Normal

Film 2019 | Documentario, +13 70 min.

Anno2019
GenereDocumentario,
ProduzioneItalia, Svezia
Durata70 minuti
Regia diAdele Tulli
Uscitagiovedì 2 maggio 2019
DistribuzioneCinecittà Luce
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,78 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Adele Tulli. Un film Genere Documentario, - Italia, Svezia, 2019, durata 70 minuti. Uscita cinema giovedì 2 maggio 2019 distribuito da Cinecittà Luce. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,78 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Normal tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un viaggio e un atlante inaspettato nelle norme, gli stereotipi, le convenzioni di genere nell'Italia di oggi. Un cammino lungo quei confini che chiamiamo maschile e femminile. In Italia al Box Office Normal ha incassato 16,4 mila euro .

Consigliato sì!
2,78/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 3,05
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un'opera prima rigorosa e spiazzante che si interroga sul femminile, sul maschile, sul concetto di normalità.
Recensione di Nicola Falcinella
giovedì 14 febbraio 2019
Recensione di Nicola Falcinella
giovedì 14 febbraio 2019

Un viaggio tra le dinamiche di genere nell'Italia di oggi, raccontate attraverso una successione di scene di vita quotidiana, dall'infanzia all'età adulta. Un caleidoscopio di situazioni di volta in volta curiose, tenere, grottesche, misteriose, legate dal racconto della cosiddetta normalità, mostrata da angoli e visuali spiazzanti.

Il film esplora la messa in scena collettiva dell'universo maschile e femminile, proponendo una riflessione sull'impatto che ha sulle nostre vite la costruzione sociale dei generi.

Normal inizia osservando, da dentro l'acqua di una piscina, donne che fanno ginnastica preparto. Segue una successione di tanti momenti, quotidiani o di festa: una bambina si fa bucare le orecchie e mettere gli orecchini, un bambino che fa gare di motociclismo, uno youtuber che ha atteggiamenti molto confidenziali con le fan adolescenti, ragazze che sfilano per le selezioni di Miss Mondo, giovani danno l'addio al celibato a una coetanea, un fotografo mette in posa gli sposi per l'album di matrimonio.

L'esordio di Adele Tulli nel lungometraggio documentario è tentativo di scattare un ritratto della nostra società. Brevi sequenze filmate con la macchina da presa fissa, distinte tra loro come frammenti di vita, e montate accostate e divise da neri, quasi a costruire dei capitoletti. Un film che procede per giustapposizione di situazioni, in maniera da una parte distaccata e dall'altra vicina alle persone riprese. La regista annota piccoli fatti che all'inizio lo spettatore fatica a collegare, prima di trovare il filo che in qualche modo accomuna le scene e che sembrano convergere nel degrado e nella superficialità del nostro modo di vivere.

È un film sull'importanza che diamo al corpo e sulle relazioni tra i corpi, che diventano relazioni tra le persone e relazioni tra i generi e lo stesso definirsi come genere. Situazioni pacchiane o estreme sono filmate come se fossero davvero normali, altre che lo potrebbero essere diventano assurde dentro il contesto.

E ci si interroga sul concetto del titolo, che sembrerebbe banale e condiviso invece è sfuggente e ambiguo. Tulli fa dell'assenza di commento e spiegazioni e della presa di distanza la sua cifra, anche se in alcuni frangenti si percepisce un sollevarsi dello sguardo dell'autrice di mezzo gradino rispetto al livello delle situazioni filmate, con il rischio di una conseguente messa in ridicolo delle persone riprese.

Un'opera prima rigorosa nella forma, che parte da un concetto definito che forse non sviluppa fino in fondo nel suo cercare quasi una circolarità. Potenzialità lasciate intravedere e non del tutto espresse in questo lavoro, che rappresenta comunque un debutto interessante.

Sei d'accordo con Nicola Falcinella?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 9 maggio 2019
Beatrice Fiorentino
Il Manifesto

Una bambina che sta per indossare i suoi primi orecchini, motociclisti in erba che spingono a tutto gas (più preoccupati di obbedire alle aspettative paterne che realmente presi dall'agone sportivo), una fabbrica in cui si confezionano giocattoli: assi da stiro e pentoline per le bimbe, instradate fin da piccole all'accudimento del nido, giochi di meccanica per i maschietti, di certo più portati per [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 maggio 2019
Massimiliano Schiavoni
Quinlan

Il pedinamento dell'essere umano, sotto sue varianti maschili e femminili, in un ampio arco anagrafico, dall'infanzia alle soglie del matrimonio. Ciò diviene occasione per riflettere sui processi di plasmazione dell'identità di genere, attraverso la narrazione di riti iniziatici, individuali, collettivi, costantemente dominati dalla meccanica prevedibilità della sovrastruttura culturale.

venerdì 3 maggio 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Com'è brava la bimba che affronta la puntura per l'orecchino e quanto è concentrato il piccoletto che pilota la mini moto in gara controllato da papà. Parla il loro futuro. Piccole donne e piccoli uomini crescono, secondo le regole del genere che in questo originale doc della esordiente Tulli diventano protocollo dei comportamenti adulti e insieme contemplazione del sistema arbitrario della cultura [...] Vai alla recensione »

venerdì 3 maggio 2019
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Nato come progetto di PhD della regista presso la britannica Roehampton University, il film documentario Normal si presenta come un'attenta, coerente ed ironica riflessione "articolata per immagini" su quanto la nostra appartenenza di genere sia condizionata dalle convenzioni sociali dominanti. Il concetto di "normal" adottato dalla Tulli rimanda infatti all'etimologia profonda del vocabolo, assunto [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 maggio 2019
Carlotta Po
Cineforum

Un concentrato di immagini, un puzzle di individui; il documentario di Adele Tulli ha la forza di mostrare, in soli 60 minuti, una spassionata collezione di scene che coprono l'arco di generazioni, pur rinunciando alla gloria di un proprio apporto esplicito: la regista evita consapevolmente di interferire con i soggetti del documentario, scegliendo di mostrare in maniera fredda e obiettiva - una sorta [...] Vai alla recensione »

mercoledì 1 maggio 2019
Sergio Sozzo
Sentieri Selvaggi

Il genere oggi è un campo di battaglia, dice Adele Tulli, documentarista classe 1982 di stanza tra Roma e Londra, già autrice di due titoli di un certo successo festivaliero, 365 Without 377 e Rebel Menopause. Una battaglia che si combatte attraverso una delle azioni più cruciali del processo di autorappresentazione in cui è immerso il contemporaneo: la ridefinizione.

mercoledì 1 maggio 2019
Matteo Galli
Close-Up

L'interesse di Adele Tulli nei confronti delle questioni di genere, da un punto di vista che si fa fatica a non definire femminista, era apparso chiaro nei precedenti documentari girati dall'autrice con una formazione maturata fra l'Italia e la Gran Bretagna: 365 Without 377 (2011), dedicato alla legislazione in ambito sessuale nell'India coloniale e postcoloniale e Rebel Menopause (2014), documentario [...] Vai alla recensione »

martedì 30 aprile 2019
Giulia Lucchini
La Rivista del Cinematografo

Maschile vs femminile. Normal, ovvero quanto la normalità non sia poi così normale. Dopo la prima mondiale nella sezione Panorama della Berlinale, questo bel doc di Adele Tulli (classe 1982) arriva in Italia conducendoci in un viaggio nelle norme e nelle convezioni di genere del nostro paese. Se nasci maschio o femmina il percorso di vita che hai davanti quello è ed è già stabilito: buchi alle orecchie [...] Vai alla recensione »

martedì 30 aprile 2019
Roberto Manassero
Film TV

Osservare, accostare, argomentare. Normal nasce dalla progressione di queste tre azioni legate al cinema come riflesso della realtà e sua possibile interpretazione. Cinema come sguardo, come montaggio, come discorso. Il soggetto è la normalità, esempi di ciò che la società italiana di oggi considera tale: discoteche, parchi acquatici, corsi di ginnastica, raduni di moto, addii al nubilato, solarium, [...] Vai alla recensione »

martedì 30 luglio 2019
Leonardo Strano
Filmidee

La parzialità della prima immagine di Normal suggerisce l'impostazione interrogativa della sua ricerca estetica. Mentre un piano visuale in cui sono contenute tutte le informazioni è sinonimo di risposta affermativa, determinante e spesso giudicante, l'incompletezza di qualsiasi configurazione audiovisiva richiama l'altro e quindi dichiara la necessità di un approfondimento interpretativo in risposta. [...] Vai alla recensione »

NEWS
[LINK] FESTIVAL
lunedì 9 dicembre 2019
 

Un viaggio tra le dinamiche di genere nell'Italia di oggi, raccontate attraverso una successione di scene di vita quotidiana, dall'infanzia all'età adulta. Un caleidoscopio di situazioni di volta in volta curiose, tenere, grottesche, misteriose, legate [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati