L'esorcista

Film 1973 | Horror V.M. 14 121 min.

Regia di William Friedkin. Un film Da vedere 1973 con Ellen Burstyn, Max von Sydow, Linda Blair, Jason Miller, Lee J. Cobb, Kitty Winn. Cast completo Titolo originale: The Exorcist. Genere Horror - USA, 1973, durata 121 minuti. Uscita cinema mercoledì 19 giugno 2013 distribuito da Nexo Digital. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 3,95 su 108 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi L'esorcista tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La giovanissima figlia di un'attrice mostra i sintomi di una malattia sconosciuta e preoccupante, che i medici non sono in grado di guarire. Il film ha ottenuto 10 candidature e vinto 2 Premi Oscar, 6 candidature e vinto 4 Golden Globes,

Passaggio in TV
lunedì 17 dicembre 2018 ore 4,22 su PREMIUMCINEMAENERGY

L'esorcista è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,95/5
MYMOVIES 3,34
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,42
ASSOLUTAMENTE SÌ
Un trionfo dal punto di vista della riuscita drammatica, uno dei film più imitati della storia del cinema.
Recensione di Rudy Salvagnini
Recensione di Rudy Salvagnini

Il ritrovamento di una piccola statuetta e di altri reperti in un sito archeologico nel nord dell'Iraq preoccupa molto l'esperto padre Lankester Merrin. A Georgetown, negli Stati Uniti, l'attrice Chris MacNeil, divorziata e impegnata in un set cinematografico, si trova alle prese con lo strano comportamento della figlia adolescente Regan, la quale, dopo aver giocato con una ouija board trovata in casa, manifesta chiari segni di instabilità. Dapprima si pensa a qualche tipico problema psicologico adolescenziale, ma ben presto Chris capisce che la scienza non può nulla: sua figlia è alle prese con qualcosa di soprannaturale. Così cerca aiuto presso padre Karras, un sacerdote che però è tormentato dal dubbio di aver perso la fede. Quello che ci vuole è un vero esorcista perché la lotta che si prospetta è dura, contro il demonio che ha preso possesso della ragazzina. E allora torna in gioco padre Merrin.
Pochi film hanno influenzato la cinematografia successiva più de L'esorcista. Pochi film sono stati altrettanto imitati. Molte le novità introdotte o consolidate e molti i parametri creati, con cui tutti gli altri hanno poi dovuto confrontarsi. La scelta vincente è stata quella di ricercare il massimo realismo possibile, immergendo la vicenda in una quotidianità riconoscibile che rifugge sia dai cascami gotici sia dai mostri o dai maniaci sanguinari tipici dell'horror per entrare nel cuore delle paure più profonde.
Friedkin, in un vero e proprio stato di grazia registico provenendo dal diversissimo e riuscitissimo Il braccio violento della legge, ci racconta di una situazione familiare concreta travolta dall'irruzione di un soprannaturale sconvolgente proprio perché si insinua nella vita di tutti i giorni e ne prende possesso. I toni da urban thriller, con l'atmosfera livida e spersonalizzante della città metropolitana, non sembrano lasciare spazio all'arrivo di un elemento "antico" e distante dalla realtà concreta come il demonio, ma proprio per questo lo rendono più significativo ed efficace. Il conflitto tra il Bene e il Male si fa largo nel distratto relativismo della vita normale della classe benestante perfettamente inserita in una grande città capitalista dove i valori spirituali passano sempre in secondo piano. In questo senso, il film è stato visto un po', all'epoca, come un ritorno reazionario a questioni filosofico-morali-religiose che l'horror indipendente degli anni immediatamente precedenti (da La notte dei morti viventi in poi) aveva tralasciato, in una prospettiva più sociopolitica. Ma al di là di questo, il film è un trionfo dal punto di vista della riuscita drammatica e della capacità di elaborare una struttura narrativa, poi assai usata (o abusata), perfetta nei suoi equilibri e nella sua progressione degli eventi, per confluire nel rituale esorcistico messo in scena in modo spettacolare e sensazionalistico come prima d'allora non si era praticamente mai visto e che da allora in poi sarebbe stato imitatissimo.
Gli effetti speciali, assai riusciti, e il make-up (del geniale Dick Smith) seguono questa linea con una ricerca di verosimiglianza che li rende doppiamente efficaci perché capaci di rendere credibile l'incredibile. Assai più, si deve aggiungere, di quanto si riesca a fare oggi con gli effetti speciali digitali, perfetti finché si vuole, ma assai meno "reali".
La figura dell'esorcista diventa un nuovo eroe, una nuova icona dell'horror, una variazione più religiosa del Van Helsing stokeriano (e soprattutto hammeriano: Peter Cushing sarebbe stato perfetto nella parte, benché il sublime Max von Sydow sia anch'egli perfetto). In un cast solido e ispirato, Jason Miller e Linda Blair trovano i ruoli della loro vita, rispettivamente nella parte del prete dubbioso e della ragazzina indemoniata. Ma tutto è azzeccato, anche la colonna sonora nella quale spicca "Tubular Bells" di Mike Oldfield a suggerire in modo inconsueto, per l'epoca, tensione attraverso note insinuanti, ma per niente tonitruanti.

Sei d'accordo con Rudy Salvagnini?
Un intramontabile classico dell'orrore.

La giovanissima figlia di un'attrice mostra i sintomi di una malattia sconosciuta e preoccupante, che i medici non sono in grado di guarire. Una morte misteriosa e fenomeni inspiegabili spingono la madre a chiedere l'intervento di un prete. Costui si rende conto che la ragazzina è posseduta e, insieme ad un anziano collega, ricorre all'esorcismo: l'indemoniata guarisce ma il prete, posseduto a sua volta, si suicida. William Peter Blatty ha scritto un romanzo di successo su un caso di possessione avvenuto nel Maryland nel 1949 e ha accettato di curare la sceneggiatura del film, il primo (e anche il migliore) di una lunga serie. I trucchi cinematografici, rivisti a distanza di tempo, appaiono meno spettacolari e gli effetti sonori un po' patetici.

Recensione di Stefano Lo Verme

Una celebre attrice cinematografica, Chris MacNeil, si trova a Georgetown per le riprese di un film quando all'improvviso sua figlia, la dodicenne Regan, comincia a soffrire di un oscuro malore e a comportarsi in modo strano; i suoi attacchi d'ira si fanno sempre più violenti, e i medici non riescono a dare una risposta. Fino al punto in cui sua madre è costretta a rendersi conto che la ragazzina è posseduta dal demonio...
Tra tutti i film che nel corso del tempo sono riusciti ad imporsi nell'immaginario collettivo e a conquistare un posto di rilievo nella storia del cinema, L'esorcista è di certo uno dei più importanti in assoluto, un'autentica pietra miliare del genere horror che ha avuto un'influenza imprescindibile su un'infinità di pellicole analoghe girate negli anni successivi. Tratto dall'omonimo best-seller di William Peter Blatty, che si è occupato anche di scrivere la sceneggiatura, e diretto da William Friedkin (il regista de Il braccio violento della legge), L'esorcista è arrivato per la prima volta nelle sale nel 1973, riscuotendo un clamoroso successo di pubblico che ne ha fatto un evento senza precedenti: 400 milioni di dollari d'incasso e oltre 200 milioni di spettatori in tutto il mondo. Perfino la critica si è inchinata di fronte a questo fenomeno cinematografico, riservando all'opera di Friedkin due premi Oscar (per la sceneggiatura e il sonoro) e quattro Golden Globe. L'eccezionale risultato ottenuto dalla pellicola ha poi dato vita a due seguiti, L'esorcista II - L'eretico (1977) e L'esorcista III (1990), un prequel, L'esorcista - La genesi (2004), e addirittura una fortunata riedizione, L'esorcista - Versione integrale (2000), con 11 minuti di scene inedite. All'origine dell'immensa popolarità del film, ancora oggi un cult imitatissimo ma tuttora insuperato, c'è sicuramente la sua capacità di incutere un profondo senso di angoscia nell'animo dello spettatore: un'angoscia che aumenta in maniera graduale nel corso della narrazione, mentre la vita dell'attrice Chris MacNeil (Ellen Burstyn, candidata all'Oscar) viene sconvolta dalla terribile trasformazione di sua figlia. E al centro della trama c'è proprio la figura della piccola Regan (l'esordiente Linda Blair), un'innocente ragazzina di dodici anni che resterà vittima di una mostruosa metamorfosi, per diventare uno dei personaggi più spaventosi mai visti sul grande schermo: l'emblema di un Male nascosto e strisciante che si annida nei luoghi più inaspettati, e può arrivare a manifestarsi anche tra le pareti domestiche. Ed è soprattutto il contrasto fra l'apparente serenità dell'ambiente familiare e la natura demoniaca degli eventi ad aver reso L'esorcista un film così terrificante per il pubblico di ogni età.
Numerose le trovate da antologia che hanno fatto correre più di un brivido lungo la schiena degli spettatori: il famigerato "vomito verde" di Regan; il letto della bambina sospeso in levitazione al centro della stanza; le sequenze in cui Regan scende le scale come un ragno e ruota la testa di 360 gradi; la scena nella quale la piccola indemoniata si masturba con un crocefisso, che ha provocato diverse accuse di oscenità; e poi il memorabile finale, quando il sacerdote Damien Karras (Jason Miller) e padre Lankaster Merrin (Max von Sydow) celebrano l'esorcismo, affrontando il diavolo in una furiosa lotta all'ultimo sangue. Sensazionali gli effetti sonori del film, frutto di una miscela di grida umane e animali con la malefica voce di Regan (doppiata in originale dall'attrice Mercedes McCambridge). Tutti questi elementi, coadiuvati da una regia capace di creare una costante atmosfera di suspense, hanno reso L'esorcista un vero e proprio classico del cinema dell'orrore, oltre che una delle pellicole più famose di sempre.

Sei d'accordo con Stefano Lo Verme?
L'ESORCISTA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
NOW TV

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 30 giugno 2013
LucaGuar

Rivedendolo lo scorso 19 giugno, in occasione del quarantesimo anniversario dalla sua uscita, si è rinnovata in me la passione per questa straordinaria pellicola. Avendo avuto il privilegio di vederlo al cinema (mi sembrava di tornare indietro nel tempo al 1973, anche se non ero ancora nato!) ho potuto apprezzarne molto meglio vari aspetti e rivalutarlo per ciò che è: uno dei [...] Vai alla recensione »

martedì 12 marzo 2013
Stephen K.

Il miglior horror del cinema. Questa è la definizione adatta per L'esorcista, di William Friedkin del 1973. Tratto dal romanzo omonmo di William Peter Blatty del 1971, questo film viene ricordato per il timore che incute, che raggiunge il suo culmine con la metamorfosi della bambina. Eccezionale intreccio e struttura dell'opera pressochè perfetta.

giovedì 28 luglio 2011
ALEXLABY

Il miglior horror di sempre. Se il secondo miglior film merita 5 stelle, all'esorcista ne vanno date 10. Sconsigliato a chi ama le tempeste di effetti speciali e fiumi di sangue. Gli horror li ho visti tutti perché sono un amante del genere, ma fanno sorridere quelli di oggi rispetto all'inquietudine che ha generato negli spettatori "L'esorcista" quando è stato [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 maggio 2013
ste.tarok

Che l'Esorcista rappresenti una svolta per l'intero cinema e più nello specifico per quello dell'orrore è cosa ormai nota; il film infatti nel 1973 proponeva per la prima volta al cinema temi e stilemi che mai prima erano stati affrontati, con una dovizia di particolari e una cura negli effetti speciali (che ha valso l'oscar) che mai si erano visti su pellicole dell'orrore [...] Vai alla recensione »

martedì 13 aprile 2010
nmatt

Fin dall'antichità non c'è niente che spaventi più l'uomo del Diavolo e delle sue perverse tentazioni, e il cinema di paura conta un filone ormai vastissimo sull'argomento: c'è il bambino di una coppia consacrato a Satana di Rosemary's Baby, l'Anticristo di Il presagio e seguiti, l'incarnazione demoniaca di L'avvocato del diavolo, la posseduta [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 marzo 2009
Elma82

Se non è questo un capolavoro...ma quale altro film può esserlo?Partendo dal presupposto che, a mio parere, ogni film andrebbe giudicato "nel suo genere"...da dove pensate che provenga l'horror demoniaco di oggi? (senza dimenticare il grande "Rosemary's Baby")Atmosfera. Rumori assordanti accompagnati da pause di silenzio. Dialoghi scarni,essenziali.

martedì 14 giugno 2011
dellos

Film horror fatti in questo modo, in cui la storia non è costituita solo da scene piene di sangue o di colpi che fanno saltare letteralmente per aria lo spettatore, ce ne sono ben pochi. L'esorcista è uno di questi, che insieme a Shining sono dei veri capolavori del cinema. Le nomination e le vittorie agli oscar non sono casuali, perchè il film mescola drammaticità [...] Vai alla recensione »

sabato 23 gennaio 2010
wynorski guiaz '80s

Figlia di una promettente attrice(Ellen Burstyn), la piccola Regan(Linda Blair) di dodici anni viene posseduta dal demonio. La madre disperata, cerca dapprima aiuto negli specialisti medici e poi passa alla richiesta immediata di intervento di due preti: Damien Karras(Jason Miller) e Padre Merrin(Max von Sydow) esperti in esorcismi. L'Esorcista di William Friedkin è un film che ha fatto storia.

martedì 13 ottobre 2009
Adriano Sgarrino

Paese di prod.: USA Anno: 1973 Di: William Friedkin Con: Ellen Burstyn, Linda Blair, Max von Sydow, Lee J. Cobb, Jason Miller, Kitty Winn, Jack MacGowran. La dodicenne Regan MacNeil (Blair) comincia ad essere afflitta da disturbi del sonno, per poi diventare sempre più violenta, nonchè scurrile, malvagia e blasfema. La madre (Burstyn), in apprensione per la salute della figlia, si rivolge a diversi [...] Vai alla recensione »

sabato 8 gennaio 2011
Frz94

 Iraq del Nord. Nel bel mezzo di importanti scavi archeologici, il vecchio e malato padre Merrin (Max Von Sydow) dissotterra delle statuette e dei monili appartenenti a una divinità malefica. Georgetown. Lo spettatore entra in contatto con la famiglia MacNeil, formata dalla madre Chris, un’attrice di discreto successo e dalla figlia Regan (Linda Blair), una bambina di 12 anni tenera [...] Vai alla recensione »

sabato 7 settembre 2013
Fedson

 Tratto dal romanzo di William Peter Blatty, "L'Esorcista" si presenta come il perfetto affresco del genere horror per eccellenza, un'immensa e tormentata storia data alla luce dall'imponente capacità registica di William Friedkin. Il capolavoro del regista viene ambientato a Georgetown dove Regan MacNeil (Linda Blair), dodicenne e figlia di una nota attrice (Ellen [...] Vai alla recensione »

lunedì 25 aprile 2011
ralphscott

Due ore e dieci,della versione integrale,che passano senza cali di tensione,colpendo alla pancia come fosse stato appena girato. Sorprendono gli efficacissimi effetti speciali,ma è l'intera sceneggiatura ad inquietare. A tal proposito è funzionale alla creazione del prolungato stato di ansia anche la prima parte in Iraq,dove il prete archeologo avverte il Male intorno a lui,ma non [...] Vai alla recensione »

domenica 14 maggio 2017
GUSTIBUS

Certamente vedere L'esorcista nel maggio 2017..con la visione del 1973 che avevo 20anni!..forse non ha lo stesso impatto..ma che sia un film che ti lascia in tensione e ti incolla alla poltrona anche ora non vi e'dubbio!..la versione che ho visto e'del 2000 completamente rimasterizzata 127 minuti!..Stupenda regia di W.Friedkin..La storia e'quello di Regan RAGAZZINA di 12anni figlia [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 dicembre 2016
biso 93

L'esorcista e' un film del 1973 diretto da William Friedkin. Questo film ormai e' entrato nell'immaginario collettivo da molti anni. Fondatore per così dire, del sottogenere delle possessioni e considerato il miglior film horror di sempre. Quasi scandaloso alla sua uscita avvenuta nel 1973, oggi e' ancora in grado di spaventare e trasmettere quella inquietudine ed angoscia che lo hanno contraddistinto. [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 settembre 2015
Barolo

E' doveroso, ancorchè difficile commentare questo film.Quintessenza del cinema horror e capofila di una lunga serie di imitazioni o sequel,è certamente la più alta vetta raggiunta in sala nel suo genere.Eccezionale la capacità di suggestionare lo spettatore, al punto che all'epoca della sua uscita, suscitò scene di panico ,svenimenti e quant'altro. Vai alla recensione »

giovedì 26 maggio 2011
toty bottalla

Si dice che in realtà il diavolo non appare così terrificante, spesso ce lo troviamo vicino in giacca e cravatta, profumato e disponibile. Ma in un film dell'orrore un personaggio così non funzionerebbe, allora via coi trucchi audio video e scene spaventose che ci impressionano, forse perche in esse riconosciamo parte del male che dentro di noi tratteniamo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 1 maggio 2013
jacopo b98

 Chris MacNeil (Burstyn), attrice divorziata, scopre che sua figlia Regan (Blair) è posseduta dal demonio e chiede ad un anziano prete (Sydow) e al giovane padre Carras (Miller), uno psichiatra, di eseguire un esorcismo. Sarà una lotta senza quartiere. Forse il più famoso film horror di ogni tempo, trionfo enorme al botteghino (primo di sempre per un film censurato, vietato [...] Vai alla recensione »

mercoledì 31 marzo 2010
joker91

un capolavoro del cinema che ha terrorizzato il mondo alla sua uscita e che oggi è diventato ormai un capolavoro del cinema mondiale. nella classifica degli hooror più grandi di tutti i tempi è secondo sorpassato solo dal grandissimo shining di kubrick con il dibolico jack nicholson. un film da vedere con un cast ottimale e una blair spaventosa che nel bene o nel male non lascia indifferenti

giovedì 10 marzo 2011
ALEXLABY

Molto superiore a Shining e infinitamente migliore di tutti gli altri. Quandò uscì al cinema nel '73 si videro per la prima volta alcuni effetti speciali e la gente andò via dalle sale. Vennero ricoverate anche in Italia tante persone colte da mancamenti. La cosa eccezionale di questo film è la capacità di fare immedesimare nelle situazioni.

venerdì 29 gennaio 2010
chriss

L' esorcista, tratto dal romanzo di William Blatty, è un film horror magistralmente girato con cura maniacale da William Friedkin nel lontano 1973. Il film, premiato con ben due Oscar,  tratta di possessione demoniaca e di un lungo ed estenuante esorcismo che porterà alla morte dei due padri spirituali che lo hanno effettuato.

martedì 7 gennaio 2014
Istian Gonny

film che avrebbe meritato oscar su oscar ma in particolare da evidenziare: regia , effetti speciali, fotografia, sceneggiaturae soprattutto il trucco. regan da posseduto è fatta talmente bene che fa venir volgia pur ad un ateo di re tutte le sere le preghierine... non lo considero un vero horror pur essendo rimasto terrorizzato per anni da piccolo di questo film.

mercoledì 20 febbraio 2013
ibracadabra 8

....capolavoro ASSOLUTO horror, il piu spaventoso di tutti i tempi. comincio con la frase finale del commento.William Friedkin PORTA SUGLI SCHERMI IL romanzo (1971) di William Peter Blatty, UN QUALCOSA DI TERRIFICANTE E SINISTRO CHE PERVADE LO SPETTATORE FIN DA SUBITO, CON L'IMPROVVISA COLONNA SONORA(BELLISSIMA DIABOLICA,PERFETTA,x il tema trattato) DA UN SENSO DI ANGOSCIA DI TENSIONE E PAURA,QUALCOSA [...] Vai alla recensione »

mercoledì 31 ottobre 2012
Jolly Akino

Sicuramente il miglior film horror di tutti i tempi. Me lo vidi che avevo 12 anni e nn ho più chiuso occhio per una settimana, e nonostante siano passati 2 anni da allora continua ancora un po' a spaventarmi, soprattutto quando me lo vedo di notte, con le luci spente e a casa da solo.

sabato 10 dicembre 2011
Andrea Levorato

L’esorcista **** Produzione: USA 1973 Genere: Horror Attori principali: Linda Blair, Ellen Burstyn, Jason Miller, Max von Sydow Regia: William Friedkin Trama: Regan (Blair) è cambiata. È un’adolescente sì, ma questa questione è diversa. Nessuno lo vuole accettare, ma quando tutto perderà di significato e le credenze di ognuno si disgregheranno, l’ul [...] Vai alla recensione »

lunedì 8 febbraio 2010
Mister_WNB

una pietra miliare dellìhorror e il capostipite dei vari psycho-horror. sicuramente un film intelligentissimo pieno di tensione con una buona regia e una buona sceneggiatura,non ottime dato il ritmo non eccessivamente veloce e frenetico che avrebbe fatto del film un capolavoro. cast più che buono e sopratutto una linda blair da impazzire.

lunedì 30 dicembre 2013
CEPPI

Dal romanzo di William Peter Blatty (1973), Friedkin decide di portare sullo schermo quest'horror del filone demoniaco che come tanti altri horror  di questo filone non mostrano lo splatter, il sangue e lo snuff, ma travolgono lo spettatore in un carosello di effetti speciali orrorifici (visivi e sonori) e suspance molto forte. Ancora oggi L'esorcista  rimane l'horror [...] Vai alla recensione »

domenica 22 settembre 2013
RobertoGhezzi

Dietro questo film Horror , soltanto la polvere. Immenso.

lunedì 2 settembre 2013
critichetti

Questo film è veramente un signor horror (anche se il regista ha spesso ribadito di non voler girare un horror,ma un film realistico),cìè tutto ciò che serve in un horror:sporco,sangue,buio,inquadrature soffocanti e così via.Credo che sia il miglior film horror che io abbia mai visto finora,anche perchè anche nella recitazione siamo a livelli altissimi,cosa [...] Vai alla recensione »

martedì 25 giugno 2013
Marco Rocket

L'esorcista è a mio parere il più importante film horror mai prodotto sia dal punto di vista tecnico che dell'effetto che si prova ad ogni visione di esso. Trama, ormai nota a tutti, scorre liscia nonostante abbia una sua complessità intrecciando 3 storie inizialmente separate (quelle di padre Merrin, Regan e Chris e padre Karras) per un unico obbiettivo ovvero la lotta [...] Vai alla recensione »

domenica 1 aprile 2012
EVILDEAD

L'ESORCISTA E,' E SARA' PER SEMPRE, LA MASSIMA ESPRESSIONE CINEMATOGRAFICA DEL TERRORE; NON ESISTONO PARAGONI ,NE' EPIGONI ,NE' CONFRONTI. E' LA PAURA!!!!

sabato 30 gennaio 2010
Alex41

Ho visto questo film la prima volta due anni fa. Quel pomeriggio che ne ho visto metà, non mi sembrò tanto spaventoso, poi giunse la notte e io non riuscì a dormire per mesi e mesi e mesi e mesi. Ovviamente è un film dell'orrore basato su fatti che molti credono, ma in realtà è soltanto un film che, nonostante mostri il fenomeno di possessione del [...] Vai alla recensione »

domenica 1 novembre 2009
shining

capolavoro indiscusso del genere horror. un film angosciante, terrificante. assolutamente da vedere

domenica 1 novembre 2009
trick'r treat

con questo film si raggiunge il culmine. un horror così non l'ho mai visto (e ne ho visti tantissismi di film) meravigliosamente angosciante

domenica 11 ottobre 2009
Dany/Joker

Fino a ieri avevo paura di vederlo: oggi, 11 ottobre 2009, l'ho visto. Dio Mio, è davvero scioccante; altro che LA TERZA MADRE! Voto: 4.

domenica 17 maggio 2009
taniamarina

Il regista, specializzato in film polizieschi, si è cimentato in un horror, e forse non sapeva di creare un nuovo filone del genere. Ad ascoltare bene i dialoghi bellissimi, nell'ouverture sembrerebbe voler mettere il punto su tutti i peccati capitali, così da giustificare, secondo una morale cristiana, l'avvento del demonio. I suoni all'incontrario sono davvero raccapriccianti e il doppiaggio di Laura [...] Vai alla recensione »

domenica 22 luglio 2018
Gimbe_

Film profondamente disturbante e inquietante... Effetti speciali ottimi (considerando che è un film del 1973)... Interpretazione grandiosa... Sfrutta la paura più profonda di ogni credente: il male assoluto. Da vedere assolutamente se si ama il genere.

venerdì 12 gennaio 2018
st7no

Ci si inchina, e basta. Commenti zero , parole zero, semplicemente un capolavoro. Cari registi dell horror di oggi, pagliacci che nn siete altro, anziché inventarvi tanti trailer ruba soldi perche il vostro filmone è racchiuso in quei due minuti, guardate questo film, GUARDATELO, RIGUARDATELO e cambiate lavoro. 

sabato 12 agosto 2017
Vieri Leidi Gardi

Vederselo una notte da solo in tv non fu una cosa facile, anzi diciamolo pure...sconvolgente ! Non riesco a capire la recensione di certi critici, che per a causa di un messaggio, ma sempre a secondo dei punti di vista, un pò bigotto, e per una estrema relizzazione visiva lo hanno degradato a limitato cinema effettistico.

martedì 19 maggio 2015
fiocri

Assolutamente si consiglia la visione di un capolavoro horror con la capacità di inquietare,  insomma è sempre “una giornata ideale per un esorcismo” cit.  

sabato 7 marzo 2015
il befe

bello

giovedì 19 febbraio 2015
epassp

A mio modo di vedere non è mai stata proiettata una pellicola del terrore/orrore migliore di questa. Terrore allo stato puro, nonostante siano passati 42 anni! L'ho visto e rivisto diverse volte, se non altro per cercare di "esorcizzare" il profondo solco emotivo che mi ha lasciato la prima volta che l'ho visto. Spaventa profondamente, molto profondamente quando lo si vede, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 11 febbraio 2015
bizantino73

Capolavoro senza tempo finalmente è riapparso. Ieri sera su italia 1 forse per contrastare la corazzata Sanremo. Tra uno zapping e l'altro (perchè il film fa ancora paura come quarant'anni fa) mi ritrovo davanti le maschere di Al Bano e Romina .E mi chiedo. Non sarà che hanno loro bisogno di un esorcismo? Mi fa più paura la voce di Al Bano che gli urli di Regan. Vai alla recensione »

giovedì 12 settembre 2013
paolocerri

Difficilmente ho scordato questo film ed il senso di impotenza che dona questo film. La stessa impotenza provata dai medici che, curando Regan, non possono che cedere al fatto che noi uomini non possiamo spiegare e capire tutto.Uno scacco alla superbia dell' uomo e della sua scienza. Non si tratta di cedere ad un Dio, all' ignoto..ma di cedere alla propria debole natura.

venerdì 25 novembre 2011
damkarras

grande film..terrificante e angosciante per l'epoca..e soprattutto vorrei citare l'interpretazione di jason miller nella parte di padre damien karras..a mio parere una delle interpretazioni più credibili e riuscite nella storia del cinema..un'attore che avrebbe meritato molto più successo..grande damien karrasss

venerdì 30 settembre 2011
2,35:1

Visto le tematiche affrontate non definirei 'L'esorcista' un horror ma più verosimilmente un film drammatico, altamente drammatico. Qui si parla del 'male' che entra in una ragazza, in una casa, in una famiglia. La 'possessione' di Friedkin non è una metafora degli orrori del mondo, e proprio la 'possessione' di un demone, che by-passa la malattia mentale o la degenerazione dei tessuti.

mercoledì 28 settembre 2011
tiamaster

l'ho visto oggi,non mi ha fatto per nulla paura ma forse perchè a quasi quarant'anni!!!il film inizia con il ritrovamento di alcune,misteriose e inquietanti statuette.la scene si sposta nella casa di regan bambina posseduta dal demonio in una sequenza di eventi paranormali.il film è sicuramente uno dei più bei horror di sempre con ottimi attori e un trucco da oscar per un film cult,classico e assolutamente [...] Vai alla recensione »

mercoledì 11 novembre 2009
ibracadabra 8

RIPROVIAMOCI,SECONDO VOI QUALE E' SATATO "IL PIU' GRANDE HORROR DI TUTTI I TEMPI?(VOTATE VOTATE VOTATE) PER ME CI TRE TITOLI "L'ESORCISTA","LA CASA","SHINING" CI SONO ALTRI MERITEVOLI TITOLI E' MA CI SAREBBE DA DISCUTERNE TROPPO,LE PREFERENZE POSSONO ESSERE TRE COME NEL MIO CASO, O ANCHE DI PIU'. 'COMINCIAMO? CIAO.

venerdì 25 novembre 2011
damkarras

capolavoro e pietra miliare del cinema horror..come da pietra miliare l'interpretazione del grande jason miller nella parte di damien karras..a mio parere una delle interpretazioni migliori della storia del cinema..senza lui il film avrebbe perso molto..un'attore che avrebbe meritato molto più successo,,viva damien karras

lunedì 17 marzo 2014
itajos

Film vergognoso che getta fango sulla Verità. I Demoni sono gli antichi Dei originali, in seguito demonizzati dagli ebrei e dalla chiesa. In questo vergognoso film il Demone sumero Pazuzu viene pesantemente insultato. Ancora una volta la paura viene usata per mantenere la gente spiritualmente schiava ed ignorante. Gli autori delle possessioni non sono i Demoni ma sono gli esseri angelici, [...] Vai alla recensione »

martedì 8 novembre 2011
filo98

film orrendo, niente di horror, mi a fatto ridere, bisogna pero considerare ke lo ho visto nel 2011. Spero che l esorcismo di Emily Rose sia mijiore

Frasi
E Io Sono Il Diavolo!
Una frase di Regan Teresa MacNeil (Linda Blair)
dal film L'esorcista - a cura di Lindablair59
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Emanuela Martini
Il Sole-24 Ore

In America è uscito ai primi di ottobre in 664 sale. In sei settimane di programmazione, il 12 novembre, aveva incassato quasi 38 milioni di dollari, e le sale erano salite a più di 1.700. Quasi stupefacente per un film che l’anno scorso è già stato rieditato in video, laserdisc e Dvd. In Italia uscirà il primo dicembre, e sarà curioso verificare se anche il nostro pubblico sarà riconquistato da L’esorcista [...] Vai alla recensione »

Paolo Boschi
Scanner

Che senso ha il ritorno nelle sale di un film come L'esorcista a 27 anni di distanza dalla sua uscita? E' la prima domanda che si materializza spontaneamente nell'immaginario dello spettatore potenziale, al di là del fatto che trattasi del director's cut, ovvero dell'ultima versione di William Friedkin, ampliata con 11 minuti delle scene tagliate nel montaggio del 1973, ripulita digitalmente e con [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
giovedì 6 giugno 2013
 

L''esorcista ha saputo tenere incollate allo schermo intere generazioni dettando la storia del genere horror ma soprattutto insinuandosi in modo indelebile negli animi degli spettatori che il 19 giugno solo per un giorno potranno ritrovarlo al cinema [...]

NEWS
venerdì 26 giugno 2009
Marlen Vazzoler

Alla 62° edizione del Locarno Film Festival che si terrà dal 5 al 15 agosto, il regista americano William Friedkin riceverà il Pardo d'onore alla carriera. Negli ultimi quarant'anni Friedkin ha diretto diciotto pellicole tra cui dei classici come L'esorcista [...]

winner
miglior scenegg.ra non origin.
Premio Oscar
1973
winner
miglior suono
Premio Oscar
1973
winner
miglior film
Golden Globes
1974
winner
miglior regia
Golden Globes
1974
winner
miglior attrice non protag.
Golden Globes
1974
winner
miglior scenegg.ra
Golden Globes
1974
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati