Gauguin

Film 2017 | Drammatico, +13 102 min.

Titolo originaleGauguin - Voyage de Tahiti
Anno2017
GenereDrammatico,
ProduzioneFrancia
Durata102 minuti
Al cinema34 sale cinematografiche
Regia diEdouard Deluc
AttoriVincent Cassel, Tuheï Adams, Malik Zidi, Pua-Taï Hikutini, Pernille Bergendorff Marc Barbé, Paul Jeanson, Cédric Eeckhout, Samuel Jouy, Scali Delpeyrat.
Uscitagiovedì 17 settembre 2020
DistribuzioneDraka
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Regia di Edouard Deluc. Un film con Vincent Cassel, Tuheï Adams, Malik Zidi, Pua-Taï Hikutini, Pernille Bergendorff. Cast completo Titolo originale: Gauguin - Voyage de Tahiti. Genere Drammatico, - Francia, 2017, durata 102 minuti. Uscita cinema giovedì 17 settembre 2020 distribuito da Draka. Oggi tra i film al cinema in 34 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi Gauguin tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il percorso artistico e umano del pittore Gauguin durante il periodo trascorso a Tahiti. In Italia al Box Office Gauguin ha incassato 7,2 mila euro .

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Un biopic atipico che dinamizza il genere senza rivoluzionarlo.
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 16 settembre 2020
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 16 settembre 2020

Parigi, 1891. Alla vigilia del suo viaggio per Tahiti, Paul Gauguin ha vissuto tante vite, ha fatto tanti viaggi, ha una moglie danese e cinque figli che non può mantenere. La famiglia decide di restare in Europa, lui di andare via, solo e con la benedizione di Mallarmé. In Polinesia, Gauguin arriva sofferente, maledetto, senza un soldo. È l'ispirazione primitiva che spera di ritrovare lontano dalla Francia, "dove non è rimasto più niente da dipingere". Sopravvissuto a un infarto, trova un amico nel dottor Vallin e una sposa autoctona in Tehura. Più giovane lui, Tehura diventa la sua musa e la sua ossessione. Incompreso dai suoi contemporanei, vivrà modestamente tra i tahitiani prima di gettare la spugna e ripiegare in Francia.

Consacrato al primo soggiorno di Paul Gauguin in Polinesia, nel 1891, Gauguin è un biopic atipico che dinamizza il genere senza rivoluzionarlo.

Del resto non è facile rendere conto della vita, o di una porzione di vita, di un artista le cui opere sono sovente più incredibili del film che le celebra. L'ispirazione, che Gauguin cercava smaniosamente dall'altra parte del mondo, è un processo invisibile e quasi impossibile da filmare. Il gesto di dipingere non fornirà mai informazioni sul mistero della creazione. Edouard Deluc si scontra con questa doppia impossibilità, filmando quello che resta: il dimesso quotidiano dell'artista, i problemi economici e quelli di cuore, la solitudine, il desiderio, la gelosia, la malattia.

Il regista indaga la sua arte a contatto con l'isola del Pacifico ma lo sguardo resta 'esotico'. Il film è una riproduzione del mito di Gauguin, alimentato dal pittore e dal suo racconto romanzato ("Noa Noa"). Praticamente il ritratto di un artista incompreso, partito per Tahiti per vivere da "selvaggio tra i selvaggi", lontano dalle zone dell'isola dove si stanziarono i coloni europei.

Nonostante il film accenni all'avversione dell'artista per l'amministrazione coloniale e renda conto di una Tahiti lontana dall'essere un paradiso solare e preservato, Gauguin tace numerosi aspetti di quel soggiorno. A partire dall'età di Tehura (Tehamana per esteso) che aveva tredici anni e il numero di partner con cui Gauguin si intrattenne nel corso dei suoi (due) viaggi in Polinesia. Compagne di sesso prima che di sentimento di cui si vantava nelle numerose lettere inviate agli amici rimasti in Europa. La storia d'amore al cuore del film pone allora qualche problema senza riuscire a catturare la figura storica e senza restituire la realtà del suo tempo.

Tehura, la moglie di Gauguin disegnata sulla tela e nell'inconscio collettivo, è offerta allo sguardo degli spettatori nella stessa posa e posizione dell'epoca. Lei non parla, lei non fa niente, a parte sognare un giovane vicino, lei non ha un'opinione come tutti gli altri tahitiani del film che 'fuori dalla finzione' avevano una relazione ambivalente con l'uomo che ha celebrato la bellezza della loro isola. Insomma è possibile fare oggi un film su Gauguin senza collocarlo nel contesto coloniale? Soprattutto se il nostro si è comportato come un colonizzatore?

Deluc cade nella trappola dell'immaginario del pittore, nell'incapacità di liberarsi da schemi mentali profondamente radicati, e affida il ruolo a Vincent Cassel, che lo ritrascrive e ricrea, articolando un dialogo su due. Cassel disegna il destino tragico di un artista e di un uomo che cercava il paradiso sulla terra e distribuiva la sifilide nei letti. L'uomo è discutibile ma il pittore, per contro, è mirabile. Gauguin aveva tutto, la foga, la passione, la sensibilità, l'invenzione e soprattutto la faccia tosta. Quella che il film e il suo interprete si sforzano di decifrare.

Gauguin poteva essere una bella epopea sensoriale ma resta un ritratto bidimensionale a cui mancano la prospettiva storica e le ragioni profonde dell'esperienza radicale che Paul Gauguin aveva deciso di vivere, lontano.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Frasi
sono un artista. E lo so.
Una frase di Paul Gauguin (Vincent Cassel)
dal film Gauguin - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 18 settembre 2020
Alice Sforza
Il Giornale

Gauguin e il suo viaggio a Tahiti, del 1891, «autoesilio» per ritrovare il gusto della pittura da uomo libero, pur oberato di debiti. Tra povertà, solitudine, malattie, il grande pittore incontrerà Tehura, che diventerà non solo la sua compagna, ma anche la musa di alcuni dei suoi più famosi capolavori. La regia di Deluc convince, così come l'ispirato Cassel nella parte dell'artista parigino.

NEWS
TRAILER
giovedì 3 settembre 2020
 

Regia di Edouard Deluc. Un film con Vincent Cassel, Tuheï Adams, Malik Zidi, Pua-Taï Hikutini, Pernille Bergendorff. Da giovedì 17 settembre al cinema. Guarda il trailer »

SHOWTIME
    Oggi distribuito in 34 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati