American Skin

Film 2019 | Drammatico, +13 89 min.

Anno2019
GenereDrammatico,
ProduzioneUSA
Durata89 minuti
Regia diNate Parker
AttoriNate Parker, Omari Hardwick, Theo Rossi, Beau Knapp, Allius Barnes, Dominic Bogart Serene Branson, Markina Brown, James C. Burns.
DistribuzioneEagle Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,85 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Nate Parker. Un film con Nate Parker, Omari Hardwick, Theo Rossi, Beau Knapp, Allius Barnes, Dominic Bogart. Cast completo Genere Drammatico, - USA, 2019, durata 89 minuti. distribuito da Eagle Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,85 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi American Skin tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un uomo cerca a tutti i costi giustizia per suo figlio.

Consigliato sì!
2,85/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 3,20
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Un film che mette le mani nella grande piaga americana non chiudendo mai la ferita .
Recensione di Ilaria Ravarino
martedì 3 settembre 2019
Recensione di Ilaria Ravarino
martedì 3 settembre 2019

Lincoln Johnson, afroamericano veterano dell'Iraq, una sera viene fermato dalla polizia mentre sta guidando la sua auto in un quartiere borghese. A seguito di un battibecco, il poliziotto Mike Randall esplode un colpo che ferisce e uccide Kajani, il figlio 14enne di Johnson. Mentre il processo decide per l'innocenza del poliziotto, e la città si infiamma tra colpevolisti e difensori, Johnson decide di agire per conto suo, alla ricerca della giustizia negata.

Black Lives Matter. Sembra quasi di vederlo, Spike Lee, di fronte al soggetto del film con cui Nat Parker - diventato un paria di Hollywood dopo il suicidio della donna che lo denunciò per stupro nel 1999 - cercava di tornare nelle grazie del pubblico che lo aveva amato per The Birth of a Nation.

E pare quasi di vederlo Lee, che sospira con rassegnazione mentre si decide a coprodurre il film privilegiando l'urgenza del tema - la violenza della polizia nei confronti dei giovani neri americani - alla confezione grossolana con cui il regista/attore di Norfolk l'ha consegnato al cinema. Grossolana, ma non per questo inefficace: Parker manipola sentimenti di grana grossa, fa leva su facili emozioni (come si può ignorare emotivamente la morte di un bambino di 14 anni?), consegnando un compitino prevedibile e abbastanza sgangherato sulla questione della "pelle americana" (il titolo è quello di una canzone di Bruce Springsteen) e su quanto sia ancora pericolosamente dirimente appartenere a un colore o all'altro.

C'è n'è abbastanza per mobilitare Lee, da sempre impegnato sul fronte dei diritti degli afroamericani, e forse persino per incontrare un certo pubblico, affamato di risposte a domande troppo a lungo rimaste senza soluzione.
Perché quello di American Skin è un tema che continua a bruciare, e che rischia di deflagrare negli Stati Uniti di Trump. Una piaga aperta in cui il film di Parker mette disinvoltamente le mani, inciampando qua e là in qualche buona sequenza: la conversazione via Skype in cui Lincoln (eroe buono interpretato, e non è un caso, dallo stesso regista) spiega al figlio come comportarsi di fronte a un agente di polizia, o l'intuizione del "finto processo" all'interno della centrale - intuizione destinata, purtroppo, a rimanere una buona idea solo su carta.

Assemblato frettolosamente, mettendo insieme stanchi stratagemmi narrativi (il film footage) e personaggi disegnati senza alcuna profondità, American Skin prova ad aggiungere qualcosa al discorso sulle discriminazioni nella società americana. Suggerendo un'idea non particolarmente originale, ma assai nobile: che le nuove forme di comunicazione, nelle mani delle giovani generazioni, siano le armi più efficaci da imbracciare per farsi giustizia e ripristinare la pace sociale.

Sei d'accordo con Ilaria Ravarino?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 3 settembre 2019
Andrea Fornasiero
Film TV

Un liceale nero è vittima della brutalità della polizia in un quartiere bianco. Suo padre, tempo dopo, è protagonista di un documentario e si serve della giovane troupe per riprendere il suo simbolico processo ai carnefici del figlio. Le argomentazioni da #BlackLivesMatter sono sacrosante, ma ormai anche risapute, qui predicate anziché lasciate emergere attraverso storie emblematiche, espresse come [...] Vai alla recensione »

martedì 3 settembre 2019
Manuela Caserta
L'Espresso

American Skin di Nate Parker alla sua seconda opera che riceve il sostegno e la presenza a Venezia di Spike Lee, è uno dei prodotti della sezione Sconfini della Mostra. È la storia di un caso di cronaca realmente accaduto: un uomo di colore, Lincoln Johnson veterano della guerra in Irak, una notte viene fermato in auto dalla polizia e durante il controllo gli viene ucciso il figlio, ma l'agente omicida [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 settembre 2019
Marco Minniti
Quinlan

Lincoln Johnson, ex marine di colore divorziato, si vede uccidere il figlio sotto gli occhi durante un normale controllo di polizia. Quando la successiva indagine assolve l'agente che ha sparato senza nemmeno sottoporlo a processo, l'uomo decide per la giustizia privata: Lincoln fa così irruzione nella stazione di polizia, prende in ostaggio i presenti e inscena un processo a carico del poliziotto. [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 settembre 2019
Carlo Valeri
Sentieri Selvaggi

Pelle americana. L'afroamericano Nate Parker ha una predilezione per i titoli programmatici. Se il suo primo film The Birth of a Nation giocava apertamente con il classico di Griffith ribaltandone la prospettiva e il discorso politico, questo secondo American Skin, pur raccontando una storia di razzismo, elimina il suffisso afro- e riporta la questione a un discorso altrettanto drastico: la pelle nera [...] Vai alla recensione »

sabato 31 agosto 2019
Andrea Giovalè
La Rivista del Cinematografo

Nate Parker, dietro e davanti la macchina da presa per il suo secondo lungo, American Skin, a Venezia76 nella sezione Sconfini, sa come confondere lo spettatore quel tanto che basta per rendergli più chiaro un concetto, convincerlo che colpirà da una parte quando, invece, intende farlo a tradimento dalla parte opposta. Sa come infiltrarsi sotto la pelle di cui parla il suo titolo e, seppure non americana, [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
venerdì 11 dicembre 2020
 

Regia di Nate Parker. Un film con Nate Parker, Omari Hardwick, Theo Rossi, Beau Knapp, Allius Barnes. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
giovedì 10 dicembre 2020
 

Regia di Nate Parker. Un film con Nate Parker, Omari Hardwick, Theo Rossi, Beau Knapp, Allius Barnes. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

MOSTRA DI VENEZIA
martedì 3 settembre 2019
Ilaria Ravarino

L'omicidio ingiustificato di un ragazzo di colore è al centro di una narrazione un po' troppo frettolosa. A Venezia 76.  Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati