Transcendence

Film 2014 | Azione 119 min.

Anno2014
GenereAzione
ProduzioneUSA
Durata119 minuti
Regia diWally Pfister
AttoriJohnny Depp, Paul Bettany, Rebecca Hall, Kate Mara, Cillian Murphy, Clifton Collins Jr. Morgan Freeman, Cole Hauser, Josh Stewart, Cory Hardrict, Olivia Dudley, Falk Hentschel, Wallace Langham, Fernando Chien, Shaun Rylee, Dennis Keiffer, Kristen Rakes, Sam Webb, Stephen M. Hardin, Chad Brummett, Luce Rains, Jermaine Washington, Akshay Patel, Nathan Brimmer, Charles Moss, James Burnett, Antonio Del Prete, Richard Daniel Williams, Tailor Murray, John Trejo, Cliff Gravel, Albert Fry Jr., Sam Quinn, Michael Rosinsky, Colin Jones, Steven Liu, Taylor Wagenman, Zack Carpenter, David Taylor, Christina Lancellotti, Matthew Berke, Donna Brown, McKenna Wagenman, Lauren Taylor, Vernon Bradley, Martin Palmer.
Uscitagiovedì 17 aprile 2014
Distribuzione01 Distribution
MYmonetro 2,59 su -1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Wally Pfister. Un film con Johnny Depp, Paul Bettany, Rebecca Hall, Kate Mara, Cillian Murphy, Clifton Collins Jr.. Cast completo Genere Azione - USA, 2014, durata 119 minuti. Uscita cinema giovedì 17 aprile 2014 distribuito da 01 Distribution. - MYmonetro 2,59 su -1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Transcendence tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Depp veste i panni di un ricercatore alle prese con esperimenti al limite della fattibilità etica e morale. In Italia al Box Office Transcendence ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 2,6 milioni di euro e 1,3 milioni di euro nel primo weekend.

Transcendence è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,59/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 1,90
PUBBLICO 2,86
CONSIGLIATO NÌ
Materia tradizionale rielaborata per essere nuova fantascienza, quella in cui il villain è l'uomo.
Recensione di Gabriele Niola
mercoledì 16 aprile 2014
Recensione di Gabriele Niola
mercoledì 16 aprile 2014

Il dr. Will Caster è uno dei più brillanti studiosi nel campo dell'intelligenza artificiale, al momento al lavoro su PINN, un sistema altamente avanzato di computer con autocoscienza basato sul cervello di scimmie usate come cavie. Quando un attentato portato da una frangia terroristica che mira a bloccare lo sviluppo di simili tecnologie lo condanna a morte la moglie, anch'essa studiosa, decide di sottoporre la sua mente al medesimo procedimento operato sul cervello della scimmia e caricarla dentro PINN per vedere se la sua mente possa continuare a viva usando i computer al posto della materia grigia. L'esperimento ha successo al di là di ogni aspettativa e la mente di Will Caster non solo vive ma acquista rapidità e potenza di calcolo contaminandosi con i computer e avendo accesso ad internet arriva ovunque cominciando a pianificare la propria sopravvivenza e il proprio potenziamento. Solo il fronte terroristico anti-intelligenza artificiale sembra aver capito tutto quel che sta accadendo.
Nella visione che Wally Pfister trae dalla sceneggiatura di Jack Paglen la trascendenza è un altro termine per dire "singolarità", ovvero quella teoria futurologica secondo la quale l'evoluzione dell'intelligenza umana fomentata da aiuti artificiali ad un certo punto supererà la nostra comprensione di essa giungendo ad un livello superiore.
A partire da questo presupposto tra lo scientifico e il fantascientifico il direttore della fotografia, diventato noto per il suo lavoro accanto a Christopher Nolan, gira il suo primo film da regista mescolando tradizionale e innovativo. E' infatti molto tradizionale la maniera nella quale emerge una tecnologia che si contrappone all'umanità prendendo il controllo di tutto quel che l'uomo ha delegato alle macchine, mentre è molto innovativo come la storia disponga le forze in campo. Invece che porre gli uomini in contrasto con l'artificiale sceglie infatti di creare un artificiale che sia molto umano e di avere diverse fazioni anche all'interno della razza umana (confermando che in qualsiasi contesto è sempre l'uomo il nemico peggiore, come la visione apocalittica di nuova generazione in stile The walking dead insegna). In questo modo Transcendence fa continuamente avanti e indietro tra quello che pensiamo di aspettarci e quel che effettivamente vediamo, fingendo di muoversi come un catastrofico di fantascienza tradizionale e poi finendo per somigliare più alla nuova fantascienza in stile Lei, cioè quella che non relega ai soli uomini il privilegio di avere uno spirito.
Scegliendo con buon occhio l'America dei deserti semidisabitati, punteggiati da minuscoli agglomerati di case basse che inquadrati dall'elicottero sembrano circuiti integrati, Pfister sembra ambire tanto ad un lato oscuro del film di Spike Jonze (non l'amore che tira fuori la parte migliore di noi ma quello che tira fuori la peggiore), quanto alle suggestioni della saga di Terminator, in cui il nulla quasi primitivo degli spazi americani è il set per un'apocalisse sempre da venire.
Che Pfister non stia dalla parte degli uomini è evidente già dalla recitazione desaturata di ogni emozione e dal conseguente tono gelido che ogni interazione umana sincera ha. Invece che dare calore ai computer, per avvicinarli all'umano, il regista sceglie di levarlo agli attori in carne ed ossa per dimostrare che se le macchine sono quel che temiamo forse noi non siamo troppo lontani da esse.
Purtroppo però Transcendence è troppo appassionato dalle possibilità fantastiche della propria storia per rimanere ancorato ad un contesto scientifico, esagera nell'immaginare e finisce per dipingere più che altro della magia superando qualsiasi futuristica plausibilità. Eppure è anche evidente come il suo obiettivo ultimo sia l'inganno del pubblico, tutto teso com'è a dimostrare che la paura della tecnologia e di ciò che non conosciamo (con la conseguente tendenza al pregiudizio) sia dentro ogni spettatore. Così il presupposto con il quale il film si apre, cioè quello di un mondo futuro privo di qualsiasi tecnologia, diventa non tanto un ritorno alla reale umanità dopo l'ubriacatura tecnologica ma lo spauracchio dei disastri che le fobie umane producono.

Sei d'accordo con Gabriele Niola?
TRANSCENDENCE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
Infinity
-
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €13,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 23 ottobre 2014
Ashtray_Bliss

Particolare, interessante, notevole, sostenuto da un buon ritmo e da un sempre attuale spunto narrativo. Queste sono le prime conclusioni che mi venerro in mente alla fine della visione di Transcendence. Un film non per tutti, forse, almeno se non lo si guarda con una certa predisposizione ad un racconto fantascientifico (ovvero irrale) che tenta di unificare e contrappore scienza e coscienza, uomo [...] Vai alla recensione »

sabato 19 aprile 2014
Alexia Altieri

 Wally Pfister esordisce alla regia con Transcendence, con il quale ci mette di fronte al quesito che l'intera umanità si pone dalla nascita di Internet in poi: Fino a dove può arrivare la tecnologia? Quali meravigliose rivoluzioni può compiere? In questo film, che ha del metafisico, Evelyn Caster, poco prima della dipartita del marito Will, ricerca [...] Vai alla recensione »

lunedì 15 maggio 2017
lgiulianini

Mi chiedo a volte se gli autori di fantascienza (siano essi scrittori o filmakers), si domandino se quello che è alla base del loro lavoro sia verisimile e possibile in un futuro anche lontanissimo, ovvero se esso sia una semplice e madornale sciocchezza, già qui, già ora. Me lo sono domandato spesso guardando Trascendence.

domenica 20 aprile 2014
Alex Ptrainer

In questo film vengono toccati diversi aspetti dei quali si ha solo l'imbarazzo della scelta:   Intelligenza artificiale, cioè dato che il cervello umano è in grado di elaborare tot pacchetti d'informazione al secondo... è chiaro che le macchine ci supereranno presto se non lo hanno già fatto, quindi effettivamente stiamo creando qualcosa che ci può [...] Vai alla recensione »

mercoledì 30 aprile 2014
parieaa

Questo è il classico film che mi fa girare un po' le scatole: pieno zeppo di buone e molto suggestive idee, ma buttate lì così, senza stile o nuove trovate. E' uno di quelli che spreca opportunità su opprtunità, senza essere incisivo...è un vero peccato, perchè la tematica della mente artificiale è molto affascinante e presto [...] Vai alla recensione »

sabato 18 ottobre 2014
TheMaster

Wally Pfister è un ottimo direttore della fotografia,ha curato il comparto fotografico di molti film diretti da Christopher Nolan,e con questa pellicola,sua opera prima cerca di imitare lo stile del "maestro" non riuscendoci,tuttavia non si può dire di questo Trascendence che sia totalmente da buttare in quanto il lato tecnico,(ovvero fotografia e visual effects) è più [...] Vai alla recensione »

martedì 7 marzo 2017
Orion84

A cosa serve la fantascienza? Serve ad immaginare le implicazioni delle nostre scelte evolutive, ad immaginare quello che può essere se l’uomo sceglie una via anziché un’altra. Trascendence è un vero film di fantascienza. Partendo da un’idea tutto sommato “banale” per il giorno d’oggi (scaricare una personalità all’interno di un [...] Vai alla recensione »

venerdì 22 agosto 2014
gianleo67

Brillante programmatore ed esperto di intelligenza artificiale si accinge a concludere un rivoluzionario progetto di emulazione informatica di una rete neurale, quando rimane vittima di un avvelenamento da polonio per mano di una associazione antagonista radicale preoccupata delle pericolose ricadute dello studio sulla sicurezza mondiale. Con poche settimane ancora da vivere e accudito dalla sua compagna [...] Vai alla recensione »

sabato 10 maggio 2014
Trammina93

Bel film ma non un capolavoro. Diciamo che è stato anche un pò deludente. Da un film con Johnny Depp, prodotto da Nolan e diretto da Pfister, collaboratore abituale di Nolan, mi aspettavo decisamente un capolavoro. Evidentemente mi sbagliavo. La trama è bella e interessante. Tratta un bel tema per essere fantascienza: caricare un cervello su un computer, il quale si potenzia sempre [...] Vai alla recensione »

martedì 2 gennaio 2018
Zenos

Bello, anzi bellissimo. Un film di fantascienza plausibile, ipoteticamente parlando. Certo ho volutamente esagerato ad accostarlo a 2001 Odissea nello spazio ma a mio avviso ne è un degno erede (certo non così visionario, sconvolgente, geniale come Il film di Fantascienza [da notare le maiuscole] = 2001). Ma comunque un bellissimo film.

domenica 31 maggio 2015
Eleonora Panzeri

Un futuro non troppo lontano dove due scienziati complici sia nella vita che nel lavoro realizzano un computer con una coscienza. Una cellula terroristica contraria al progetto attacca e uccide i principali scienziati coinvolti nel progetto, tra cui il visionario studioso Will Caster. Evelyn Caster non accetta la condanna a morte dell’amore della sua vita e decide di tentare un esperimento [...] Vai alla recensione »

martedì 13 gennaio 2015
Onufrio

Johnny Depp si cimenta sulla scienza/fantascienza, interpretando il ruolo di uno scienziato che studia l'intelligenza artificiale proponendo delle nuove visioni, ma a qualcuno, diciamo ai puristi, tutto questo non va bene e decidono di eliminare il dottore dalle strane idee, negli ultimi giorni di vita dello scienziato la moglie assieme al collega Waters decidono di fare un disperato esperimento [...] Vai alla recensione »

domenica 23 novembre 2014
Liuk

Lo sforzo produttivo si vede, per caritá: cast eccezionale, buoni effetti speciali, ambientanzioni curate, tutto molto bello. La trama però non emoziona, non prende. Un plot classico piuttosto scontato e non arricchito da particolari novitá e colpi di scena. Tutto troppo lineare fino ad un finale melodrammatico che sembra quasi fine a se stesso.

domenica 21 settembre 2014
Alexander 1986

Will Caster (Johnny Depp) è uno dei più stimati studiosi di Artificial Intelligence al mondo, è felicemente sposato con la collega Evelyn (Rebecca Hall) e vicino a conseguire dei risultati importanti. Una frangia di neoluddisti lo prende di mira e gli prepara un bell'attentato. Prima che accada il peggio, Evelyn aiuterà Will a sperimentare su di sé il frutto dei loro studi.

domenica 27 aprile 2014
T. Anderson

Purtroppo Transcendence è viziato dal carattere distintivo della cattiva fantascienza: non è credibile. Se si ha una minima idea di come la natura funzioni, non si può non farsi una risata davanti a certe sequenze. In questo senso, i Batman di Nolan (da cui il regista, direttore della fotografia in diversi film dello stesso Nolan, non sembra aver imparato) sono molto più fantascientifici, riuscendo [...] Vai alla recensione »

sabato 19 aprile 2014
Angelo Bottiroli - Giornalista

Dal divo Johnny Depp forse ci si sarebbe aspettato qualcosa di diverso, ma quando l’attore deve mostrare il suo vero volto e non si maschera da pirata o da indiano, si sa, non rende come dovrebbe. Capita anche in questo “Trascendence” un film di fantascienza che riprende il tema dell’intelligenza artificiale, in una trama sicuramente molto interessante che a nostro avviso avrebbe [...] Vai alla recensione »

venerdì 18 aprile 2014
jacopo b98

 Il dottor Will Caster (Depp) è il più importante ricercatore nel campo dell’intelligenza artificiale. Quando un terrorista del RIFT (un fronte di terroristi contrari alle ricerche di Caster) gli spara, Will muore, ma non prima che la moglie (Hall), con l’aiuto dell’amico Max (Bettany), sia riuscita a salvare la sua coscienza dentro un computer.

lunedì 22 dicembre 2014
ultimoboyscout

Due scienziati, un'organizzazione ecoterroristica antitecnologica e una grandiosa ambizione: spingere il computer oltre il cervello umano. Wally Pfister è, di norma, il direttore della fotografia di Christopher Nolan, Oscar per "Inception", al suo debutto dietro la macchina da presa con un'idea più che interessante e molto, molto ambiziosa, ovvero filmare ciò [...] Vai alla recensione »

domenica 4 maggio 2014
Nino Pell.

Confesso che mi sono deciso a vedere questo film in quanto spinto da un comunissimo senso di curiosità, sebbene mi sia sentito a priori alquanto scettico in questa decisione, temendo che esso avrebbe potuto alla fine, anche se parzialmente, deludermi. Ed invece devo ricredermi su queste mie impressioni iniziali dal momento che "Transcendence" è riuscito a fare pieno centro, riuscendo a conquistarmi [...] Vai alla recensione »

sabato 19 aprile 2014
Alexia Altieri

Wally Pfister esordisce alla regia con Transcendence, con il quale ci mette di fronte al quesito che l'intera umanità si pone dalla nascita di Internet in poi: Fino a dove può arrivare la tecnologia? Quali meravigliose rivoluzioni può compiere? In questo film, che ha del metafisico, Evelyn Caster, poco prima della dipartita del marito Will, ricercator [...] Vai alla recensione »

venerdì 18 aprile 2014
Melvin II

 1)Manco Regalato 2)Omaggio  3) Di pomeriggio 4) Ridotto 5)Sempre “Transcendence” è un film di Wally Pfister, scritto da Jack Paglen Con Johnny Depp, Paul Bettany, Rebecca Hall, Kate Mara, Cillian Murphy. Clifton Collins Jr., Morgan Freeman, Cole Hauser. Esistono film brutti, quelli noiosi, quelli brutti e infine quelli “d’elite” che nelle speranze [...] Vai alla recensione »

domenica 20 aprile 2014
Filippo Catani

Una coppia di scienziati sta da tempo lavorando alla possibilità di creare quella che si potrebbe definire come un'intelligenza artificiale. L'uomo viene colpito a morte da un gruppo di terroristi e si tenta un'ultima possibilità: sfruttare i suoi ultimi giorni per collegarlo al computer e vedere quello che succede. Gli esiti saranno tutt'altro che incoraggianti.

venerdì 18 aprile 2014
zonagloria

Anche Pfister porta nel cinema il tema entusiasmante/ angosciante della tecnologia che avanza esponenzialmente e in maniera rapida, tanto da superare le abilità dell'uomo. Il creatore in questo caso è Johnny Depp, che nei panni del dottor Will Caster, inventa il sistema PINN, un software talmente superiore da arrivare a curare malattie e a riportare in vita le persone.

mercoledì 23 aprile 2014
jaylee

Se davvero ci fosse un modo per connettere tutti gli esseri umani del mondo, curarli, migliorarli da ogni punto di vista, e curare il pianeta stesso da noi folli che avveleniamo le nostre case, non sarebbe un mondo migliore? È la domanda che pervade il primo film di Wally Pfister, ex direttore della fotografia di Christopher Nolan nei suoi vari Batman, Inception, Memento, che ci regala la storia [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 maggio 2014
veritasxxx

Lo confesso, a me Johnny Depp non è mai piaciuto granché. Con quella espressione monofacciale tra l'ingrugnato e il "guarda quanto so' figo" mi è sempre sembrato un attore poco interessante e, terminato il connubio con Tim Burton, il nostro caro Johnny ha infilato una serie di filmetti mediocri. Forse questo si discosta dagli altri? No.

martedì 30 dicembre 2014
caioshin

Finalmente una pellicola interessante, con una trama coinvolgente e non banale. Peccato che la suspence abbia una curva discendente, ma tutto sommato è un buon film, girato come si deve, probabilmente non all'altezza dei più grandi del genere ma di discreto livello

mercoledì 23 aprile 2014
lupusinfabula

trascendentale agg. [dal lat. mediev. transcendentalis, der. del lat. class. transcendĕre: v. trascendere]. – In senso generico, che trascende, cioè va oltre, supera certi limiti, un certo grado, un certo ordine. purtroppo, a dispetto del titolo, è proprio quello che non fa questo film. Si parte da noti attori con ruoli appena abbozzati (ininfluenti nell'apportare qualsivoglia valore al [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 dicembre 2014
kondor17

Classico esempio di come rovinare una bella storia, ben interpretata  e con ottima musica, con una costruzione e un finale raccapriccianti. Mi domando come si fa a coprire il 95% del film con un unico flashback di 150 minuti (il film in sè) per poi tornare allo scenario post apocalittico a 5 minuti dalla fine, riempiendolo tra l'altro con scene strappalacrime e inutili, che rovinano [...] Vai alla recensione »

venerdì 7 novembre 2014
vjarkiv

Quanto talento attoriale sprecato (Depp, Freeman...) oltre che sforzo produttivo (Nolan) per un'opera che sulla carta (script) poteva anche funzionare, ma che alla fine si rivela una promessa non mantenuta. Film come questo fanno tanto male al genere sci-fi specie quando si pensa di innovarlo!

venerdì 25 aprile 2014
paulkasavedis

Il film parte bene, descrivendo l'attività di questi geni dell'informatica e delle neuroscienze tutti dedicati a creare un sistema di intelligenza artificiale. Il film scorre convincente, anche se un poco lento fino a circa a metà. Poi scade in un film di serie B con effetti improbabili e un nemico sicuramente sottodimensionato vista la potenziale minaccia.

mercoledì 23 aprile 2014
Mickey97

William Pfister scrive e dirige un film in nome del progresso, con protagonisti Johhny Depp e Rebecca Hall anche se in realtà il primo risulta decisamente anonimo e di una staticità disarmante specialmente quando viene riportato in vita grazie al Pin ove erano state inserite la sua coscienza ed intelligenza mentre sulla seconda grava l'intera struttura del film nonostante sia affiancata [...] Vai alla recensione »

lunedì 24 novembre 2014
CamiFilm

C'erano tutti i presupposti per un film di alta qualità: attori in gioco, titolo, genere, trama. Purtroppo non tutto è andato per il verso giusto. Attori che non hanno dato il meglio di se, anche perchè costretti in una trama lineare e priva di emozioni forti, un genere che si sviluppa male e non risulta del tutto fantascienza, infatti su alcuni siti viene dato come genere [...] Vai alla recensione »

martedì 14 ottobre 2014
pescirosa

Ho trovato il film molto noioso ,pretenzioso ma piuttosto incomprensibile e Depp totalmente inespressivo . Peccato buone idee sprecate

giovedì 9 ottobre 2014
Kyotrix

Concordo con gli altri, buona la base, male il risultato, peccato.

martedì 29 aprile 2014
Flyanto

 Film in cui si racconta di una coppia di scienziati che studiano a fondo le metodologie e le tecniche per come creare delle intelligenze artificiali che possano anche servire un giorno alla guarigione di svariate malattie. Nel proprio percorso di studio essi incontreranno numerosi ostacoli ed anche quando l'uomo morirà (Johnny Depp) la moglie continuerà in pratica a farlo rivivere [...] Vai alla recensione »

venerdì 25 aprile 2014
IlSignorTom

Transcendence ha le potenzionalita per essere un ottimo film ma perde tutto il suo interesse dopo la pausa primo tempo. Il film è diventa illogico e noisoso per le folli scelte di trama e per il finale. Peccato perché il cast è eccezzionale e i primi 30 minuti sono godibili. Andate a vedere un altro film o state a casa.

martedì 22 aprile 2014
Tatiana Micaela Truffa

 Il brillante scienziato Will Caster è al lavoro su PINN, un "macchinario" che - usando come cavie le scimmie - mira ad utilizzare intelligenza e coscienza umana, facendole proprie. Il dottor Will Caster - uno straordiario Johnny Depp - è vittima di un attentato da parte di chi guarda con spavento all'intelligenza artificiale ed ai suoi pericoli.

lunedì 21 aprile 2014
SECOND IN COMMAND

Questo è un tipico film che ci dice la tecnologia come si può evolvere come la possiamo evolvere. La gente ha paura di quello che non sa, è una frase vera, ma possiamo realmente fidarci di quello che l'uomo ha progettato ? Un bellissimo film !

domenica 20 aprile 2014
Marco90

L'idea sulla quale si basa il film non è male peccato per com'è stata sviluppata ,il film in certi punti è veramente troppo lento e soprattutto nel finale non si capisce bene cosa e perchè succedono determinati fatti, vanno presi un po' così come vengono senza porsi molti interrogantivi. Altra nota negativa è lo scarso impiego di Johnny Depp che [...] Vai alla recensione »

lunedì 11 maggio 2015
Barolo

Buon film di fantascienza, con risvolti esistenziali-filosofici.Pur con tutte le differenze legate a innovativi effetti speciali,ricorda il Taglia-erbe di 25 anni fa.La recitazione di Deep è impeccabile,quella di Morgan Freeman sempre all'altezza,la trama avvincente, il film riuscito ma non del tutto nuovo Da vedere

sabato 27 dicembre 2014
IuriV

Con Trascendence, Pfister affronta l'annoso tema del conflitto uomo-macchina, aggiornandolo all'ultimo upgrade. Il film, infatti, pare ambientato in un presente alternativo, un tempo in cui gli scienziati sono arrivati a buon punto con la ricerca sulle intelligenze artificiali. In seguito a vicissitudini, lo scienziato Will Caster (un Johnny Depp che sembra sempre aver bevuto una birra di troppo) trasferisc [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 ottobre 2014
the thin red line

Un buco nell'acqua. Ammetto che prima di visionarlo avevo letto qualche recensione appassionata in mymovies e forse ero prevenuto, ma non pensavo davvero di ritrovarmi di fronte un pasticcio del genere. Sviluppato da un idea niente male il risultato è una gran impasto di nozioni informatiche senza un senso compiuto. La domanda che sorge spontanea è: di che cosa voleva parlare il regista [...] Vai alla recensione »

domenica 18 maggio 2014
astromelia

tra alti e bassi questo film arriva alla fine accartocciandosi su se stesso,a volte comprensibile a volte contorto,si poteva fare di più ma viene lasciato allo spettatore il rebus ultimo nel trarre le proprie conclusioni ognuno definirà le proprie osservazioni,qualcosa di vero può esserci nel film che potrà esserci in futuro,l'enigma resta lo stesso:avanzare nella tecnologia fino ad annullare l'essere [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 aprile 2014
Vincenzo Ambriola

Will Caster muore, ma prima di morire la sua mente è scaricata in un calcolatore molto potente. Inizia così il progetto di controllare il mondo mediante l'appropriazione e il controllo di tutti i calcolatori connessi a Internet. Le nanotecnologie, l'intelligenza artificiale e tant'altro sono gli strumenti che la mente digitale di Will usa per raggiungere il suo scopo maligno.

domenica 20 aprile 2014
Hetgidaton

Lo avevo sottovalutato, ritenevo dovesse essere il solito film scontato, invece in più punti mi ha sorpreso. L'uomo si è sempre creato le sue divinità, almeno ora la cosa è esplicita: gettiamo la maschera e chiediamoci cosa sia l'essere vivente e senziente, da dove derivino l'intelligenza, i sentimenti, i ricordi, tutto ciò che noi definiamo "umanità": per quanto continueremo a costruire Dei a nostra [...] Vai alla recensione »

domenica 27 aprile 2014
albydrummer

Bellissimo film,una fantascienza originale allo stato puro,con un ritorno di depp,sempre bravo,con tanta professionalità,interpretando dopo tanti personaggi mascherati alla burton,ora lo vediamo come protagonista in un personaggio,prima uno scienzato molto tranquillo quello di un professore nel campo dell'informatica a un inquietantemacchina-uomo senza limite.

domenica 27 aprile 2014
Fabius33

Un film che mostra chiaramente dove la tecnologia può arrivare ed è già arrivata nei laboratori di ricerca, così come si è visto nel film "her". Cast eccellente. Un film che fa riflettere e ci aiuta a preparare la nostra coscienza collettiva in vista dei prossimi traguardi tecnologici in cui l'intelligenza degli elaboratori elettronici supererà quella umana.

sabato 19 aprile 2014
Des Esseintes

Incredibile! Un film finalizzato al puro lavaggio del cervello delle masse. Vi si dice (udite udite) che la tecnologia non rigorosamente controllata dal Potere è pericolosissima perché potrebbe ridare dignità al popolo, unirlo lasciando alle persone l'autonomia ma rendendole capaci di agire collettivamente (Achtung! Komunisten!), di ribellarsi all'autorità ergendo [...] Vai alla recensione »

sabato 19 aprile 2014
brian77

Indigeribile. Difficile trovare nella memoria un film così mortalmente noioso, in cui non si riesce mai ad essere minimamente interessati a quello che succede sullo schermo. Mal scritto, mal diretto, mal montato, e per di più con un doppiaggio soporifero. I valori produttivi sono evidentemente notevoli, ci sono soldi e mezzi: ma sullo schermo si trasformano in un racconto informe e privo di vita.

sabato 19 aprile 2014
ST1998

Posso capire a chi non è piaciuto questo film in alcuni momenti era un po' lento, ma se visto come primo film di pfister e dello sceneggiatore è ottimo. Dopo lo scivolone dell'anno scorso the lone ranger Depp ritorna impersonando un ruolo divero dai suoi soliti e molto convincente

Frasi
"Le persone hanno paura di ciò che non capiscono"
Una frase di Will Caster (Johnny Depp)
dal film Transcendence - a cura di sel
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Alessandra Levantesi
La Stampa

Se nell'incantevole commedia di Spike Jonze, la Lei Scarlett Johansson è pura virtualità, il «lui» di Transcendence - esordio nella regia del direttore di fotografia Wally Pfister, collaboratore di Nolan - è all'inizio un uomo in carne e ossa. È Johnny Depp, scienziato di punta nel settore delle intelligenze artificiali ferito a morte da un commando di eco-terroristi.

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Cosa accadrebbe se uno scienziato riuscisse a ideare una intelligenza artificiale in grado di combinare il sapere universale con la coscienza e le emozioni umane? Non ci sarebbero limiti alla sua evoluzione e sete di potere. È l'assunto su cui si fonda questo film, dove Depp (privato delle sue smorfie) è il creatore di tale meraviglia. Sopravvive, artificialmente, alla morte, ma con quali conseguenze [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Si procede a colpi di battute scolpite nel granito. Del tipo: «Una volta online, una macchina senziente supererà rapidamente i limiti della biologia. Il suo potere analitico sarà più grande dell'intelligenza collettiva del sapere universale. Immagina una tale entità con l'intera gamma delle emozioni, perfino la coscienza di sé. Io la chiamo trascendenza».

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Il dottor Will Caster (Depp) è il massimo ricercatore in Intelligenza Artificiale, ha una bella moglie (Hall), un buon amico (Paul Bettany) e un sogno: ibridare intelligenza collettiva ed emozioni umane, in soldoni, dare un cuore alla macchina. Grazie a dei luddisti 2.0, il sogno diviene realtà: Will lo sperimenta in prima persona trascendente, ma qual è il limite? Lo storico direttore della fotografia [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Dopo Her, arriva Him. Che in realtà si intitola Transcendence ma è l'esatto opposto del film di Spike Jonze con Joaquin Phoenix. Anche qui infatti c'è un prodotto dell'Intelligenza Artificiale con emozioni e autocoscienza che acquista vita propria. Ma non è femmina, è maschio. E non vuole far felice il suo partner-padrone. Vuole imporre un salto evolutivo alla vita sulla Terra.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati