The Halt

Film 2019 | Drammatico 276 min.

Titolo originaleAng Hupa
Titolo internazionaleThe Halt
Anno2019
GenereDrammatico
ProduzioneFilippine
Durata276 minuti
Regia diLav Diaz
AttoriHazel Orencio, Joel Lamangan, Piolo Pascual, Shaina Magdayao .
TagDa vedere 2019
MYmonetro 3,60 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Lav Diaz. Un film Da vedere 2019 con Hazel Orencio, Joel Lamangan, Piolo Pascual, Shaina Magdayao. Titolo originale: Ang Hupa. Titolo internazionale: The Halt. Genere Drammatico - Filippine, 2019, durata 276 minuti. - MYmonetro 3,60 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi The Halt tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento mercoledì 10 luglio 2019

Il regista si immagina un futuro in cui il continente è devastato e le città sono governate da pazzi.

Powered by  
Consigliato sì!
3,60/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 4,36
PUBBLICO 2,93
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
Premi
Cinema
Trailer
Con uno stile inconfondibile e immutato, Lav Diaz racconta la decadenza di un Paese vicino alla fine.
Recensione di Roberto Manassero
venerdì 24 maggio 2019
Recensione di Roberto Manassero
venerdì 24 maggio 2019

Nell'anno 2034 il Sud-est asiatico è piombato in una notte perenne a causa delle potentissime eruzioni vulcaniche che tre anni prima hanno coinvolto il mare di Celebes e della polvere di lava che ha oscurato il sole. L'epidemia di un'influenza sconosciuta ha decimato le popolazioni e nelle Filippine il potere è nelle mani di un dittatore folle che governa con la paura e la violenza. Alcune sacche di resistenza permangono, ma l'azione di repressione è implacabile.

Il cinema estatico, fluviale, politico di Lav Diaz entra con The Halt nel regno della fantascienza e della distopia. Il regista filippino non rinuncia comunque all'ossessione per l'identità e la storia nazionale delle Filippine e allo stile inconfondibile che un po' alla volta lo ha imposto all'attenzione dei festival internazionali.

Nel suo nuovo film il dittatore che detiene il potere si chiama Nirvana Reyes Navarra: è spietato, ridicolo e ricorda da vicino sia Ferdinand Marcos, dittatore delle Filippine che nel 1972 impose la legge marziale, sia l'attuale presidente Rodrigo Duterte, forte di un consenso popolare che nasce da una politica populista e dalla propaganda che impone l'idea di una continua emergenza nazionale.

È chiaro dunque che la distopia costruita da Lav Diaz è più che altro un monito per i tempi che viviamo: la catastrofe raccontata da The Halt non è causata tanto dal cataclisma naturale quanto dal potere politico e militare che sfrutta l'oscurità generata dalle eruzioni per schiacciare la popolazione. La presenza di droni che volano sopra le strade e le case scrutando ogni cosa esprime un'idea di continua paranoia, mentre la spietatezza dei militari (e in particolare delle due consigliere del dittatore, Martha e Marissa) mette a nudo una debolezza connaturata all'idea stessa di potere: The Halt è soprattutto la storia di un Paese vicino alla sua fine, decadente e dunque ancora più violento.

Lo stile inconfondibile e immutato di Lav Diaz, fatto di lunghissimi piani fissi, di dialoghi insistiti, di immagini in bianco e nero splendidamente concepite nei rapporti fra luce e oscurità, di una durata oltre gli usuali parametri del cinema, è l'espressione di una forma di resistenza popolare e arcaica. I tempi dilatati sono quelli del mito e della tradizione orale, come ormai abbiamo imparato a riconoscere, mentre la repressione appartiene a un passato che le Filippine hanno dimenticato e che torna come rimosso nel futuro raccontato dal film. Non è un caso che i personaggi della resistenza soffrano di problemi alla vista e di privazione della memoria. Alle loro spalle c'è un «cataclisma dell'anima filippina» e il popolo stesso, accecato dalla notte perenne, sembra convivere con l'idea di una dittatura immutabile.

Il limite maggiore del cinema di Lav Diaz, che sta nella raffigurazione mai ambigua o contraddittoria degli strati più poveri della popolazione, sempre sfruttati e unitari nella loro sofferenza, in The Halt viene però ribadita e al tempo stesso superata. È infatti grazie a un gruppo di cittadini assetati di sangue fresco che dalla lunga notte emerge una vera opposizione al regno morente di Navarra: e quel sangue non è solo un richiamo alla storia del '900 e ai suoi massacri, ma nella sua purezza è anche la possibilità di un futuro rinnovato per l'umanità.

«Non fidarti di ciò che sai», si sente a un certo punto dire nel film: un invito che Lav Diaz ha rivolto soprattutto a se stesso e al pericolo di uno stile e di una visione politica sempre di grande potenza, ma innegabilmente a rischio di ripetizione.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
Powered by  
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 17 agosto 2021
Alvise Mainardi
NonSoloCinema

The halt è un film duplice, è talmente duplice che è a sua volta un doppio. Un doppio di Season of the Devil, per l'esattezza, che lo precede di appena due anni e con cui va a formare un dittico unico straordinariamente complementare, costituendo un rapporto di reciprocità simbiotica. The halt è quindi l'altra faccia, o meglio, l'altra testa (perché autonoma) di Season of the Devil, che già vedeva [...] Vai alla recensione »

martedì 20 luglio 2021
Mariuccia Ciotta
Film TV

Piove ininterrottamente sulla città di Manila immersa nelle tenebre, il vulcano dell'isola Sulawesi è esploso in una nuvola di nebbia e cenere, la dark killer, la peste nera, dilaga, rifiuti, giacigli, cadaveri costeggiano le strade, e sui muri, illuminata, la faccia truce del presidente Nirvano Reyes Navarra. Lav Diaz presenta il suo noir politico nell'avvicente versione filippina di Blade Runner [...] Vai alla recensione »

martedì 2 luglio 2019
Giona A. Nazzaro
Rumore

Lav Diaz, con il suo nuovo film, è come se avesse iniettato John Carpenter nel suo peculiare brechtismo. Ambientato nel 2034, in seguito a una tremenda epidemia di influenza che ha decimato la popolazione, con un simil Duterte che si è autodesignato destino ed eletto del suo paese, Ang Hupa è un film politico schietto, diretto e brutale. Composto da lunghe sequenze e lacerti surreali, il film vive [...] Vai alla recensione »

sabato 25 maggio 2019
Anton Giulio Onofri
Close-Up

Un dittatore caricaturale, pervertito e fuori di testa, che travestito da donna lavora di cucito, parla con gli struzzi nel parco del Palazzo Presidenziale e dà in pasto ai coccodrilli i suoi oppositori, tiene sotto scacco, con l'ausilio di due colonnelle lesbiche, una Nazione immersa in una buia notte perenne in seguito a un'eruzione vulcanica, e infestata da una febbre nera che ne ha decimato la [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 maggio 2019
Giampiero Raganelli
Filmidee

La filmografia di Lav Diaz abbraccia la Storia delle Filippine, i suoi corsi e ricorsi, con un movimento oscillatorio il cui epicentro è rappresentato dalla dittatura di Marcos e dalla legge marziale, cui il cineasta filippino ha dedicato tre dei suoi film, Evolution of a Filipino Family (2004), From What Is Before (2014) e Season of the Devil (2018).

giovedì 23 maggio 2019
Raffaele Meale
Quinlan

Siamo nel 2034. Sono passati tre anni da quando il sud-est asiatico è letteralmente nelle tenbre. Il sole non sorge più a seguito di una serie di massicce eruzioni vulcaniche al largo nel mare di Celebes. Folli governano i paesi, le comunità, enclavi e città. Epidemie cataclismatiche hanno devastato il continente. In milioni sono morti, altrettanti sono partiti.

giovedì 23 maggio 2019
Cristina Piccino
Il Manifesto

Filippine, un futuro non troppo lontano: è il 2034, il sole ha smesso di sorgere dopo una violenta eruzione di un vulcano, la terra vive in una notte senza fine come la pioggia che la ricopre. Questa Manila somiglia alla Los Angeles di Blade Runner anche se non ci sono «replicanti» che parlano sui muri, solo uccelli droni usati per controllare la popolazione, a caccia di potenziali nemici, e ragazze [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati