Improvvisamente l'estate scorsa

Film 1959 | Drammatico +16 114 min.

Regia di Joseph L. Mankiewicz. Un film Da vedere 1959 con Elizabeth Taylor, Mercedes McCambridge, Montgomery Clift, Katharine Hepburn, Albert Dekker. Cast completo Titolo originale: Suddenly, Last Summer. Genere Drammatico - USA, 1959, durata 114 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,65 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Improvvisamente l'estate scorsa tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un'ottima realizzazione, con eccellenti interpreti, dal lavoro teatrale di Tennessee Williams: una ragazza è rimasta sconvolta a tal punto dalla misteriosa morte del cugino da non ricordare più in quali tragiche circostanze sia avvenuta. Il film ha ottenuto 2 candidature a Premi Oscar, ha vinto un premio ai David di Donatello,

Improvvisamente l'estate scorsa è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it e su LaFeltrinelli.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,65/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA
PUBBLICO 3,79
CONSIGLIATO SÌ

Un'ottima realizzazione, con eccellenti interpreti, dal lavoro teatrale di Tennessee Williams: una ragazza è rimasta sconvolta a tal punto dalla misteriosa morte del cugino da non ricordare più in quali tragiche circostanze sia avvenuta. Sua zia vorrebbe che lei dimenticasse per sempre e cerca di convincere un neurochirurgo a operarla di lobotomia. Ma il medico prende tempo e la ragazza ritrova la memoria: il cugino era stato ucciso perché omosessuale.

Recensione di Stefano Lo Verme

John Cukrowicz, un giovane e brillante neurochirurgo, viene convocato da Violet Venable, una ricchissima ed eccentrica vedova disposta a donare un milione di dollari al suo ospedale psichiatrico; in cambio, il dottor Cukrowicz dovrà praticare una lobotomia alla nipote della donna, Catherine Holly, rimasta traumatizzata in seguito alla morte di suo cugino Sebastian, deceduto in circostanze misteriose...
Dopo aver interpretato la parte di Maggie ne La gatta sul tetto che scotta, nel 1959 la diva Elizabeth Taylor è tornata a recitare in un'altra pellicola tratta dall'opera del grande commediografo Tennessee Williams: Improvvisamente l'estate scorsa. Diretto dal regista Joseph L. Mankiewicz (Eva contro Eva), il film è stato realizzato con notevoli difficoltà produttive, dovute alle numerose tensioni sul set, alle diffide della censura a causa del carattere della materia narrativa, e ai problemi personali dell'attore Montgomery Clift, reduce dal terribile incidente stradale che gli era quasi costato la vita. Nonostante questo, Improvvisamente l'estate scorsa ha ottenuto un grande successo ed è valso ad entrambe le sue protagoniste, Elizabeth Taylor e Katharine Hepburn, la nomination all'Oscar come miglior attrice.
La sceneggiatura del film, firmata dal noto scrittore Gore Vidal, amplia in maniera considerevole l'opera di Williams, aggiungendo diverse scene ex-novo; il copione di Vidal, tuttavia, espunge dalla trama alcuni degli aspetti più controversi del testo teatrale (in ossequio al famigerato Codice Hays, che stabiliva cosa fosse "moralmente accettabile" per il pubblico americano), ma rende comunque in maniera implicita l'omosessualità del personaggio di Sebastian ed i contenuti più scabrosi della storia (dalla pederastia al cannibalismo). Il risultato è uno dei drammi più torbidi e allucinati mai scaturiti dalla penna di Williams, dominato da un'atmosfera cupa e decadente, dai contorni quasi camp, fino a sfociare in un epilogo (la sconvolgente rivelazione conclusiva, con il lungo flashback di Catherine che rievoca la fine di Sebastian sotto il sole rovente del Mediterraneo) da far gelare il sangue nelle vene.
Mankiewicz, da sempre abilissimo direttore di attori, qui si mette al completo servizio delle sue primedonne: Elizabeth Taylor, premiata con il Golden Globe, è eccezionale nella parte di Catherine, una ragazza dal labile equilibrio psichico (indimenticabile la scena in cui si aggira per il manicomio e viene aggredita dagli internati), ma la Hepburn, alle prese con il ruolo dell'ambigua milionaria Violet Venable, non è da meno; da antologia la sequenza della sua maestosa entrata in scena, trasportata da un ascensore che cala dall'alto. Una menzione speciale va alle scenografie barocche di Oliver Messel, incluso il memorabile giardino esotico di Villa Venable, popolato da feroci piante carnivore, che sembra voler suggerire in maniera simbolica il medesimo scenario esistente fra esseri umani: tutti i personaggi, infatti, si dividono tra sfruttatori e sfruttati, fra chi manipola gli altri e chi invece viene vampirizzato (dal punto di vista psicologico, finanziario o sessuale). Nel 1993 ne è stato tratto un remake televisivo diretto da Richard Eyre, con Natasha Richardson e Maggie Smith.

Sei d'accordo con Stefano Lo Verme?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Dall'atto unico omonimo (1958) di Tennessee Williams: un giovane neurochirurgo ha qualche sospetto sull'ostinazione con cui una ricca vedova gli chiede di fare la lobotomia su una sua nipote malata di mente e scopre un orribile retroscena. Abilmente sceneggiato da Gore Vidal e diretto con sapienza da Mankiewicz, ancora una volta eccellente direttore d'attori, è un sordido e morboso dramma effettistico che, pur non mancando di scaltrezza, non acquista quasi mai un'autentica necessità umana e poetica.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
IMPROVVISAMENTE L'ESTATE SCORSA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico

DVD

BLU-RAY
€9,99
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 31 marzo 2014
Luigi Chierico

Ancora una volta sul bianco schermo di un cinema si apre un grande sipario per offrire uno spettacolo teatrale di altissimo livello. Alla regia Joseph L. Mankiewicz, che ha coltivato quest’arte con tantissimo impegno, raccogliendo tanti successi da “Eva contro Eva” a “La contessa scalza”;l’autore del dramma è Tennesee Williams che non ha bisogno di elogi, ma val la pena citare almeno tre opere che [...] Vai alla recensione »

domenica 14 luglio 2013
emmylemmon XD

 L'aristocratica Violet Venable (Katharine Hepburn) convoca il dottor John Cukrowicz (Montgomery Clift), giovane psichiatra, e gli affida un compito: sua nipote Catharine Holly (Elizabeth Taylor), rinchiusa in un ospedale psichiatrico, ha subìto un trauma in seguito alla morte di suo cugino,il figlio di Violet, Sebastian, e il dottore dovrà sottoporla ad un'intervento di [...] Vai alla recensione »

martedì 13 gennaio 2015
SamN97

Improvvisamente l'Estate scorsa è una trasposizione cinematografica di altissimo livello di uno stupendo dramma di Tennessee Williams. Il film è esotico ed intrigante, e grazie alla qualità della realizzazione e della storia, distrarsi è praticamente impossibile. Oltre ad essere avvincente e ricco di pathos in ogni momento e circostanza, vanta delle meravigliose scenografie [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 marzo 2021
John Doe

 “Improvvisamente l’estate scorsa” è un film del 1959 diretto da Joseph L. Mankiewicz e scritto da Tennessee Williams. Il titolo si rifà ad un evento fondamentale della pellicola, accaduto appunto un anno prima, e legato alla morte del figlio della ricca vedova, sulla soglia della vecchiaia, Violet Venable.   La trama ruota intorno al medico chirurgo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 15 gennaio 2014
paride86

Tennessee Williams è uno di quegli autori che non deludono mai.  La storia in questione parla di omosessualità, forse in maniera davvero troppo velata ma non per questo meno intensa. "Improvvisamente l'estate scorsa" è un melodramma morboso e coinvolgente, pieno di sentimenti contrastanti e venato da una sottile dose di follia.

Frasi
È strano esiste il termine orfano per chi ha perduto i genitori ma non quello per una madre che ha perso il proprio figlio.
Una frase di Catherine Holly (Elizabeth Taylor)
dal film Improvvisamente l'estate scorsa - a cura di Luka
winner
miglior attrice straniera
David di Donatello
1959
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati