The Unknown Known

Acquista su Ibs.it   Dvd The Unknown Known   Blu-Ray The Unknown Known  
Un film di Errol Morris. Documentario, durata 105 min. - USA 2013. - I Wonder Pictures uscita giovedì 16 gennaio 2014. MYMONETRO The Unknown Known * * * - - valutazione media: 3,15 su 11 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,15/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Usa)
 dizionari * * * - -
 critica * * * - -
 pubblicon.d.
Dopo Robert McNamara, oggetto di analisi in The Fog of War, Errol Morris intervista Donald Rumsfeld.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Botta e risposta tra Errol Morris e Donald Rumsfeld sui misteri della guerra in Iraq e non solo
Emanuele Sacchi     * * 1/2 - -

Donald Rumsfeld risponde alle domande di Errol Morris sui punti più ambigui e spinosi della sua parabola governativa, a partire dal suo ruolo nell'amministrazione Nixon per arrivare alle sue dimissioni dopo gli insuccessi della guerra in Iraq. Figlio del successo incredibile di pubblico e critica di Fog of War, Errol Morris ci riprova con un altro obiettivo che appartenga al cuore strategico-istituzionale del lato più aggressivo e patriottico degli Stati Uniti d'America: Donald Rumsfeld, incaricato alla Difesa durante l'amministrazione George W. Bush e artefice della guerra in Iraq. Un'occasione per un terzo grado spietato che metta in difficoltà la vecchia volpe repubblicana e insieme gli consenta di raccontare la sua versione dei fatti.
È certamente opinabile porre la questione sul piano del confronto/competizione tra Errol Morris e Donald Rumsfeld e giudicare se la palla è dentro o fuori e, di conseguenza, a chi assegnare il punto. Ma la tentazione di farlo cresce, proprio per come Morris ha costruito l'architettura di The Unknown Known e ne ha gestito lo sviluppo. L'immagine ricorrente attorno a cui ruota The Unknown Known è quella, scontata e ai limiti del dozzinale, di una miriade di memos - Rumsfeld ne ha scritti più di 20000 durante l'amministrazione Bush - visti come innumerevoli fiocchi di neve in una bolla, in un'(in)consapevole riconoscimento delle doti di politico dell'oggetto dell'inchiesta-Morris. Rumsfeld non cede di un passo, non ammette di aver commesso errori, ha sempre una giustificazione pronta o un gioco di parole per salvarsi in calcio d'angolo. È stato così al tempo del Watergate, da cui - in un misto di fortunata coincidenza e di diabolica astuzia - è uscito indenne, è così oggi, persino messo di fronte alle aberrazioni di Abu Ghraib. Rivisitare per immagini - in una delle sezioni migliori del film di Morris, in cui emerge chiaramente la perizia del documentarista nella scelta di montaggio - la storia di Rumsfeld - che, nonostante la ben nota tendenza alle lotte intestine del partito repubblicano, riesce a scalare gerarchie durante i cambi della guardia presidenziali tra Ford e Reagan - aiuta a comprenderne la psicologia e a rivelarne un lato nascosto, assai più astuto e contraddittorio rispetto allo stereotipo guerrafondaio che lo accompagnava. Il che suscita dubbi sulle ragioni che hanno portato Morris alla scelta di girare The Unknown Known e di girarlo così, quasi come un atto dovuto per tornare sulla "nebbia della guerra", nel contesto di un tema ampiamente sviscerato come quello della crisi irachena, o delle armi di distruzione di massa mai trovate e probabilmente inventate, o delle sevizie nelle prigioni di Abu Ghraib.
Niente di nuovo da recepire su un piano strettamente informativo e una probabile stanchezza generale riguardo all'argomento Iraq contribuiscono ulteriormente a spostare il baricentro dell'attenzione dall'inchiesta a Donald Rumsfeld uomo, politico e showman mancato. È lui a rubare la scena a Morris, a schivare e parare i colpi del regista-intervistatore, a mostrare quell'imperturbabile maschera di ipocrisia e quel ghigno mefistofelico che gli permettono di uscire con il minor danno possibile da ogni confronto dialettico. Questione di "known knowns" e "unknown knowns", secondo le contorsioni retoriche del cosiddetto "Rumspeak", tristemente noto durante le conferenze stampa sulla guerra in Iraq e in fondo nuovamente vincente in quello che sembrava il confronto più arduo.

Stampa in PDF

Premi e nomination The Unknown Known MYmovies
Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film The Unknown Known adesso. »
Shop

DVD | The Unknown Known

Uscita in DVD

Disponibile on line da venerdì 30 maggio 2014

Cover Dvd The Unknown Known A partire da venerdì 30 maggio 2014 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd The Unknown Known di Errol Morris con . Distribuito da Cinehollywood. Su internet Unknown Known. Morris vs Rumsfeld (DVD) è acquistabile direttamente on-line su IBS.

Prezzo: 14,99 €
Aquista on line il dvd del film The Unknown Known

APPROFONDIMENTI | Uno dei più attenti rappresentanti del cinema del reale.

Errol Morris

mercoledì 15 gennaio 2014 - Mauro Gervasini

La politica degli autori: Errol Morris In un periodo in cui il dibattito sul "cinema del reale" pare interessare più dei 25 spettatori ai quali è di solito rivolto, esce nelle sale italiane The Unknown Known, docu-intervista di Errol Morris a Donald Rumsfeld, ex segretario alla difesa dell'amministrazione Bush. Capo, insieme al vicepresidente Cheney, dei cosiddetti "falchi" fautori della guerra in Irak. Presentato in concorso alla Mostra del cinema di Venezia 2013, The Unknown Known è un film eccezionale che dimostra un paio di cose fondamentali, anche dal punto di vista della "metodologia storica" applicata al cinema.

   

NEWS | Oggi in concorso L'intrepido e The Unknown Known.

L'Italia secondo Amelio

mercoledì 4 settembre 2013 - Annalice Furfari

Venezia 70, l'Italia secondo Amelio Tanto divismo e poca sostanza. Attesissima ieri al festival di Venezia l'attrice Scarlett Johansson, fascinosa e inavvicinabile protagonista di un autentico bagno di folla. Nonostante la sua eterea presenza, il film per il quale ha indossato vesti aliene non è stato risparmiato dai fischi della critica. Under the skin dell'inglese Jonathan Glazer, in concorso, non è piaciuto a tutti. La storia è quella di un'aliena che percorre le autostrade a caccia di prede umane, sfruttando la sua bellezza come esca.

   

Rumsfeld, il realismo del falco

di Stenio Solinas Il Giornale

Per capire che cosa potrebbe accadere in Siria, The Unknown Known, il documentario, in concorso, di Errol Morris, già premio Oscar per il suo The Fog of War, e che ha per protagonista Donald Rurnsfeld, già consigliere di quattro presidenti degli Stati Uniti, già due volte segretario alla Difesa, è un buon punto di partenza. Perché Rumsfeld, uno dei grandi architetti della guerra in Iraq, incarna sì quella visione imperiale e leaderistica della politica americana di stampo repubblicano, ma il solco tracciato allora ha finito per rivelarsi una sorta di strada a senso unico, dalla quale nemmeno al suo secondo mandato il democratico Obama sembra poter uscire. »

Tra Rumsfeld e Morris è quasi una sfida tra il gatto e il topo

di Roberto Nepoti La Repubblica

Presentato in concorso all'ultima Mostra di Venezia, The unknow knowè quasi un sequel di The fog of war-La guerra secondo Robert McNamara, con cui Errol Morris vinse l'Oscar per il documentario nel 2004. Sulla base dei promemoria dell'ex-segretario alla Difesa americano Donald Rumsfeld, il regista ne ripercorre la lunga carriera, soffermandosi in particolare sull'operazione Desert Storm, la guerra al terrorismo e l'intervento in Iraq. Morris utilizza materiali di archivio (a volte riciclati da altri suoi film), fotografie, tracce grafiche, registrazioni e quant'altro; senza aggiungere molto a quel che già sapevamo. »

Ritratto ravvicinato ma non troppo di Rumsfeld

di Alessandra Levantesi La Stampa

Nel 2003 con il mirabile documentario Oscar The Fog of War, Errol Morris aveva raccontato alcuni cruciali momenti di storia americana attraverso una lunga intervista a Robert S.McNamara, segretario alla Difesa sotto Kennedy e Johnson. Anche The Unknown Known, ritratto ravvicinato di Donald Rumsfeld, segretario alla Difesa con Ford e Bush figlio, è di notevole interesse, ma Rumsfeld non è schietto quanto McNamara. Pur amabile, il grande artefice della guerra in Iraq non lascia trapelare nulla che non voglia, difendendosi da critiche e accuse con consumata capacità retorica. »

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Va sul sicuro invece Errol Morris col suo ritratto di Donald Rumsfeld, The Unknown Known, cioè "l'ignoto noto", perché secondo l'ex segretario alla Difesa di Bush «ci sono cose note che poi scopriamo di non conoscere affatto», e fra queste potrebbe figurare anche lui, tanto Morris complica e arricchisce la sua figura. La struttura è quella, poderosa, già messa a punto nel film dedicato a Robert McNamara, The Fog of War, Oscar per il documentario 2003. Una lunga conversazione con il protagonista, integrata da scene di repertorio, mappe, cartine, immagini satellitari. »

The Unknown Known | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 16 gennaio 2014
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità