Il figlio dell'altra

Acquista su Ibs.it   Dvd Il figlio dell'altra   Blu-Ray Il figlio dell'altra  
Un film di Lorraine Lévy. Con Emmanuelle Devos, Pascal Elbé, Jules Sitruk, Mehdi Dehbi, Areen Omari.
continua»
Titolo originale Le Fils de l'Autre. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 105 min. - Francia 2012. - Teodora Film uscita giovedì 14 marzo 2013. MYMONETRO Il figlio dell'altra * * * - - valutazione media: 3,33 su 35 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,33/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * - -
 critica * * 1/2 - -
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
Un'opera emozionante che affronta temi di drammatica attualità cercando le risposte nel cuore della gente comune e affidandole speranze per il futuro alle donne e alle nuove generazioni.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un film di soglie e di confini, che riflette sulla stratificazione complessa dei rancori accumulati dalla Storia
Marzia Gandolfi     * * * - -

Joseph Silberg è un ragazzo israeliano che vive spensierato i suoi pochi anni e il suo sogno di scrivere canzoni, da cui lo separa il servizio di leva obbligatoria nell'esercito. Figlio di un'ufficiale e di una dottoressa che lo amano incondizionatamente, scopre durante la visita militare che il suo gruppo sanguigno non è compatibile con quello dei genitori. Scambiato diciotto anni prima con Yacine Al Bezaaz, palestinese dei territori occupati della Cisgiordania, Joseph è sconvolto e confuso. La rivelazione getta nel caos le rispettive famiglie che provano a incontrarsi e accorciare le distanze culturali. Ma le 'questioni politiche' hanno la meglio sul buon senso e sui padri, che finiscono per rinfacciarsi in salotto il dolore dei rispettivi popoli. Rifugiatisi in giardino, Joseph e Yacine provano a interrogarsi sulla loro identità e sul loro destino. I loro incontri si faranno sempre più frequenti, fino a quando non decideranno di entrare l'uno nella famiglia dell'altro, frequentando la vita che avrebbero dovuto vivere e rientrando in quella che gli è capitato di vivere.
Privilegiando un equilibrio (anche estetico) politicamente corretto, Il figlio dell'altra sceglie la forma del dramma familiare per raccontare la questione israelo-palestinese. Diretto da Lorraine Lévy, francese di origine ebraica, Il figlio dell'altra è un film di soglie e di confini, che riflette sulla stratificazione complessa dei rancori accumulati dalla Storia. Scambiando letteralmente le esistenze di due bambini, la regista produce l'occasione, per occupati e occupanti, di osservare, vedere e magari anche capire l'altro, uscendo dal cul de sac in cui il mondo pare essersi infilato. Ebreo cresciuto da palestinesi Yacine, palestinese cresciuto da israeliani Joseph, i due giovani protagonisti vivono al di là e al di qua di un confine odioso, alimentato dalla paranoia e dai pregiudizi che ogni divisione, muro o recinto porta con sé.
Di quel confine, Il figlio dell'altra dice pure e sinceramente l'inalienabile necessità, raccontando l'intimità, la tradizione, la casa, la terra, la speranza. Il film della Lévy conduce il conflitto e la convivenza tra israeliani e palestinesi, mai privi di lotte e di lutti, a una dimensione quotidiana e privata, provando a cogliere l'essenza e insieme l'universalità dell'infinita vicenda mediorientale. Le idee sono allora veicolate dai personaggi, che interpretano con grande sensibilità la complessità di due punti di vista, le contraddizioni di uno stato di cose, il dolore e la resistenza a immedesimarsi nell'altro. Se i padri dei giovani protagonisti sembrano irriducibili a qualsiasi apertura, almeno nei loro primi incontri, le madri colgono veramente l'opportunità nello scambio e accolgono il figlio dell'altra (il figlio biologico cresciuto dall'altra), indicando l'amore come possibile via di uscita da una condizione paradossale. In mezzo ci sono due ragazzi che gettano il cuore al di là dell'ostacolo e di una riga tracciata idealmente su una carta geografica. Nella realtà quella linea si traduce in un check point, una barra che interrompe una strada, che separa due popoli, che determina due destini.
Da una parte i territori occupati dall'esercito israeliano, dall'altra Israele, da una parte gli ebrei, dall'altra gli arabi, da una parte un ritorno alla propria terra, dall'altra una conquista della propria terra. Una duplice versione che ha condotto alla tragedia. Tragedia che Joseph e Yacine possono correggere, vivendo al meglio la vita dell'altro.

Stampa in PDF

Incassi Il figlio dell'altra
Primo Weekend Italia: € 89.000
Incasso Totale* Italia: € 292.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 31 marzo 2013
Sei d'accordo con la recensione di Marzia Gandolfi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
75%
No
25%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * * * *

Raro gioiello!

lunedì 18 marzo 2013 di M.Barenghi

Il film racconta la storia di due famiglie il cui figlio, ormai quasi ventenne, è stato scambiato per errore il giorno dopo  la nascita. Solo che le due famiglie APPARTENGONO  ai due schieramenti nemici per antonomasia: israeliano e palestinese. Sono quindi stati cresciuti con un'identità culturale fortissima e molto radicata, che prevede per lo meno l'odio nei confronti di tutti gli appartenenti alla controparte. La scoperta dell'errore genera disagio continua »

* * * * -

Isacco e ismaele

sabato 16 marzo 2013 di renato volpone

Israele e Palestina, due mondi separati che si odiano, una notte di bombardamenti nel 1991, due bambini nascono e, per errore nell'agitazione del momento, vengono scambiati nella culla. A quasi 18 anni d'età. a causa di una visita medica e delle analisi del sangue, ormai ragazzi, scoprono prima l'imponderabile e poi la verità. Inizia così una storia che ci ricorda i Capuleti e i Montecchi, che ci riporta alla memoria quello splendido e originale film "miracolo continua »

* * * * -

È del mondo che sono i figli

lunedì 18 marzo 2013 di angelo umana

Dev’essere raggelante scoprire che il figlio allevato per oltre 20 anni non è il proprio figlio biologico ma “Il figlio di un’altra” e per il ragazzo apprendere che quei genitori non sono i suoi naturali, perché se quella notte del 23/1/1991, in piena guerra del Golfo, i neonati non fossero stati scambiati per errore nell’ospedale di Haifa, “per te sarei un perfetto sconosciuto”. E’ destabilizzante, sconvolgente, scoprire di aver vissuto in una casa e con dei genitori che non ti appartenevano, quasi continua »

* * * * -

I pregiudizi sconfitti dall'amore

venerdì 22 marzo 2013 di donni romani

Joseph ha diciotto anni, vive in Israele, ama suonare la chitarra, portare i capelli come il giovane Dylan ed è in procinto di partire per fare il militare, orgoglioso figlio di un colonnello dell'esercito. Ma durante i controlli medici un'irregolarità sul gruppo sanguigno insospettisce la famiglia, quel ragazzo che hanno cresciuto con amore non è il loro figlio, è stato scambiato all'Ospedale di Haifa la notte in cui è nato, nella confusione seguita ad un bombardamento. Lo sconcerto iniziale si continua »

Yacine
"Sai cos'ho pensato quando ho saputo che la mia vita doveva essere la tua? Ho pensato: ora che l'ho cominciata questa vita, devo ricucire perchè tu sia fiero di me, e per te che vivi la mia vita, Joseph, è lo stesso. Non la sprecare"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Joseph
"Sono il mio peggior nemico e devo volermi bene lo stesso!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Joseph, rivolgendosi a Yacine
"Siamo come Isacco e Ismaele io e te!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

DVD | Il figlio dell'altra

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 28 agosto 2013

Cover Dvd Il figlio dell'altra A partire da mercoledì 28 agosto 2013 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Il figlio dell'altra di Lorraine Lévy con Emmanuelle Devos, Jules Sitruk, Pascal Elbé, Bruno Podalydès. Distribuito da Cecchi Gori Home Video. Su internet figlio dell'altra (DVD) è acquistabile direttamente on-line su IBS.

Prezzo: 14,99 €
Aquista on line il dvd del film Il figlio dell'altra

Due culle di speranza

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Ci sono film che rischiano a ogni passo di finire ostaggio del loro soggetto. Succede quando il cinema prende di petto la realtà con tutte le sue contraddizioni anziché renderla più leggibile seguendo le leggi di questo o quel genere, commedia, thriller, melodramma, eccetera. Quando poi qualcuno porta la macchina da presa in Medio Oriente, i rischi diventano altissimi. Eppure proprio Israele ci ha dato alcuni dei più bei film di questi anni. Per originalità di scrittura, densità del tratto, verità dei personaggi. »

Da nemici a fratelli A dispetto dei padri

di Silvio Danese Quotidiano Nazionale

La questione israelo-palestinese, tra dissidio e indispensabile riconciliazione: «La donna è il futuro dell'uomo, quando le donne si alleano possono spingere gli uomini a essere migliori» dice la regista, sorella dello scrittore Marc Levy. Sono due, in realtà, i figli «dell'altra», l'uno a Tel Aviv scopre durante la visita di leva di non essere il naturale di un colonnello e della moglie medico, l'altro, nei territori di Cisgiordania, riceve il rimbalzo della notizia: scambiati in una confusa notte d'ospedale durante un attacco. »

Se "Il figlio dell'altra" è il tuo

di Alessandra Levantesi La Stampa

Centrale fin dal Medioevo nel folklore europeo, il motivo del «figlio scambiato» rispecchia ancestrali angosce materne e spietati giochi dinastici; oppure eventuali crisi di identità come nel film di Lorraine Levy, regista ebrea parigina, dove il tema si carica di una valenza assai complessa che attiene alla sfera religioso/storico/ideologica oltre che familiare. Nel 1991, in piena guerra del Golfo, un ospedale di Haifa in pericolo di essere colpito da Scud iracheni viene evacuato e nella confusione due neonati vengono scambiati. »

Commuove lo scambio in culla

di Maurizio Acerbi Il Giornale

Joseph, un ragazzo israeliano, fa gli esami del sangue per entrare in Aviazione. Qualcosa non quadra, però. Infatti, la verità viene presto a galla. Da piccolo, causa bombardamento, fu scambiato, in culla, con Yacine, figlio di due palestinesi che, in realtà, sono i suoi genitori. Il desiderio di conoscere le vere reciproche famiglie sigillerà un'amicizia «impossibile», tra i due, abbattendo il muro dell'odio. Che bel film, capace di commuovere senza mai cadere nel buonismo. Da Il Giornale, 14 »

Il figlio dell'altra | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1° | m.barenghi
  2° | angelo umana
  3° | donni romani
  4° | renato volpone
  5° | flyanto
  6° | kondor17
  7° | rampante
Rassegna stampa
Jean-Baptiste Morain
Trailer
1 | 2 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 14 marzo 2013
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità