Femen - L'Ucraina non è in vendita

Film 2013 | Documentario, 78 min.

Titolo originaleUkraine Is Not a Brothel
Anno2013
GenereDocumentario,
ProduzioneAustralia, Ucraina
Durata78 minuti
Regia diKitty Green
AttoriInna Shevchenko, Sasha Shevchenko, Anna Hutsol, Oksana Shachko .
Uscitagiovedì 12 giugno 2014
DistribuzioneI Wonder Pictures
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Regia di Kitty Green. Un film con Inna Shevchenko, Sasha Shevchenko, Anna Hutsol, Oksana Shachko. Titolo originale: Ukraine Is Not a Brothel. Genere Documentario, - Australia, Ucraina, 2013, durata 78 minuti. Uscita cinema giovedì 12 giugno 2014 distribuito da I Wonder Pictures. Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Condividi

Aggiungi Femen - L'Ucraina non è in vendita tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un documentario sul gruppo ucraino delle Femen che cerca di far luce sulle cause che hanno dato origine al fenomeno di protesta.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Il documentario illumina la struttura patriarcale che caratterizza l'organizzazione di questo movimento femminista.
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 4 settembre 2013
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 4 settembre 2013

Uno spettro si aggira per l'Europa: lo spettro del femminismo. Organizzatesi per protestare contro la visione maschilista riservata alle donne ukraine, considerate suddite dei mariti o carne sul mercato del turismo sessuale, le Femen di Kiev concedono per la prima volta alla filmaker australiana Kitty Green un accesso ravvicinato alle loro vite, al dietro le quinte delle loro proteste e alle contraddizioni interne al movimento.
Con l'abbandono della loro terra, fattasi troppo pericolosa, e il trasferimento del collettivo a Parigi, comincia una nuova fase per Sasha, Inna, Anna, Irina, Oksana e le altre, e l'occasione è dunque buona per guardare alla strada fatta e riflettere sugli obiettivi raggiunti e sui limiti dell'esperienza iniziale. Se c'è, infatti, una virtù rara che emerge senza forzature da questa raccolta di interviste è proprio la disponibilità con cui queste donne accettano di "riflettersi", complice la video tecnologia, di mettersi in gioco e di rispondere con trasparenza e onestà - diremmo "nudità" - ai quesiti che vengono loro posti.
Polo dell'ammirazione di tantissime donne (e uomini) in tutto il mondo, e al contempo bersaglio di critiche inesauribili, come la loro esposizione mediatica richiede e mette in conto, le Femen nascono in un contesto preciso, quello di un paese postsovietico in cui il 99% delle ragazze non ha idea di cosa sia il femminismo e in cui l'uomo domina la donna in ogni aspetto della vita sociale e domestica, veicolando come naturale un atteggiamento culturale - quello patriarcale - tra i più antichi e duri a svanire. La modalità del topless, che può apparire contraddittoria e pretestuosa, va allora letta -ricorda il documentario - nel contesto di partenza, che nega qualsiasi potere alla donna salvo quello, preteso dall'uomo, di abusare del proprio sguardo su di essa. Creature di questo humus, le ragazze ritratte dalla Green appaiono per quello che il loro presenzialismo mediatico rischia di oscurare: giovani donne che subiscono maltrattamenti brutali (come quello operato dagli inviati del regime del terrore in Bielorussia), che non sono esattamente performances studiate di body art ma sono stazioni quasi obbligate di un percorso di presa di consapevolezza che non ammette ritorno ("Non so chi sono senza Femen", dice una di loro con struggente candore).
Eppure, proprio perché quello è il loro humus, le protagoniste di questa storia di protesta sono anche le stesse che obbediscono agli ordini e ai capricci di un teorico uomo, imprigionate in un paradosso che coraggiosamente riconoscono, ma non sanno (o non sapevano, prima di accettare l'accoglienza parigina) ancora districare.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?

FEMEN - L'UCRAINA NON È IN VENDITA disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€14,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 7 giugno 2014
wwwriter

non mi esprimo sulla qualità del film ma dire: "le Femen nascono in un contesto preciso, quello di un paese postsovietico in cui il 99% delle ragazze non ha idea di cosa sia il femminismo e in cui l'uomo domina la donna in ogni aspetto della vita sociale e domestica, veicolando come naturale un atteggiamento culturale - quello patriarcale - tra i più antichi e duri a svanire." [...] Vai alla recensione »

sabato 26 luglio 2014
brian77

L'Ucraina non sarà in vendita solo perché è già stata comprata da Stati Uniti e Unione Europea...

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Ma Venezia 70 non parla solo al maschile, complici le Femen, in topless davanti ai fotografi, al cinema con Ukraine Is Not a Brothel ("L'ucraina non è un bordello"), il documentario di Kitty Green che le riporta in Italia dopo le incursioni romane contro Berlusconi e il Conclave. Nato nel 2008 in Ucraina, il femminismo in punta di capezzolo di Inna e Sasha Shevchenko, e tutte le altre, non ha trovato [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati