I colori della vittoria

Film 1998 | Commedia 143 min.

Regia di Mike Nichols. Un film Da vedere 1998 con John Travolta, Emma Thompson, Billy Bob Thornton, Kathy Bates, Adrian Lester. Cast completo Titolo originale: Primary colors. Genere Commedia - USA, 1998, durata 143 minuti. - MYmonetro 3,72 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi I colori della vittoria tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento martedì 3 maggio 2011

Jack Stanton (Travolta) si batte in campagna elettorale contro il suo avversario democratico per la presidenza degli Stati Uniti. L'uomo è un grande p... Il film ha ottenuto 2 candidature a Premi Oscar, 2 candidature a Golden Globes, ha vinto un premio ai SAG Awards, Al Box Office Usa I colori della vittoria ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 35,2 milioni di dollari e 12 milioni di dollari nel primo weekend.

Consigliato assolutamente sì!
3,72/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA
PUBBLICO 3,44
CONSIGLIATO SÌ

Jack Stanton (Travolta) si batte in campagna elettorale contro il suo avversario democratico per la presidenza degli Stati Uniti. L'uomo è un grande politico, amato da tutti, in pubblico e in privato. Ma ecco che cominciano a emergere le sue scappatelle. Donne che annunciano di esser state sedotte, padri che dichiarano di avere la figlia adolescente incinta. Un gruppo di specialisti ha il compito di sventare questi attacchi e di portarne di simili ai suoi avversari. In questo senso ne farà le spese il povero Larry Hagman (il vecchio J.R. di Dallas), chiamato a sostituire il precedente candidato che è morto. Nel frattempo Jack deve vedersela con la moglie, sorridente in pubblico e in tivù, ma furibonda fra le mura di casa. Nichols non fa proprio niente per prendere le distanze dal Sexgate: Travolta sembra la fotocopia di Clinton, parla persino come lui. Nonostante questo limite iniziale il film funziona, grazie soprattutto a una sceneggiatura aggressiva, creativa, e intelligente, firmata da Eleine May. La regia è perfetta e misurata nelle invenzioni, come del resto è costume di Nichols. Ma la parte migliore è la dialettica etico-cinico-divertente che riguarda il principio generale: un uomo può essere inaffidabile per certi versi del suo privato, ma se è un grande politico "chi se ne frega".

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Attratto dalla politica liberale di Jack Stanton (Travolta), governatore democratico di uno Stato del Sud in corsa per la Casa Bianca, Henry Burton (Lester), nipote di un leader nero degli anni '60, entra nel suo staff per le primarie presidenziali. Impara così quanto sia lurida e spietata la lotta politica. Tratto da un romanzo di Joe Klein, caporedattore di Newsweek che seguì la campagna di Clinton nelle primarie del '92. I riferimenti a Bill Clinton e a sua moglie Hillary sono così espliciti da trasformare il film Universal in una tempestiva e antimoralistica arringa di difesa. Ridondante, prolisso, troppo preoccupato di essere politicamente corretto, privo di energia nella denuncia, ha avuto 2 candidature all'Oscar: sceneggiatura (Elaine May, ex moglie del regista) e attrice non protagonista (K. Bates) grazie al personaggio più significativo della storia.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO

I COLORI DELLA VITTORIA disponibile in DVD o BluRay

DVD

BLU-RAY
€10,99
€10,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 29 dicembre 2014
IuriV

Primary Colors si occupa di mostrarci intrighi e avvenimenti che avvengono nel corso di una campagna elettorale, valida per le primarie democratiche negli Stati Uniti. Potrebbe sembrare un film noioso, detta così, e a tratti lo è anche, se non altro perché dura una quaresima. Il protagonista della storia è il giovane Henry Burton, che, affascinato dal comportamento [...] Vai alla recensione »

Frasi
"Voglio far parte di qualcosa che faccia la storia!"
Henry Burton (Adrian Lester)
dal film I colori della vittoria - a cura di carlo
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Lietta Tornabuoni
La Stampa

Fra tutti i film sulle disavventure politico-sessuali del presidente americano e sulle mortificazioni di sua moglie, I colori della vittoria di Mike Nichols è il primo, sinora l'unico, a fare una aperta difesa antimoralistica di Clinton. Il film a tesi usa argomenti ben noti (le intemperanze sessuali non hanno nulla a che vedere con le qualità politiche, in politica un certo tasso di disonestà è inevitabile [...] Vai alla recensione »

winner
miglior attrice non protag.
SAG Awards
1999
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati