Across the Universe

Film 2007 | Commedia +13 131 min.

Regia di Julie Taymor. Un film Da vedere 2007 con Jim Sturgess, Evan Rachel Wood, Joe Anderson, Dana Fuchs, Martin Luther, Salma Hayek. Cast completo Genere Commedia - USA, 2007, durata 131 minuti. Uscita cinema venerdì 23 novembre 2007 distribuito da Sony Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,41 su 163 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Across the Universe tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una storia d'amore ambientata sullo sfondo degli anni Sessanta durante gli anni turbolenti della protesta pacifista, dell'esplorazione mentale e del rock 'n roll. Il film ha ottenuto 1 candidatura ai Nastri d'Argento, 1 candidatura a David di Donatello, 1 candidatura a Golden Globes, In Italia al Box Office Across the Universe ha incassato 789 mila euro .

Across the Universe è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,41/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,44
PUBBLICO 3,91
CONSIGLIATO SÌ
Un film visionario e psichedelico raccontato dai Beatles, i cui testi acquisiscono nuova linfa, con uno sguardo al passato e uno al presente.
Recensione di Mattia Nicoletti
sabato 27 ottobre 2007
Recensione di Mattia Nicoletti
sabato 27 ottobre 2007

Liverpool, anni '60. Jude (Jim Sturgess) decide di lasciare l'Inghilterra per recarsi in America alla ricerca del padre emigrato anni prima verso gli Stati Uniti. Lì conoscerà nuove persone, si innamorerà, e si scontrerà con la realtà della guerra in Vietnam, dei movimenti pacifisti, dei Watts Riots, del mondo della musica. Con le note e i testi dei Beatles (in versione rivista e corretta dai protagonisti) a ispirare la sua storia.
Julie Taymor ha diretto diversi musical a Broadway, e anche alcune rappresentazioni operistiche, oltre naturalmente al cinema (Frida, Titus). Avendo sempre avuto a che fare con l'arte e con la musica, la sua interpretazione in chiave musical dei Beatles, come ispiratori con le loro canzoni della storia di un giovane negli anni'60, è visionaria, psichedelica, ironica, con uno sguardo a quel periodo che in parte ha cambiato la storia.
Per realizzare questo film si è quindi avvalsa di famosi performer (Bono e Joe Cocker), di ottimi comprimari fra cui il protagonista, Jim Sturgess, che sorprende nelle sue interpretazioni di "Revolution" e "All my loving", e dell'apporto fondamentale del compositore Elliott Goldenthal che ha avuto l'onere e l'onore di riarrangiare i pezzi del quartetto di Liverpool.
Across the universe, che alcuni avvicinano a Moulin Rouge di Baz Luhrman, è un insieme di quadri musicali, ognuno con una sua personalità, che in parte descrivono le vicende (la sequenza di "Strawberry fields forever" è intensa e appassionante), e in parte ne rappresentano le atmosfere, con l'utilizzo di effetti di saturazione di colore, del green screen, e di coreografie tipiche del musical.
Il film di Julie Taymor non è comunque un film sui Beatles, bensì raccontato dai Beatles, i cui testi si rinnovano e acquisiscono nuova linfa, con uno sguardo al passato. E uno al presente.

Sei d'accordo con Mattia Nicoletti?
ACROSS THE UNIVERSE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Amazon Prime Video
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 19 giugno 2009
des_demona

Quando il cambiamento si insinua nel tempo i colori si incupiscono e la musica si fa più triste. Julie Taymor rende l’idea alla perfezione. Reduce dalle visioni di Frida e dalle scenografie imponenti di Titus, nonché da numerose regie teatrali, la regista americana si riconferma pittrice e coreografa del grande schermo. Il suo Across The Universe racconta, in punta di piedi e sulle note evergreen dei [...] Vai alla recensione »

domenica 10 agosto 2014
kondor17

Col pretesto del povero inglese emigrato negli usa in cerca del padre, jim sturgess alias jude, la taymor taglia su misura la pellicola sui temi e sulle canzoni dei beatles, che da hey jude a revolution a strawberry fields forever, solo per citarne alcune, furono assieme a jimy hendrix, janis joplin ecc. i precursori del movimento hippie che predicava la pace e l'amore e manifestava contro lo zio [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 dicembre 2009
lau15

Living it's easy with eyes closed..così nulla è reale,affermano i beatles nella loro canzone strawberry fields forever.. Across the universe echeggia con approccio visionario,un sogno ad occhi aperti,un epoca di speranza,di bellezza,di ricchezza:i meravigliosi 60 La forza di questo film sta nel provocare nel pubblico sentimento di nostalgia,come di invidia(per i giovani appassionati dell'opera) verso [...] Vai alla recensione »

mercoledì 7 ottobre 2015
Streep

In genere non sono un'amante dei musical, ma essendo un fan dei Beatles mi sono incuriosito e l'ho guardato. È stato davvero bello sotto molti punti di vista (regia, effetti, sceneggiatura), anche se la recitazione di alcuni personaggi non è stata proprio il massimo e la trama è stata forzata in alcuni punti; ottima non solo la musica in sé, ma anche l'interpretazione [...] Vai alla recensione »

venerdì 2 gennaio 2015
Vito Spericolato

Il film più bello che abbia mai visto. E' riuscito a raccontare allo stesso tempo, in modo incantevole, la storia dei Beatles e la storia degli anni sessanta. Infatti, raccontando gli anni sessanta, il film racconta anche le fasi creative dei Beatles, dall'inizio spensierato alla fase psichedelica fino al concerto sul tetto. Perfino la sequenza delle canzoni è quasi cronologica.

domenica 24 aprile 2011
jack shepard

In un tempo sospeso tra innocenza ed età adulta, un gruppo di ragazzi vivono in una dimensione parallela dove non contano le regole ma soltanto le emozioni, dove ci si nutre di amicizia e sopratutto di amore. In questo passaggio tra la fredda periferia di Liverpool alla trasgressione del Greenwich Village di New York, il protagonista Jude vive un'impressionante quantità di nuove [...] Vai alla recensione »

domenica 23 maggio 2010
lisadp

cantato benissimo, ha ridato valore a molte delle musiche dei beatles, non è un musical come gli altri, la storia è semplicemente stupenda, si concentra tanto sulla tematica dell'amore che su quella della guerra. Mi è piaciuto particolarmente il modo in cui hanno dipinto l'esercito per marcare che la guerra era sbagliata. Le scene danno un tocco di fantasia al film per renderlo ancora più magico, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 novembre 2009
Rockwell

Meno banale di quanto me l'ero immaginato, fare un film con/attorno/su/per/attraverso i Beatles è stata un'idea coraggiosa. Storia d'amore, di guerra e di ribellione raccontata con le parole di Lennon/Mccartney, scenografia, costumi ed effetti da far impallidire Le Cirque du Soleil e lo stesso Michel Gondry e Tim Burton per la visionarietà della Taymor.

martedì 20 aprile 2010
Federico P.

Il ritratto di un'epoca sulle note di una musica universale Quali immagini affollano la nostra mente quando ascoltiamo una bella canzone ? E' una indagine preliminare di non poco conto quella che porta a capire come non sia il film a trarre ispirazione dalla musica, bensì la musica a fornire l'ispirazione per il film. Il punto di vista cambia sensibilmente: in Across the Universe [...] Vai alla recensione »

sabato 17 novembre 2012
Martino76

se vi piacciono gli anni 60, stile yuppies, fantasticare e cantare canzoni dei beatle, questo musical fa per voi. Nel caso contrario lasciate perdere.

mercoledì 20 gennaio 2010
Roberta Gilmore

questo film mi ha fatto riscoprire la passione per i beatles, mi ha divertita ed emozionata, mi è piaciuto da morire e mi ha dimostrato per l'ennesima volta che tutto quello di cui il mondo ha bisogno è l'amore... all u need is love... love, love, love...

mercoledì 22 gennaio 2014
Luanaa

Un musical costruito montato e cantato come meglio non si poteva. Un videoclip di 2 ore che si intreccia su una storia. L'anello debole è a mio parere proprio la musica. Più che le canzoni sono i motivi ispirati alle songs dei Beatles che lo rendono leggero e godibilissimo visivamente.Un film giovane che voleva rinfrescare la musica dei Beatles che pero' si rivela morta e sepolta.

venerdì 26 luglio 2013
ValeS.

Colorato, poetico, visionario. Circa 120 minuti di pura musica e poesia: in una parola, un’opera d’arte. Non riesco a trovare un difetto a questa pellicola, se non forse la prevedibilità del lieto fine, con un messaggio pacifista e di speranza. Indiscutibile la potenza travolgente dei pezzi scelti dall’immenso repertorio dei Beatles, a mio parere il gruppo più originale ed iconico di sempre.

martedì 11 agosto 2009
marcadus

Un bellissimo film a base di delizie sonore e visive che mi sono gustato a tutto volume. La voce graffiante di Dana Fuchs e quella roca di Joe Cocker mi hanno fatto venire la pelle d'oca e..... che bellezza la musica senza tempo dei Beatles!

domenica 5 giugno 2011
fearthereaper

insomma noioso... l'ultima buona mezz'ora l'ho guardata sbadigliando... a forza, giusto per finirlo

lunedì 29 giugno 2009
vasha

Il film non raggiunge affatto la sufficienza: la storia è ridicola, per non dire assente, quasi un pretesto (come scritto nella recensione) per cantare le canzoni, le vicende, abitudini e costumi degli anni sessanta che vorrebbero raccontare sono in parte una serie di luoghi comuni e un miscuglio disomogeneo di idee che infine non lasciano niente a chi ha visto il film! Ad un certo punto del film si [...] Vai alla recensione »

Frasi
Vieni qui, voglio prendere il tuo sguardo!
Una frase di Jude (Jim Sturgess)
dal film Across the Universe - a cura di iaia
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Boris Sollazzo
Liberazione

Raramente si capisce che il film appena visto è un capolavoro. Across the universe è uno di questi. Julie Taymor, la regista è una che si butta senza rete: all'opera, a Brodway e al cinema, con l'interessante Titus e il disastroso Frida , per l'amica Salma Hayek, che qui si sdebita con un cammeo da infermiera supersexy sulle note di Happiness is a warm gun , cantata dal reduce Max (Joe Anderson, magnifico). [...] Vai alla recensione »

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

«Oggi è di moda essere stupidi», ha dichiarato Julie Taymor. Negli anni 60, invece, «era di moda essere svegli, informati ». Senza computer, senza blog, senza cellulari – spiega –, occorreva «mettersi insieme», e andare a protestare nelle strade. «Ma oggi i ragazzi hanno tutto. Non hanno bisogno di ribellarsi a niente. Possono ottenere quel che vogliono».

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Premessa doverosa: se per caso in un film echeggiano due note dei Beatles, anche da lontano, anche storpiate o solo fischiettate, ogni senso critico ci abbandona e sprofondiamo senza vergogna in un gorgo di emozione. E' un fatto anagrafico, non ci si può fare nulla. Milan Kundera sostiene di commuoversi quando vede le foto dei nazisti perché gli ricordano la sua infanzia, figuriamoci se chi ha l'età [...] Vai alla recensione »

Dario Zonta
Rolling Stone

Uno dei progetti più deliranti e affascinanti degli ultimi tempi: prende 33 tra le più acclamate canzoni dei Beatles e le usa come "libretto d'opera" per un musical originale sugli anni 60 e le sue contestazioni. Superato lo sgomento, tenuti lontani i puristi beatlesiani, ripassati, libri alla mano, i topoi del postmoderno, si può affondare senza paura nell'universo sincretico di Julie Taymor (la regista [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Il primo è stato il Woody Allen di Everybody Says I Love You, poi è venuto il Resnais di Parole, parole, parole, quindi il Branagh di Pene d'amor perdute. Ora tocca a Julie Taymor con Across the Universe, prima opera-rock del nuovo millennio scritta e cantata con le parole di una leggenda del '900: i Beatles. Ci sono film così originali che sembrano nascere dal nulla mentre hanno dietro di sé una [...] Vai alla recensione »

Dario Zonta
L'Unità

Esce dopo la buona accoglienza alla Festa di Roma, Across the Universe di. Julie Taymor. Vogliamo tornarci su per segnalare nuovamente un'operazione a suo modo originale all'interno del genere musical. Partiamo dall'idea: pensare che il corpus dei testi delle canzoni dei Beatles e le musiche, con tutto l'immaginario che portano con sé, potessero costituire una trama ideale per un racconto generazionale [...] Vai alla recensione »

Dario Zonta
L'Unità

Julie Taymor, la regista di Titus e di Freda (due film che non hanno raccolto il nostro entusiasmo), ha firmato un progetto tanto bizzarro quanto affascinante. Across the Universe, oltre a essere il titolo di una canzone dei Beatles, è un film, meglio un musical, ancor meglio un'opera musicale che usa 33 canzoni del celebre gruppo di Liverpool, da Girl a Lucy in the Sky with Diamonds, come «libretto» [...] Vai alla recensione »

Antonello Catacchio
Il Manifesto

Fragole e sangue. Potrebbe essere sintetizzato così, con il titolo del film del 1970. Le fragole sono il marchio che Jude, il protagonista maschile, disegna come marchio di un'etichetta discografica, e grondano sangue quando sono appiccicate in una curiosa composizione, con dissolvenza sul Vietnam. Perché Across the Universe, il film di Julie Taymor, è una rilettura della storia statunitense degli [...] Vai alla recensione »

Stephen Holden
The New York Times

ONE of the most surreal moments in “Across the Universe,”Julie Taymor’s passionate ’60s fantasia set to the songs of the Beatles, is a three-and-a-half-minute sequence at an Army induction center in New York City. Here is where Max Carrigan (Joe Anderson), a spirited hippie rebel from an upper-middle-class family, reluctantly reports for his physical examination after receiving his draft notice.

Sylviane Gold
The New York Times

FOR most anybody who was over 12 and under 30 in 1964, the sound of the Beatles is immutably fixed in the brain, parked somewhere near the Pledge of Allegiance and two plus two makes four. With the opening on Friday of Julie Taymor’s new movie, “Across the Universe,” expect many of those brain cells to be all shook up. Call it a jukebox musical, or a rock opera, or a long-playing music video.

Valerio Caprara
Il Mattino

Con «Across the Universe» la giovane e brillante Julie Taymor ha creato un'originale opera-rock nella quale trentatré canzoni dei Fab Four, selezionate tra le oltre 200 scritte dal gruppo, nonché reinterpretate quasi tutte dal vivo dai versatili interpreti e qualche ospite di lusso, danno vita a una minimalistica quanto deliziosa love story. La regista di «Titus» e «Frida», spalleggiata da sceneggiatori, [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Se la musica del Beatles è stata la colonna sonora di un'epoca, va da sé che un film come Across the Universe assume un colorito emozionale particolare per chi regge il peso di qualche annetto sulle spalle. Già la prima sequenza si presenta in tono evocativo, con un ragazzo che canta Girl sulla riva del mare. Apprendiamo che si chiama Jude (e cominciamo ad attendere le note di Hey Jude), che ha lasciato [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Una vicenda sentimentale inanellata su 33 canzoni dei Beatles, fra cui quella del titolo, che stanno a sottolinearne le alterne fasi o a suggerire gli stati d'animo dei vari personaggi. E' semplice come i nostri «musicarelli» di una volta la struttura narrativa di Across the Universe, ma quanto talento creativo, quanta raffinatezza visiva troviamo in questo originalissimo film di Julie Taymor, pluripremiata [...] Vai alla recensione »

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Non è un musical tradizionale, se non di rimbalzo. Forniscono parole e musiche 33 canzoni dei Beatles, cucite insieme per raccontare la storia d'amore tra il britannico Jude e l'americana Lucy. Partenza da Liverpool, in cerca di un padre mai conosciuto (era un soldato americano, sparito senza dar più notizie, come accadrà nel musical "Miss Saigon", per dieci anni in cartellone a Broadway).

Emiliano Morreale
Film TV

Trentatré canzoni dei Beatles sono il meraviglioso tappeto sonoro su cui Julie Taymor, regista di progetti un po' cool e un po' balordi (Frida) racconta un'educazione sentimental-politica nei Sixties. Per far quadrare i conti, i personaggi hanno spesso nomi di canzoni dei gruppo, e dunque: Jude (Hey) è un giovane di Liverpool che va alla ricerca del padre negli Usa, fa amicizia con un giovane studente [...] Vai alla recensione »

NEWS
RUBRICHE
venerdì 23 novembre 2007
Edoardo Becattini

Gli incubi di King e del grande dittatore Il venerdì di questa settimana arriva talmente saturo di novità cinematografiche che potrebbe essere ben utilizzato a fini statistici per testare i generi maggiormente favoriti del panorama contemporaneo.

NEWS
giovedì 25 ottobre 2007
Tirza Bonifazi Tognazzi

Il film Un giovane ingegnere navale di nome Jude (Jim Sturgess) lascia la sua città natia, Liverpool, per andare alla ricerca del padre in America. I due non si sono mai conosciuti e il genitore non sa neanche della sua esistenza.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati