Buongiorno, notte

Film 2003 | Storico +16 105 min.

Regia di Marco Bellocchio. Un film Da vedere 2003 con Maya Sansa, Luigi Lo Cascio, Pier Giorgio Bellocchio, Giovanni Calcagno, Paolo Briguglia. Cast completo Genere Storico - Italia, 2003, durata 105 minuti. Uscita cinema venerdì 5 settembre 2003 distribuito da 01 Distribution. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,30 su 31 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Buongiorno, notte tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Gli "anni di piombo" rivivono attraverso la vicenda di Chiara, brigatista coinvolta nel rapimento di Aldo Moro. Ha vinto un premio ai Nastri d'Argento, Il film ha ottenuto 4 candidature e vinto un premio ai David di Donatello.

Buongiorno, notte è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,30/5
MYMOVIES 3,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,45
CONSIGLIATO SÌ
Bellocchio torna a leggere "gli anni di piombo" da un punto di vista femminile, riflettendo sull'animo umano.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Gli "anni di piombo" rivivono attraverso la vicenda di Chiara, brigatista coinvolta nel rapimento di Aldo Moro. L'ideologia si intreccia con la sua esistenza quotidiana, l'anima della combattente crede nella rivoluzione che sta per compiersi. Ma l'utopia non riesce a compensare la ferocia della lotta e Chiara comincia ad avvertire un dubbio morale che indebolisce le sue certezze.
Del sequestro e dell'omicidio di Aldo Moro sembrava si fosse detto e scritto ormai tutto. Bellocchio non teme i confronti e ci propone un altro punto di vista. Si tratta di un punto di vista al femminile a cui la brava Maya Sansa conferisce il giusto mix di realismo e onirismo. Quando le contraddizioni dell'agire si fanno troppo forti non resta che rifugiarsi nel sogno? Forse sì. Se poi il sogno è narrato da un regista che ne conosce le dinamiche si può sferrare anche un attacco pesante alle BR (in un periodo in cui sembrano rinascere) paragonandole ai fascisti durante la Resistenza. Proprio nell'apparente contraddizione tra immagini di repertorio e attori che interpretano personaggi reali (Herlitzka regge benissimo il confronto con il Volonté del film di Ferrara) sta la forza di un film che non cerca 'verità' alla Martinelli ma che riflette dolorosamente non su un 'caso' ma, ancora una volta per Bellocchio, sull'animo umano.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
BUONGIORNO, NOTTE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 20 marzo 2014
THEOPHILUS

BUONGIORNO, NOTTE   Lasciate alle spalle le polemiche per il mancato Leone alla 60. mostra internazionale del cinema di Venezia, abbiamo ammirato il film di Bellocchio per le sue qualità umane e registiche e per l’intenso coinvolgimento civile e morale che sono, di per sé, garanti del felice esito di un’opera che, invece, un pur solido approccio di parte non avrebbe [...] Vai alla recensione »

sabato 27 giugno 2009
Kronos

E' impressionante la distanza che separa questa pellicola da una qualunque fiction televisiva su argomenti simili. Bellocchio rinuncia all'iperrealismo didattico-scolastico ed eleva un mediocre libello dell'ex terrorista di turno, a vette omeriche. Ovviamente c'è il rischio che chi nel didatticismo d'accatto c'è annegato non apprezzi.

mercoledì 8 maggio 2013
Onufrio

Bellocchio ci racconta gli "anni di piombo", nel particolare il rapimento di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse, visto con gli occhi di Chiara (M.Sansa) una militante brigatista che partecipa al rapimento del politico assieme ai suoi compagni. Sicuramente visionario, il regista ci mette molto del suo, ma il film a lunghi tratti è molto noioso, pur avendo una storia di tutto [...] Vai alla recensione »

sabato 23 gennaio 2010
G. Romagna

Il sequestro Moro ed i giorni della prigionia, sino all'uccisione, visti e narrati da una giovane brigatista del plotone che compì il gesto. Il suo entusiasmo iniziale per l'"impresa" compiuta vien man mano scemando e si affaccia in lei, con sempre più prepotenza, un atroce dubbio sulla legittimità di quanto sta realizzando, anche alla luce di come si [...] Vai alla recensione »

martedì 14 settembre 2010
francescol82

Utile per farsi un'idea dei fatti realmente accaduti negli anni di piombo anche grazie all'inserimento degli interessanti filmati di repertorio.

venerdì 29 aprile 2011
Lady Libro

Non mi è proprio piaciuto: è un film noiosissimo, pesantissimo e non suscita alcun interesse ed emozione (tranne un forte senso di delusione che mi è rimasto appiccicato addosso). Mi aspettavo un film più drammatico e toccante che rivelasse un pochino di più i sentimenti e le sensazioni provate da Aldo Moro durante il suo periodo di prigionia, e invece [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Ci voleva una bella dose di coraggio per portare sullo schermo una volta di più la vicenda Moro. Se il film è - com'è - una grande riuscita, dipende da tutta una serie di scelte compiute da Bellocchio: giuste e, in più, coraggiose. Contrariamente alle versioni docu-drammatiche del Caso Moro o del recente Piazza delle Cinque Lune, che aspiravano a rivelare la verità nascosta, Bellocchio ha scelto la [...] Vai alla recensione »

Francesco Crsipino
Cinemavvenire

Erano quattro giovani poco più che ventenni. Erano solo quattro i ragazzi che condivisero con Aldo Moro i suoi ultimi giorni nella "Prigione del popolo" di via Montalcini, nel quartiere romano di Monteverde. Oltre a loro, in quell’appartamento nessun altro entrò consapevole del fatto che, in una piccola stanza ricavata dietro una libreria, fosse tenuto prigioniero il Presidente del maggior partito [...] Vai alla recensione »

Emanuela Martini
Film TV

Un film fatto di volti riquadrati dall’ombra scura di uno spioncino, di occhi che parlano più di quanto non vorrebbero, di mani, caviglie, ombre. Un film fatto di fantasmi: il fantasma di un’ideologia che si è persa in un’autoreferenzialità fuori dalla Storia, il fantasma di uno statista (ma anche di un vecchio, di un nonno) che è stato trasformato suo malgrado in un simbolo, il fantasma di una giovinezza [...] Vai alla recensione »

Stefano Lusardi
Ciak

Dopo il sorriso di mia madre - era il titolo iniziale di L'ora di religione - ecco il sorriso del padre. Non solo per la dedica esplicita nei titoli di testa. «Le scene in cui Aldo Moro (uno straordinario Roberto Herlizka, ndr.) passeggia libero nell'appartamento», confessa infatti Marco Bellocchio, «ricordano le passeggiate notturne di mio padre, quando non dormiva e ci veniva a guardare».

Silvio Danese
Quotidiano.net

In un appartamento di Roma quattro brigatisti detengono il presidente della Dc Aldo Moro. Il delitto Moro, che pesa sulla coscienza del Paese come il delitto di una figura paterna collettiva, avendo condizionato politica e utopia alla fine degli anni '70, quale diritto avanza nella Storia? Il film risponde: la vita. Mentre si decide la sua eliminazione, il film prevede anche la sua liberazione (un [...] Vai alla recensione »

winner
miglior attore
Nastri d'Argento
2004
winner
miglior attore non protag.
David di Donatello
2004
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati