Ipotesi di complotto

Film 1997 | Giallo 134 min.

Titolo originaleConspiracy Theory
Anno1997
GenereGiallo
ProduzioneUSA
Durata134 minuti
Regia diRichard Donner
AttoriJulia Roberts, Mel Gibson, Patrick Stewart .
TagDa vedere 1997
MYmonetro 3,28 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Richard Donner. Un film Da vedere 1997 con Julia Roberts, Mel Gibson, Patrick Stewart. Titolo originale: Conspiracy Theory. Genere Giallo - USA, 1997, durata 134 minuti. - MYmonetro 3,28 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Ipotesi di complotto tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Donner e Gibson funzionano bene, basta pensare ad Arma letale, ma qui la storia è meno semplice. Lui è un tassista mezzo matto (è stato killer ... Al Box Office Usa Ipotesi di complotto ha incassato nelle prime 6 settimane di programmazione 72,6 milioni di dollari e 19,3 milioni di dollari nel primo weekend.

Ipotesi di complotto è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,28/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,28
CONSIGLIATO SÌ
Donner e Gibson affrontano le "armi letali" della paranoia e del controllo degli americani.
Recensione di Edoardo Becattini
Recensione di Edoardo Becattini

Jerry Fletcher è un tassista paranoico che ogni giorno attraversa le strade di New York subissando i suoi passeggeri di teorie cospirative da lui stesso elaborate spulciando all'interno dei vari quotidiani. La sua vita scorre fra il suo taxi, la casa-bunker e il Dipartimento di Giustizia dove si reca periodicamente per esporre le sue ipotesi di complotto ad Alice Sutton, assistente alla procura di Manhattan. Un giorno, dopo aver seguito degli uomini fin dentro gli uffici della CIA, Jerry viene rapito e condotto via in segreto. Al suo risveglio si ritrova legato ad una sedia a rotelle di fronte ad un uomo, il dottor Jonas, che gli inietta una sostanza allucinogena e gli domanda insistentemente con chi abbia parlato. In pieno delirio confusionale, Jerry riesce a fuggire dall'edificio dove era stato rinchiuso e a presentarsi nell'ufficio di Alice, la quale, dopo averlo tranquillizzato e portato in ospedale, comincia a non crederlo più così pazzo. È noto come gli Stati Uniti siano particolarmente suscettibili alle logiche della paura e alle teorie del complotto. La loro storia è colma di serial killer, cecchini e omicidi eccellenti ancora irrisolti che fanno parte di un immaginario comune tanto quanto la Coca Cola o i marchi dei ristoranti fast food. L'intreccio di un film come Ipotesi di complotto si presenta complicato proprio in quanto interessato a confrontarsi con tutto questo articolato insieme di misteri e di dicerie e a mescolarlo tanto con la letteratura ("Il giovane Holden") che con la musica pop ("Can't take my eyes off of you"). Immesso all'interno di questo variegato circuito di riferimenti culturali, Jerry Fletcher si configura come il tipico uomo americano plasmato dalla voce e dalla politica delle istituzioni. La sua paranoia e la crisi mnemonica sono le risposte traumatiche di un uomo qualunque manipolato dalle logiche della paura e dal regime del controllo.
Certo, in Ipotesi di complotto l'elemento politico e soprattutto l'aspetto critico rimangono quasi sempre subalterni quando non addirittura oscurati dalle dinamiche tensive dell'action-thriller e da una sceneggiatura volutamente macchinosa e iperbolica. Ma una delle migliori capacità di Richard Donner, da sempre grande promotore di un cinema di intrattenimento infantile, fantasioso o genuinamente fracassone, è proprio quella di saper lavorare intelligentemente con una serie di motivi legati all'immaginario popolare (il fumetto in Superman, la caccia al tesoro ne I Goonies, i cicli delle leggende medievali in Ladyhawke (citato simpaticamente all'interno del film). Così, anche se Ipotesi di complotto più che come un oscuro pamphlet à la Orwell, si configura come una rivisitazione ironica delle figure del paranoico e dello smemorato, all'interno di questa struttura votata al puro intrattenimento, Donner riesce a disseminare un'ampia serie di riferimenti alle leggende metropolitane e alle paure che si sono espanse come un pandemia nella cultura contemporanea. In un continuo giocare, anche a livello formale, con immagini riflesse e superfici specchianti, il regista di Arma letale elabora un suo personale invito, fra il serio e il faceto, a non fermarsi solo alle semplici apparenze degli eventi.

Sei d'accordo con Edoardo Becattini?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Jerry Fletcher (Gibson) è uno sciroccato taxista di New York che soffre in modo acuto della sindrome del complotto. Sembra un mattoide, ma non lo è: c'è qualcosa nel suo passato che ha dimenticato, ma che potrebbe ricordare. Se ne convince il procuratore Alice Sutton (Roberts), figlia di un incorruttibile giudice assassinato, che diventa con lui il bersaglio di una potente sezione deviata della CIA. Prodotto da Joel Silver per la Warner e scritto da Brian Helgeland (Oscar per L.A. Confidential ), è un thriller che rielabora un tema di Telefon (1977) di Don Siegel e, pur in modo allusivo, fa del famoso romanzo di Salinger Il giovane Holden il suo referente letterario. "Osservato con più attenzione, Jerry è una versione quasi perfetta del giovane Caulfield in età adulta... e come Holden è un romantico sotto mentite spoglie" (A. Zaccuri). Storia stramba, in bilico sull'assurdo, che incuriosisce, tiene sulla corda, copre bene le sue carte con una certa originalità nei particolari e sagaci scene d'azione.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
IPOTESI DI COMPLOTTO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
TIMVISION
-
-
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Infinity
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 22 ottobre 2010
GORDONGEKKO

BRAVI TUTTI, DONNER, MEL GIBSON IN GRAN FORMA, ROBERTS DELIZIOSA, TENSIONE, DIVERTIMENTO, STORIA TUTTI DI LIVELLO ELEVATO, GRANDE AMBIENTAZIONE

venerdì 16 ottobre 2009
qqmorenewbie

Secondo me bellissimo film,un gran Mel Gibson,e trama contorta,merita di essere visto...

domenica 20 gennaio 2019
elgatoloco

"Conspiracy Theory"di Richard Donner(1997), ossia di un regista che ha sempre coltivato mistero e intrigo come elementi costitutivi del suo cinema , da"The Omen"(1976)a"Scrooged"(1988)a"TImline"(2003), passando persino per i vari "Superman", è un film dove(a rischio di una certa confusione sul piano psicologico e di credibilità); il personaggio [...] Vai alla recensione »

domenica 20 gennaio 2019
Gennaro

Dopo aver visto Solo 2 ore che è un film eccezionale, ho deciso di vedere questo con una certa curiosità. É un ottimo film perché riesce a unire l'autoironia con il thriller, inoltre ci sono un paio di scene geniali. Grazie a un intreccio assai ben congegnato, il film si lascia guardare senza troppi problemi anche quando la storia sembra infittirsi ancora di più [...] Vai alla recensione »

sabato 14 aprile 2012
Vannysax

come da titolo.. ti fa ragionare molto anche.. poi vabè Julia Roberts perfetta come sempre..

sabato 14 aprile 2012
Vannysax

Da vedere bello e come sempre perfetta Julia Roberts..

lunedì 2 maggio 2011
Fabian T.

Grandi nomi come Donner, alla regia, e poi Gibson, Roberts e Stewart hanno cercato di contribuire a dare un senso e uno spessore a una sceneggiatura nata già povera di idee e di originalità per sperare in un film memorabile. Personalmente non sono riuscito ad andare oltre la prima mezz'ora di film, dovendomi sorbire i continui e già visti atteggiamenti da fuori di testa del [...] Vai alla recensione »

Frasi
Mangiare pollo fritto del Kentucky è come far parte di un complotto contro se stessi.
Una frase di Jerry Fletcher (Mel Gibson)
dal film Ipotesi di complotto
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Lietta Tornabuoni
La Stampa

Loro immettono nell'acquedotto urbano il fluoro che indebolisce la volontà e rende schiavi del potere. Loro collezionano il seme dei padri dei vincitori di premi Nobel e lo conservano ibernato, per creare al momento giusto una razza eletta. Loro hanno scatenato la guerra del Vietnam per via d'una scommessa tra Howard Hughes e Aristotele Onassis. Loro conoscono il legame tra Oliver Stone e George Bush. [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati