Youth

Film 2017 | Drammatico 136 min.

Anno2017
GenereDrammatico
ProduzioneCina
Durata136 minuti
Regia diFeng Xiaogang
AttoriXuan Huang, Miao Miao, Yang Caiyu, Li Xiaofeng, TianChen Wang, Yan Su .
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Feng Xiaogang. Un film con Xuan Huang, Miao Miao, Yang Caiyu, Li Xiaofeng, TianChen Wang, Yan Su. Genere Drammatico - Cina, 2017, durata 136 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Youth tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Le vite di un gruppo di giovani durante i tormentati Anni Settanta in Cina. Al Box Office Usa Youth ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 1,8 milioni di dollari e 260 mila dollari nel primo weekend.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Un affresco ambizioso e provocatorio su un corpo di ballo militare nato durante la Rivoluzione Culturale.
Recensione di Emanuele Sacchi
venerdì 27 aprile 2018
Recensione di Emanuele Sacchi
venerdì 27 aprile 2018

He Xiaoping è sola, povera e senza genitori, ma il generoso Liu Feng la accompagna al corpo di ballo dell'esercito maoista verso cui è diretta. La ragazza nasconde le sue difficoltà e ben presto diviene oggetto di scherno e bullismo da parte delle sue compagne di ballo, convinte che Xiaoping sia solo un'ipocrita.

Il primo dato a emergere dalla visione di Youth è la sua lontananza stilistica e contenutistica da I Am Not Madame Bovary, già di suo in controtendenza rispetto alla filmografia del proprio autore.

Feng Xiaogang si conferma camaleontico e regista con pochi eguali nel cinema cinese odierno, grazie a un affresco ambizioso e provocatorio su un corpo di ballo militare nato durante la Rivoluzione Culturale. Il gruppo di ragazze e ragazzi diventa così punto di vista privilegiato per l'osservazione di come una generazione, nata in una Cina già comunista e presto traumatizzata dalla Banda dei Quattro, sia cresciuta di pari passo con il Paese.

Feng non sceglie né la via strettamente celebrativa né quella radicalmente dissidente, ma si pone a metà strada. Alla prima appartiene il ritratto dell'esercito cinese che, nonostante i suoi difetti, garantisce continuità e protezione per la "gioventù", minacciata dall'interno prima - la Rivoluzione Culturale - e dall'esterno poi - la guerra sino-vietnamita, episodio quasi dimenticato dai nostri libri e dibattiti storici. Dissidente, o meglio critico, invece, è il punto di vista di Feng nei confronti di un ideale di uguaglianza come quello marxista e poi maoista, ripetutamente smentito da prevaricazioni professionali che nulla hanno di meritocratico e da un bullismo tra le ragazze del corpo di ballo, che altri non è se non lo specchio del clima di delazione e processi sommari in corso nel Paese.

Il terzo e inevitabile atto della Cina di Deng, epilogo malinconico sulla gioventù sfiorita, in cui la Coca Cola sostituisce enfaticamente Mao sui cartelloni, è preceduto da un traumatico secondo segmento, che scarta nettamente verso il genere bellico, richiamando il grand guignol esasperato che Feng sfoggiò in The Assembly.

Tre parti per altrettanti stili quindi: estetizzante il primo, truculento il secondo e tendente al mélo l'ultimo. Dei tre è il primo in particolare a stupire, perché abbinato in maniera inconsueta alla Cina anni Settanta e per l'insistenza sull'avvenenza delle ragazze - ritratte in reggiseno nell'intimità degli spogliatoi con sguardo vagamente lubrico - solo in parte giustificata dalla visione ideale ed elegiaca della più bella stagione della vita. Tanto che, quando il personaggio più negativo del gruppo subisce l'inevitabile contrappasso, e questo si manifesta sotto forma di difetto fisico, il fatto quasi non stupisce. Tra luci e ombre, ambiguità e contraddizioni, un'opera che comunque dimostra coraggio e personalità su un tema delicato, confermando il talento del più mutevole tra i registi cinesi.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati