di inutili sciocchezze dal punto di vista storiografico (un esempio a caso: la scena in cui i carabinieri di un presunto comando istriano vanno in cerca di disertori subito dopo l'8 settembre è ridicola).

venerdì 16 novembre 2018
serenata

Ritengo che Red Land non sia un bel film perché alla qualità di un film concorrono più elementi: un film non è fatto solo di ottime location, di sfondo musicale, di bravi attori e primi piani in controluce. se è un film storico o è obiettivo o non rende giustizia a nessuno. Il regista Bruno fa un film sulla storia di Norma Cossetto togliendo gli avvenimenti [...] Vai alla recensione »

domenica 18 novembre 2018
fabriziog

 “Red land” (“Rosso Istria”) di Maximiliano Hernando Bruno è un film rosso come la bauxite, rosso come la terra d’Istria, rosso come i panorami giuliano-dalmati, rosso come il ciglio di una foiba, rosso come il vestito della “voce narrante”, rosso come il sangue delle giovani ragazze italiane stuprate dai comunisti, rosso come le ferite delle torture [...] Vai alla recensione »

mercoledì 21 novembre 2018
Teseo

Nel tuo commento, "Serenata" c'è tutto l'armamentario ideologico del vetero-comunista. Credevo che queste persone ormai non esistessero più, ma devo constatare che i complici ideologigi dei boia rossi esisteranno sempre come il male, nel loro squallore velenoso. I partigiani titini come tutti i comunisti sono effettivamente il male assoluto, in tutto il mondo, dall'estrem [...] Vai alla recensione »

domenica 18 novembre 2018
Ketty

Ho visto questo film ed un capolavoro, uno di quei film che non ti fanno scollare gli occhi dallo schermo, ho provato un mix di emozioni contrastanti, dalla gratitudine nei confronti del giovane regista per aver permesso a Norma di rivedere la luce e di sorridere ancora, alla tristezza e amarezza pensando che si è trattato di un'orribile pagina della storia italiana, che gli infami, vigliacchi hanno [...] Vai alla recensione »

mercoledì 21 novembre 2018
GABRY

Un film che offre l'opportunità di conoscere veramente la tragedia vissuta dagli Italiani in Istria e Dalmazia. Assolutamente da vedere e consigliare

lunedì 19 novembre 2018
Ketty

Ho visto questo film ed un capolavoro, uno di quei film che non ti fanno scollare gli occhi dallo schermo, ho provato un mix di emozioni contrastanti, dalla gratitudine nei confronti del giovane regista per aver permesso a Norma di rivedere la luce e di sorridere ancora, alla tristezza e amarezza pensando che si è trattato di un'orribile pagina della storia italiana, che gli infami, vigliacchi hanno [...] Vai alla recensione »

mercoledì 14 novembre 2018
elon

Straordinario, per essere l'opera prima di un regista italo argentino, con il coraggio di aprire uno squarcio enorme su uno dei tanti silenzi italiani durato 75 anni, attraverso una costruzione filmica degna di ben più blasonate produzioni. Gli attori tutti fanno trasparire un realismo inattaccabile, un coinvoglimento emotivo che si trasmette con immediatezza alle persone in sala, trasportando [...] Vai alla recensione »

lunedì 19 novembre 2018
Jessica Pilloni

In Sardegna nessuna sala proietta questo film!!! Incredibile!!! Vorrei trovare un modo per ottenere una proiezione, non esiste neanche una piccola sala autonoma che abbia il buon gusto di andare contro corrente? Scrivete per favore se conoscete una sala in Sardegna che si distingue... Grazie! 

sabato 17 novembre 2018
Jenny

Un film bellissimo che merita di essere visto per la storia, che sa rendere bene quel senso di angoscia e paura nella popolazione istriana costretta ad andarsene per non subire ulteriori violenze. Un cast sorprendente, un grandissimo Franco Nero. Quanta angoscia, quanta violenza sa creare l'uomo!Merita il Max dei voti.

venerdì 16 novembre 2018
checco.cat

finalmente un film che parla dell'Istria, con l'angoscia e il pugno nello stomaco che solo una grande regia e dei grandi attori possono trasmettere...davvero toccante e bellissimo.

sabato 17 novembre 2018
giuseppe ragazzini

L'ideologia comunista e l'odio etnico erano l'humus che nutriva i titini.

venerdì 16 novembre 2018
Als.zeta

Visto oggi pomeriggio ad UCI cinema VR! Complimenti al lavoro e al coraggio del regista e alla professionalità del cast! Mi ero già documentato sulla tragica vicenda ed avevo visto lo spettacolo di Cristicchi nonché il magazzino 18 ma il film mi ha coinvolto ancor più emotivamente suscitando sentimenti opposti ... che lascio immaginare ... Dopo la narrativa uscita .

venerdì 16 novembre 2018
fabio

Un film da vedere assolutamente, un film da vedere almeno una volta nella vita…per poi non scordarlo più.Una esperienze cinematografica, la cui visione impressiona il telespettatore a tal punto che il film rimarrà nella memoria per molto, moltissimo tempo. Si tratta del meglio che il cinema possa offrire oggi,quì si parla di fatti realmente successi,Red land, Rosso Istria è un film dalla parte di [...] Vai alla recensione »

mercoledì 24 ottobre 2018
faunoromano

Visto al lido di Venezia e sono stato travolto! Film capolavoro, travolgente, duro, crudo...un pugno allo stomaco. Non conoscevo nulla sui fatti narrati e sono stato contento di averlo visto. Attori eccezionali, sopratutto Romeo Gresembek nella parte del partigiano di tito "MATE"...se fosse un film americano sarebbe candidato all'oscar. Franco Nero, Geraldine Chaplin e Sandra Ceccarelli eccezionali! [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 novembre 2018
roberta di casimirro

Un gran bel film. Ho avuto il privilegio di vederlo al Moderno, ma tornerò a vederlo al cinema, il 15 novembre, è una storia Italiana, una pagina di storia italiana sepolta sotto i tomi polverosi del conformismo ideologico e culturale, della vulgata storica, e consiglio a tutti di vederlo. In sala il film mi è sembrato a tratti lento.

venerdì 23 novembre 2018
v

Scrissi anni fa : FOIBE dagli abissi del Carso agli abissi della memoria. Ora grazie a questo film un po' alla volta la verità comincia a risalire da quegli abissi. Purtroppo c'è una diffusa ignoranza in materia, a lungo voluta e dai più subita, e questo film è un cammino verso la verità. Un film assolutamente da vedere e rivedere per un'opportuna [...] Vai alla recensione »

martedì 20 novembre 2018
brubellet

Film senza lancio pubblicitario nelle sale ma solo attraverso il passaparola. Ho visto l’atmosfera della vita istriana: prima normale e gioiosa, poi terribile è drammatica. Penso che interesserà perchè, finalmente, si sa chiaramente come hanno trattato gli ITALIANI d’Istria e il perché dell’ESODO dall’Istria,Fiume e Dalmazia. Film lento all’inizio ma poi 2 ore e 30 di drammatica tensione che preme [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 novembre 2018
Simo

L'ho visto. È un film che tocca il cuore. In modo equilibrato si racconta la storia, purtroppo vera, di Norma Cossetto, studentessa dell'università di Padova. Sullo sfondo la situazione complicata e difficile del confine orientale italiano.Un gioiello che fa luce su una pagina di storia italiana occultata per decenni all'opinione pubblica. Assolutamente da vedere.

giovedì 25 ottobre 2018
serafino

A mio avviso uno dei migliori film visti intorno alla mostra del cinema di venezia. Una cura dei dettagli difficilmente riscontrabile in altri film storici, nulla è lasciato al caso. Una regia che riesce a coinvolgere lo spettatore sia visibilmente sia narrativamente con inquadrature che iniziano molto ampie e suggestive e che poi diventano man mano sempre più dinamiche e claustrofobiche quando la [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 novembre 2018
MAURO

Eccellente film. In attesa che arrivi anche a Novara, per andare a rivederlo con gli amici, ho dovuto spostarmi e Milano. Ma ne è valsa la pena

venerdì 16 novembre 2018
cristina

Bellissimo film. attori divini. concordo con chi ha detto che se l'attore che interpreta Mate fosse stato americano avrebbe vinto l'oscar!!!! un fulm crudo, ansiogeno che ti tiene attacato allo schermo nonostante abbia contenuti storici e una durata di due ore e mezza. Solo un pazzo non andrebbe al cinema!!!!! Straconsigliato!!!!!!

giovedì 1 novembre 2018
Pippo Inzaghi

Stupendo! Regia perfetta ,consigliatissimo!! Nonostante sia crudo e altamente drammatico  Gli attori sono stati all'altezza della regia e credibili.

venerdì 23 novembre 2018
Baby

Il film è molto crudo e suscita emozioni forti. Abbastanza realista la rappresentazione del paese, forse poche scene degli episodi spiacevoli dell’esodo, tutto concentrato sulla vicenda di Norma, tragicamente scomparsa

venerdì 23 novembre 2018
ottaviodistanislao

La negazione della Storia da parte del pensiero unico dominante é a mio avviso la spiegazione dell’ostracismo decretato nei confronti di questo straordinario film. Per vederlo ho dovuto farlo fuori regione.

venerdì 16 novembre 2018
Sora1907

Film da mostrare in tutte le scuole, per riscoprire una verità storica scomoda e tenuta nascosta per molto tempo...

domenica 25 novembre 2018
Dubi

Emozionante, intenso. Triste. Va visto anche in quanto unico film storico che abbia mai visitato quegli episodi.

venerdì 23 novembre 2018
ottaviodistanislao

La negazione della Storia da parte del pensiero unico dominante é a mio avviso la spiegazione dell’ostracismo decretato nei confronti di questo straordinario film. Per vederlo ho dovuto farlo fuori regione.

venerdì 23 novembre 2018
Simona

Giustificare o negare le efferatezze perpetrate in Istria è una falsità.  Gli infoibati e i 350.000 esuli che lasciarono quelle terre attendono da 70 il  dovuto riconoscimento. Andate a vederlo, invitate i vostri amici. Il film dovrebbe essere proiettate alle scolaresche affinchè conoscano una pagina volutamente dimenticata del popolo italiano.

venerdì 23 novembre 2018
no_data

Red Land ti entra dentro e non ti molla più!

giovedì 22 novembre 2018
voce

Veramente grazie: avete riempito un vuoto storico incomprensibile per molti. Coloro che hanno cercato di far sparire la conoscenza di questa parte di storia italiana ora son sicura che si agiteranno ancor di piu' ma purtroppo per loro la verità prima o poi viene sempre a galla! Complimenti al regista e a tutti gli attori. Con ammirazione

domenica 25 novembre 2018
voce

davvero molto interessante e coinvolgente: lo consiglio anche in visione alle scolaresche per il contenuto storico mai raccontato per imbarazzi politici. Dopo tanto tempo trascorso nel silenzio ora si puo' conoscere.

sabato 24 novembre 2018
Lorella

Andatelo a vedere perché è curato e ben fatto e, soprattutto, onesto! Per chi ha voglia dì verità 

venerdì 23 novembre 2018
Adriano

Ogni anno, nella ricorrenza del Giorno del Ricordo, è mia consuetudine pubblicare sui social, quanto a suo tempo ho scritto per ricordare la tragedia delle Foibe.Oggi ripropongo il testo qui, con qualche mese di anticipo, per invitare tutti ad andare al cinema (come io ho fatto) a vedere #REDLANDRossoIstria. Perché, se non riuscite ad occhi chiusi ad immaginare “quel solo istante” che cito, questo [...] Vai alla recensione »

venerdì 23 novembre 2018
no_data

Splendido film, durissimo, scomodo ( anche no), ma da non perdere. Tutti i punti di vista, i dubbi, le speranze, la disillusione, le miserie, le tragedie.La follia umana, onnipresente, sempre sfuggente, quasi inafferrabile e mai del tutto comprensibile.E tremendamente attuale.

Frasi
Io amo questa terra...ha lo stesso coloro del sangue che scorre nelle nostre vene.
Una frase di Norma Cossetto (Selene Gandini)
dal film Red Land (Rosso Istria) - a cura di massimo
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
domenica 25 novembre 2018
Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Norma Cossetto aveva 23 anni quando fu barbaramente uccisa. Dopo aver subito uno stupro di gruppo per una notte intera, venne gettata in una foiba dell'Istria. Le mani legate con il filo di ferro alla persona davanti a lei, freddata a sua volta con un colpo alla nuca dai partigiani titini. La tragedia di Norma Cossetto, e dei moltissimi altri sventurati come lei, è rimasta per troppi anni avvolta in [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati