Prospettive di un delitto

Film 2008 | Thriller +13 90 min.

Titolo originaleVantage Point
Anno2008
GenereThriller
ProduzioneUSA
Durata90 minuti
Regia diPete Travis
AttoriDennis Quaid, Matthew Fox, Forest Whitaker, Sigourney Weaver, William Hurt, Saïd Taghmaoui Ayelet Zorer, Edgar Ramirez, Eduardo Noriega (II), Bruce McGill, Ayelet Zurer, Zoe Saldana, James LeGros, Richard T. Jones, Holt McCallany, Leonardo Nam.
Uscitavenerdì 29 febbraio 2008
DistribuzioneSony Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,29 su 71 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Pete Travis. Un film con Dennis Quaid, Matthew Fox, Forest Whitaker, Sigourney Weaver, William Hurt, Saïd Taghmaoui. Cast completo Titolo originale: Vantage Point. Genere Thriller - USA, 2008, durata 90 minuti. Uscita cinema venerdì 29 febbraio 2008 distribuito da Sony Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,29 su 71 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Prospettive di un delitto tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Durante il discorso presidenziale, il capo di Stato americano viene colpito e ferito. A strage avvenuta, saranno i punti di vista delle vittime scampate e dei carnefici a ricostruire i fatti. In Italia al Box Office Prospettive di un delitto ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 921 mila euro e 409 mila euro nel primo weekend.

Prospettive di un delitto è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,29/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA 2,19
PUBBLICO 2,50
CONSIGLIATO NÌ
Un thriller di stampo televisivo, aggiornato ai tempi della tecnologia avanzata, ordinario e americanamente consolatorio.
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 27 febbraio 2008
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 27 febbraio 2008

Thomas Barnes è un agente dei servizi segreti in missione in Spagna. In occasione di un importante summit sulla guerra globale al terrorismo, il suo incarico è quello di proteggere il Presidente degli Stati Uniti, che soltanto un anno prima ha schermato da una pallottola. Durante il discorso presidenziale, il capo di Stato americano viene colpito e ferito. Tra la folla scoppia il panico e due bombe. A strage avvenuta, saranno i punti di vista delle vittime scampate e dei carnefici spietati a ricostruire l'esatto ordine dei fatti. Niente è quello che sembra. Nessuno è chi dice di essere.
Nella prima parte di Prospettive di un delitto, la migliore, si ha la sensazione che il film possa rappresentare l'intrigante e infinita variazione di un evento criminale, commissionato da una cellula terroristica ed eseguito otto volte per lo spettatore. Otto punti di vista diventano otto storie differenti, che rilasciano informazioni su tracce ancora aperte mentre ne vengono immesse delle nuove che aprono nuovi enigmi. Non c'è flashback che non possa essere dilatato da altri flashback, non c'è segreto della vita dei personaggi che non ne contenga al suo interno degli altri. Prospettive di un delitto è un thriller aggiornato ai tempi della tecnologia avanzata e chiuso su se stesso malgrado la struttura "aperta". È un action-movie dell'epoca della minaccia terroristica ripetibile come il loop di un otto volante.
Un po' Lost, un po' 24, il film di Pete Travis si ispira senza ispirazione alla produzione televisiva americana. Prova a catturare la nostra attenzione, a ottenere la nostra adesione e la nostra partecipazione emotiva, reiterando ed espandendo indefinitamente l'evento rappresentato (l'assassinio in diretta del Presidente) e lavorando sulle attese rispetto alla soluzione dell'enigma. Il regista inglese sceglie immodestamente di "rifarsi" proprio al (tele)cinema di J.J. Abrams (Lost) e di Joel Surnow e Robert Cochran (24), accumulando tutti i luoghi comuni legati ai killer spietati e perfezionisti, all'assassino redento per amore (di una bambina), all'alta tecnologia applicata al crimine, al thriller politico e così via.
Un film antologia, un assemblaggio di costanti, di tipizzazioni, di situazioni standard, che attiva immediatamente la memoria alla ricerca di una sequenza già vista e una battuta già ascoltata. Pesa sull'insieme un cast eterogeneo, attori privi di carisma, troppo carismatici o con la parte cucita addosso, una sfida fra divi che mette in gioco passato e presente. Alla fine resta poco: un thriller ordinario, risolto in modo sbrigativo e americanamente consolatorio, che genera aspettative ma non regala un surplus di qualità. Questione di punti di vista.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
PROSPETTIVE DI UN DELITTO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€2,90 €7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 31 marzo 2009
Carly

"Prospettive di un delitto" è un film con aspetti molto interessanti, da non sottovalutare. La perfezione nell'archittettare il piano dei terroristi, far coincidere gli avvenimenti, e collegarli tra di loro, l'inseguimento in macchina con grandi effetti speciali....lo considero un buon film. Personalmente questa pellicola lo metto in paragone con un'altro film: "Rapina a mano armata" di Stanley Kubrick. [...] Vai alla recensione »

domenica 22 maggio 2016
Portiere Volante

Sicuramente originale per il montaggio,tutto il resto funziona meno. Il "solito"attentato ci viene proposto più e più volte tramite diverse sequenze e dal maggior numero di angolazioni possibili. Tutto quasi sempre in primo piano. Il ritmo è incandescente,la sceneggiatura un po meno,ma è  difficile riuscire a staccarsi dallo schermo.

martedì 31 marzo 2009
I'Para

Do due stelle a questo film solo e soltanto perchè l'inizio è molto originale: lo stesso episodio viene visto sotto molti aspetti diversi e all'inizio è difficile capire bene tutto e restano molti dubbi allo spettatore, che non può far altro che restare incollato allo schermo. Col passare dei minuti però, quando tutto inizia a schiarirsi, ci si rende conto che il film è diventato un banale thriller [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 ottobre 2009
DONY64

Film del genere thriller/azione ben interpretato da attori gia' noti per il genere.La trama e' interessante anche se i flash bach sono esageratamente ripetitivi e' comunque un film simpatico adrenalinico da vedere.Voto 7

venerdì 23 luglio 2010
claudiorec

Non posso garantire l'originalità assoluta, ma mi è sembrato un esperimento interessante.

domenica 15 novembre 2009
ultimoboyscout

Molto molto interessante!! Un bel progetto, che nonostante per la maggior parte del film mostri la stessa scena, non annoia mai, anzi mostra come la stessa scena possa essere vista e soprattutto vissuta in maniera totalmente diversa. Fantastico l'inseguimento per le vie di Salamanca, ritmi serrati, regia frenetica, continui cambi di direzione inquadratura e prospettiva (non si regge su questo il film?) [...] Vai alla recensione »

domenica 11 ottobre 2009
andre89LOST

che dire un ottimo film! colpi di scena a no finire e azione al massimo. Un film che entra nel vivo fin dal primo minuto e non perde mai il suo ritmo frenetico. Ci sono anche due attori LOST quindi motivo in più per vederlo :D voto: 8

venerdì 29 giugno 2012
paolin57

Per chi si aspetta un film serio non è indicato. E' come vedere un" Indiana Jones" senza le risate e molto più frenetico. Per chi vuole passare 90 minuti godendosi una trama (improbabile) che funziona come un orologio questo film è da consiglare. Ok, sarò ermetico per non rivelare la trama.   Qui non ci sono i buoni e i cattivi, ci sono i cattivi [...] Vai alla recensione »

sabato 24 settembre 2011
Annie-

Leggendo i commenti precedenti si deduce che questo film non ha convinto più di tanto il pubblico. Prendetemi per pazza, però questo film mi ha letteralmente incantata. Non dico certamente che sia uno dei migliori film mai fatti (ci mancherebbe altro!); però, nonostante la trama già vista, e l'abbastanza irritante continuo flashback della stessa scena non riuscivo a [...] Vai alla recensione »

venerdì 26 febbraio 2010
Angelo Bottiroli

Sì, il finale, ma soprattutto il modo con cui si risolve la viceda é puerile e lascia molto a desiderare. Poco verosimle, come dice un lettore l'epidio chiave alla fine del film che risolve l'intricvata vicenda, ma un film secondo me, va valutato nel suo complesso e non solo attraverso un episodio, che sì, può compromettere il giudizio del film, ma solo in parte. [...] Vai alla recensione »

Frasi
C'è una bomba sotto il palco!
Thomas Barnes (Dennis Quaid)
dal film Prospettive di un delitto - a cura di Mattia
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Cristina Borsatti
Film TV

Un film, due anime. Ma in entrambe la verità dipende sempre dallo sguardo dell'osservatore. Mentre la storia diretta da Pete Travis si dipana, la memoria vola a Rashomon, capolavoro in cui Akira Kurosawa dimostrò con la sua macchina da presa quanto ognuno di noi interpreti il medesimo evento in maniera differente. Quattro i punti di vista, raddoppiati oggi in questo thriller che ci propone lo stesso [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

All'origine di Prospettive di un delitto ci sono due elementi, sulla carta, suggestivi. Il primo, non nuovo ma sempre efficace, è l'attentato alla vita del presidente americano. Che è a Salamanca per un summit mondiale sull'antiterrorismo quando, nella Plaza Mayor gremita di folla, esplodono colpi di fucile: il presidente si accascia. Entra qui la seconda idea: la sceneggiatura di Barry L.

Adriano De Carlo
Il Giornale

L'attentato al Presidente degli Stati Uniti è solo il punto di partenza di un thriller insolito. La sequenza dell'attentato viene rivissuta da otto personaggi, alcuni della sicurezza, altri dei servizi segreti, altri semplici spettatori. L'effetto moviola poteva essere il punto debole di un racconto concitato, al contrario risulta stimolante grazie di un montaggio che sfrutta tutte le angolazioni. Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Pur raccontando da otto angolazioni diverse un attentato terroristico che scatena il putiferio nella Plaza Mayor di Salamanca durante un summit per la pace, Prospettive di un. delitto non è un film sulla pirandelliana inconoscibilità della verità, come sembra credere il regista inglese Peter Trevis. È un tipico action movie costruito sul marchingegno narrativo, inizialmente assai efficace e alla lunga [...] Vai alla recensione »

Walter Vescovi
Il Secolo d’Italia

Un thriller d'azione, ma nello stesso tempo (meraviglie del cinema americano) un esperimento di teoria del cinema come strumento di moltiplicatore delle angolazioni e dei punti di vista, di mezzo capace di giocare col tempo e tenere quello della pellicola inesorabilmente fisso su l'ora di un evento mentre inesorabilmente quello reale procede in avanti.

Isabelle Regnier
Le Monde

Le président des Etats-Unis est à Salamanque pour sceller une nouvelle alliance internationale contre le terrorisme. Alors qu'il prononce son discours devant la foule, il est assassiné par un tireur d'élite. Quelques minutes plus tard, une bombe explose sous l'estrade où il se tenait l'instant d'avant. Dans la première partie du film, qui est aussi la plus réussie, les événements sont présentés en [...] Vai alla recensione »

Kenneth Turan
The Los Angeles Times

Vantage Point is proof that a good pulp idea can overcome a multitude of sins, but not all of them. Initially intriguing and energetic, this film ends up demonstrating that a good script needs to be more than a clever concept and fine direction must be more than moving things fast. The good idea, courtesy of screenwriter Barry L. Levy, is to examine an attempted assassination of the president of [...] Vai alla recensione »

Massimiliano Zampini
Ventiquattrominuti

In Spagna, durante un vertice sul terrorismo, sparano al presidente Usa quando sta per parlare in piazza. A guardare la scena tantissima gente, tra cui otto tra guardie del corpo, giornalisti, terroristi, cittadini. In sala ricostruiamo quello che è successo, rivedendo più volte la stessa scena, ma con le Prospettive di un delitto degli otto personaggi, che aggiungono, ciascuno, nuovi tasselli per [...] Vai alla recensione »

Manohla Dargis
The New York Times

“Vantage Point,” a gimmick in search of a point, is nothing if not, er, timely. Set in the picturesque Spanish city of Salamanca (otherwise known as Mexico City), this jigsaw puzzle exploits a repellent conceit — the shooting of an American president (William Hurt, effectively insincere) — in a vague attempt to explore questions of narrative and subjectivity (like “Rashomon”) through the box-office-friendly [...] Vai alla recensione »

Marco Giovannini
Ciak

Rashomon oppure il giorno della marmotta, celebrato in Ricomincio da capo? Akira Kurosawa o Bill Murray? Perché ogni volta che la storia si interrompe sul più bello, e con l'effetto rewind, si torna al punto di partenza, nelle sale americane scoppiano risolini, forse di imbarazzo. Vedere il proprio presidente impallinato di continuo non deve essere rassicurante.

Filippo Mazzarella
Vivimilano

Un attentato al presidente Usa ricostruito stile «Rashomon» (ancora?!) da otto punti di vista diversi. Sfoggio di gran tecnica, ma fine a se stesso: alla quarta, improbabile ripartenza della vicenda cadono le braccia. E nel tremendo finale tutto il resto. Gran cast (ci sono anche Forest Whitaker e la Weaver), buttato via. MEDIOCRE - PER COMPLOTTISTI da ViviMilano, marzo 2008

Peter Travers
Rolling Stone

For about half an hour, before the movie crashes and burns in a bonfire of exaggeration and stupidity overkill, Vantage Point shapes up as a nifty ride. Never heard of the director Pete Travis (though the name sounds familiar), but the guy knows how to pump the action pedal — hell, he floors it. We’re in Spain, in a town square where the U.S. Prez (William Hurt) is about to give a noontime speech on [...] Vai alla recensione »

Alessio Guzzano
City

Nella splendida Plaza Mayor di Salamanca (ma tutto il resto sono vicoli messicani), durante un summit indetto per evitare proprio quello, il presidente degli Stati Uniti William Hurt viene colpito dai terroristi. Segue bomba stragista. La scena viene rivista e passata al setaccio, in tempo incalzante ma non reale, attraverso gli occhi di 8 testimoni: chi avrebbe dovuto difendere le autorità (Dennis [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati