Il viaggio degli eroi

Film 2022 | Documentario, +13

Anno2022
GenereDocumentario,
ProduzioneItalia
Regia diManlio Castagna
AttoriMarco Giallini .
Uscitalunedì 20 giugno 2022
TagDa vedere 2022
DistribuzioneAltre Storie
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,44 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Manlio Castagna. Un film Da vedere 2022 con Marco Giallini. Genere Documentario, - Italia, 2022, Uscita cinema lunedì 20 giugno 2022 distribuito da Altre Storie. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,44 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il viaggio degli eroi tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento giovedì 16 giugno 2022

Il film ripercorre le sette partite, come le tappe di un viaggio, che hanno portato l'Italia, guidata dal CT Enzo Bearzot, ad aggiudicarsi la Coppa del mondo e a compiere questa straordinaria impresa.

Consigliato sì!
3,44/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,38
PUBBLICO
CONSIGLIATO SÌ
Una gustosissima cavalcata attraverso l'impresa epica dei Mondiali dell'82. Che coinvolge anche chi di calcio non sa nulla.
Recensione di Paola Casella
mercoledì 15 giugno 2022
Recensione di Paola Casella
mercoledì 15 giugno 2022

È l'11 luglio 1982, e la nazionale di calcio italiana è stata appena proclamata Campione del Mondo. Tutto il Paese esulta, il presidente Sandro Pertini in prima fila, tutti festeggiano la squadra e il suo mister, Enzo Bearzot, come fossero eroi. Ed è proprio seguendo lo schema classico della narrazione definito come Il viaggio dell'eroe, identificato da Joseph Cambell e codificato per il cinema dallo sceneggiatore Chris Vogler, che Manlio Castagna, sulla base di un soggetto di Manuela Cacciamani che co-firma con lui la sceneggiatura, racconta quel manipolo di giocatori che fecero l'impresa. Il risultato è un racconto epico più che un resoconto sportivo, in grado di coinvolgere emotivamente anche chi di calcio non sa nulla, e soprattutto chi quel 1982 già c'era e ricorda l'entusiasmo travolgente di un momento elettrizzante della storia italiana.

Tutte le tappe del modello di Vogler vengono rispettate nel passaggio dal mondo ordinario dei singoli giocatori, con la formazione di una squadra che sarebbe diventata una famiglia, a quello straordinario dei Mondiali di Spagna.

Del mondo ordinario si racconta anche il passato difficile: il terrorismo, il delitto Moro e la strage di Bologna, le manifestazioni e gli scioperi, gli omicidi di mafia, l'attentato al Papa, Ustica e lo scandalo delle calcioscommesse, che aveva coinvolto anche uno dei giocatori scelti da Bearzot, quel Paolo Rossi che avrebbe affrontato (e vinto) i Mondiali con una grande voglia di riscatto.

C'è il richiamo alla sfida e il rifiuto della chiamata, non da parte di Bearzot e della squadra ma dei media che "gufavano" definendo il team dei Mondiali come "l'Armata Brancabearzot". Ma c'è anche un grande mentore, il mister, più un padre che un commissario tecnico per i giocatori (commoventissimo, a fine mondiale, il bacio di sfuggita che Rossi gli assesta sulla guancia durante un'intervista televisiva), e ci sono tanti alleati, ovvero i giocatori stessi che si passano la palla, proteggendosi a vicenda: Bergomi e Scirea "difensori all'attacco" per dare l'assist a chi doveva segnare, Gentile intento a marcare stretto Maradona che lo insultava per fargli perdere il controllo. E gli antagonisti non sono tanto gli avversari in campo, quanto quei cronisti che prima hanno remato contro e solo dopo sono saliti sul carro del vincitore.

Castagna ci fa entrare nel vivo dell'azione e dentro quei piccoli schermi che hanno realizzato all'epoca le telecronache dei Mondiali, ricava inquadrature ravvicinatissime che stanno sui volti più che sulle azioni di gioco, e il montaggio di Diego Capitani è un capolavoro di velocità e sintesi, riproducendo quella febbre che ha contagiato tutta l'Italia, ben visibile nel suo esondare in strada, in preda ad una gioia incontenibile e ad un orgoglio patriottico finalmente ritrovato.

Inframmezzate ai materiali d'archivio ci sono le testimonianze di molti dei protagonisti dell'impresa: Antognoni, Bergomi, Cabrini, Conti, Gentile, Oriali, Zoff. E poi Cinzia Bearzot, figlia del mister, Federica Cappelletti, moglie di Paolo Rossi, Roberto Mancini e Gianluca Vialli: ognuno aggiunge un tassello e un ricordo all'arazzo tessuto da Castagna. L'unica partecipazione piuttosto fuori luogo è quella di Marco Giallini, chiamato ad inquadrare la vicenda sottolineando la struttura del Viaggio dell'eroe, già ben chiara attraverso intertitoli e illustrazioni raffinate coordinate da Roberto Recchioni, e aggiungendo una patina retorica (in particolare nella chiusa) della quale non c'era bisogno: molto meglio la partitella a scopa giocata sull'aereo dalla Spagna da Pertini, "il tredicesimo giocatore in campo", con Bearzot, Zoff e Gentile.

Ma Il viaggio degli eroi resta una gustosissima cavalcata attraverso quell'avventura che ha unito un Paese disorientato intorno ad un episodio mitico, opportunamente accompagnato dall'enfasi di un commento musicale hard rock che riproduce il ritmo di un batticuore accelerato, con un montaggio da cinema e non da telecronaca sportiva, e molti momenti di autentica commozione, dentro i quali sei immerso e vorresti rimanere ancora un po'.

Sei d'accordo con Paola Casella?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 23 giugno 2022
Matteo Galli
Close-Up

Proprio oggi ricorrono 40 anni da quel 23 giugno 1982 in cui l'Italia chiuse la fase a gironi del Campionato del Mondo di Spagna. Era la partita con il Camerun, l'Italia la pareggiò 1:1 con un goal di Ciccio Graziani, cui fece seguito, immediatamente dopo, il pareggio di M'Bida. L'Italia si qualificò con tre punti, la stessa differenza reti del Camerun, ossia zero, ma con un goal in più, perché oltre [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 giugno 2022
Leonardo Lardieri
Sentieri Selvaggi

L'Armata Brancazot divenne campione del mondo nel 1982, contro tutti i pronostici, sbeffeggiata dalla stampa e da mezza Italia, realizzando una delle imprese sportive nazionali più amate e insperate di sempre. Undici tappe raccontate dalla voce appassionata e coinvolgente di Marco Giallini, undici livelli da superare per diventare mito, per scoprire che 11 calciatore a contendersi palla sono sempre [...] Vai alla recensione »

domenica 19 giugno 2022
Tiziana Morganti
Asbury Movies

Ci sono dei momenti e degli eventi che hanno la capacità di attraversare trasversalmente la storia generale e quella più particolare delle singole persone. Attimi che hanno la potenza di riunire più di una generazione nella forza emotiva di un ricordo che non cede al passare del tempo e che, anzi, si fa ancora più forte perché carico di mitologia. Per questo motivo, dunque, spesso basta citare una [...] Vai alla recensione »

venerdì 17 giugno 2022
Andrea Giordano
La Provincia di Como

Ci sono tanti modi per raccontare una storia, un'impresa epica, capace di cambiare un paese intero, il nostro. Ma per farlo bisogna partire dalla fine grazie ad una voce eterna, insostituibile, come fu quella di Nando Martellini che l'11 luglio 1982 gridava tre volte "Campioni del Mondo". L'Italia trionfava nel Mondiale di Spagna regalando speranza.

NEWS
TRAILER
giovedì 9 giugno 2022
 

Regia di Manlio Castagna. Un film con Marco Giallini. Dal 20 al 22 giugno al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati