Qualcosa di buono

Film 2014 | Drammatico +13 104 min.

Titolo originaleYou're Not You
Anno2014
GenereDrammatico
ProduzioneUSA
Durata104 minuti
Regia diGeorge C. Wolfe
AttoriHilary Swank, Emmy Rossum, Josh Duhamel, Stephanie Beatriz, Jason Ritter, Julian McMahon Ali Larter, Andrea Savage, Gerald Downey, Mike Doyle, Loretta Devine, Ernie Hudson, Erin Chenoweth, Gareth Williams, Marcia Gay Harden, Frances Fisher.
Uscitagiovedì 27 agosto 2015
DistribuzioneKoch Media
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,87 su 17 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di George C. Wolfe. Un film con Hilary Swank, Emmy Rossum, Josh Duhamel, Stephanie Beatriz, Jason Ritter, Julian McMahon. Cast completo Titolo originale: You're Not You. Genere Drammatico - USA, 2014, durata 104 minuti. Uscita cinema giovedì 27 agosto 2015 distribuito da Koch Media. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,87 su 17 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Qualcosa di buono tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Basato sul romanzo di Michelle Wildgen, il film è la storia di una donna affetta da SLA e della giovane che si trova quasi per caso a farle da badante. In Italia al Box Office Qualcosa di buono ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 334 mila euro e 138 mila euro nel primo weekend.

Qualcosa di buono è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,87/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,24
CONSIGLIATO SÌ
Un dramma gestito con sufficiente leggerezza e buone prove attoriali.
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 20 luglio 2015
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 20 luglio 2015

Quando Kate comincia ad avvertire i primi segnali che il suo corpo non obbedisce più a lei ma ad una malattia progressiva e invalidante, la vita che ha condotto fino a quel momento si sgretola con crudele rapidità. Non può più suonare il piano né cucinare, non se ne fa più nulla o quasi dell'immensa casa modernista su due piani, e presto nemmeno di un marito, Evan, che per paura di romperla ha pensato bene di smettere di avvicinarla intimamente. Ferita nell'anima, ancor prima che nel fisico, Kate insiste per assumere come badante la giovane Bec, universitaria caotica e inesperta, dotata però della carica vitale di cui lei ha disperatamente bisogno.
Interprete e produttrice, Hilary Swank torna a misurarsi con un ruolo estremo come fu quello di Million Dollar Baby, ma è bene mettere subito in chiaro che qui non c'è Clint Eastwood dietro l'obiettivo e la cosa fa una notevole differenza.
È un ruolo da gestire con strumenti attoriali di finissima precisione, pena il fallimento di un'intera carriera, ma anche una parte di quelle che funzionano da magneti per i premi dorati. Eppure la miglior qualità di questo ruolo, che la Swank potrebbe aver bene intravisto e grazie alla quale in fondo non si ripete troppo, è che, a suo modo, è di spalla. Se, infatti, drammaturgicamente parlando, la "perduta" Bec ha bisogno di lei per nutrire l'arco di cambiamento del suo personaggio e combinare finalmente "qualcosa di buono" nella vita, man mano che Kate perde in parola e movimento, la protagonista diviene sempre più Bec stessa: dapprima sua allieva, poi sua voce e suo motore, infine sua amica e sua interprete tout court, in un riuscito e drammatico scambio di "persona" (per scomodare un titolo che più alieno non si potrebbe, ma a suo modo attiguo nella dinamica del racconto).
A far dunque, alla fine dei conti, "qualcosa di buono" è proprio la Swank, la quale offre uno splendido servizio ad Emmy Rossum. Tutto ciò che nel film ruota attorno alla Rossum funziona mille volte meglio di ciò che ruota attorno alla povera Kate (marito vigliacco, amiche incapaci di seguirla nella sua nuova identità, genitori egoisti per amore), così che l'attrice cantante si ritrova in mano una piccola grande occasione cinematografica, e va detto che sa sfruttarla al meglio (specie una volta smesso il personaggio di carta della ritardataria tabagista), per quanto all'interno di un contesto filmico senza pretese, tantomeno di originalità.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
QUALCOSA DI BUONO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 4 settembre 2015
Flyanto

 Tratto dal romanzo di Michelle Wildgen, "Qualcosa di Buono" narra la storia di una talentuosa giovane pianista classica (Hilary Swank) che un giorno si ammala improvvisamente di SLA, peggiorando nel corso degli anni sempre più, come avviene per tutte le malattie degenerative, sino all'inevitabile decesso. Nel corso della suddetta malattia la donna decide, tra le tante infermiere [...] Vai alla recensione »

domenica 13 marzo 2016
RONGIU

Kate \ Hilary Swank /,  Bec \ Emmy Rossum /,  Evan \ Josh Duhamel /, una nefasta diagnosi identificata con la sigla SLA conosciuta anche con il nome di malattia di Lou Gehrig e per ultimo ma non meno importante “Lei” l’INTERIORITA’; ovvero, la realtà più intrinseca di ogni essere umano. Dove il “vero”, il quasi sempre “taciuto”, [...] Vai alla recensione »

lunedì 30 novembre 2015
nike22

Se il cinema prettamente maschile esalta il corpo e anche quando lo colpisce o lo sottopone ad incredibili massacri è solo per esaltarlo ancora di più, lo affossa per ammirarlo mentre risale, il cinema prettamente femminile (quello che tutto ciò che ha da dire preferisce comunicarlo assecondando tempi modi e punti di vista delle protagoniste) sceglie invece quasi sempre un rapporto [...] Vai alla recensione »

martedì 7 giugno 2016
lamoreaitempidelcolera

Kate ha avuto moltissimo dalla vita, ma non tutto. HA una bellezza raffinata, una casa bellissima, un marito bellissimo, un prestigio bellissimo, ma a un certo punto NON ha il cosiddetto bene più prezioso, la Salute. Ma proprio la progressiva, degenerativa perdita della salute le fa scoprire che NON aveva quell'altro, sommo, Bene: l'Amore.

giovedì 24 settembre 2015
franci9292

Sicuramente un film ben strutturato e pensato dal regista; anche perchè decidere di portare sul grande schermo una tematica tanto delicata ha richiesto sicuramente tempo e meticolosità nella scelta di come e con quali attori poterla raccontare al meglio. Partiamo dall'inizio. Il film comincia con la proiezione di quella che è la vita perfetta dei due protagonisti: Kate, interpretat [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 settembre 2015
maumauroma

Quando si affronta al cinema il tema di una grave malattia evolutiva o lo si fa con l'occhio duro e a volte spietato di un documentarista,o lo si "sublima",per cosi' dire in una rappresentazione poetica se non addirittura comica (come in Quasi amici).In questo modesto film la grave malattia di Kate funge invece semplicemente da improbabile catalizzatore nella trasformazione della [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 settembre 2015
TatyC

Bellissimo film, emerge il potenziale umano nell'aiutare le persone malate, che hanno bisogno d'aiuto, con il cuore e con la sensibilità che la natura ha posto in alcune persone, film commovente e intenso in cui riesce a emergere un sorriso anche se la storia è molto triste. Le due protagoniste femminili insegnano qualcosa e sono molte brave. Che altro dire: bello.

venerdì 19 agosto 2016
Emanuele 1968

 Ne so qualcosa di malattia, in ogni casa ci sta la sua, purtroppo le cose non vanno come vogliamo noi. Non concordo con la madre    di Bec,   in realta non sappiamo neppure se ci siamo domani, il futuro? i progetti? pensione? mah....  vai dove ti porta il cuore, che e    meglio.

venerdì 26 febbraio 2016
rampante

Kate, pianista di successo, insieme al marito Evan ha una vita perfetta improvvisamente stravolta dalla SLA. Bec è una universitaria disordinata,   improvvisa tutto, sentimenti, abbracci, affetti, amore, sempre in cerca di avventure da una notte,  ma ha qualcosa di unico e raro, è tra le persone più sincere e spontanee, non  usa mai un copione, usa solo il [...] Vai alla recensione »

domenica 17 gennaio 2016
Kyotrix

Prima parte abbastanza leggera e gradevole, seconda parte per forza più drammatica ed intensa. Brave le attrici ( Hilary si cala bene in queste parti ). Come hanno detto altri forse un pò troppo zuccheroso forzato, e poi la parte della ragazza scapestrata è stata troppo forzata all'inizio, troppo ragazza sbandata incompetente e grezza, che diventa l'amica, badante e "compag [...] Vai alla recensione »

martedì 22 settembre 2015
PAOLO73

HO ANCORA IL CUORE CHE BATTE A MILLE...E NON SOLO PER L'ENNESIMA IMMENSA INTERPRETAZIONE DELLA SWANNK

domenica 20 settembre 2015
casomai21

La vita si sa è fatta di incontri, questi determinano il nostro destino in ogni senso, e dopo un incontro il nostro agire, parlare o pensare non sarà più come prima.Queste due personalità si cercavano da tempo e le circostanze le hanno portate ad incontrarsi ed a cambiare le loro vite, caratterizzate da relazioni scadenti in sincerità, ma soprattutto in umanità.

martedì 15 settembre 2015
dariotto

che dire è una malattia disarmante la sla ,come la chiamava il buon Borgogol la bastarda ,il film a mio giudizio è fatto benissimo è abbastanza realistico nei comportamenti delle persone che circondano un malato terminale ,provato sulla mia pelle*,e a volte l umanità ,e lo sfogo lo si trova con persone che in situazioni normali non si frequenterebbero mai ,ci stà tutto ,bravissimi gli attori , film [...] Vai alla recensione »

sabato 29 agosto 2015
astromelia

troppo simile a QUASI AMICI,troppo velocizzato nella sceneggiatura, alquanto edulcorato,la malattia va trattata per quello che è e non si deve esimersi dal metterla in scena in maniera fredda e tragica,perchè questo è il dolore e la sofferenza,questo film non mi ha commosso,ma solo ricordato quanto la gente passa drammi inconcepibili se lassù ci fosse veramente qualcuno...

Frasi
Chissà perchè ci fissiamo sempre con quelli che non ci vedono e ignoriamo quelli che lo fanno.
Una frase di Kate (Hilary Swank)
dal film Qualcosa di buono - a cura di Roxy
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Kate ha una vita perfetta. Bec è una universitaria disordinata, in cerca solo di avventure da una notte. La malattia della prima (SLA) le farà inconlrare, in una sorta di Quasi Amici in versione drammatica. A parte l'improbabilità che una donna bisognosa di ogni cura si affidi ad una simile sprovveduta (non sa neanche usare il frullatore), per il resto, la Swank (qui, anche produttrice) si ritaglia [...] Vai alla recensione »

NEWS
LIBRI
martedì 8 settembre 2015
 

Alla studentessa Bec serve un lavoretto per l'estate. Quando risponde all'annuncio di una coppia che cerca un aiuto per la moglie, affetta da sclerosi laterale amiotrofica, in realtà non sa ancora nulla né di cosa fare di sé stessa né di cosa comporti [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati