Il mondo dei replicanti

Film 2009 | Azione +13 95 min.

Regia di Jonathan Mostow. Un film con Bruce Willis, Radha Mitchell, Rosamund Pike, James Francis Ginty, Boris Kodjoe. Cast completo Titolo originale: Surrogates. Genere Azione - USA, 2009, durata 95 minuti. Uscita cinema venerdì 8 gennaio 2010 distribuito da Walt Disney. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,57 su 63 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il mondo dei replicanti tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Ambientato in un mondo futuristico dove gli uomini vivono in isolazione e interagiscono attreverso dei sostituti robot, un poliziotto è costretto al lasciare la sua casa per la prima volta dopo anni per investigare l'omicidio di altri sostituti. In Italia al Box Office Il mondo dei replicanti ha incassato 1,8 milioni di euro .

Il mondo dei replicanti è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,57/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,14
PUBBLICO 2,44
CONSIGLIATO NÌ
Thriller fantascientifico che aiuta a riflettere sui confini etici della scienza.
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 22 dicembre 2009
Recensione di Giancarlo Zappoli
martedì 22 dicembre 2009

L'agente Greer e l'agente Peters sono chiamati a investigare sull'uccisione del figlio del dottor Lionel Canter. In realtà nessuno dei tre è umano. Né Greer, né la sua collega né tantomeno il figlio di Canter. Costui è l'inventore dei 'Surrogati', automi che assumono l'aspetto che ogni umano desidera, uscendo in sua vecenella vita reale e lasciando il proprio 'originale' in carne ed ossa a casa al sicuro. Nel mondo ce ne sono ormai un miliardo ma sta accadendo qualcosa di molto strano e pericoloso per loro: sembra esserci un virus che, uccidendo il simulacro di cavi e acciaio, distrugge anche il cervello dell'umano a lui collegato. Greer vuole andare a fondo; dapprima come macchina e in seguito come essere umano.
Michael Ferris e John D.Brancato (il duo che ha scritto Terminator Salvation) ispirandosi a un fumetto di Robert Venditti e Brett Weldele hanno fatto ancora centro. Hanno cioè sviluppato due percorsi che procedono narrativamente in modo fluido tenendo viva l'attenzione sia di chi ama il thriller con aspetti fantascientifici sia di chi non disdegna riflessioni sociopolitiche. Perché per un verso abbiamo l'ormai 'solito' Bruce Willis, poliziotto pronto ad andare oltre le regole pur di raggiungere l'obiettivo di cui seguire l'azione (in coppia con una donna questa volta).
Dall'altro però possiamo seguire un'azione che si dipana all'interno di un interrogativo che, come sempre accade quando la sci-fi è di qualità, non è poi così distante dalla realtà sociopolitica attuale. Perché in un mondo in cui i mezzi di comunicazione (e basta assistere a certi tg nostrani) sembrano finalizzati solo a instillare la paura dell'altro (omicidi, incidenti stradali, diversi, extracomunitari ed oltre) l'idea di potersene stare a casa mentre c'è chi affronta il 'mondo fuori' al nostro posto rischia di insinuarsi pericolosamente nelle coscienze. Mostow riesce a far percepire con grande acume il mood di questa umanità che si ritrae, pronta a rinunciare ad essere se stessa a cui si pongono, ghettizzati, gli irriducibili.
Anche se nel film si ritrovano degli echi sia del già citato Terminator sia dello 'squid' di Strange Days l'originalità prevale. Ogni film che ci aiuti a riflettere sui confini etici che la scienza non può non darsi è benvenuto. Se poi sa anche essere vero entertainment il merito è ancora maggiore.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
IL MONDO DEI REPLICANTI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
NOW TV

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 16 gennaio 2010
Luca Alvino

La tecnologia ci aiuta a scegliere o ci impedisce di farlo? ci incita ad accettare il cambiamento o ci stimola a resistere a esso? libera il nostro tempo o ne assorbe le energie più significative? Sono le domande che mi sono posto uscendo con un po' di angoscia dalla visione del "Mondo dei replicanti" (Surrogates). Perché - per quanto possa sembrare paradossale - mi sembra che se esistesse davvero [...] Vai alla recensione »

lunedì 11 gennaio 2010
Gropius

Siamo al cospetto di un buon film di fantascienza,vecchio stile in cui a prevalere non sono suntuosi effetti speciali e neppure eccessive scene d’azione. Qualcuno ne rimarrà certamente deluso per questo ma credo che ciò che dovrebbe colpire lo spettatore sia invece il messaggio di denuncia sociale che è insito in questa pellicola.

lunedì 11 gennaio 2010
Nino Pell.

Il genere fantascientifico legato alla robotica mi ha sempre affascinato. Sin quando ero bambino, ricordo che mi rimase particolarmente impresso il film "Il mondo dei robot". Così come successivamente ho apprezzato tantissimo la saga di "Terminator". Ebbene non poteva certo non piacermi anche questo ultimo film di tale filone fantascientifico che porta la firma del regista Jonathan Mostow.

martedì 16 agosto 2011
davide chiappetta

E' sorprendente la somiglianza tra questo film e Avatar usciti nello stesso anno, c'è da dire che sembri il suo cattivo gemello, cattivo inteso come pessimista, ma bando alle somiglianze questo film è molto più attuale e quasi-realistico che tutte le menate su possibili mondi ecologici o matrixiani, e ha qualcosa da dire rispetto a questi altri film, infatti il racconto evidenzia molto bene uno dei [...] Vai alla recensione »

lunedì 11 gennaio 2010
slowfilm.blog

Superato l’impatto violento col caschetto biondo di Bruce Willis, che appare sin dal primo minuto destinato a fare una fine giustamente orrenda, Surrogates, adattamento dell’omonima graphic novel di Venditti e Weldele, propone immediatamente un mondo costruito come la versione concreta di Second Life. Con l’inevitabile eccezione dello sparuto gruppo di irriducibili, il genere umano s’è chiuso in casa: [...] Vai alla recensione »

martedì 17 agosto 2010
ginger snaps

è sicuramente un bel mix di film già visti e apprezzati, evoca pellicole come Avatar e Blade Runner, anche se i contenuti sono magistralmente modificati. Richiama lo spettatore a riflettere sulle manie dei nostri tempi, quale la tecnologia, la perfezione e l'estetica, c'è chi gioca a fare Dio, è sempre lo stesso personaggio interpretato in vari film, ma sembra di [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 agosto 2012
andyflash77

Nel 2054 una potente innovazione tecnologica rende possibile vivere la propria vita da casa attraverso l'utilizzo dei Surrogati, che agiscono come gli umani e trasmettono loro le emozioni sensoriali. Ma la morte, caso mai verificatosi prima, di una persona attraverso l'omicidio del suo surrogato spinge l'agente Greer a uscire a indagare di persona, per la prima volta dopo molto tempo. Vai alla recensione »

mercoledì 13 gennaio 2010
odisseo2001

Insomma, ammetto certo che (anche) qui l'idea c'è (pur se, ripeto, non è per niente nuova: ma la forza di un'idea si constata, appunto, dal fatto che resiste perché continua a valere come chiave di lettura del mondo e dell'uomo, attraverso tutti i mutamenti delle varie epoche); eppure, per quanto buona sia l'idea, se non le viene dato il giusto risalto e peso [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 gennaio 2010
odisseo2001

Una domanda generale, necessaria premessa per poi andar a parlare del film con una prospettiva di lettura (e/o di visione) più ampia, in cui è coinvolto ma certo non l'esaurisce. Dato che, come dichiarato dagli autori (e come del resto tanti altri film che derivano da racconti precedenti: narrazioni orali raccolte poi in fiabe trascritte, o libri di novelle o romanzi, opere teatrali o musicali o altro, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 gennaio 2010
odisseo2001

Ed ecco, infine, la lista dei precedenti film che hanno usato la metafora fantascientifica per trattare tematiche analoghe a quelle di quest'ultimo (e forse pure di Avatar: vedremo quando uscirà), e a cui con, ogni evidente probabilità si sono ispirati in un modo o nell'altro gli autori: si parte con l'archetipo ante litteram dell'alienazione-robotizzazione umana "Metro [...] Vai alla recensione »

sabato 9 gennaio 2010
Jhoexp

Ci risiamo. Dimenticate le recensioni dei critici idioti che si limitano a citare i precedenti lavori di Mostow o le due notizie che hanno letto dalle cartelle stampa senza neppure accendere il cervello. Questo "Surrogates", al solito bestialmente tradotto "il mondo dei replicanti" è un bel film di fantascienza vecchia maniera. Sicuramente di budget "medio" qui c'è poco (il giusto) CGI e molto [...] Vai alla recensione »

lunedì 11 gennaio 2010
Federer85

Tutto sommato i 4 euro e 50 spesi non sono stati buttati. Idea(quasi)originale, discreti effetti speciali,discreto Willis,peccato per il contorto finale.Cmq,ripeto,un film da vedere.Soprattutto per gli appassionati del genere fantascienza/azione.

venerdì 8 gennaio 2010
jackygreco

Bel film,non certo un cult ma molto carino.

giovedì 22 ottobre 2009
Gus da Mosca

La storia della replicazione umana inizio’ col Mondo dei Robot, quando nel 1973 Yul Brynner fu il gelido pistolero sintetico di Westworld, indistruttibile anche se ridotto ad uno scheletro di metallo. Quello scheletro robotizzato si rianimo’ nel 1984, identico e spietato, nella scena finale del primo Terminator. Poi fu Schwarzenegger nel 1990 a provare una Total Recall fisica, facendosi [...] Vai alla recensione »

venerdì 22 gennaio 2010
g_andrini

Richiama da lontano un pò il concetto presente in Avatar. Gli effetti speciali sono buoni, e la trama è godibile. Bravo Bruce Willis, come anche le due protagoniste femminili, in particolare la Pike, che ho già apprezzato nel film di 007. Sinceramente consiglio di vederlo.

domenica 2 maggio 2010
The opinionist

E' interessante notare come questo film abbia la stessa matrice di "Avatar": abbiamo un contesto futuristico in cui le persone (per motivi differenti nei due film) si avvalgono di un "surrogato" o di un "avatar" per vivere all'interno di una comunità. Dato che ho visto ieri Avatar e oggi il mondo dei replicanti, non ho potuto fare a meno di notarne la [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 aprile 2010
DARIO29

Il film non è malaccio, anzi devo dire che apre un tema molto importante, quello della socializzazione che si sta perdendo a causa di tutte quelle innovazioni tecnologiche che pian piano potrebbero portarci all'alienazione sociale....i surrogati sono solamente un monito...da vedere

mercoledì 27 gennaio 2010
Bandy

Un film abbastanza carino,specie nel finale.Sia chiaro non è niente di innovativo,il regista si è basato su molti altri film della serie : robot ,replicanti, cyborg,ecc.ecc. prima di girare questo qui. Comunque per passare due orette,può andare....

domenica 13 giugno 2010
LUCIDO71

Film tutto sommato carino, e daccordo con la recensione di MyMovies, ci porta a riflettere su caratteri socioplitici & futuristici... xò credo che affrontato il problema prossimo venturo, il film poteva e doveva esser fatto meglio. Pellicola che comunque gira bene, e che ci fa restar sul divano fino alla fine... anche se il tutto, dai dialoghi, ai colpi di scena, restan tutti prossimi [...] Vai alla recensione »

giovedì 6 maggio 2010
Sandro Roy

SURROGATE alias IL MONDO DEI REPLICANTI secondo me perde l' occasione di rivelarsi un film"nuovo". Troppe le scene risalenti a film come IO ROBOT, MATRIX,A.I., IL TAGLIAERBE ecc. La trama è decisamente povera e la pellicola si chiude frettolosamente. Infatti i soli 88 min mi hanno lasciato pienamente insoddisfatto. B. W...illis però, seppur palesemente incollato all figura [...] Vai alla recensione »

lunedì 18 gennaio 2010
Jennyx

troppo severi questi giudizi per un film che in realtà è più che buono. Quindi per compensare do 5 stelle

venerdì 22 ottobre 2010
giacomogabrielli

 L MONDO DEI REPLICANTI, di J. Mostow; In un futuro prossimo, la civiltà vive nel completo isolamento dove gli esseri umani affidano il compito di interagire con il mondo esterno ad androidi robotizzati, che fanno loro da surrogati. Ma questa imperante tecnologia dà fastidio a qualcuno, che cerca di debellarla, arrivando ad uccidere.

venerdì 10 settembre 2010
doni64

Film del genere fantascienza fino all'eccesso.La trama e' piacevole come l'interpretazione di b.willis che non e' da meno e gli effetti speciali che non mancano.Il film nel complesso e' simpatico e gradevole magari adatto agli amanti del genere.Voto 7

lunedì 17 maggio 2010
claudeperla

In questo film gli essere umani vengono sostituiti da delle copie identiche a noi(robot)che ovviamente non si ammalano e se si rompono si riparano permettendo così agli umani di vivere meglio e più a lungo evitanto di morire per incidenti vari. tali robot vengono guidati attraverso il pensiero mentre noi ce ne stiamo comodamente sdraiati su comodi lettini,ovviamente i contro sono che non esistono [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 gennaio 2010
boid1

e così è arrivato il solito film di fantascenza dell'anno, fac simile di io robot, un pò di matrix, un pizzico di strange days... insomma niente di particolarmente nuovo. Però tutto sommato è piacevole da seguire anche se cade nei soliti clichet dell'uomo che odia i robot e cerca di ritrovare la propria umanità.

mercoledì 27 gennaio 2010
bubo1525

non eccezionale, un po blade runner un po matrix anche se l'idea iniziale era diversa e abbastanza intrigante, visivamente bello, lascia però un po poco..

lunedì 28 dicembre 2009
martalari

Visto "Il mondo dei replicanti" a parte l'improbabile parrucchino iniziale di Bruce Willis con tanto di imbarazzante frangetta, il film regge. La pellicola racconta di un futuro dove ognuno può esser sostituito da un suo clone-replicante vero surrogato dell'originale che possa consentire di essere immune da violenze e altro..ma nella realtà le cose sembrano cambiare : il figlio di uno dei [...] Vai alla recensione »

martedì 14 febbraio 2012
Dragonia

In un mondo i cui le persone si fanno sostituire da cloni robotici, i "Surrogates" del titolo, un detective (il solito Willis) deve indagare su alcuni omicidi compiuti con una misteriosa arma. La pista lo porterà, dopo la distruzione del proprio surrogato, ad entrare in campo in carne ed ossa ed a scoprire un diabolico complotto.

martedì 31 agosto 2010
meltdown

prima di vedere il film non pensavo che avrebbe meritato le 3 stelle sinceramente. Eppure mi sono stupito di come il film amalgami gli ingredienti: la tencologia dei replicanti che consente di "vivere" attraverso delle copie-robot, l'aspetto investigativo che riguarda alcuni robot distrutti insieme ai loro "operatori", le scene d'azione e la vicenda personale del protagonista [...] Vai alla recensione »

mercoledì 20 gennaio 2010
fenice72

Basato sulla mini-serie a fumetti "The surrogates", i surrogati, é il nuovo film con protagonista Bruce Willis. In un futuro ipotetico l'umanità, salvo poche eccezioni che vivono dentro alcune riserve, ha scelto di vivere attraverso dei surrogati comandati a distanza da un circuito neuronale, comodamente dalla poltrona di casa; l'idea é quella di un mondo perfetto dove non ci siano morti accidentali, [...] Vai alla recensione »

lunedì 18 gennaio 2010
CAPPELLaiO MATT.O

difficile trovare l originalità in questo tipo di film, non è un filmone ma non è neanche brutto, sempre bravo bruce!

sabato 2 agosto 2014
kondor17

In un poco credibile.presente (oggi), il 99% della.popolazione adulta vegeta in una sedia in salotto mandando in giro in sua vece un robot, non necessariamente simile a lui, di solito più giovane e bello. In questo modo sia l'agente Greer che la moglie, che pochi anni prima avevano perso la figlia, vivono senza mai vedersi, lei immersa nelle pillole e nella depressione, lui alla ricerca [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 febbraio 2012
UltimoInquisitore

Passato abbastanza velocemente nelle sale è un'opera che andrebbe vista e, se ricapita, rivederla appena la passano in televisione. Un film da giovedì sera, bello forte e maledettamente attuale, ispirato a una novella per fumetti. Non è Blade Runner e nemmeno Io Robot. Durante la pellicola ve ne dimenticate dei confronti, perchè venite catapultati immediatamente nell'azio [...] Vai alla recensione »

domenica 7 febbraio 2010
ultimoboyscout

Un Willis appannato per un film appannato, anche se la faccia è la solita (e ben funzionante) gonfia di botte ferita e sanguinante. Concettualmentemolto simile ad Avatar, poichè l'umano grazie ad una macchina riesce a dar vita e a comandare un surrogato robotico. Ma ovviamente niente a che vedere col film campione di Cameron. Proprio su questo "alter ego" molto di moda ai [...] Vai alla recensione »

sabato 16 gennaio 2010
simonk92

Il film propone uno scenario di come potrebbe cambiare il mondo nel bene ,ma soprattutto nel male , con l'introduzione dei surrogati nella vita delle persone. L'idea è originale e interessante ,ma il film poteva essere realizzato meglio, infatti ,a mio giudizio, un film di questo tipo non può essere raccontato in una pellicola di 95min.

sabato 9 gennaio 2010
cento1907

film con discreta scenografia che fa riflettere sl cambiamento che potrebbe subire l'umanità..

lunedì 17 maggio 2010
uranio.235

Mi sembra abbastanza bello anche se un pochettino copiato da "MATRIX" per il collegamento con i robot. Credo che sia importante perchè ci fa capire quanto sia importante vivere con il nostro corpo e nessuna macchina potrà sostituirlo.

venerdì 5 febbraio 2010
slyshark

il suo peggior film  non ci posso credere  noioso fino alla fine   questo science fiction polizziesco fa veramente schifo

giovedì 28 gennaio 2010
alex spezzati

premessa adoro Bruce Willis,ma a me nn è piaciuto tanto è stato un mix tra matrix e io robot,molto bello il trailer mail film non andava avanti......

giovedì 21 gennaio 2010
xeydar

Action Movie che in alcune scene sembra di vedere la figura di Schwarzenegger in Terminator sostituito da Bruce Willis. Film vuoto, privo di morale (anche se vorrebbe averla). Anche le idee del film sono pessime, la trama idem. Poi l'argomento è trito e ritrito quindi bisogna dare qualcosa in piu su questo genere di film dove la macchina è combattuta dall'uomo.

domenica 10 gennaio 2010
Forta85

Questo film è bello sia come idea che come film in se, peccato che non ci sono molte scene d'azione nonostante sia con Bruce Willis che ci ha abituato a film adrenalinici senza un attimo di tregua. In conclusione vi consiglio di andarlo a vedere solo se siete fan del mitico Bruce altrimenti no

martedì 9 novembre 2010
Francesco2

Sarà che mentre lo stavo vedendo non ho seguito una parte con tantissima attenzione, ma l'unica cosa che mi rimane impressa è il colpo di scena finale, quando si scopre che la morte del ragazzino è un incidente e tutto il resto. La Mitchell mi era piaciuta di più in "Melinda e Melinda", Willis, forse perché non lo conosco molto bene, mi sembra ormai [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 giugno 2010
dario

L'idea non è male, lo svolgimento quasi pessimo. Scontatissimo il finale: moralismo da quattro soldi, utopistico. Ma il ritmo c'è e Willis prende la cosa sul serio. Bella la scenografia, ottimi i trucchi.  

martedì 26 gennaio 2010
annalisa marini

il film non lascia entusiasmo in chi lo vede. l'idea ripesca un po' qua un po' là. niente che debba essere assolutamente visto.

domenica 10 gennaio 2010
Andrea Evangelisti

la storia c'è,l'azione a tratti l'unica cosa che manca è il finale scontato, lo consiglio a chi vuol vedere un film senza nessuna pretesa!!!! voto 6+

lunedì 1 febbraio 2010
Vittorio

Film che delude le attese......una storia vista e rivista, con poche soprese ed un finale scontato!! Inverosimile e piatto....mi aspettavo molto di più!! Da vedere se non si ha niente di meglio da fare....

mercoledì 13 gennaio 2010
italico

l'idea del film è discreta ma con lo scorrere della pellicola diventa prevedibile come film e dal finale scontato... un genere con la data di scadenza a breve

venerdì 10 settembre 2010
hi mate!

Ma dai su,come si fa a commentare un film di un'ora e venti minuti!!!!

domenica 10 gennaio 2010
Ferreri11

PERSONALMENTE: Film per la maggior parte del seguito SCONTATO...la curiosità che ho notato è che tutti i banner pubblicitari di questo film,dove ci sono raffigurati i "surrogati", praticamente nel film neanke si vedono...cioè i loro volti non esistono in nessuna scena...e poi quell'immagine dove si vede la colonna vertebrale meccanica...nel film è assolutamente inesistente anche solo il particolare...(SPERO [...] Vai alla recensione »

domenica 10 gennaio 2010
Rubens

FILM MOLTO LENTO,CON TRAMA E FINALE SCONTATO. NON CONSIGLIATO.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Ossessionati dalla sicurezza e allenati a vivere i rapporti a distanza, gli abitanti del futuro non escono più di casa: si limitano a pilotare con le onde cerebrali i loro sosia sintetici, sempre in forma e immortali. L' agente dell' Fbi Greer (Bruce Willis calvo) ha un clone (Bruce Willis con una ridicola parrucca bionda) che si ritrova a indagare su un caso delicato, quello di un clone assassinato [...] Vai alla recensione »

Isabelle Regnier
Le Monde

Inspirée du roman graphique de Robert Venditti et Brett Weldele, l'idée est intéressante : dans un monde où la sécurité est devenue la première des priorités, les êtres humains ne sortent plus de chez eux. Allongés dans des caissons, ils commandent à distance des clones qui prennent tous les risques physiques à leur place. La mort par maladie, ou par balles, n'est plus une possibilité, les clones pouvant [...] Vai alla recensione »

Robert Abele
The Los Angeles Times

Trying to lure the self-hypnotized gamer nation out into the world to see a dystopian popcorn flick that paints Sims-style living as the end of civilization might seem like a fool's errand. And yet here comes "Surrogates," a slick sci-fi number that presents a future in which flawless, hot-bodied, chicly dressed synthetic humans do the everyday living/working/playing, their every action neurally controlled [...] Vai alla recensione »

Alessio Guzzano
City

Fantascienza contemporanea. Gli umani invecchiano in poltrona telecomandando cerebralmente i robot dall'aspetto plastico/fotomodello e dalla tempra in fibra di carbonio che lavorano, si divertono, fanno sesso e persino si drogano al posto loro. Vecchie carcasse di carne agli arresti domiciliari volontari la cui volontà si agita in manichini Dorian Gray, i Surrogates del titolo originale (che non [...] Vai alla recensione »

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Povero Bruce, a morire, si sa, è duro, e allora gli affidano sempre il compito di salvare il mondo. Ma ora — ha detto — non ne può più, complice forse il parrucchino a cui lo costringe (nella versione surrogata) il regista Jonathan Mostow, celebre per il Terminator, il 3, peggiore della saga. Fantascienza distopica in cui gli umani interagiscono attraverso dei surrogati robotici di se stessi, Il mondo [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

Il mondo dei replicanti è un buon film. Per arrivare al capolavoro forse serviva più coraggio nei momenti cruciali e un imbarazzante parrucchino in meno (quello dell'avatar del protagonista Bruce Willis, che serve a renderci empatici verso il suo neoluddismo e la sua pelata umanissima dell'originale). Ma in una fantascienza- sebbene qui si parli più di un futuro prossimo distopico- che raramente stupisce [...] Vai alla recensione »

Manohla Dargis
The New York Times

The nifty premise of “Surrogates” builds on a science-fiction conceit familiar from the likes of the 1973 movie “Westworld” and the online game “Second Life.” In a reality that looks a lot like today’s (a Prius is the most far-out car), human beings hide away at home, where, hooked up with electrodes, they live, work and play through robotic surrogates.

Alessandra Levantesi
La Stampa

Surrogates li definisce il titolo originale e tali sono questi robot: personificazioni tanto perfette da indurre molti a delegar loro sesso, lavoro, affettività. Morale: per le strade un'umanità virtuale che appare giovane e bella, mentre la gente chiusa in una stanza vegeta controllando l'esistenza di un altro se stesso. Finché all'agente Fbi Bruce Willis non capita di dover svolgere un'indagine, [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

L'ultima scoperta di Dino De Laurentiis (lo lanciò con Breakdown e gli produsse U-571) è il replicante di James Cameron. Jonathan Mostow prima ha diretto il terzo Terminator, che pochi ricordano, e ora si cimenta con Il mondo dei replicanti, che rischia di passare alla storia come il fratello brutto di Avatar. In un vicino futuro lasciamo a casa i nostri corpi naturali e andiamo in giro guidando da [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

Acuto lo spunto, non l'esito del Mondo dei replicanti di Jonathan Mostow. Rendere ogni film ambientato nel prossimo futuro un giallo significa renderlo una variante della stessa storia. Unica novità, questa volta, il fatto che mal rasato, grasso, sciatto, ogni abitante di Boston, incluso Bruce Willis, invecchia sedentario, tele-controllando il proprio doppio, che lavora per lui.

NEWS
LIBRI
mercoledì 27 gennaio 2010
Fabio Secchi Frau

La recensione *** Dopo aver lavorato con Gary Phillips, Antony Johnston e Brian Wood, ma anche con la Marvel, Brett Weldele si unisce a Robert Venditti nella creazione di questo gradevole fumetto di genere thriller fantascientifico incentrato su un [...]

NEWS
venerdì 8 gennaio 2010
Lisa Meacci

Horror e commedie corali Terminata l'euforia dei giorni passati e lasciate alle spalle anche le ultime feste, è tempo di appendere alle pareti di casa i nuovi calendari e di cominciare a sfogliare il 2010.

VIDEO
giovedì 27 agosto 2009
Marlen Vazzoler

Il video musicale della band musicale Breaking Benjamin "I will not bow" contiene degli spezzoni inediti del film Surrogates diretto da Jonathan Mostow ed interpretato da Bruce Willis. La pellicola è la trasposizione cinematografica dell'omonima graphic [...]

GALLERY
giovedì 27 agosto 2009
Marlen Vazzoler

Gli studio hanno cominciato a rilasciare le immagini di alcuni film che usciranno nei cinema italiani questo autunno come Surrogates e Fantastic Mr. Fox e di pellicole che verranno distribuite tra il 2009 e il 2010 come The Blind Side, Up in the air, [...]

VIDEO
venerdì 22 maggio 2009
Marlen Vazzoler

La Touchstone Pictures ha finalmente fatto uscire il trailer ufficiale del nuovo film interpretato da Bruce Willis, Surrogates, diretto dal regista Jonathan Mostow (Terminator 3). La pellicola racconta di un futuro in cui gli umani interagiscono con [...]

VIDEO
lunedì 11 maggio 2009
Marlen Vazzoler

È finalmente disponibile il primo footage de nuovo film diretto da Mike Newell, Prince of Persia: Sands of Time, l'adattamento cinematografico dell'omonimo videogioco. Nel filmato si buò vedere il produttore Jerry Bruckheimer parlare dell'adattamento [...]

NEWS
lunedì 27 aprile 2009
Marlen Vazzoler

È uscito il viral teaser poster del film Surrogates, un thriller sci-fi con Bruce Willis, prodotto dalla Disney. La pellicola è ambientata in un mondo futuristico in cui gli esseri umani vivono isolati e interagiscono attraverso dei surrogati robot. [...]

GALLERY
giovedì 18 dicembre 2008
Marlen Vazzoler

Isla Fisher interpreta la maniaca dello shopping Rebecca Bloomwood Una carrellata di immagini dei prossimi film prodotti dalla Walt Disney. Si comincia con I love shopping di Paul J. Hogan (Il matrimonio del mio migliore amico, Peter Pan) con Hugh Dancy [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati