Fixeur

Film 2016 | Drammatico, +13 98 min.

Titolo originaleFixeur
Anno2016
GenereDrammatico,
ProduzioneRomania, Francia
Durata98 minuti
Regia diAdrian Sitaru
AttoriSorin Cocis, Andrei Gajzago, Tudor Istodor, Mehdi Nebbou, Diana Spatarescu Adrian Titieni, Andreea Vasile, Nicolas Wanczycki.
Uscitagiovedì 22 marzo 2018
DistribuzioneLab 80 Film
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,03 su 1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Adrian Sitaru. Un film con Sorin Cocis, Andrei Gajzago, Tudor Istodor, Mehdi Nebbou, Diana Spatarescu. Cast completo Titolo originale: Fixeur. Genere Drammatico, - Romania, Francia, 2016, durata 98 minuti. Uscita cinema giovedì 22 marzo 2018 distribuito da Lab 80 Film. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,03 su 1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Fixeur tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento mercoledì 21 marzo 2018

Uno scandalo sessuale offre l'occasione ad un giornalista di farsi notare e costruirsi la strada per ambire a un posto migliore.

Consigliato sì!
3,03/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA
PUBBLICO 3,06
CONSIGLIATO SÌ
Sitaru parte ancora una volta da un dilemma morale e col suo cinema lo amplifica, senza perdere d'intimità.
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 21 febbraio 2018
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 21 febbraio 2018

Radu è un reporter rumeno in prova presso un'emittente parigina. La vicenda di una minorenne del suo paese, portata a prostituirsi a Parigi e poi rimpatriata dopo aver sporto denuncia, gli appare come un trampolino perfetto per spiccare un salto professionale. La sua competenza linguistica e la conoscenza del territorio rumeno, infatti, fanno di lui un anello imprescindibile della catena. Radu parte quindi alla volta del monastero in cui è ospitata la ragazzina, in compagnia dei due affermati colleghi francesi a cui ha promesso lo scoop. Ma le cose si complicano non poco, sul piano organizzativo e su quello etico.

Il cinema di Adrian Sitaru è un cinema del dilemma morale, della sua scomposizione e presentazione su diversa scala, e Fixeur non fa differenza.

Incontriamo il protagonista mentre è alle prese con un doppio conflitto: quello privato, famigliare, con il figlio della sua compagna, che Radu non si accorge di stressare oltre misura spingendolo a primeggiare nel nuoto, e quello al centro del film, che si domanda dove finisca la ricerca della verità e dove cominci il maltrattamento dell'essere umano, in materia di giornalismo d'inchiesta.

Ma il giornalismo è chiaramente anche un filtro che maschera appena ciò che sta sotto, come una tela coperta da un secondo strato di dipinto, e cioè il mestiere stesso del cinema, il suo utilizzo degli attori, la conquista della scena.
In questo senso, c'è una sequenza in particolare che vale il film. Se, infatti, Fixeur risente di un approccio a tesi (oltre che del basso budget, forse più che altrove), due elementi rendono la visione più che apprezzabile, e sono l'interpretazione degli attori, tutti quanti e Tudor Istodor su tutti, e la sequenza in casa della famiglia di Anca, la minorenne vittima di tratta. Pensata come una sosta accessoria, sulla via per la vera meta, questa scena diventa una sineddoche del film nel suo insieme: nei volti spaesati dei fratellini della ragazza, utilizzati come ignare comparse, s'incarna lo sfondamento del limite, il luogo cinematografico in cui la prassi sommerge l'umanità. E siamo tutti abituati, tutti complici.

Per il resto del tempo, il film di Sitaru è fatto di piccoli incidenti su una strada testardamente diritta, per volontà dello stesso Radu. Quando però la sua determinazione s'incrina, dopo aver testato con mano le condizioni psicologiche di Anca, il protagonista viene brutalmente ridimensionato dal capo-giornalista a semplice "fixer": tentennare non è un comportamento da professionisti, insomma, e basta una sola battuta per recapitare il messaggio. È in queste piccole pennellate, appunto, che Fixuer parla la sua lingua migliore, molto più che nelle scene con il bambino, colorate di psicologia spicciola.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 28 aprile 2018
michelino

      Ma quanto mi piacciono questi giovani autori dell'est Europa... Sanno stare a cavallo tra finzione e realtà senza mai perdere  il giusto equilibrio   Uno spettatore come me, cresciuto con il cinema classico del novecento, guarda film come questo tenendosi sempre sulla difensiva perché magari si aspetta che prima o [...] Vai alla recensione »

RECENSIONI MYMOVIES
PUBBLICO
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati