MYmovies.it
Advertisement
Comic-Con 2010: Sucker Punch, draghi, mecha, zombie e ninja

I character poster e le foto delle action figure.
di Marlen Vazzoler

I sogni prendono una strana piega
Emily Browning (Emily Jane Browning) (30 anni) 7 dicembre 1988, Melbourne (Australia) - Sagittario. Interpreta Baby Doll nel film di Zack Snyder Sucker Punch.

lunedì 26 luglio 2010 - Gallery

I sogni prendono una strana piega
Dopo aver trasposto sul grande schermo 300 e Watchmen, Zack Snyder ha presentato quest'anno al pannello della Warner, che si è tenuto sabato scorso al Comic-Con di San Diego, la sua prima opera originale Sucker Punch.
Ambientato nel 1950, il film racconta la storia di una giovane donna di nome Babydoll (Emily Browning), che è stata rinchiusa in un istituto mentale dal padre violento, che vuole farla lobotomizzare in cinque giorni affinché non possa testimoniare o dire alla polizia cosa le ha fatto il padre. Babydoll comincia a ideare un piano per scappare perché vuole andarsene via prima di essere lobotomizzata. Lì dà una mano e si fa aiutare da altre ragazze (Vanessa Hudgens, Abbie Cornish, Jamie Chung e Jena Malone) che si trovano nel suo stesso reparto e vogliono andarsene. Ad un certo punto comincia a fantasticare che questo insano manicomio è in realtà un bordello che lei è una vergine e in cinque giorni sarà deflorata da un tipo ricchissimo. Per scappare da questo luogo fantastico, dark e violento Babydoll deve rubare cinque oggetti.
Come Inception anche Sucker Punch ha a che fare con il mondo dei sogni, ma in un modo completamente diverso. “Hanno bisogno di rubare un accendino con un drago da un tizio... Si tratta di una cosa semplicissima. Questo è quello che stanno realmente facendo. La versione di Baby Doll è invece quello che si vede, questo è il film o comunque parte di esso. Così, quando lei chiude gli occhi, vanno in questo mondo incredibile a combattere un drago, hanno un B-25 con un motore a reazione, tagliano la gola del cucciolo di drago e poi” spiega Zack Snyder durante il round table. “Rubano il fuoco” aggiunge la moglie e produttrice Debbie Snyder. “Assolutamente, rubano il fuoco. Finisce per uccidere il drago e quando l'oggetto è stato rubato e la musica finisce, è riuscita a distrarre la persona che avevano bisogno di distrarre. C'è questa parte molto semplice, lineare che mi piace... ma poi ci sono queste cose folli, quando in realtà sta fantasticando... Ho usato la mia immaginazione come modello. Quindi, si, credo i personaggi del film sognino in grande” conclude Snyder.
Il regista ha poi spiegato che nell'altra realtà “Gli spettacoli che fanno le ragazze sono per gli uomini che vengono nel club e dato che lei non è ancora una delle intrattenitrici non lavora nel club. La signora Schulz (Carla Gugino) vuole addestrarla a ballare per farla diventare una delle ragazze. Il problema è che, Baby è veramente timida e quindi in ognuna delle sue fantasie... chiude gli occhi ogni volta che balla, e non la vediamo mai ballare, ma quello che vediamo è la fantasia”. La moglie aggiunge che “Tutto quanto ha delle conseguenze nella realtà... Penso che alla fine della giornata, quando le cose sono andate così male, dove vai, cosa fai per sfuggire, come si fa a far fronte a questo? Un sacco di volte si visualizzare un altro posto, si vuole essere da qualche altra parte e penso che BabyDoll lì trovi la forza, va in un luogo diverso e ogni volta che ci va sembra ottenere un po' più di forza...”.

Il mecha del coniglio rosa
Per quanto riguarda il personaggio interpretato da Scott Glenn, Snyder lo definisce per essere più pratico come il Yoda di Babydoll, una sua sorta di maestro. I generi trattati dal film sono diversi, a parte quello fantastico, tocca quello fantascientifico, l'horror gotico e molto altro, ci sono ragazze sexy, orchi, samurai e molte altre creature. “Ho pensato” spiega Snyder “No, è un mecha più grande e i samurai sono alti 3 metri, che ne dite di questo? Quanto sarebbe fantastico? Forse uno dei samurai ha una mini pistola e forse un altro dei samurai ha un lanciarazzi”. Snyder ha inoltre confermato che il film non verrà convertito in 3D in post-produzione, perché spiega Debbie Snyder dopo che sono stati visti i primi materiali visivi si sono resi conto che non ne hanno bisogno e che non aiuterebbe affatto il film, specialmente dopo aver visto cosa sono riusciti a fare con il 3D creato per il film d'animazione di Ga' Hoole. Nel film fa inoltre la comparsa un gigantesco mecha di un coniglio rosa. Debbie Snyder ha spiegato che il robot ha un significato “Molte cose si svolgono su diversi livelli della realtà. Abbiamo cercato di usare dei pezzi perché, pensateci, quando sogni molte volte può accadere che non hai un quadro complessivo e, se sei stressato per qualcosa hai dei piccoli pezzi e allusioni a delle cose ed è quello che volevamo fare. Così, il coniglio è il giocattolo della sorella di Baby Doll che è sul suo letto e qualcosa di tragico le accade quindi penso che sia molto inquietante”. Alla fine Snyder ha commentato sulla conclusione del contratto di Xerxes, il prequel di 300 disegnato da Frank Miller. “Sì, non so se hanno detto che... sto praticamente usando le vignette di Frank per cerare la storia. Stiamo utilizzando praticamente lo stesso processo che Kurt ed io abbiamo usato quando abbiamo scritto 300, anche se a volte non abbiamo alcuna immagine, perché siamo un po' più avanti di lui in questo momento... Abbiamo la sua struttura, abbiamo i suoi dialoghi, sono abbastanza dettagliati. Potremmo tornare indietro una volta che avremo un po' di foto da aggiungere se c'è qualcosa di fantastico, che sicuramente ci sarà. Segue la Battaglia di Capo Artemisio, che è sostanzialmente una battaglia navale che ebbe luogo durante gli stessi tre identici giorni di Termopili, quindi è una specie di storia parallela. Comincia prima di 300 e va oltre”.

Gallery


news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati