Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano

Film 2003 | Drammatico +16 94 min.

Titolo originaleMonsieur Ibrahim et les fleurs du Coran
Anno2003
GenereDrammatico
ProduzioneFrancia
Durata94 minuti
Regia diFrançois Dupeyron
AttoriOmar Sharif, Pierre Boulanger, Isabelle Adjani, Isabelle Renauld, Eric Caravaca .
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 3,38 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di François Dupeyron. Un film con Omar Sharif, Pierre Boulanger, Isabelle Adjani, Isabelle Renauld, Eric Caravaca. Titolo originale: Monsieur Ibrahim et les fleurs du Coran. Genere Drammatico - Francia, 2003, durata 94 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,38 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Parigi, anni '60, quartiere ebraico: Momo, undici anni, fa amicizia con un anziano droghiere arabo che gli insegna i principi del Corano. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Golden Globes. Al Box Office Usa Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano ha incassato 2,8 milioni di dollari .

Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,38/5
MYMOVIES 2,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,38
CONSIGLIATO SÌ
Un grande vecchio del cinema che adesso affascina con la dolcezza.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Parigi anni '60 Momo ha undici anni e vive solo con un padre depresso e taciturno. Il ragazzino stringe amicizia con Ibrahim, il proprietario arabo della drogheria del quartiere ebraico. Insieme intraprendono un viaggio verso Oriente, lungo un percorso disseminato dei "fiori del Corano", le frasi che l'anziano sufita pronuncia nelle conversazioni con il suo piccolo amico.
Poteva trattarsi di un film d'occasione (la Mostra del cinema di Venezia 2003 ha assegnato ad Omar Sharif il Leone d'oro alla Carriera) ma non è così. Dupeyron si è ispirato al libro e allo spettacolo di Eric-Emmanuel Schmitt e il vecchio principe del deserto (Lawrence d'Arabia ricordate?) e il dottor Zivago che ha fatto piangere migliaia di persone Nanni Moretti compreso, ha ancora la zampata del leone (scusate il gioco di parole in riferimento al premio) nello sguardo e nella recitazione affettuosamente sottotono. Il passaggio dalla scena al cinema non risente della 'teatralità' d'origine proiettando sin dall'inizio i personaggi nelle strade di un quartiere estremamente vitale.
Il percorso di crescita che il vecchio Ibrahim fa compiere al giovane Momo tocca tutte le corde, da quella mistica a quella sentimentale passando per la commedia. Sempre però con una sensibilità che deriva certo dalla regia e dal giovanissimo coprotagonista ma anche e soprattutto dalla presenza di uno dei grandi attori che il cinema ancora ha (anche se li usa troppo poco).
Che sia o meno voluto sussiste anche un parallelo (non solo cronologico 1958-1963) tra Momo e l'Antoine Doinel di truffautiana memoria. Perché sono entrambi oppressi dalla solitudine prodotta dall'ambiente familiare e cercano un punto d'appoggio altrove.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
MONSIEUR IBRAHIM E I FIORI DEL CORANO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
Frasi
"Ciò che dai è tuo per sempre".
Una frase di Monsieur Ibrahim (Omar Sharif)
dal film Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano - a cura di Giulia
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Il buon vecchio e il bravo fanciullo. Con la mamma che si è data alla latitanza e il padre ipocondriaco, il tredicenne Momo è un ragazzo parecchio infelice: deve occuparsi del ménage famigliare, ama segretamente la figlia della portinaia e non possiede uno straccio d'amico. O meglio uno ce l'ha ed è l'anziano droghiere "arabo" Ibrahim, che vende prodotti alimentari dispensando perle di saggezza - più [...] Vai alla recensione »

Enrico Magrelli
Film TV

«Sorridere rende felici». II segreto della felicità é la lentezza». «Ciò che dai é tuo per sempre, ciò che tieni é perduto per sempre». Sono alcune delle perle di saggezza che il droghiere musulmano Ibrahim (un 0mar Sharif che trova dalle prime scene il sottotono giusto) dispensa tra una scatoletta di ravioli e un beaujolais del suo negozio a Moise, soprannominato Momo, in una strada parigina d'altritempi. [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Dietro Monsieur Ibrahim et les fleurs du Coran (Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano) di François Dupeyron c'è un racconto leggero e serio di Eric-Emmanuel Schmitt pubblicato in Italia da e/o. Anni Sessanta. In un quartiere popolare parigino le cui strade hanno nomi di favola (Rue Bleu, Rue de Paradis) diventano amici un anziano bottegaio musulmano adepto al sufismo e nato in Turchia, Monsieur Ibrahim, [...] Vai alla recensione »

Silvio Danese
Quotidiano.net

Storia d'amicizia, solitudine e saggi consigli negli anni '60 delle radio a transistor, dello yéyé e delle spider: «Sorridere rende felici», «Ciò che dai è tuo per sempre, ciò che tieni è perduto per sempre», sono tra i detti coranici che suggellano l'incontro tra un ebreo tredicenne, abbandonato a se stesso, e un vecchio arabo proprietario di un negozio di alimentari.

Vincenzo Sangiorgio
Cinemavvenire

C’era una volta un ragazzino vispo e dotato di ciuffo ribelle: alle prese con i primi pruriti della sua ristretta esperienza terrena, li risolverà frequentando con diletto le generose ragazze che sfilano nella strada sotto casa. Almeno fino a quando conoscerà un musulmano dal sorriso vagamente idiota... Sembra essere diventato difficile, nell’odierna rincorsa alla ragione completa e totale a dispetto [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati