Advertisement
Castiglione Cinema: Stasera Il mio nome è Thomas di Terence Hill

Questa sera alle 22.00, gratuitamente in streaming, l’ultimo film diretto dal celebre attore. PRENOTA UN POSTO

venerdì 3 luglio 2020 - Festival

Sull'onda dei ricordi Terence Hill sale sulla sua Harley Davidson e si avventura nel deserto, da quel deserto dove in fondo era uscito impolverato e vestito di stracci nella mitica scena d'esordio di Lo chiamavano Trinità più di quarant'anni fa e che lo trasformò in una stella del cinema italiano. Ricordi, sensazioni ed emozioni sono la materia del suo ultimo film Il mio nome è Thomas, uscito nelle sale nel 2018 e questa sera disponibile gratuitamente in streaming alle 22.00 grazie a Castiglione Cinema - RDC Incontra

Il mio nome è Thomas è dedicato al suo compagno di mille avventure, Bud Spencer venuto a mancare nel 2016 proprio quando questo film era in fase di pre-produzione. Significativamente alcune delle scene più importanti sono state girate proprio in Andalusia, negli stessi luoghi dove nel 1967 venne realizzato Dio perdona....io no! e dove si conobbero appunto i due attori dando vita ad uno dei sodalizi umani e professionali più fortunati della storia del cinema del nostro Paese.

PRENOTA UN POSTO


La storia di Il mio nome è Thomas comincia tra i monti e in mezzo alla natura in Italia dove in una casupola con poche pretese vive appunto un solitario motociclista senza nome. Prima di partire per una sorta di viaggio iniziatico verso la Spagna con l'obiettivo di raggiungere il deserto di Tabernas nell'Almeria viene in qualche modo ribattezzato come Thomas da alcuni suoi amici frati. Durante il viaggio incrocia una ragazza, Lucia ragazza dal passato complesso, con cui finisce - nonostante i guai che combina o forse proprio per quelli - per condividere il percorso e sancire una delicata amicizia. Finalmente riesce a raggiungere il deserto dove ritrova i resti di un set cinematografico di un villaggio western e dove può mettersi a leggere un libro di Carlo Carretto, Lettere dal deserto, per poi arrivare ad un finale che ha un sapore malinconico. 

Il mio nome è Thomas è un film strano e personalissimo a cominciare dal titolo che vuole ricordare un altro celebre lavoro di Terence Hill, il bellissimo Il mio nome è Nessuno che celebrava il crepuscolo dell'epopea del West con uno splendido Henry Fonda a cui proprio Terence Hill faceva da umile e furba spalla.

Il cast vanta inoltre la presenza della giovanissima Veronica Bitto (Il paradiso delle signore, Che Dio ci aiuti), ma soprattutto di Andy Luotto nella parte del priore suo amico. Nel corso del film scritto (con la collaborazione di Luisa Tonon) e diretto dallo stesso Terence Hill non mancano i riferimenti alla sua lunga carriera dagli spaghetti western, alle celebri scazzottate (nonostante gli anni visto che è del 1939) dei tanti film con Bud Spencer.

Questa volta si sposta su una moto e non su un cavallo o con una bicicletta come Don Matteo, ma la sostanza non cambia per un lavoro che appare non come un road movie (nonostante le premesse), ma come una ricerca di qualcosa di sacro, sottolineato anche dalla lettura del testo di meditazioni religiose scritto da Carretto, che viene trovato guardando al passato, all'amicizia e al legame con la natura. 


PRENOTA UN POSTO
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati