Sanpa: luci e tenebre di San Patrignano

Film 2020 | Docu-fiction,

Anno2020
GenereDocu-fiction,
ProduzioneItalia
Regia diCosima Spender
Uscitagiovedì 31 dicembre 2020
TagDa vedere 2020
DistribuzioneNetflix
MYmonetro Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Cosima Spender. Una serie Da vedere 2020 Genere Docu-fiction, - Italia, 2020, Uscita cinema giovedì 31 dicembre 2020 distribuito da Netflix. Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Sanpa: luci e tenebre di San Patrignano tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

La docu-serie in 5 episodi racconta la controversa storia della comunità di recupero di San Patrignano fondata da Vincenzo Muccioli nel 1978, a Coriano, in provincia di Rimini.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
La prima docu-serie italiana di Netflix restituisce la complessità di una storia d'umanità e violenza.
Recensione di Roberto Manassero
sabato 2 gennaio 2021
Recensione di Roberto Manassero
sabato 2 gennaio 2021

La storia della comunità di recupero per tossicodipendenti di San Patrignano e del suo fondatore Vincenzo Muccioli, controversa figura che dal 1978 al 1995, anno della sua morte, seppe strappare alla droga e restituire alla società migliaia di ragazzi e ragazze, spesso utilizzando metodi violenti e per questo finendo a processo. Muccioli e la sua creatura, detta "Sanpa", sono raccontati dal figlio, da ex ospiti della comunità, da giornalisti, magistrati e psicanalisti e da documenti e materiali d'archivio frutto di un lavoro di ricerca lungo due anni.
La prima docu-serie italiana di Netflix restituisce la complessità di una storia d'umanità e violenza, dedizione e tradimento, dando voce alle parti in causa e restituendo il clima sociale e politico di tre decenni di storia italiana.

Chi è stato Vincenzo Muccioli? Un santo, un martire, un manipolatore, un violento, un despota, un uomo caritatevole diventato un potente con manie di controllo? In cinque episodi e altrettante ore di durata, SanPa raccoglie più elementi possibile per provare a rispondere alla domanda, arrivando a una molteplicità di risposte che non sciolgono volutamente la questione e lasciano al fondatore di San Patrignano la sua aura di grandiosità e decadenza, potere megalomane e indubbia importanza.

Gli autori Gianluca Neri, Carlo Gabardini e Paolo Bernardelli, insieme con la regista Cosima Spender, raccontano la vicenda umana e giuridica di San Patrignano affidandosi all'unione delle testimonianze dei protagonisti e del materiale d'archivio recuperato (riprese dentro San Patrignano, servizi televisivi, interviste, inserti vari): una scelta che porta a rinunciare consapevolmente alla classica voce narrante come guida del racconto, ma per questo anche a una regia e uno sguardo capaci di aiutare la memoria dei singoli a diventare storia e soprattutto interpretazione dei fatti.

Perché, come dice il figlio di Muccioli, Andrea, sempre al fianco del padre e dopo la sua morte responsabile di San Patrignano fino al 2011, "ci sono i fatti, e i fatti parlano chiaro". La comunità di recupero per tossicodipendenti, infatti, nata nel 1978 per accogliere, disintossicare, amare, curare, reinserire nella società prima decine, poi centinaia e infine migliaia di ragazzi e ragazze finiti nella trappola dell'eroina, ha saputo diventare una realtà senza eguali in Europa e forse nel mondo. Una città quasi indipendente sulle colline di Rimini, "un piccolo stato" come si sente dire, creato dal nulla da un uomo dai metodi decisi e discutibili, abile comunicatore e seduttore, una volta arrestato e due volte processato, eppure mai condannato.

Attorno ai fatti, però, ci sono le idee e le leggi, espressioni di una condotta pubblica che non tiene conto della memoria, della soggettività e del dolore delle famiglie (disposte ad accettare botte, catene e sequestri di persona pur di veder salvati i figli), ma si affida al sistema democratico e al diritto inalienabile della libertà, non sempre rispettosi di storie e memorie personali. Tale visione nella serie è espressa dal giudice Vincenzo Andreucci, che indagò Muccioli nel primo processo del 1984 per le violenze a San Patrignano e poi nel secondo del 1993 per l'omicidio di Roberto Maranzano (ospite ucciso a forza di botte nella comunità e poi abbandonato in una discarica nel napoletano), e da una figura straordinariamente lucida come Fabio Cantelli, ex tossico ospite di SanPa, responsabile delle relazioni pubbliche della comunità e poi transfuga perché incapace di accettare le bugie del suo padre-salvatore, a cui lo lega tuttavia un commovente rapporto di amore e odio, riconoscenza e desiderio di liberazione.

Nelle parole di Andreucci e Cantelli, ma anche nelle testimonianze di altri ospiti di SanPa, tutti o quasi concordi nel riconoscere l'importanza di Muccioli nelle loro vite e il trauma di un distacco inevitabile, risiede la tragedia storica e umana di San Patrignano. Pur nella confusione di uno stile e di una scrittura pasticciate e ripetitive, la serie trasmette in maniera efficace il ruolo decisivo di San Patrignano nell'Italia degli anni '80 e dei primi anni '90, tra la fine della contestazione e l'invasione dell'eroina, il reflusso e la scoperta dell'Aids, il riaffermarsi di un sentimento autoritario e populista (agghiaccianti in tal senso le parole di Montanelli...) e l'esistenza sempre uguale e sempre diversa di legami inestricabili fra potere politico e potere economico, controllo sociale e persuasione dei mass media.

Muccioli è stato una figura esemplare e al tempo stesso criticabile; un uomo che ha affrontato la piaga dell'eroina alla sua maniera rude e paternalista, arrivando però a sentirsi, se non al di sopra, comunque al di là della legge. «Lei è prima di tutto un cittadino», gli disse una volta Enzo Biagi: e basta questa affermazione rigorosa e semplice a metterne a nudo la grandiosità monumentale, come di un uomo troppo ingombrante per essere dimenticato e troppo ambiguo da essere difeso oltre ogni ragionevole dubbio.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 17 gennaio 2021
JonnyLogan

Cinque episodi dai titoli epici come una tragedia e che desiderano narrare l’ascesa e la caduta della figura mastodontica e paternalistica di Vincenzo Muccioli e della comunità da lui creata sulle ultime curve degli anni ’70. Una comunità ricavata da un podere di sua proprietà e riconvertito a stato libero dalle droghe e impiegato per reinserire socialmente, attraverso [...] Vai alla recensione »

mercoledì 6 gennaio 2021
mirkotommasicinema

Docu-fiction sconcertante, che se da un lato è dotata di una qualche valenza estetico-artistica, dall'altro risulta completamente inadeguata a dare una raffigurazione scrupolosa, obiettiva e veritiera del personaggio di Vincenzo Muccioli

sabato 9 gennaio 2021
massimiliano santucci

Ho guardato questo docufil con mio figlio sedicenne. Ottima ricostruzione dei fatti, coglie luci ed ombre ma lascia che sia lo spettatore ad assolvere o a condannare quel microcosmo attraverso il quale sono passati migliaia di giovani. Per chi come il sottoscritto ha studiato a fondo le "istituzioni totali" (nello specifico le caserme) molti meccanismi legati alla nascita di gerarchie parallele [...] Vai alla recensione »

NEWS
NETFLIX
sabato 2 gennaio 2021
Roberto Manassero

La controversa storia della comunità di recupero di San Patrignano. Su Netflix. Vai all'articolo »

NETFLIX
martedì 29 dicembre 2020
 

La controversa storia della comunità di recupero di San Patrignano fondata da Vincenzo Muccioli nel 1978, a Coriano, in provincia di Rimini. Dal 30 dicembre su Netflix.  Guarda il trailer »

NETFLIX
lunedì 28 dicembre 2020
 

In cinque puntate i volti e le storie della discussa comunità di recupero fondata da Vincenzo Muccioli nel 1978. Vai all'articolo »

RECENSIONI MYMOVIES
PUBBLICO
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati